Connettiti a NewsCinema!

Netflix

Maniac, la recensione del pilot: cosa aspettarsi dalla nuova serie Netflix ?

Pubblicato

:

Ricondurre ad un modello scientifico le nostre esperienze quotidiane, quelle che ogni giorno infittiscono la rete di incontri e conoscenze di cui si compone la vita di ognuno di noi. Sembra essere questo uno degli obiettivi (fra i tanti) della nuova ambiziosa serie Netflix firmata da Cary Fukunaga. Maniac infatti comincia come la parodia di un film di Malick, nella sua volontà di ricondurre a qualcosa di estremamente grande (la nascita della vita umana) qualcosa invece di estremamente piccolo ed insignificante (la vita del singolo). Così la serie con Emma Stone e Jonah Hill sembra ispirarsi alle sceneggiature di Kaufman (pur cercando di renderle più lineari e meno convolute) senza volerle mettere in scena con lo sguardo tipico di un Michel Gondry, tenero solo superficialmente ma in grado di mostrare quando serve le sue spigolosità, ma scegliendo invece di andare a parare dalle parti di Brazil, con una fantascienza al limite del grottesco e della satira sociale. Evitando qualsiasi tipo di spoiler, la trama di Maniac potrebbe riassumersi così: una storia d’amore (forse) non convenzionale che si svolge tra diverse realtà parallele, tecnologicamente o lisergicamente intese.

Il materiale di partenza, cerebrale ed allucinato, sembra essere ottimo per un film e meno invece per una serie televisiva che ha l’aspirazione di proseguire anche dopo la prima stagione. Perciò furbamente Fukunaga sceglie di adattare la sua storia al modello della miniserie, cercando di sfruttare quelle che sono le possibilità uniche offerte dal mezzo seriale ed allo stesso tempo evitare un inevitabile effetto di “stanchezza” al quale invece condurrebbe l’utilizzo di una narrazione così densa per un numero di episodi maggiore del dovuto.

emma stone

Maniac: una serie dal forte impatto visivo

Per forza di cose Maniac è una serie che si basa molto sulle idee visive che utilizza nel rendere su schermo i cambiamenti dell’ambiente in costante mutazione nel quale i personaggi si muovono (cambiando anch’essi mise ed acconciature) e che riflettono le diverse declinazioni della fragilità che man mano i protagonisti rivelano allo spettatore come a loro stessi. Perciò Cary Fukunaga si trova nel difficile compito di creare un (multi)universo che sia non solo interessante dal punto di vista visivo, ma anche in grado di emanciparsi dai tanti riferimenti stilistici a cui (forse inevitabilmente) si pensa quando si tratta di inscenare storie di questo tipo.

Per restituire allo spettatore una sola emozione, quella del sentirsi costantemente inadeguati, riuscendo a tradurla in maniera sempre diversa nel corso di dieci episodi, è necessario un gruppo di interpreti in grado di svolgere un lavoro tutt’altro che banale. Così accanto alle due star dello show, troviamo un cast in cui figurano attori di prim’ordine del panorama televisivo e cinematografico: non solo l’affascinante Julia Garner o il buffo Justin Theroux, ma anche la carismatica Sonoya Mizuno, Sally Field alle prese con un doppio ruolo ed infine gli inossidabili Rome Kanda e Gabriel Byrne (protagonisti di alcuni dei momenti più sanguinosi della serie, come a voler rendere omaggio ai ruoli che li hanno resi famosi, il primo con Takeshi Kitano ed il secondo coi fratelli Coen).

Maniac: cosa aspettarsi ?

Il primo episodio della nuova serie Netflix lascia sicuramente curiosi di scoprire cosa il nuovo lavoro di Fukunaga (solo tratto da una miniserie norvegese, di cui però sconvolge gran parte della trama) potrà riservare nelle prossime puntate. La sfida sicuramente più difficile che Maniac si trova ad affrontare è quella di rendere funzionale la narrazione episodica ad una struttura narrativa aggrovigliata e labirintica che spesso invece riesce ad essere efficace quando imbrigliata in una racconto meno esteso e più contenuto. Eppure potrebbe essere proprio questa la cosa più interessante della serie: la sua capacità di ricondurre ad un modello scientifico non solo le vicende dei personaggi, ma anche il modo in cui si decide di narrarle e di proporle allo spettatore. 

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Rolling Thunder Revue, Martin Scorsese racconta Bob Dylan su Netflix

Pubblicato

:

regan 1975 slide e 500 003 016 r

Per coloro che amano il binomio cinema e musica, c’è un film da non perdere! Martin Scorsese racconta la celebre carriera del cantante Bob Dylan, a partire dal 12 giugno su Netflix. Nella pagina abbiamo inserito il trailer di Rolling Thunder Revue: Martin Scorsese racconta Bob Dylan.

Attraversando nel 1975 un’America politicamente, economicamente e socialmente sfinita, un autobus carico di musicisti – radunati da Bob Dylan – percorre la strada alla ricerca di nuovi orizzonti creativi. Il risultante tour, il Rolling Thunder Revue, rivelò un Dylan mai visto: giocoso, intenso, espansivo, rinvigorito. Catturando in modo magistrale un’icona e una nazione in transizione, il regista Martin Scorsese racconta la storia usando materiale video abbandonato per decenni, ora splendidamente restaurato, e portando gli spettatori direttamente nel cuore di un’elettrizzante e incontrollata scommessa musicale. Ispirato dallo spirito inquieto di Dylan, Scorsese realizza trovate mozzafiato, evocando fantasmi nostalgici, combattenti, maghi, giovani star e testimoni di ogni tipo, superando i confini del documentario convenzionale.

Come un frammento essenziale di una leggendaria narrativa, Scorsese racconta Joan Baez, Rubin “Hurricane” Carter, Sam Shepard, Allen Ginsberg e Bob Dylan, davanti alle telecamere per la sua prima intervista in oltre un decennio. Rolling Thunder Revue: Martin Scorsese racconta Bob Dylan vibra con la promessa di un’America, da più di 200 anni in sperimentale stato di cambiamento. Il film trascende la semplice rievocazione della straordinaria musica di Dylan descrivendo il percorso nel territorio inesplorato della reinvenzione artistica personale.

Rolling Thunder Revue: Martin Scorsese racconta Bob Dylan sarà anche presentato Bologna in due serate speciali: in anteprima italiana martedì 11 giugno, per l’inaugurazione della programmazione dell’Arena Puccini, e lunedì 17 giugno in Piazza Maggiore, per l’inaugurazione della manifestazione “Sotto le stelle del cinema”.

Continua a leggere

Netflix

La Casa di Carta: guida ai personaggi della serie tv spagnola più amata di Netflix

Pubblicato

:

90693 ppl

Negli ultimi anni Netflix ha messo a segno un successo dopo l’altro. In particolar modo la serie tv spagnola La casa de papel, nota in Italia con il titolo La casa di carta ideata da Álex Pina è uno dei titoli più apprezzati e visti in tutto il mondo. A differenza delle serie americane che siamo abituati a vedere, l’intero cast è composto da attori spagnoli che interpretano personaggi che rispondono al nome di grandi città. E se è valido il detto “battere il ferro finchè è caldo” Netflix è pronta a lanciare il 3 luglio 2019 la terza stagione di La casa di carta con l’auspicio di triplicare il successo delle due serie precedenti. Per questo motivo abbiamo deciso di proporvi una guida ai protagonisti di questa serie, raccontando la loro vita, il loro modo di essere e i motivi che li hanno portati ad entrare a far parte della banda criminale più amata degli ultimi anni.

I personaggi di La Casa di Carta

Il Professore (Álvaro Morte): Un uomo misterioso, apparentemente senza passato e con un falso nome: Salvador Martì. Nessuno sa nulla di lui, come il suo nome, la sua età o da dove viene. L’inizio della banda è merito suo. Lui si è occupato di reclutare una squadra di ladri per portare a termine un piano che aveva in mente da anni: entrare nella Zecca di Stato spagnola per stampare denaro. È un uomo esperto e poliglotta. Il suo aspetto da Professore lo mostra come un uomo tranquillo che non farebbe male a una mosca. Ma ben presto si scopre che, dietro quell’aria da bravo ragazzo, c’è un ladro che ha rubato più di due milioni di euro e sa come uscire indenne dalla rapina. Nella seconda stagione riesce a vincere contro l’ex di Raquel, un agente di polizia con un paio di mosse senza essere toccato. È un uomo che non lascia nulla al caso. Il suo compito principale è quello di tener conto di tutte le possibilità, in particolar modo dei potenziali fallimenti ed errori di un piano ben studiato. Nonostante tutte le difficoltà, il Professore si innamora di Raquel, nonostante lei sia la poliziotta incaricata a sgominare la sua banda.

Berlino (Pedro Alonso) è un ladro di pietre preziose diventato criminale per sostenere il suo costoso stile di vita. Il suo modo di essere, di porsi e le buone maniere che non mancano mai, lo rendono molto diverso dal resto del gruppo. È un malvagio dal cuore tenero, basta vedere come si relaziona con gli ostaggi, a patto che seguano i suoi ordini chiaramente. Berlino è incapace di entrare in empatia con le altre persone, ma al contempo ha un forte bisogno di piacere agli altri. La polizia ha detto a tutti che è coinvolto in una storia di pedofilia e tratta degli schivi bianchi. Accusa che forse non è nulla in confronto alla condanna di morte a causa di una malattia che lo ucciderà entro un paio d’anni.

Tokyo (Úrsula Corberó): una giovane, tenace e impulsiva rapinatrice di banche. Nella sua carriera ha alternato lavori legali a diverse rapine, l’ultima delle quali è andata storta e si è conclusa con la morte di due poliziotti e del suo fidanzato. Da quel momento è sempre stata in fuga. Il suo rapporto con Allison non è chiaro se è per semplice amicizia, per attrazione nei suoi riguardi o se è solo una mossa per mostrare il suo potere sugli ostaggi. Spesso le sue azioni impulsive mettono in pericolo tutta la missione, causando diversi problemi nella squadra. Particolare è la sua voce che si sente all’inizio e alla fine di ogni episodio.

Nairobi (Alba Flores). Una donna spensierata che è diventata una criminale dopo che il suo fidanzato l’ha lasciata quando era incinta. Ora il suo scopo è quello di usare i soldi che ha guadagnato per riconquistare la custodia di suo figlio e ritirarsi da qualche altra parte per vivere una vita normale. A quanto pare è un leader molto apprezzato, come dichiara Torres, un’anziana lavoratrice della Zecca, che arruola per produrre in serie gli euro che poi ruberanno.

la casa de papel 1

La banda con il plastico della Zecca di stato spagnola

Rio (Miguel Herrán) è un ragazzo un po’ immaturo, simpatico, un hacker prodigio, imparando a programmare all’età di 6 anni. Tale era il suo talento, da diventare capo tecnico di una compagnia di sicurezza. Proprio per questo finisce sulla lista di controllo dell’Interpol, dopo aver iniziato ad hackerare e crackare i sistemi di sicurezza di una villa a Ginevra. Lui è quello che ha maggiore empatia con gli ostaggi. È pur vero che però sarà lui a dire alla polizia del suo coinvolgimento e di quello di Tokyo nella rapina.

Mosca (Paco Tous): un ex minatore diventato poi fabbro per una malattia che lo costrinse a lasciare il lavoro. Iniziò a usare le sue abilità per rubare gioielli nei caveau delle banche per sfamare la sua famiglia. Per questo motivo è entrato e uscito di prigione diverse volte. Un altro dei motivi che lo hanno portato a lasciare la miniera è stata la claustrofobia.

Denver (Jaime Lorente): il figlio di Mosca. Ha trascorso la maggior parte della sua vita da criminale provando droghe che gli hanno lasciato un temperamento aggressivo che si calma solo in presenza di suo padre. La sua fastidiosa risata, sguaiata e a bocca aperta è uno dei suoi principali segnali di identità. Possiamo dire che la sua forza non è nell’ intelligenza, ma più nei muscoli. Nonostante abbia un carattere tutt’altro che affabile, si prende cura di Mònica, tanto che poi finisce per innamorarsi di lei.

Helsinki (Darko Peric). Onestamente non si conosce molto di questo serbo al di là del fatto che ha un passato violento. Il fatto che non parla molto viene soppiantato dalle sue armi e dai suoi partner che parlano per lui. C’è poco da fare, la mamma è sempre la mamma. Frase cara ad Helsinki se si pensa a quando il professore lo manda a far distruggere la loro auto da ‘picchiaduro’ e 1000 euro per l’operaio per non farlo parlare. Peccato che però il pensiero di mandare quei soldi alla propria famiglia era più forte di qualsiasi altra cosa. L’idea che c’era un motivo della necessità di distruggere quella macchina non lo aveva minimamente sfiorato. Oslo ed Helsinki – la coppia d’oro, sia in guerra, in pace, in crime e in prigione.

Oslo (Dimitri Mostovói). Un altro personaggio abbastanza misterioso, di cui si sa ben poco e viene visto anche più di rado con il gruppo. Come per Helsinki, le armi parlano per lui. Il suo soprannome? The Quiet, come lo ribattezzato Tokyo.

Continua a leggere

Netflix

The Old Guard, Luca Marinelli e Matthias Schoenaerts nel film Netflix

Pubblicato

:

the old guard matthias schoenaerts e luca marinelli

Netflix e Skydance Media annunciano oggi due nuovi ingressi nel cast di The Old Guard. Si tratta di Matthias Schoenaerts (Red Sparrow, Un sapore di ruggine e ossa) e di Luca Marinelli (Non essere cattivo, Lo Chiamavano Jeeg Robot).
Si uniscono ai già confermati Charlize Theron (Mad Max: Fury Road, Atomica Bionda), KiKi Layne (Se la strada potesse parlare) e Marwan Kenzari (Aladdin).

Il film è diretto da Gina Prince-Bythewood (Love & Basketball, Beyond The Lights), ed è basato sull’omonima serie graphic novel di Greg Ruck, illustrata da Leandro Fernández. La sceneggiatura è dello stesso Rucka e di Gina Prince-Bythewood.
The Old Guard è prodotto da David Ellison, Dana Goldberg e Don Granger per Skydance, insieme a Marc Evans, Charlize Theron, Beth Kono e AJ Dix per Denver and Delilah. Stan Wlodkowski e Greg Rucka sono produttori esecutivi.

Basata sull’omonima serie graphic novel di Greg Ruck e illustrata da Leandro Fernández, The Old Guard racconta la storia di un piccolo gruppo di mercenari divenuti immortali, che deve combattere per tenere unita la squadra dopo aver scoperto l’esistenza di un nuovo immortale e che i loro super poteri sono a rischio.

The Old Guard sarà disponibile prossimamente su Netflix.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Giugno, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Luglio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X