Connettiti a NewsCinema!

Festival

Johnny Depp ospite a Venezia 72: “Ho trovato il malvagio in me stesso molto tempo fa!”

Pubblicato

:

Ho trovato il malvagio in me stesso molto tempo fa e ormai siamo vecchi amici” ha confessato Johnny Depp alla 72° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, in apertura della conferenza stampa del film Black Mass di Scott Cooper, atteso nelle sale italiane il 1° Ottobre distribuito da Warner Bros. Dopo aver ironizzato sulla bottiglia d’acqua di fronte a lui in risposta all’episodio sul palco degli Hollywood Awards di qualche tempo fa, l’ esponente della generazione di miti del grande schermo di cui fanno parte Brad Pitt e Tom Cruise, è stato molto disponibile con la stampa presente in sala e ha parlato volentieri di questo film che lo ha trasformato in James “Whitey” Bulger, uno dei più potenti e violenti criminali della Boston degli anni ’70. “Penso sia necessario affrontare un personaggio come Bulger semplicemente come un essere umano nel contesto dei suoi affari. La violenza faceva parte del suo lavoro. Per lui e per la gente con cui lavorava era come un linguaggio da usare per fare affari e parlavano tutti la stessa lingua“. Negli anni Settanta a Boston, l’agente dell’FBI John Connolly, interpretato da Joel Edgerton, convince il gangster irlandese Jimmy “Whitey” Bulger a collaborare con l’FBI per eliminare il loro nemico comune: la mafia italiana. Questo film racconta la storia di questa insolita alleanza che presto degenera, permettendo a Whitey di eludere la legge, consolidare il potere e diventare uno dei più spietati e pericolosi gangster nella storia di Boston.

john3

Quasi irriconoscibile con le lenti degli occhi chiare, i capelli radi e grigi e la pelle più matura, Johnny Depp ha subito una importante trasformazione grazie ad un ottimo lavoro della squadra make up, ma questo ruolo, oltre ad incidere sul suo aspetto esteriore, ha permesso all’attore di cambiare anche professionalmente, regalando al pubblico e alla critica un personaggio diverso dal solito, rispondendo a quelli che hanno spesso etichettato le sue interpretazioni con l’appellativo di ripetitive. “Johnny è una delle persone più gentili e di cuore che abbia mai conosciuto e vederlo subire questa trasformazione è stato speciale perchè non lo avevo mai visto altre star fare questo. Lui corre dei rischi che altri non corrono, è un uomo che riconosco come una ricchezza nazionale” ha dichiarato il regista Cooper. “Ho fatto diversi personaggi tratti dalla vita reale, esseri umani già deceduti e altri no. C’è una grande responsabilità in questi casi perché, che siano considerati buoni o cattivi, si tratta di rappresentarli nel modo più veritiero possibile. Dillinger per esempio per me era quasi un Robin Hood, una persona divertente e dolce però per Bulger è stato diverso…ci sono alcuni filmati dell’FBI e alcuni file audio ma non c’è molto materiale a cui fare riferimento. Poi rappresentare bene i vari lati del personaggio: l’uomo d’affari, l’uomo di famiglia amorevole o una persona devota alla famiglia di origine. Ma è stato complesso da interpretare. Andando in fondo c’è la necessità di rendere giustizia a questa persona, anche se ci sono alcuni brutti momenti durante il percorso” ha spiegato Depp, aggiungendo di aver anche provato a contattare direttamente Bulger attualmente detenuto in prigione, che però non ha accettato la sua richiesta: “Non penso sia un grande fan del libro Black Mass e altri libri su di lui. Però il regista e Joel (Edgerton) mi hanno aiutato a trovare il personaggio“.

john

Mark Mallouk e Jez Butterworth, infatti, hanno scritto la sceneggiatura basandosi sull’omonimo romanzo di Dick Lehr e Geard O’Neill, anche se la verità assoluta è difficile da tracciare. Come ha affermato Edgerton: “Questo film è solo la nostra interpretazione della storia reale di Bulger. Quando vai nel sud di Boston e dici di voler raccontare questa storia, tutti hanno una loro visione” e Jimmy Bulger non è ricordato solo come un semplice criminale e un boss della città. Infatti Cooper ha aggiunto che, per molti ruoli secondari, come la madre di quest’ultimo, ha cercato di coinvolgere gente del posto, non attori professionisti, ma molti si sono rifiutati affermando che “Jimmy Bulger e John Connelly hanno fatto buone cose per il quartiere“. Black Mass si muove all’interno delle linee classiche del gangster movie e del poliziesco, mantenendo un ritmo e un’atmosfera che spesso troviamo nei biopic tratti da una storia vera, quasi a sottolineare che “Il mondo ama vedere i cattivi fare cose cattive al cinema” come ha detto Joel Edgerton. “A prescindere da quanto uno possa essere considerato malvagio dagli altri, lui pensa che quello che sta facendo va bene così” ha aggiunto Johnny Depp, concludendo la conferenza stampa con una risposta a coloro che lo accusano di essere un attore trasformista senza accenni di cambiamento. I miei eroi per quanto riguarda il cinema sono John Barrymore, Marlon Brando, Timothy Carrey, John Garfield…loro si trasformavano per lo schermo e questo è stata sempre un’ossessione per me…ho sempre voluto essere un caratterista e non un ragazzino per i poster, come volevamo fare all’inizio con me“.

(Foto @Carlo Andriani per NewsCinema)

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Salina Mare Festival 2019: Premio Troisi al regista Piergiorgio Seidita e all’attore Jacopo Carta

Pubblicato

:

61764358 671897843246262 2659949782730014720 n4264

Targa d’argento molto ambita per gli Artisti Emergenti, quella che quest’anno verrà data al regista Piergiorgio Seidita per il suo cortometraggio L’Inizio e all’Attore Jacopo Carta al Salina Mare Festival 2019. Premi fortemente voluti dal Direttore Artistico Massimiliano Cavaleri, all’Ottavo Anno di vita del Festival più importante della Sicilia, e tra i più importanti d’Italia, che avrà come Madrina anche quest’anno, Maria Grazia Cucinotta.

Piergiorgio Seidita, con la passione per il cinema da sempre, grazie al Nonno fotografo e proiezionista cinematografico, ha già alle spalle partecipazioni ai festival più ambiti d’Italia,  come il Roma Fiction Fest e il Roma Web Fest, già vincitore come Regista Emergente l’anno scorso, sempre al Premio Troisi. Dalle Serie Web più seguite nell’inverno 2011, ai videoclip per cantautori importanti della discografia italiana come Niccolò Agliardi, per finire ai Cortometraggi premiati in molti festival nazionali e internazionali, il secondo Premio Troisi è un ottimo traguardo per il regista, che sembra non voglia smettere di realizzare i propri sogni cinematografici.

Jacopo Carta, figlio del musicista Paolo Carta, è al suo primo premio importante, ma non esente da esperienze cinematografiche e teatrali importanti. Motivo principale per il quale quest’anno riceverà il Premio Troisi come giovane promessa del mondo del Cinema. Alle spalle, collaborazioni con i registi Riccardo Milani, Gabriele Muccino, e lo stesso Piergiorgio Seidita con cui ha lavorato sia davanti la macchina da presa, che sul palco. Guardando i progetti che li hanno visti collaborare insieme, non ci stupisce che dietro a tanta passione e duro lavoro, ci sia una forte amicizia ed empatia tra loro. Un’ottima formula per chi, come loro, vuole arrivare lontano.

Continua a leggere

Cinema

L’Isola del Cinema 2019 a Roma dal 13 giugno al 1° settembre: il programma completo

Pubblicato

:

300x250 isola del cinema4253

L’Isola del Cinema, uno degli eventi culturali estivi di punta della capitale, nel cuore del centro storico, presenta un’edizione speciale. Dal 13 giugno al 1° settembre, per oltre 80 serate, torna lo storico salotto di Cinema e Cultura, ospitato nel suggestivo ed elegante spazio dell’Isola Tiberina. Il Festival, ideato e diretto da Giorgio Ginori, celebra la XXV edizione con anteprime, inediti, premi, concorsi, rassegne tematiche, dibattiti, masterclass, mostre, proiezioni in V.O. e tanti altri appuntamenti imperdibili. L’Isola del Cinema si configura sempre di più come un grande laboratorio contemporaneo di Cinema e Cultura.

In questa nuova edizione ci sono tre temi che vengono portati alla ribalta e vengono rappresentati grazie al linguaggio della settima arte: Innovazione, Ambiente e Turismo. L’attenzione alle nuove tecnologie e a una diversa modalità di fruizione dei contenuti video, si concretizza con la nuova Sala VR (realtà virtuale), in cui sperimentare l’esperienza del Cinema immersivo. In occasione del cinquecentenario, la Modo Comunicazione presenta a L’Isola del Cinema, il suo mediometraggio immersivo in Realtà Virtuale su Leonardo da Vinci. Il contenuto, che ha una durata di circa 20 minuti, potrà essere fruito per mezzo di postazioni di realtà virtuale attrezzate con appositi visori VR.

Il Festival cinematografico e culturale si confronta con le nuove realtà multimediali, presentandosi in una veste rinnovata che vuole essere punto d’incontro tra tradizione ed innovazione, nel rispetto del luogo originario che da sempre lo ospita: l’Isola Tiberina. È sulla scia di questa suggestione che “L’Isola del Cinema”, in occasione della XXV edizione, ha scelto di rendere omaggio alla sua storica “location”, svelandone segreti e leggende. Una vocazione turistica già nota, che porta ogni estate, tra romani e turisti, circa 250.000 visitatori sull’Isola Tiberina; novità di quest’anno saranno tour guidati, che renderanno accessibili luoghi ricchi di storia e mistero attraverso visite serali bisettimanali.

Tra gli ospiti attesi durante l’edizione, il regista Matteo Rovere, che interverrà nella serata di inaugurazione, giovedì 20 giugno, in apertura del film Il primo Re; il 24 giugno interviene Massimiliano Bruno per introdurre al pubblico la sua commedia Non ci resta che il crimine. Il 25 giugno sarà la volta di Alessandro Capitani, in Arena, con il film In viaggio con Adele. Nel mese di luglio altri ospiti d’eccezione: il 7 luglio Valeria Golino, il 17 luglio sarà la volta del regista Giovanni Veronesi e della regista Barbara Miller con il suo documentario Female Pleasure che aprirà la sezione European Women Filmaker, dedicata quest’anno alla Svizzera.

programma isola 13 30 giugno4254

Il programma completo

L’Isola del Cinema” si riconferma, dunque, una stimolante finestra sul cinema italiano ed internazionale: ampio spazio verrà dato ai film italiani, con la sezione Ciak d’Italia e Nuovo Cinema Italiano, senza dimenticare le novità provenienti dall’estero, per un ventaglio di proposte che va dal film d’autore alle opere cinematografiche che si sono maggiormente distinte nel corso dell’ultima stagione cinematografica.

Nove i Paesi che partecipano alla sezione Isola Mondo, con film inediti che verranno presentati in anteprima nazionale, in collaborazione con le Ambasciate e gli Istituti di Cultura. Torna la consueta rassegna “La magia del Cinema in Ospedale”, con proiezioni gratuite nella Sala dell’Assunta dell’Ospedale Fatebenefratelli per i degenti, i loro famigliari e il personale dell’Ospedale. Verranno proiettate settimanalmente commedie italiane per offrire un momento di distrazione e di svago, una sorta di cinematheraphy, anche a coloro che si ritrovano all’interno della struttura ospedaliera.

Per l’Edizione 2019, saranno cinque le Sale in cui si terranno proiezioni, dibattiti, incontri con registi e attori, eventi, premiazioni, reading e rassegne tematiche: la grande Arena, lo spazio Cinelab, che quest’anno sarà all’aperto e ospiterà anche presentazioni letterarie organizzate da Giovanni Fabiano e Maria Castaldo, lo Schermo Tevere e la vicina Sala dell’Assunta all’interno dell’Ospedale Fatebenefratelli, a cui si aggiunge, quest’anno lo Spazio VR & Gaming.

Torna il Concorso di Cortometraggi Mamma e le Città Metropolitane, promosso da L’Isola del Cinema e Maiora Film. L’ottava edizione del Concorso, che diventa quest’anno di respiro nazionale, mette al centro dell’attenzione la città e i suoi abitanti, dal centro alla periferia, per descrivere il complesso rapporto tra il tessuto urbano e la molteplicità di persone che lo vive quotidianamente.

Il Concorso è rivolto a giovani appassionati di cinema under 35 e si estende, in occasione della XXV edizione de L’Isola del Cinema, alle 14 città metropolitane italiane: Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria, Cagliari, Catania, Messina e Palermo.

Il Premio MAMMA ROMA è pari a € 1000 e verrà assegnato al miglior cortometraggio.

Continua a leggere

Festival

Giffoni Film Festival 2019: al via le candidature per il GiffoniRapContest

Pubblicato

:

card 1440x760 rap contest

Dopo il successo dello scorso anno, ritorna il GiffoniRapContest, lo spin off dedicato alla musica urban del Giffoni Film Festival che si svolgerà dal 19 al 27 Luglio presso la Giffoni Music Arenadi Piazza F.lli Lumière di Giffoni Valle Piana (Sa). Una vera e propria RapCall, l’unica del genere in Italia, con l’obiettivo di selezionare  tre artisti campani e tre artisti nazionali da inserire nel programma ufficiale del Giffoni Music Concept – Vivo Giffoni, i concerti e appuntamenti musicali che saranno parte integrante della 49esima edizione del Giffoni Film Festival. Oltre ai già annunciati Anastasio e Mahmood, il programma musicale completo del Giffoni Film Festival 2019, che vede la partnership di Radio105 e Rockolsarà reso noto nelle prossime settimane.

Quest’anno la giuria del GiffoniRapContest avrà, oltre ai padri del contest Don Joe (tra i più importanti produttori e Dj in Italia) e Max Brigante (Radio 105), tre giovani artisti come AnastasioShade e Junior Cally a dare ancora più prestigio al concorso. Un segnale di grande attenzione che il più importante festival per ragazzi del mondo offre alle realtà creative giovanili del territorio regionale e nazionale con l’intento di valorizzare i fermenti artistici emergenti offrendo loro uno dei palchi più qualificati per la nuova scena musicale italiana. La RapCall è rivolta esclusivamente ai musicisti e cantanti di estrazione Urban, Rap e Trap di età compresa tra i 18 e i 40 anni che possono proporsi sia in formazione che da solisti. L’invio delle candidature potrà avvenire da oggi fino alla mezzanotte del 4 luglio. Il 10 luglio verranno annunciati i nomi dei sei artisti selezionati che, durante il Giffoni Music Concept, si esibiranno nel contest. A giudicarli una commissione composta da professionisti del settore, giornalisti e i partecipanti alla Masterclass MUSIC&RADIO 2019.

Premio per il vincitore il supporto al suo progetto discografico con la pubblicazione di un singolo in digitale con la produzione di Don Joe, l’ufficio stampa di MN Italia, ed un passaggio radiofonico su Radio 105 nella trasmissione 105 Mi Casa di Max Brigante. A vincere la prima edizione del #GiffoniRapContest il cantante potentino OloHoma, che ha superato i finalisti salernitani Mikesueg, Young Henry e i trentini Paradise. Oltre ad essersi esibito sul palco del Giffoni Music Concept, l’artista ha avuto la pubblicazione del suo singolo in digitale ed è stato ospite del programma Mi Casa.

Sarà possibile inviare le candidature da oggi fino alla mezzanotte del 4 luglio.

Ecco le modalità di iscrizione:

Inviare email con oggetto “nome della band/artista + RapCall” a musica@giffonifilmfestival.it con:

–       Una breve descrizione del progetto

–       Un brano tramite mp3 o un link (YouTube, Spotify, Soundcloud, Bandcamp)

–       Numero di telefono

–       Scheda tecnica

–       Due fotografie

Ulteriori informazioni saranno disponibili sul sito www.giffonifilmfestival.it

Giffoni è da sempre aperto alle novità del mondo musicale con l’intento di offrire ai ragazzi esperienze uniche e dirette con i grandi nomi del panorama nazionale ed internazionale: nel corso degli anni personaggi come Patti Smith, Pino Daniele, Gianna Nannini, Franco Battiato, Andrea Bocelli, Negramaro, Jovanotti, Shaggy, Ligabue, Giovanni Allevi, Carmen Consoli, Max Gazzè, Elio e le Storie Tese, Fedez, Enzo Avitabile, Giorgia, Club Dogo, Coez, Emis Killa, Clementino,  Rocco Hunt e molti altri si sono confrontati con i ragazzi di Giffoni.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Giugno, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Luglio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X