Connettiti a NewsCinema!
sei ancora qui sei ancora qui

Cinema

Sei Ancora Qui, il dolore intimo e dark della perdita con Bella Thorne

Pubblicato

:

Dopo Il Sole a Mezzanotte il regista Scott Speer torna a dirigere Bella Thorne in Sei Ancora qui, il film ispirato all’omonimo romanzo di Daniel Waters, nelle sale italiane dal 27 Settembre con Egle Pictures. Questo successo letterario young adult esplora l’intrigante legame tra la vita e la morte con una nuova versione degli amati zombie che, per anni, hanno popolato il piccolo e grande schermo.

Sei Ancora qui, la trama del film

Nel Nord degli Stati Uniti un esperimento scientifico top secret provoca una tragedia di enormi proporzioni in cui milioni di persone perdono la vita. Tra questi c’è anche il padre di Ronnie Calder, una ragazza come tante che deve provare ad andare avanti senza l’affetto di un genitore che considerava un punto di riferimento. Ora il mondo è come una enorme casa infestata, poichè le anime perdute in quell’incidente catastrofico vagano ancora per i luoghi che hanno fatto parte della loro vita, ripetendo all’infinito un’azione. Secondo le regole diffuse tra gli abitanti della cittadina in cui Ronnie abita e va a scuola, i cosiddetti “redivivi” non possono toccare, parlare o interagire in alcun modo con gli esseri umani, limitandosi ad apparire e svanire nel nulla senza un apparente motivo. Ma una serie di eventi che coinvolgono la protagonista sembrano dimostrare il contrario e occorre fare chiarezza per capire se quelle regole siano vere o inventate solo per tranquillizzare gli animi e non seminare il panico.

Bella Thorne e Richard Harmon in Sei Ancora Qui

Bella Thorne e Richard Harmon in Sei Ancora Qui

Bella Thorne e un cast magnetico

Sei Ancora qui è un thriller sovrannaturale che strizza l’occhio a fenomeni come Twilight o Warm Bodies, ma ha una sua identità che unisce tensione e poesia per regalare un prodotto di puro intrattenimento che funziona. La sceneggiatura mantiene un ritmo dinamico e racconta una storia inverosimile con intelligenza e sensibilità, mettendo al centro la fragilità di una persona che perde per sempre un proprio caro e inizia a vivere nella speranza di poterlo rivedere ancora una volta. Il dolore spesso si supera grazie al ricordo, ma rivedere ogni giorno qualcuno che ha perso non permette a Ronnie di voltare pagina, come

Il tema della perdita guida l’emozione di un film che coinvolge e commuove, rimanendo comunque in una dimensione narrativa per teenager. Bella Thorne e Richard Harmon hanno una presenza magnetica sullo schermo e riescono quasi a ipnotizzare lo spettatore con i loro lineamenti irregolari che permettono una profonda espressività. E il ruolo di Dermot Mulroney che per molti resta sempre l’affascinante “migliore amico” di Julia Roberts nel film di P.J. Hogan del 1997, ricopre un ruolo convincente.

Dermot Mulroney

Dermot Mulroney nel film Sei Ancora Qui

La perdita tra realtà e fantasia

Sei Ancora Qui respira e si muove in una dimensione dark intima e malinconica, e Speer programma puntualmente scene suggestive a livello visivo che sembrano riprendere i momenti immersivi de Le Verità Nascoste o il recente La Forma dell’Acqua. Il montaggio serrato di suggestioni inquietanti invece sembra ricordare The Ring. Flashback, allucinazioni, presenze che appaiono a sorpresa secondo il più tradizionale copione dei ghost movies, sono tuttavia calibrati bene e utili all’effetto finale del film. Un thriller che emoziona e intrattiene con una sua dignità, pur rispettando la struttura di un classico teen movie.

Sei Ancora Qui, il dolore intimo e dark della perdita con Bella Thorne
3.5 Punteggio
Pro
Effetti speciali convincenti Ritmo dinamico Bella Thorne magnetica
Contro
Storia prevedibile Qualche forzatura per renderlo un teen movie
Riepilogo Recensione
Un film confezionato come teen movie che ricorda molto Twilight come atmosfera e narrazione. Tuttavia l'estetica e il contenuto mantengono una loro dignità per un prodotto di intrattenimento che coinvolge, diverte e commuove con intelligenza.
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Copia Originale, la recensione del film con una Melissa McCarthy da Oscar

Pubblicato

:

copia originale

Copia Originale è un film di perdenti. Anche quando i due protagonisti, eterni ultimi, ruote di scorta di una società che sembra poter fare a meno di loro, decidono di mettere in atto un personale piano criminoso attraverso il quale ottenere soldi (e solo in seconda battuta riscatto sociale), sembrano sempre e comunque inoffensivi e patetici. Melissa McCarthy è bravissima a suggerire questa condizione quasi “antropologica” del suo personaggio, anche solo attraverso gli sguardi e i movimenti del corpo (fondamentale in questo il suo passato da attrice comica in commedie slapstick e dall’umorismo molto fisico).

È lei l’attrice che presta il volto alla protagonista di Copia Originale, ovvero la misantropa Lee Israel, biografa ormai in decadenza che decide di “vendicarsi” nei confronti di un mondo dell’arte che non l’ha mai davvero considerata, a cui comincia a rifilare una serie di lettere scritte da lei spacciandole per missive private di celebri autori. Il film di Marielle Heller sembra essere retto dalle incredibili prove attoriali della già citata McCarthy e di Richard E. Grant, nei panni di Jack Hock, omosessuale affascinante e pericoloso (per sé e per gli altri). Grant trova finalmente nella sceneggiatura di Nicole Holofcener e Jeff Whitty il materiale giusto per far emergere le sue straordinarie doti di caratterista, spesso “disinnescate” da ruoli non alla sua altezza.

copia

Copia Originale: Melissa McCarthy è il film 

Melissa McCarthy proviene da un mondo (quello della stand-up comedy) a lungo considerato esclusivamente “maschile”. Ha quindi cominciato a muovere i primi passi nell’industria storicamente maschilista del cinema dal genere più maschile in assoluto. Già nel remake femminile di Ghostbusters, McCarhty sembrava tradurre su schermo questa sua esperienza personale, vestendo i panni di una donna a cui non veniva riconosciuto il merito del suo lavoro (di acchiappafantasmi, in quel caso). Così anche in Copia Originale, la sua Lee Israel è una donna il cui talento non viene riconosciuto.

L’attrice fa di tutto per far emergere l’umanità di un personaggio che invece la sceneggiatura sembra concepire innanzitutto come sgradevole. Nelle sue “copie”, Lee Israel non si limita a ricalcare con invidiabile precisione la calligrafia delle celebrità e ad imitarne lo stile di scrittura, ma finisce persino per dare una profondità nuova ai loro scambi epistolari (sarà proprio una sua “aggiunta emotiva” a destare i primi sospetti).

Copia Originale: un “buddy movie” travestito da dramma

La dinamica che si instaura fra i due falsari è quella tipica dei classici “buddy movie” americani: due vecchi amici uniti da un obiettivo comune, quello di venire fuori da una situazione difficile nella quale entrambi (anche se per ragioni diverse) vivono. Marielle Heller riesce a valorizzare il lato drammatico di Melissa McCarthy affidandole un personaggio che ha le stesse caratteristiche di molti di quelli da lei precedentemente interpretati (cinismo, durezza, insofferenza), anche se stavolta il film declina queste caratteristiche nella chiave dell’amarezza e non in quella della comicità.

Come spesso avviene nei film che parlano di crimini compiuti per una ragione di riscatto, anche il film della Heller cercherà di farci sembrare “giusto” il piano della protagonista. Il film fa questo indicando la stessa Lee Israel come prima responsabile di ciò che di male le accade, ma contrapponendola ad una umanità così deludente che la fa apparire come la sola dalla parte della ragione. Copia Originale riflette sul valore della contraffazione. Nella scrittura, come al cinema.

Copia Originale, la recensione del film con una Melissa McCarthy da Oscar
75 Punteggio
Pro
Melissa McCarthy straordinaria, un ottimo ruolo per Richard E. Grant
Contro
Regia non sempre incisiva
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continua a leggere

Cinema

Oscar 2019 sondaggio interattivo: vota con NewsCinema!

Pubblicato

:

oscar 2019

Sei già pronto a trascorrere la notte del 24 Febbraio incollato alla tv per seguire la cerimonia di premiazione degli Oscar 2019? In attesa della consegna ufficiale delle statuette più ambite tra le numerose nomination, NewsCinema invita i suoi lettori a votare i loro personalissimi Oscar 2019, divertendoti qualche minuto con il sondaggio qui sotto o sulla pagina Facebook. Cosa aspettate?

Quando saranno noti i vincitori degli Oscar 2019 vedremo se i lettori di NewsCinema avranno indovinato o meno i nomi dei fortunati che torneranno a casa con l’ambito premio. Abbiamo piena fiducia in voi e Buon cinema a tutti!

Continua a leggere

Cinema

Highwaymen – L’Ultima imboscata, il trailer del film Netflix con Kevin Costner

Pubblicato

:

highwaymen

A partire dal 29 Marzo sarà disponibile su Netflix il film Highwaymen – L’Ultima imboscata con Woody Harrelson e Kevin Costner nei panni dei due protagonisti principali, per la regia di John Lee Hancock. Potete vedere il trailer nel player qui sopra.

I fuorilegge fanno notizia. I poliziotti fanno la storia. Highwaymen – L’Ultima Imboscata la storia mai raccontata dei detective leggendari che hanno fermato definitivamente Bonnie e Clyde. Quando l’intero FBI e le ultime tecnologie forensi non sono sufficienti per catturare i criminali più noti della nazione, due ex-Texas Rangers devono fare affidamento sul loro istinto e sulle loro abilità per portare a termine la missione.

Continua a leggere

Film in uscita

Febbraio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Marzo

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X