Connettiti a NewsCinema!
i villeggianti i villeggianti

Cinema

I Villeggianti, l’energia pura e libera di Valeria Bruni Tedeschi

Pubblicato

:

Il matrimonio di Anna (Valeria Bruni Tedeschi) è in piena crisi, così lei parte senza partner ma con la figlia adottiva per la consueta vacanza nella sontuosa villa di famiglia sulla Costa Azzurra. Nel tentativo di distrarsi, ma anche con tanta tristezza e solitudine nel cuore, e la mente proiettata nella speranza che il suo uomo torni da lei, Anna trascorrerà una manciata di giorni in compagnia dei parenti e degli amici di sempre condividendo con loro (oltre agli splendidi paesaggi della maison dans la mer) ricordi, dolori, conflitti, e tutto ciò che dal corso di una vita poi si va raccogliendo lungo le sponde di un luogo sacro, adibito a ritrovo e vacanza.

valeria bruni tedeschi film

Alla maniera de Il grande freddo, e sulla falsa riga di tutti quei film in cui il momento di ricongiungimento diventa istante topico di riflessione e scambio, sentimento e conflitto, Valeria Bruni Tedeschi ripercorre una sorta di flusso di coscienza della memoria, facendo scorrere immagini e parole lungo il filo semi-autobiografico di una vita in cui ci sono il calore e i colori di una bellissima villa della costa azzurra, ma anche il grande freddo dei dolori e delle solitudini della vita. Dalla fine di un matrimonio alla sofferenza mai sanata per un fratello perso prematuramente, le follie e i colori di una realtà borghese apparentemente appagata e spensierata sono, in realtà, attraversati da un malessere e da una frustrazione che non conoscono classe, luogo o tempo, e che accorciano la distanza tra ceti, senza però mai dimenticare quelle peculiarità che rendono ogni famiglia “infelice a modo suo” – come sosteneva Tolstoj.

Nella doppia veste di attrice e regista Valeria Bruni Tedeschi realizza un film corale dove partecipano la sua spontaneità oramai assodata assieme ai tanti colori di una vita che sempre si mescola e mimetizza tra rumori e silenzio, commedia e tragedia. “Cos’è la vita senza l’amore…”… cantava Nada in Ma che freddo fa; un ritornello che entra a sancire proprio il lato più nostalgico de I villeggianti (titolo originale Les estivants) e che danza in un andirivieni di amori perduti e forse mai ritrovati che segnano la profonda dimensione emotiva di questo film.

villeggianti

In un caleidoscopio di personaggi ed emozioni, la Bruni Tedeschi realizza dunque un altro lavoro personale e intimista che trae ispirazione dal suo materiale autobiografico ma che se poi si muove sul terreno universale dei classici conflitti tra situazioni, persone, e finestre temporali dell’esistenza umana. Non tutto funziona alla perfezione e, a tratti, i fili narrativi risultano troppo divergenti rispetto alla linea principale, eppure la regista conferma ancora una volta la validità di un suo stile personale e creativo, partecipato e naturale, contaminato in egual misura da tristezza e gioia, euforia e malinconia. In breve, “La pazza gioia” di un’autrice capace di trasformare il suo vissuto in energia pura e libera sullo schermo, con un risultato che moltiplica il suo flusso emotivo nel parallelismo d’identità tra regista, attrice e donna.

I Villeggianti, l’energia pura e libera di Valeria Bruni Tedeschi
3.6 Punteggio
Pro
Spontaneità Cast
Contro
Sceneggiatura Discontinuità
Riepilogo Recensione
Alla sua opera quarta Valeria Bruni Tedeschi firma una commedia dolce-amara sulla vita. Un film frenetico eppure sospeso in un limbo, abitato da un’emozione sincera ma ovattata che cerca il punto di congiunzione tra realtà e astrazione, passato e presente, equilibrio e instabilità. Una ventata di vita raccontata senza troppi filtri, ma con tutti gli alti e bassi che di norma le appartengono.
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Figli | La recensione del film disponibile su Amazon Prime Video

Pubblicato

:

figli

La vita di Nicola e Sara procede a gonfie vele: marito e moglie, hanno una bambina di sei anni ed entrambi un lavoro sicuro. La quiete familiare viene scossa quando Sara scopre di essere incinta di un secondo figlio e nonostante le iniziali rassicurazioni l’arrivo del nuovo nato rivoluziona drasticamente l’ambaradan domestico. Notti insonni, la crescente gelosia della sorella maggiore e una reciproca crisi di nervi rischia di condurre la coppia ad un punto di non ritorno e a niente valgono i consigli di amici e specialisti. I genitori dovranno cercare così di comprendere cosa non funzioni più nel loro rapporto e il modo di gestire la sempre più complessa situazione tra le quattro mura di casa prima che sia troppo tardi.

Figli – Tra il dire e il fare…

paola cortellesi e valerio mastandrea

Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea

Dopo Mamma o Papà (2017), Paola Cortellesi è nuovamente al centro di una commedia incentrata sulla tematica genitoriale, seppur in questo caso con un approccio più in linea con i tempi incerti che sta attraversando il nostro stato sociale, soprattutto per ciò che concerne i ceti medio-bassi. Disponibile in esclusiva nel catalogo di Amazon Prime Video, Figli parte da uno spunto forse non originalissimo ma discretamente sfruttato dal punto di vista narrativo, con una varietà di atmosfere e soluzioni inedite per lo spesso monocorde panorama nostrano sull’argomento. Il secondo lavoro dietro la macchina da presa di Giuseppe Bonito, subentrato in corsa dopo la morte del regista e sceneggiatore Mattia Torre (autore anche del monologo alla base del tutto), è fresco e frizzante in diverse occasioni, con una lucidità di intenti solo parzialmente smussata da qualche congenita ingenuità tipica del cinema italiano contemporaneo.

Leggi anche: Festa della mamma | 5 film da vedere

Figli – Accordi e disaccordi

valerio mastandrea

Valerio Mastandrea

Ed ecco allora dialoghi e battute prese pari passo da post e articoli diffusi sui social network e diatribe tra generazioni antitetiche: soluzioni furbe ma efficaci nel far colpo su uno spettatore non troppo smaliziato, che poi è anche il principale target di riferimento dell’operazione. La storia è divisa in otto capitoli che percorrono le varie fasi della crisi di coppia, tra flashback, situazioni surreali e gag a contornare il substrato drammatico caratterizzante il lento disgregarsi del tessuto coniugale e l’ora e mezzo di visione è la durata giusta, evitando tempi morti e inutili ridondanze.

Se in fase di sceneggiatura si trova quindi un’ispirata cernita su cosa mostrare e cosa no, stilisticamente Figli mette in campo una certa personalità, con sequenze su schermo bianco dal sapore onirico / metaforico riflettenti sull’eterogeneità delle diverse crisi di coppia e figure divine o nefaste a comparire in un paio di passaggi quali provvidenziali ammonitori dei protagonisti. Protagonisti che trovano ideale supporto dalle complementari performance della citata Cortellesi e di Valerio Mastandrea, abili pur al netto di qualche caduta di tono a imprimere sfumature ai relativi alter-ego. Perché se l’operazione non racconta nullo di effettivamente nuovo, le suggestioni dolce-amare e gli spunti di riflessione più verosimili della media la rendono una sorta di gradevole entità aliena nello spesso prevedibile ripetersi del filone.

Figli | La recensione del film disponibile su Amazon Prime Video
3 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continua a leggere

Cinema

Clint Eastwood | I 90 anni di una leggenda

Pubblicato

:

clint eastwood

Compirà lo storico traguardo soltanto domenica 31, ma non è mai troppo presto per celebrare il novantesimo compleanno di una personalità che ha segnato indelebilmente la Settima Arte, sia dietro che davanti la macchina da presa. Nella speranza che possa seguire le orme del compianto collega portoghese Manoel de Oliveira, il cui ultimo progetto prima della morte venne diretto alla veneranda età di 106 anni, ripercorriamo insieme le tappe più significative di un volto simbolo del cinema, capace di reinventarsi continuamente in una carriera iniziata, citando Sergio Leone, con solo due espressioni – una con il cappello e una senza cappello.

Clint Eastwood | Gli inizi

per un pugno di dollari

Per un pugno di dollari

Ed è proprio al grande maestro italiano che Clint deve la sua fama iniziale, quando venne scelto per il ruolo di protagonista nel film simbolo del filone spaghetti western, ossia l’immortale Per un pugno di dollari (1964). Prima del “remake” non autorizzato del grande classico di Akira Kurosawa La sfida del samurai (1961), il Nostro era conosciuto esclusivamente dal pubblico d’Oltreoceano: dopo alcuni parti da comprimario, il suo primo ruolo importante è quello di main character nella serie western Gli uomini della prateria – andata in onda per otto stagioni – e proprio il suo portamento per la figura del cowboy risulterà un elemento chiave della sua intera carriera. La trilogia del dollaro consacra Eastwood a star di risonanza mondiale e da lì sarà tutto in discesa.

Clint Eastwood | La fama

ispettore callaghan il caso scorpio è tuo

Ispettore Callaghan il caso Scorpio è tuo

Ancora star di frontiera nel solido Impiccalo più in alto (1968) e nello stesso anno è protagonista di L’uomo dalla cravatta di cuoio – inizio di un altro fortunato sodalizio con un regista di culto come Don Siegel – e co-star al fianco di Richard Burton del memorabile war/spy movie Dove osano le aquile. I cachet aumentano notevolmente e l’attore realizza un suo grande sogno, quello di avviare una compagnia di produzione ossia la Malpaso Production, attiva con successo tutt’oggi. Dopo il western leggero, in cui divise il set con la grande Shirley MacLaine, Gli avvoltoi hanno fame – diretto nuovamente da Siegel – gli anni ’70 segnano l’inizio della fortunata saga dell’ispettore Callaghan: cinque titoli che confermano la sua immagine di vendicatore duro e puro, senza compromessi, pur al netto di qualche critica dalle frange più pacifiste dell’opinione pubblica che criticavano l’esaltazione di un personaggio reazionario.

Quel decennio segna anche il debutto dietro la macchina da presa, prima con il misconosciuto Brivido nella notte (1971) e poi con il solido western Lo straniero senza nome (1973), dove palesa influenze proprio dal cinema di Leone e Siegel. Altre prove registiche degne di nota del periodo sono Assassinio sull’Eiger (1975) e Il texano dagli occhi di ghiaccio (1976) è ormai Clint è apprezzato e affermato da entrambi i lati della camera, mentre nel 1979 prende parte ad un sempiterno cult quale Fuga da Alcatraz (1979).

Leggi anche: Al Pacino | La leggenda del cinema compie 80 anni

Clint Eastwood | Gli anni ’80

i ponti di madison county

I ponti di Madison County

Gli eighties gli regalano inizialmente meno soddisfazioni, ma grazie a Callaghan torna sulla breccia e con due film solitamente poco considerati come Corda tesa (1984) e Per piacere… non salvarmi più la vita (1984) torna nei favori del pubblico, che lo premia anche per la sua nuova regia ossia Il cavaliere dal viso pallido (1985), ennesimo e vincente ritorno al western, e per il dissacrante Gunny (1986), anche questo da lui diretto. La parallela carriera d’autore gli porta fortuna alla fine del decennio, quando vince il Golden Globe come miglior regista per il biografico Bird (1988). Un preludio a quanto avverrà pochi anni dopo, quando con il magnifico e dolente western Gli spietati (1992) agguanta ben quattro premi Oscar – tra cui miglior film e regia – su nove nomination. Nell’immediato futuro alterna i due “mestieri”, prendendo parte o realizzando progetti di successo critico e commerciale come Nel centro del mirino (1993) e lo struggente Un mondo perfetto (1993), per dirigere e interpretare poi un grande classico come I ponti di Madison County (1995) al fianco di Meryl Streep.

Clint Eastwood | Dal 2000 in poi

gran torino

Gran Torino

Il nuovo millennio gli consegna il Leone d’oro alla carriera e altre soddisfazioni come le sei nomination agli Oscar per Mystic River (ma in questo caso Clint rimarrà a bocca asciutta). Poco male, perché nel 2005 si rifarà con le quattro statuette per Million Dollar Baby – film e regia incluse. L’Eastwood regista è ormai un fiume in piena e da lì a breve firma un dittico bellico dallo sguardo inedito, raccontando la battaglia di Iwo Jima da due diversi punti di vista in titoli distinti, tra i quali spicca quello in ottica giapponese: Lettere da Iwo Jima (2006) è un’opera coraggiosa e intensa, recitata in lingua nipponica nella sua versione originale. Due anni dopo il Nostro annuncia il primo ritiro dalle scene nelle vesti di attore, coincidente con l’interpretazione in Gran Torino (2008) – magistrale, provvisoria, chiusura di una carriera con un’uscita di scena delle grandi occasioni.

Come tutti sappiamo Clint ha poi cambiato idea, prima prestandosi al mediocre dramma familiare Di nuovo in gioco (2012) e poi nel più recente Il corriere – The mule (2018), ad oggi sua ultima performance davanti allo schermo. Da regista invece continua a sfornare film su film, passando da titoli eccellenti come Changeling (2008), Invictus (2009) e l’ultimo Richard Jewell (2019) ad altri minori quali Hereafter (2010) e Ore 15:17 – Attacco al treno (2018), tenendo comunque sempre alta la sua idea di cinema e di vita. Perché pur da repubblicano incallito, Eastwood non ha mai smesso di mettere in risalto luci e ombre di un Paese con uno stile e relativo approccio risultante un unicum nel panorama mondiale, sospeso tra il classico e la modernità di un uomo – perfetta, instancabile, crasi tra due epoche.

Continua a leggere

Cinema

Amazon Prime Video | I film in esclusiva più attesi di giugno 2020

Pubblicato

:

amazon prime video giugno 2020

Dopo lo speciale relativo ai film originali Netflix in arrivo a giugno, ci concentriamo ora sui titoli in esclusiva che faranno la loro comparsa nel prossimo mese sul catalogo di Amazon Prime Video. Due titoli italiani, un raffinato giallo old-school, il ritorno di un amato personaggio comico e il nuovo corso di un’iconica saga horror sono tra le proposte che ci attendono nel corso delle prossime settimane, scopriamole insieme nel dettaglio.

L’amore a domicilio

lamore a domicilio

L’amore a domicilio

Il protagonista Renato è stato sempre restio ad impegnarsi in relazioni sentimentali serie, timoroso delle conseguenze insite in una vera storia d’amore. Ma il suo approccio sembra destinato a cambiare dopo l’incontro con la bella Anna, incontrata casualmente. La ragazza si trova agli arresti domiciliari e la forzata reclusione di lei fa ritenere a Renato di poter gestire la situazione senza troppe complicazioni. Ma le cose non andranno come previsto…

Il secondo lungometraggio di Emiliano Corapi, a otto anni dall’esordio con Sulla strada di casa (2011), è una commedia romantica potente contare su una sceneggiatura più ispirata della media e su un cast “in palla” capitanato da Miriam Leone e Simone Liberati.

Cena con Delitto: Knives Out

cena con delitto knives out

Cena con delitto – Knives out

Un giallo in piena tradizione classica, che guarda ai colpi di scena alla Agatha Christie con un approccio moderno. La misteriosa morte di un anziano capofamiglia, possedente una fortuna, e l’eredità contesa dai vari figli dell’uomo lascia campo libero ad un gioco di tradimenti e sospetti, con inaspettate verità pronte a venire a galla in un susseguirsi di colpi di scena.

Il regista Rian Johnson è abile a nascondere le carte e a suggerire false piste e la regia veloce e scattante evita tempi morti in una sceneggiatura calibrata alla perfezione, ulteriormente impreziosita dalle magnifiche scelte del cast all-star, comprendente nomi del calibro di Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Michael Shannon, Don Johnson, Toni Collette, Lakeith Stanfield, Katherine Langford, Jaeden Martell e Christopher Plummer.

Johnny English Strikes Again

johnny english strikes again

Johnny English strikes again

Svestiti i panni di Mr. Bean, Rowan Atkinson torna invece a vestire quelli di un altro personaggio cult della sua carriera, quell’improbabile agente segreto già interpretato per due volte nel 2003 e nel 2011. In quest’occasione la spia deve affrontare una situazione imprevista dopo che ad un summit internazionale un attacco da parte di hacker ha reso pubbliche le identità di ogni agente segreto di Sua Maestà. Johnny, da tempo in pensione, deve ritornare in servizio, trovandosi alle prese con un mondo tecnologico a lui sconosciuto e incrociando la strada con una sexy collega russa per affrontare un nemico guru del digitale.

Formula che vince non si cambia e Atkinson si approccia al suo alter-ego “action” con una mentalità vecchia scuola, equivocante proprio sui contrasti tra passato e presente non solo a livello di stile ma anche nella gestione delle gag. Un divertimento semplice e spensierato impreziosito dall’efficace cast di contorno, comprendente Ben Miller, Olga Kurylenko, Jake Lacy ed Emma Thompson.

Leggi anche: Amazon Prime Video | 5 film novità da non perdere a Maggio 2020

Il Ladro Di Giorni

il ladro di giorni

Il ladro di giorni

L’undicenne Salvo non vede da quattro anni il padre Vincenzo, dal giorno che venne arrestato nella natia Puglia dai carabinieri. Il ragazzino, affidato agli zii in Trentino, riceve la visita del genitore, che ha finito di scontare la sua condanna, ma fa fatica a riconoscerlo. Vincenzo propone allora al figlio d fare un viaggio verso sud, un’occasione per rinsaldare il loro legame e andare alla riscoperta non solo di loro stessi ma anche delle loro origini.

Un viaggio on the road per riflettere sul rapporto tra un padre e un figlio da tempo distanti e quasi estranei non è certo nuovo al cinema di genere, ma Il ladro di giorni – terzo lungometraggio del regista e sceneggiatore Guido Lombardi e tratto da un suo omonimo romanzo – si propone di unire atmosfere tensive e melanconiche con una particolare attenzione alle ambientazioni del nostro BelPaese. A guidare il cast Riccardo Scamarcio e il giovanissimo Augusto Zazzaro.

Halloween

halloween

Halloween

Da lungo tempo Laurie Strode si sta preparando per affrontare il ritorno della sua atavica nemesi, quel Michael Myers che ha compiuto un crudele massacro la notte di Halloween del 1978. La donna ha condotto da allora una vita di totale solitudine, imponendola anche alla figlia Karen, al fine di proteggersi dallo spietato assassino, e quando questi durante un trasferimento riesce ad eludere la sorveglianza e fuggire, Laurie farà affidamento sulle ingegnose contromosse create nell’arco degli anni all’interno della sua casa nel bosco.

Sequel diretto dell’originale di John Carpenter, ignorante tutti i seguiti realizzati, il nuovo Halloween di David Gordon Green è un gradito ritorno alle atmosfere dell’originale, qui coabitanti con le modernità del filone ma ancorate a quell’idea di slasher duro e puro consona al prototipo. Con un sequel già annunciato, il franchise horror e tornato in grande stile e determinato a restare e lasciare il segno nel moderno panorama horror.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Giugno, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Luglio

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X