Connect with us

Cinema

Sarajevo Film Festival | What Do We See When We Look at the Sky? è uno dei migliori film del 2021

Published

on

Nonostante le mille digressioni e i tanti momenti trascurabili che diventano improvvisamente oggetto di curiosità cinematografica, What Do We See When We Look at the Sky?, capolavoro firmato da Alexandre Koberidze, presentato in anteprima mondiale alla Berlinale 2021 e adesso in rassegna al Sarajevo Film Festival, è, alla fine dei conti, una storia d’amore. Rimescolata, percossa, resa impossibile dagli eventi e dallo stesso mezzo cinematografico, che fa di tutto per non raccontarla mai per davvero, trasformata in una fiaba in cui qualcuno ha gettato sulla coppia protagonista una maledizione per la quale si è destinati a sfuggirsi continuamente.

Ma è davvero possibile impedire che l’innamoramento accada, per quanti ostacoli e menzogne e fughe piccole o grandi si mettano in atto per ostacolarne il compimento?

Il capolavoro di Alexandre Koberidze

Anche il precedente film di Koberidze era una storia d’amore girata a Tbilisi, dove il regista vive ed è nato nel 1984. Ambientato in un tempo indefinito tra passato prossimo e futuro anteriore, ripreso con la videocamera di un telefono cellulare ormai obsoleto, metteva in scena il sentimento che nasceva tra un giovane e un poliziotto, ostacolato, anche in quel caso, dalla città e dal suo movimento perpetuo, dall’estate e da un panetto di burro che si stava sciogliendo, rincorrendo il tempo del racconto. Nel mezzo la guerra che non doveva tornare e che invece torna.

La città adesso è invece l’antichissima Kutaisi, ci sono i mondiali di calcio e tutti cercano di guardare i loro idoli al meglio delle loro (poche) possibilità, ammassati nei vari caffè con tv e campionato in chiaro, uomini e cani che fino al minuto prima del fischio di inizio condividevano l’asfalto della strada. I ragazzini giocano a pallone – sequenza memorabile con Estate Italiana di Bennato e Nannini – ossessionati da Messi. Koberidze li riprende sempre in «contropiede», trasformando ogni gesto atletico in una questione di respiro, slancio e inventiva. Lo fa rielaborando vecchi ricordi (la scena dei ragazzini che giocano a calcetto rimanda a un’immagine della coppa del mondo con Maradona negli anni Novanta) e cercando di restituire allo spettatore le emozioni da lui associate a quelle suggestioni provenienti dal passato. Ogni scena in What Do We See When We Look at the Sky? può essere ghermita prima di tutto ad un livello immediatamente emotivo e solo successivamente compresa ad un livello più banalmente diegetico e narrativo.

A strutturare la vicenda è una voce narrante, dal tono quasi canzonatorio, che trascina il racconto fuori dai margini della rilevanza, inseguendo le orme di un cane o lasciandosi affascinare dalle problematiche di una coppia intenzionata a girare un film in pellicola. Ras vkhedavt, rodesac cas vukurebt?, questo il titolo originale dell’opera, diventa un affresco dove tutto risulta utile al quadro complessivo, pieno di corpi di passaggio che si collegano ai protagonisti attraverso relazioni sottilissime, come se i tanti incontri casuali della vita di cui non si tiene mai traccia trovassero improvvisamente, tutti insieme, un significato nella loro accumulazione.

Tra Iosseliani e Truffaut

Francois Truffaut confessò a Otar Ioseliani di avergli rubato il finale di C’era una volta un merlo canterino (la scena del protagonista investito da un’automobile) per il suo L’uomo che amava le donne. Pensava – disse Truffaut – che quel piccolo film georgiano non sarebbe mai arrivato a Parigi e che nessuno avrebbe mai potuto svelare l’appropriazione. Alcuni anni dopo, Blake Edwards realizzò a Hollywood il remake del film di Truffaut, I miei problemi con le donne, mantenendo lo stesso finale. Fu così che l’idea di Otar Ioseliani arrivò, inconsapevolmente, a Hollywood e sugli schermi di tutto il mondo. 

È a quel tipo di cinema che Koberidze guarda: tutto il contrario di un cinema meticoloso, tecnico e studiato, ma invece frutto di istinto e improvvisazione, immerso nel proprio tempo e alimentato da un desiderio profondo di fare cinema, di farlo in una maniera unica e di suggerire allo spettatore sensazioni che lo riguardano in maniera inconscia. Mettere in scena la vita adulta come una lunghissima sequenza di incidenti (e quella dell’infanzia come una lunghissima sequenza di misfatti, sempre seguendo l’insegnamento di Truffaut) muovendosi tra uno stile semi documentaristico e improvvise emergenze di finzione e fantasia. 

Sarajevo Film Festival | What Do We See When We Look at the Sky? è uno dei migliori film del 2021
4.5 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Ancora più Bello: le video interviste esclusive a tutto il cast

Published

on

Ancora più Bello arriva al cinema dal 16 settembre in 350 copie, distribuito da Eagle Pictures. Si tratta del secondo capitolo della trilogia dedicata alle avventure sentimentali di Marta, adolescente affetta da una malattia che affronta con grande dose di ottimismo, e del suo gruppo di amici. (Qui la recensione del film)

Diretto da Claudio Norza, da un’idea di Roberto Proia, che lo ha anche sceneggiato insieme con Michela Straniero – si svolge esattamente un anno dopo i fatti raccontati nel primo capitolo (Sul più bello, diretto da Alice Filippi). Nel cast Ludovica Francesconi, Giancarlo Commare, Gaja Masciale, Jozef Gjura, Jenny De Nucci, Diego Giangrasso che abbiamo incontrato a Roma. Qui sotto le video interviste realizzate da Sabrina Colangeli per MadRog Cinema, il nostro canale youtube ufficiale.

Ancora più Bello: la sinossi del film

Dopo dodici mesi, la storia tra Marta (Ludovica Francesconi) e Arturo è finita. “In amore gli opposti si attraggono ma alla fine si lasciano”, si ripete Marta, che giura a se stessa di voler rimanere da sola per un po’ e continua a convivere con ottimismo con la malattia che da sempre l’accompagna. Ma quando arriva Gabriele (Giancarlo Commare), un giovane disegnatore tanto dolce e premuroso quanto buffo e insicuro, Marta riconosce che potrebbe essere lui l’anima gemella che non riusciva a trovare in Arturo. Ma prima di farsi coinvolgere del tutto in una nuova storia, è sempre meglio aver chiuso definitivamente con quella precedente.

Approfittando di un temporaneo trasferimento di Gabriele a Parigi, Marta cerca di schiarirsi le idee anche grazie all’aiuto dei suoi amici di sempre Federica (Gaja Masciale) e Jacopo (Jozef Gjura). Mentre ormai è sempre più convinta a lasciarsi andare alla storia con Gabriele, il ragazzo in preda alla gelosia commette un errore imperdonabile, che li farà separare. Quando tutto sembra andare storto arriva però una telefonata dall’ospedale che cambia le priorità di tutti: c’è un donatore compatibile per Marta. 

Il resto sarà svelato nel terzo capitolo della trilogia, Sempre più bello, in uscita nelle sale cinematografiche nel 2022.

Continue Reading

Cinema

The Last Duel | un film politico e programmatico con una eccezionale prova di Jodie Comer

Published

on

Fedele al suo titolo nella funzione e nella forma, The Last Duel è un film in costante contrasto con se stesso: il sontuoso dramma storico di Ridley Scott offre 152 minuti di tensione dialettica, un lunghissimo tira e molla tra l’epica sincera e la sua revisione ammiccante. Che ci sia un duello lo sappiamo dall’inizio. Lo sappiamo dal titolo, da tutta la promozione e dall’eco del primo film di Ridley Scott (I Duellanti) che risuona ovviamente in questo quarantaquattro anni dopo. Ed è proprio il duello tra Matt Damon e Adam Driver che apre il film, prima dei lunghissimi flashback che spiegheranno le ragioni per cui si è arrivati a quello showdown finale.

Lungo tutta la storia, lo spettatore sa benissimo che tanto alla fine si arriverà ad un duello, lo aspetta ma allo stesso tempo capisce che il vero interesse del film non è lì. Ridley Scott gioca con le attese dello spettatore, soprattutto quello maschile – che non vede l’ora di assistere alla resa dei conti finale tra due guerrieri (maschi) – per raccontargli nel frattempo una storia che riguarda la violenza subita da una donna e le conseguenze di quel trauma su di lei, accusando quella mentalità (solo medievale?) che considera la violenza sul corpo femminile un affronto alla vanità del maschio e lo stupro un crimine contro il legittimo patrimonio di un marito.

Attraverso scene brevi e ampie ellissi vediamo in cinque anni come si è sviluppata (e deteriorata) l’amicizia tra Jean de Carrouges (Matt Damon) e Jacques Le Gris (Adam Driver), i due sfidanti dell’ultimo duello legalmente autorizzato in Francia: prima commilitoni e poi nemici. Motivo di questa rivalità è soprattutto una donna, sposa (ovviamente non per libera scelta) del primo e oggetto del desiderio del secondo. Il film ripropone la stessa vicenda tre volte: prima attraverso lo sguardo di Jean de Carrouges, poi attraverso quello di Le Gris e infine attraverso quello di Marguerite (Jodie Comer).

Se nelle prime due versioni si ripropone uno schema “classico” (ormai vecchio) del cinema americano in costume, in cui due uomini sono al centro di tutto e la questione della violenza sessuale di uno sulla moglie dell’altro è un affare loro, che incide sul loro onore e che devono risolvere necessariamente tra uomini, nella terza versione capiamo la reale intenzione degli sceneggiatori (Matt Damon, Ben Affleck e Nicole Holofcener), cioè farci capire come quel modo di raccontare sia superato e ormai inaccettabile. La terza versione è infatti quella di lei (presentata come la sola attendibile fin dal nome del capitolo che la introduce), quella di una donna devastata dagli eventi narrati, che fino a quel punto sembravano riguardarla come fosse un oggetto.

Pur nella sua rigida e ostentata programmaticità, The Last Duel riesce a dimostrare la propria tesi (chiara fin dall’inizio, scontata e ovviamente inattaccabile) attraverso la prova attoriale di Jodie Comer, bravissima nell’utilizzare espressioni e movenze per suggerire una diversa presenza emotiva nelle tre sequenze che compongono il film (e per rappresentare visivamente la percezione sbagliata che del suo stato d’animo hanno i personaggi maschili). La più grande differenza tra le diverse narrazioni (maschili e femminile) emerge nel modo di recitare di lei: nella scena chiave dello stupro, proposta due volte, prima dal punto di vista dell’assalitore e successivamente dal punto di vista della vittima, è Jodie Comer, attraverso il movimento del proprio corpo, a trovare quell’incredibile dettaglio che il carnefice può strumentalmente usare per giustificare la violenza, appellandosi ad una esitante condiscendenza espressa attraverso un gioco di reciproci inseguimenti (che ovviamente non è davvero tale).

La regia di Ridley Scott, infine, riesce ad evitare che l’atteso duello finale diventi un modo per compiacere lo spettatore che aspettava solo lo spargimento di sangue, il compimento della vendetta, ma trasforma la battaglia in un ulteriore supplizio ai danni della donna, che osserva i due uomini combattere dall’alto di una palafitta di legno (un rogo preventivo) che la tiene sempre in campo, visibile agli occhi di chi guarda.

The Last Duel | un film politico e programmatico con una eccezionale prova di Jodie Comer
3.8 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continue Reading

Cinema

Ancora più bello | La recensione dell’atteso sequel

Published

on

ancora più bello

Dal 16 settembre in sala (i ben 350 copie) grazie a Eagle Pictures, Ancora più bello di Claudio Norza è il sequel del sorprendente Sul più bello, presentato alla 14esima Festa del Cinema di Roma e divenuto in poco tempo un vero e prorpio fenomeno.

Leggi anche: Sul più bello | Interviste a regista e cast della sorprendente teen dramedy

Il motivo è presto detto. Il genere di appartenenza, il teen drama, è tra i più apprezzati e, nella nostra cinematografia, tra i più rari. Ne esistono di buoni esempi, ma tutti o quasi provenienti dal piccolo schermo. Ecco quindi che l’arrivo di un lungometraggio come Sul più bello apre una nuova strada da percorrere ed è visibilmente originale. L’aver poi dato il via a una trilogia lo rende ancor più unico e prezioso.

Ancora più bello | La trama

In questo secondo capitolo ritroviamo quindi Marta (Ludovica Francesconi), alle prese con la malattia genetica che la affligge dalla nascita e con un nuovo amore, il bel Gabriele (Giancarlo Commare). Sono passati 12 mesi da quando la storia con Arturo (Giuseppe Maggio) è finita, ma la ragazza non si è persa d’animo e anzi è andata avanti, con la sua passione per le liste e l’appoggio degli amici.

Giancarlo Commare e Ludovica Francesconi in una scena del film

Dal canto loro, Federica (Gaja Masciale) ha trovato un lavoro che sembra fatto apposta per lei, ma che nasconde qualche insidia, mentre Jacopo (Jozef Gjura) è alla disperata ricerca di un uomo che sappia regalargli emozioni oltre il semplice schermo del cellulare.

La routine dei tre ragazzi procede senza grosse novità, almeno sino a quando Gabriele non viene chiamato per un incarico a Parigi e Marta deve affrontare la relazione a distanza, in attesa che arrivino dei polmoni per il trapianto che potrebbe salvarle la vita.

Nuove tematiche ma il fulcro resta l’amore

Ancora più bello riprende le suggestioni del suo precedente, portando avanti le storie e le dinamiche tra i personaggi. I tre protagonisti ottengono ciascuno un suo spazio separato dagli altri, per cui è possibile andare più a fondo su alcune tematiche, anche di grande importanza, delicatezza e attualità.

Una di queste riguarda il mobbing e le molestie sul lavoro, affrontate sempre attraverso la chiave della commedia, ma non per questo meno efficaci. Al tempo stesso aleggia sulle vicende la malattia con la sua inesorabilità. Ma il fulcro di tutto è e resta l’amore, inteso nelle varie sfumature: a distanza, fisico, platonico, familiare. Con tutto ciò che si porta dietro, soprattutto in un’età come quella di Marta & Co. fatta di scoperte, di passione, di stravolgimenti.

Grandi emozioni e ottimi protagonisti

Le emozioni la fanno ovviamente da padrone in un prodotto simile, arricchito da questa estetica pop, vivace e accattivante, a cui fa eco la colonna sonora. Il tema musicale che riprende il titolo di Alfa e la nuova canzone portante, Ophelie, di Oscar Anton, accompagnano lo spettatore e lo portano dentro la narrazione, al fianco dei protagonisti.

Leggi anche: Skam Italia 2: intervista esclusiva ai protagonisti e qualche anticipazione

E se la Francesconi, la Mascjale e Gjura possono contare su una sintonia ormai ben assodata (e leggibile anche dalla sala), un ottimo lavoro fanno le new entry. Giuseppe Futia sa come sfruttare fascino e autoironia, Jenny De Nucci è straordinariamente simpatica. Commare riceve un testimone pesante, ma lo gestisce alla perfezione, forte di una bella personalità e di una grande sensibilità (già apprezzate in Maschile singolare).

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari