Connettiti a NewsCinema!

Games

Pokemon Go, quando la mania diventa una bizzarra ossessione

Pubblicato

:

Disponibile per Android ed iOs, Pokemon Go è l’applicazione per smatphone che ha fatto ri-esplodere la Pokemon-Mania, di cui ha parlato anche Mika pochi giorni fa al Giffoni Film Festival. Dal 1996 ad oggi – anno in cui queste bizzarre creature hanno fatto capolino nella comunità geek di tutto il mondo – mai fino ad ora si era vista una ricerca così spasmodica e forsennata del Pokemon perfetto, o dei celebri Pokemon Leggendari (personaggi incredibilmente rari che posseggono capacità estremamente avanzate rispetto ai Pokemon più usuali). Alla luce di un fenomeno in crescita costante e soprattutto volgendo lo sguardo anche ai recenti fatti di cronaca, è lecito pensare:”Dove finisce il gioco e dove comincia la vita vera?”.

La linea che intercorre fra realtà e finzione è estremamente labile; la tecnologia poi ha fatto passi da gigante, soprattutto grazie all’uso fatto dai giovani (e non solo), quindi non dovrebbe spaventare l’influenza che  in quest’ultimo mese sta avendo PokemonGo. Eppure trovare i Pokemon Leggendari, quelli più forti, quelli più starni, custodirli e usarli per un’amichevole battaglia a suon di mosse segrete, sta per diventare un assurdo stile di vita. Secondo quando riportato da un’attenta ricerca di Pokemon Millenium, il sito ufficiale del franchise videoludico, sembra proprio che il rilascio di PokemonGo sia stata la mossa commerciale più imponente dell’estate 2016. L’applicazione è che disponibile a titolo gratuito su tutti gli smartphone di ultima generazione, non solo ha trovato larga diffusione fra il fanbase storico, ma a quanto pare, anche i neofiti non sono rimasti immuni al fascino dei Pokemon.

Sono proprio i neofiti che hanno reso la mania così sconsiderata ed incontrollabile, tanto da affollare parchi (com’è accaduto qualche settimana fa a New York), strade a lunga percorrenza (causando disagi ed a volte anche incidenti), sono loro il male – minore – del proliferarsi di quest’applicazione che con poche semplici mosse, permette a chiunque di diventare un provetto acchiappa-Pokemon. Infatti basta appunto uno smartphone (che sia esso un iPhone o Samsung) collegarlo al GPS ed il gioco è fatto. In casa o in città, trovare un Pokemon non è mai stato così semplice. Loro si nascondono sotto il divano (scientificamente provato), dietro un cespuglio o in mezzo alla gente, e più  ci si addentra fra le vie della città e più è facile trovarli. Certo più Pokemon il giocatore ha a disposizione ed aumentano  le possibilità di trovare quelli Leggendari; se non si riesce a raggiungere l’obbiettivo, si possono scambiare con gli altri utenti i Pokemon catturati per avere una chance in più per scovare quelli rari.

Visto sotto questo punto di vista Pokemon Go è un gioco divertente e coinvolgente dato che si svolge prettamente all’aria aperta e non fra le mura domestiche. Una sorta di evoluzione se si pensa che, sempre secondo le ultime news pubblicate su Pokemon Millennium, il prossimo 31 luglio a Roma è previsto anche un raduno di tutti i giocatori più provetti. E’ un gioco per console che diventa social, che segue appunto l’evoluzione dei contenuti multimediali, ma come tutte le  mode nate in seno al mondo del cyberspazio, anche quella più cool ostenta fin da subito il suo ‘lato oscuro.’

Pokemon Go è la mania del momento

Pokemon Go è la mania del momento

Oltre ad essere una chiara e ben mirata operazione di marketing, l’ultimo ritrovato in casa Pokemon, è un fenomeno da psicoanalisi. La corsa ai Pokemon e la caccia dei Pokemon Leggendari, ha scatenato una vera isteria di massa che, se da una parte è da considerare in quei ragazzini alle prime armi, fa quasi paura in quei giovani poco più che trentenni che, in una serata con gli amici, preferiscono isolarsi invece di socializzare. Si evince in questo modo,  che si è perso definitivamente il contatto con realtà, permettendo ai giovani di rifugiarsi in un mondo virtuale e preferendo di vivere a stretto contatto con creature immaginarie composte da un cuore fatto di pixel; in poche parole nessuno ha capito che prima poi il gioco finisce e si deve far spazio alla vita vera.

La mania raggiunge l’ossessione e mentre il web si popola di news bizzarre (come quella rilasciata dalla cantante Rihanna che al suo concerto non vuole spettatori che giochino a Pokemon Go), le grandi major hollywoodiane non sono state certo a guardare. Si vocifera la realizzazione di un lungometraggio dedicato ai Pokemon, questa volta in live action, alla luce di una grande richiesta da parte del pubblico. Cosa  c’è dunque oltre l’ossessione?

 

Carlo è un trent’enne con un cuore che batte per il cinema, le serie TV, i romanzi fantasy e la musica anni ’90. È un Maveliano D.O.C. ed è #TeamCap per scelta. Si è laureato in Giurisprudenza ma non è un avvocato, sogna di vivere a Londra e di intervistare David Tennant.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Games

Stranger Things 3, il trailer del gioco ispirato alla serie tv

Pubblicato

:

stranger things 3

I creatori di Stranger Things, i Duffer Brothers, sono apparsi sul palco del quinto evento annuale The Game Awards per annunciare il trailer in anteprima mondiale di Stranger Things 3: The Game creato da Netflix e BonusXP. Il gioco, a 16 bit, seguirà gli eventi della terza stagione di Stranger Things e i giocatori potranno giocare in modalità cooperativa su Xbox, Switch e PC.

La serie tv Stranger Things 3 ritrova Winona Ryder nei panni di Joyce Byers, David Harbor nel ruolo di Jim Hopper, Finn Wolfhard nel ruolo di Mike Wheeler, Noah Schnapp nel ruolo di Will Byers, Millie Bobby Brown nel ruolo di Undici, Caleb McLaughlin nel ruolo di Lucas Sinclair, Gaten Matarazzo nel ruolo di Dustin Henderson, Cara Buono come Karen Wheeler, Natalia Dyer come Nancy Wheeler, Charlie Heaton come Jonathan Byers, Joe Keery come Steve Harrington, Dacre Montgomery come Billy, Sadie Sink come Max, Maya Thurman-Hawke come Robin, Jake Busey come Bruce, Francesca Reale come Heather, e Cary Elwes nel ruolo del sindaco Kline.

La serie è stata creata da The Duffer Brothers, che sono anche produttori esecutivi e registi insieme a Shawn Levy (che dirige anche lui), Dan Cohen e Iain Patterson. Stranger Things è una produzione Netflix. Anche se non è stata data alcuna data specifica, la terza stagione della popolare serie tv  di fantascienza nostalgica non sarà disponibile fino all’estate 2019.

Continua a leggere

Games

Videogiochi: le uscite più attese di gennaio 2017

Pubblicato

:

Dobbiamo dire che Gennaio 2017 non ci propone proprio dei titoli indimenticabili, però vediamo subito insieme quali sono i videogiochi più attesi di questo mese.

Rise & Shine 2

In uscita il 13 gennaio per PC e Xbox One. La casa produttrice spagnola, dedita in particolar modo allo sviluppo di giochi per mobile, si è impegnata nello sviluppo di questo spara-tutto in 2D dagli scenari molto suggestivi. Gli sfondi sono tutti disegnati a mano e ricordano molto un cartone animato. Nonostante l’apparente semplicità di sviluppo, il gioco consiste una divertente avventura action con sfumature drammatiche e un finale tutto da vivere; il protagonista è Rise, un ragazzo che abita nel pianeta Gamearth, costretto a prendere le armi per respingere i prepotenti invasori. L’arma utilizzata dal ragazzo si chiama Shine capace di parlare e di guidare il protagonista nella sua avventura.

Road Redemption 2

Dopo essere uscito ad ottobre per PC, arriva per PS4 e Xbox One il 15 gennaio. Il sequel “spirituale” di Road Rash finalmente atterra anche per console, gli amanti del genere si getteranno in violentissime gare motociclistiche con tutte le preziose migliorie introdotte in questo capitolo: un’intelligenza artificiale migliorata, aggiunta di moto e piloti, missioni più numerose,grafica all’avanguardia e multiplayer.

Gravity Rush 2

In programma per il 18 gennaio, questa è la prima uscita di pregio del mese, dedicato alle console Sony. L’annuncio dell’uscita del secondo capitolo è arrivato proprio quando nessuno più credeva al rilancio di questo titolo da parte di Sony, facendo felici moltissimi videogiocatori di tutto il mondo. Il primo gioco è stato pubblicato nel 2012 e al Tokio Game Show del 2015 la Sony aveva annunciato una versione Remastered per Playstation 4. Non si conoscono ancora tutti i particolari della trama ( e sarebbe un peccato svelarli proprio ora), però possiamo dire che è direttamente ricollegata al primo capitolo.

Resident Evil 7: Biohazard

Questo titolo è uno dei più attesi del 2017 disponibile dal 24 gennaio per Playstation 4, Xbox One e PC. Per Playstation 4 c’è la possibilità di giocarlo con il VR. Si tratta dell’undicesimo capitolo della serie principale di Resident Evil e sarà in prima persona. La Capcom si è limitata a dire che ci saranno dei riferimenti con la saga principale, per non perdere il continuum storico, ma non sappiamo ancora dove collocare con precisione questo capitolo (un sequel? un prequel?). Viene introdotto uno stile completamente nuovo rispetto al passato,molto apprezzato nella versione demo disponibile dal mese di giugno scorso. Il protagonista è Ethan Winter che, non appena riceve un strano messaggio, capisce che probabilmente la moglie che credeva morta potrebbe essere ancora viva, imbattendosi in una disperata ricerca di indizi e prove per trovarla, il tutto all’interno di una grande dimora fatiscente e misteriosa.

Tales Of Bersaria

In uscita il 27 gennaio per Playstation 3, Playstation 4 e PC, già da un pezzo disponibile il pre-order su Steam. Tales of rappresenta una saga amata in tutto il mondo che rappresenta il classico genere RPG di provenienza orientale. Dopo ben 16 milioni di copie vendute in tutto il mondo, gli sviluppatori affermano che questo nuovo capitolo rappresenta il punto di svolta per l’intera saga, concentrandosi sulle migliorie riguardanti il sistema di gioco e di combattimento, la trama, i personaggi…tutti gli elementi chiave,insomma, visto che Tales of Zestiria che già si proponeva questi obiettivi,non è riuscito in toto in questa impresa.

Queste erano le uscite più attese del mese di gennaio, ma il 2017 è ricco di importanti appuntamenti per il mondo videoludico.

Continua a leggere

Games

Gioca gratuitamente al DLC Morte Nera di Star Wars Battlefront

Pubblicato

:

Ci sono diverse ragioni per giocare a Star Wars Battlefront questo fine settimana, infatti la EA ha annunciato che il DLC Morte Nera sarà gratuito per tutti dal 23 al 25 dicembre,con la possibilità di guadagnare il doppio dei punti esperienza. Non solo, ma ognuno guadagna 5000 punti solo attravreso il log-in.

Il DLC Morte Nera ,uscito nel mese di settembre, include nuove mappe riguardanti la Morte Nera, ciò consente di ricreare gli eventi che vedeno impegnato Luke Skywalker nel film Una Nuova Speranza, che si conclude con la distruzione dell’arma gigante.

Tutte le modalità e le mappe riguardo la Morte Nera sono disponibili durante il fine settimana gratuitamente,anche se non è chiaro se eroi,armi e gli altri DLC saranno pure disponibili. Chewbacca e Bossk saranno disponibili in questa espansione.

L’Ultimo DLC di Battlefront è Rogue One: Scarif uscito all’inizio di questo mese e che contiene personaggi ed elementi provenienti dal film nuovo. È possibile ottenere tutte e quattro le espansioni di Battlefront con il Season Pass del gioco. In alternativa sono disponibili al prezzo di 14,99 € ciascuna.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Film in uscita

Gennaio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Febbraio

Nessun Film

Pubblicità

Popolari

X