Connettiti a NewsCinema!

CineComics

Spider-man: Homecoming, Tom Holland a Roma: “Se avessi i superpoteri non sarei un buono!”

Pubblicato

:

Il 6 Luglio arriva nelle sale italiane Spider-man: Homecoming, il nuovo film Marvel diretto da Jon Watts che lancia il giovanissimo Tom Holland nei panni “dell’amichevole Spider-man di quartiere”, precedentemente interpretato da Tobey Maguire ed Andrew Garfield. Dopo aver debuttato a teatro con il musical Billy Elliot in tenera età, Tom Holland si è fatto notare sul grande schermo in The Impossible come figlio di Naomi Watts e Ewan McGregor, in Moby Dick di Ron Howard al fianco di Chris Hemsworth e nel recente Civiltà Perduta, ancora nei cinema.

Il nuovo Spider-man è un ragazzo adolescente che abbiamo visto in poche scene di Captain America: Civil War, in cui Tony Stark (Robert Downey Jr.) lo recluta diventando un po’ il suo mentore. Entusiasta della sua esperienza con gli Avengers, Peter torna a casa, dove vive con la zia May (Marisa Tomei), sotto l’occhio vigile di Stark. Peter cerca di tornare alla sua routine quotidiana, ma quando appare l’Avvoltoio (Michael Keaton), tutto ciò a cui Peter tiene maggiormente viene minacciato.

Dopo aver visto in anteprima un footage di appena 15 minuti, che non possiamo commentare prima di fine Giugno, abbiamo avuto il piacere di assistere alla conferenza stampa di Spider-man: Homecoming a Roma, alla presenza del giovane attore Tom Holland e del regista Jon Watts, che ci hanno parlato del film, aumentando ancora di più la nostra curiosità.

Conferenza stampa di Spider-man: Homecoming a Roma

1) In che modo il tuo Spider-man è diverso dai precedenti e cosa ci hai messo di tuo?

Tom Holland: Per me la sfida è stata quella di costruire un personaggio unico e diverso per non mostrare alla gente cose già viste. Tornare al liceo, avere un personaggio ben inserito nella realtà era il mio pensiero, e mi sono chiesto cosa succederebbe ad un quindicenne che scopre di avere dei poteri speciali. I superpoteri sono spesso considerati un un onere ma lui non la vive così, si vuole divertire.

2) Nel footage appare l’Avvoltoio come rappresentate del proletariato contro il capitalista Tony Stark che sembra averlo rovinato. Questo tema della lotta di classe torna nel film? E per caso avete visto Lo Chiamavano Jeeg Robot perchè l’idea del mezzo alieno per rubare un bancomat succede anche  nel film di Gabriele Mainetti?

Jon Watts: Io volevo pensare a Spiderman come un livello basico di supereroe, e pertanto ho voluto provare a creare anche un cattivo a livello basico, immaginando cosa accadrebbe se un cattivo normale avesse un superpotere come un quindicenne qualunque che si accorge di essere speciale. No, non ho visto Lo Chiamavano Jeeg Robot, mi sembra un grand film. Abbiamo rubato da molti fonti ma non da quello.

Tom Holland presenta Spider-man: Homecoming a Roma

3) C’è un video amatoriale che si vede nel footage e riassume un po’ le azioni di Spider-man in Civil War ricordandoci dove lo abbiamo lasciato. Quel video è stato girato da Tom Holland o avete utilizzato una tecnica differente? E lo ritroviamo nel corso del film o è solo all’inizio?

Jon Watts: Sì, questo video mostra la prospettiva di Peter Parker sulla guerra degli Avengers. Mi sembrava interessante il fatto che lui sia un fotografo, perché oggi tutti siamo fotografi e giriamo video, quindi ho trovato molto divertente usare questa idea per mostrare una prospettiva diversa su questo universo un po’ folle. Diciamo che è una cosa che abbiamo usato per fare un sommario di Civil War, ma lo trovate solo all’inizio del film.

Tom Holland: Sì l’ho fatto io, è una parte divertente del film perché in quell’occasione sono stato anche regista. Giravo un po’ di materiale e poi lo mostravo a Jon che, in caso, mi dava qualche suggerimento.

4) Michael Keaton è stato scelto come l’Avvoltoio per il suo precedente ruolo di Birdman? E Tom come è stato recitare con Michael Keaton e Robert Downey Jr.?

Jon Watts: Non direi che Birdman ha contribuito. La scelta di Michael Keaton è stata dettata semplicemente dal fatto che lo trovo un attore straordinario che dà sempre una forza straordinaria ad ogni suo ruolo. Ricordo che quando ci ho lavorato sul set pensavo: “Omg, sto parlando con Bettlejuice!”

Tom Holland: Sono un fan dei film Marvel da sempre e ora lavorare con Iron Man è un sogno che si realizza. Robert riusciva a portare sul set un livello di umorismo che mi ha aiutato moltissimo. Michael Keaton è terrificante e straonrdinario, si trasforma sul set, e lo adorerete nel film.

Jon Watts regista di Spider-man: Homecoming

5) Sappiamo che a proposito di Robert Downey Jr. hai avuto un’esperienza bizzarra al provino…

Tom Holland: Mi sono presentato al provino e mi hanno detto che lo avrei fatto con Robert Downey Jr. solo venti minuti prima. Così sono entrato nella stanza, l’ho visto, ero terrorizzato e rigido. Poi dopo aver detto alcune battute entra nella stanza il vero Robert Downey Jr. e capisco che avevo parlato tutto il tempo con la sua controfigura. Una figuraccia assurda.

6) L’essere ballerino ti ha aiutato ad affrontare fisicamente il ruolo di Spider-man?

Tom Holland: Certo. Billy Elliot è stato più difficile e avevo 10 anni solamente, con due anni di allenamento alle spalle. È stata una lezione utilissima per tuti i miei lavori. L’elasticità aiuta molto perché un supereroe richiede molta fisicità. Nel film vedrete molte scene acrobatiche, scene d’azione abbastanza complesse, ed è stato un allenamento duro ma interessante.

7) Nella vita vera cosa faresti se avessi i poteri di Spider-man?

Tom Holland: Il mio sogno da bambino era essere Spiderman fin dall’età di 5 anni. Se avessi i suoi poteri però farei una rapina in banca e grandi birichinate, non sarei buono.

8) Questo film sembra un cinecomic ma anche un epico movie, diverso dagli altri, come hai fatto?

Jon Watts: Quando andavo a vedere i film Marvel prima di fare questo film, mi sono sempre piaciuti molto e pensavo sempre a come ci si sente ad essere una persona normale, uno che vive a New York quando gli Avengers combattono facendo quel caos per le strade. Con questo film ho esplorato questo elemento in modo specifico, con gli occhi di quindicenne che entra in relazione con questo mondo.

Tom Holland è il nuovo Spider-man

9) Hai combattuto contro l’Avvoltoio e combatterai contro Venom nel nuovo Spider-Man. Contro quale villain vorresti combattere in futuro e quale cattivo vorresti fare?

Tom Holland: Jon, la Marvel e io vogliamo portare sulla schermo tanti cattivi mai visti.

Jon Watts: Mi sono concentrato su questo film ma ancora non so cosa accadrà in futuro. Però mi piacciono i cattivi un po’ sciocchi di Spider-man tipo The Maids che ha la mano come una mazza ed è uno dei miei preferiti. Oppure Morbius, e magari uno Spider-man contro i vampiri per esempio.

10) Tom stai girando per presentare questo film in tutto il mondo, cosa significa per te questo personaggio ed entrare nel mondo Marvel?

Tom Holland: Questo lavoro ha ribaltato la mia vita, quando ho visto il primo film degli Avengers ho desiderato far parte dell’universo Marvel, e oggi promuovere questo film va oltre quello che avrei potuto immaginare. Sono molto fortunato e la Sony e la Marvel mi hanno dato questa grande responsabilità e spero di dare il meglio anche in futuro.

11) Hai saputo di essere stato scelto come il nuovo Spider-man su Instagram vero?

Tom Holland: Avevo fatto dei provini per 5-6 mesi e la Marvel mi aveva detto che avrei avuto una risposta in breve tempo, ma dopo sei settimane la Marvel posta su Instagram una foto con un articolo che invitava a cliccare per scoprire il nuovo Spiderman. Io gridavo, saltavo, il mio cane era terrorizzato e il mio fratellino pensava ad un hackeraggio, dicendo che era impossibile che non mi aveva chiamato nessuno ma lo avevo visto su Instagram. Ma era così.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CineComics

The Toxic Avenger: sceneggiatura e regia affidata a Macon Blair

Pubblicato

:

toxic avenger

Variety riporta che Macon Blair è stato ingaggiato per scrivere e dirigere un reboot del cult The Toxic Avenger per Legendary. L’esordio alla regia di Blair è stato presentato per la prima volta nel 2017 e ha vinto il Gran Premio della giuria al Sundance Film Festival. Blair ha recitato in Blue Ruin, Green Room, Murder Party, Gold, Logan Lucky, American Woman e nel film horror di Netflix Hold the Dark .

La commedia originale del 1984, prodotta da Lloyd Kaufman e Michael Herz, è ambientata nella città fittizia di Tromaville, NJ, e incentrata sulla figura di un mite custode di un centro benessere che viene lanciato dalla finestra del secondo piano da alcuni bulli. Il povero uomo atterrato in barile pieno di rifiuti tossici, una volta entrato in contatto con alcuni prodotti chimici, si trasforma nel ‘Vendicatore tossico’ in grado di combattere i bulli e la corruzione grazie alle sue dimensioni e alla sua forza sovrumana.

Il film originale ha dato il via a un franchise, tra cui sequel, The Toxic Avenger Part II , The Toxic Avenger Parte III: The Last Temptation of Toxie e Citizen Toxie: The Toxic Avenger IV , nonché una strana produzione musicale, un film per bambini serie di cartoni animati e un fumetto Marvel. Kaufman e Herz lavoreranno come produttori al reboot della Troma Entertainment, con Alex Garcia e Jay Ashenfelter che supervisionano per Legendary. Lo studio ha acquisito i diritti sul film a dicembre.

Continua a leggere

CineComics

Avengers: Endgame, il nuovo commovente trailer italiano

Pubblicato

:

avengers: endgame

Marvel Studios presenta Avengers: Endgame, il quarto atteso capitolo dell’epica saga dedicata ai supereroi più potenti della Terra, in arrivo nelle sale italiane il 24 aprile. Ambientato dopo le vicende di Avengers: Infinity War, il film vedrà inoltre il ritorno sul grande schermo di Carol Danvers, la potente supereroina protagonista del lungometraggio Marvel Studios Captain Marvel, attualmente nei cinema.

Arrivato nelle sale italiane il 6 marzo, il film domina il box office italiano con un incasso di 5.7 milioni di Euro, registrando un risultato globale di oltre 500 milioni di dollari nella prima settimana di programmazione. Diretto da Anthony e Joe Russo, il quarto atteso capitolo della saga targata Marvel Studios arriverà nelle sale italiane il 24 aprile.

Continua a leggere

CineComics

Captain Marvel, 15 cose da sapere sul fumetto originale

Pubblicato

:

Captain Marvel

Il debutto di Carol Danvers nel fumetto Marvel Super-Heroes # 13 del 1968  – più comunemente conosciuta come Capitan Marvel – ha contribuito a renderla uno dei personaggi più importanti della Marvel, conquistando il cuore di molti lettori con la sua determinazione e l’impressionante serie di super poteri. Piena di forza e simbolo di un  buon eroismo vecchio stile, è diventata una presenza luminosa nell’Universo Marvel, in grado di affrontare praticamente tutto ciò che le si palesa sul suo cammino. Detto ciò, data la lunga storia di Carol, circa 50 anni di fumetti, allo stesso tempo risulta anche come il personaggio che ha avuto più momenti bui.

Durante la sua permanenza sia come Marvel che come Captain Marvel, Carol Danvers è riuscita a superare costantemente l’oscurità inesorabile della sua vita, lavorando sui suoi problemi con pura determinazione e auto-consapevolezza. In occasione dell’uscita del film Captain Marvel, abbiamo pensato fosse interessante scoprire 15 curiosità di questo personaggio.

15. In parte Kree

Sebbene possa sembrare molto umana, chi non ha familiarità con Carol Danvers potrebbe essere sorpreso di apprendere che in realtà è in parte Kree – ma non nel modo in cui si potrebbe pensare. Nata come umana, le avventure di Carol con Mar-Vell alla fine hanno portato il suo DNA a fondersi con il suo, dopo che la coppia è stata investita  dall’esplosione di un dispositivo “Psyche-Magnetron”. Geneticamente parlando, questo rende Carol sia umana che Kree, dando al futuro Captain Marvel il suo set iniziale di super poteri. In effetti i legami genetici del personaggio con il Kree, probabilmente, hanno qualcosa a che fare con il ritorno di Ronan l’accusatore e Phil Coulson – quest’ultimo è stato recentemente legato a un’avventura nei viaggi nel tempo in  Agents of SHIELD  – nel prossimo film Captain Marvel.

14. Dalla parte ‘sbagliata’ di entrambe le guerre civili

Il principale problema con entrambe le grandi storie di Civil War della Marvel è che, nonostante la loro intenzione di creare una battaglia etica interessante e divisiva, i cosiddetti “cattivi” di ogni conflitto sono sempre chiari sin dall’inizio. Sfortunatamente, Carol Danvers sembra non essere al corrente di questa consuetudine, sia durante la prima e sia nella seconda guerra civile. Combattendo dalla parte di Tony Stark nella prima guerra, l’intento di Carol era quello di ridurre i danni collaterali causati dai superumani – anche attraverso l’autoritario Superhuman Registration Act – ed era in qualche modo comprensibile il suo volere. La seconda guerra civile, tuttavia, ha fatto sembrare Carol molto, molto peggio. Sperando di far rispettare un rapporto di minoranza in un sistema che consentisse di trattare potenziali criminali prima ancora che commettessero un crimine, Captain Marvel non uscì dalla storia in maniera positiva, nonostante avesse le migliori intenzioni. Come se non bastasse, in molti la incolpavano per aver causato la morte di diversi personaggi chiave in tutto il conflitto.

13. Il suo personaggio è stato eliminato dalla serie Jessica Jones

Oltre ad avere un cameo tagliato in Avengers: Age of Ultron , Captain Marvel è stata tagliata in un ruolo molto più grande in Jessica Jones per Netflix. Inizialmente destinata ad apparire accanto a Jessica come la sua migliore amica e confidente superpotente, il personaggio è stato infine rimosso dal progetto a favore di Trish Walker con Rachael Taylor. La showrunner Melissa Rosenberg in seguito ha rivelato che la possibilità di vedere Carol Danvers sul grande schermo possa aver contribuito alla sua rimozione dallo show, preferendo quindi un personaggio meno sviluppato come quello di Trish.

12 personalità split personality ms marvel

12. Una doppia personalità

Dopo l’esplosione di Psiche e Magnetron che ha dato a Carol Danvers i suoi superpoteri, il personaggio ha mantenuto un grave danno al cervello per parecchio tempo. Soffrendo di frequenti blackout, l’identità di Carol si è danneggiata, tanto da causare due entità distinte, Carol Danvers e la Sig.ra Marvel, scatenando il caos nella vita dei civili e dei supereroi. Trasformandosi nel suo alter ego con i superpoteri, ogni volta che il suo settimo senso avvertiva un pericolo imminente, ci voleva un po’ di tempo prima che Carol si rendesse conto che lei era la signora Marvel. Carol non aveva ricordi come la signora Marvel e di conseguenza, lei non aveva ricordi della sua vita umana come Carol Danvers. Tuttavia, dopo aver appreso della sua vita segreta come una supereroina, le due personalità alla fine si sarebbero unite, dando a Carol Danvers piena libertà su entrambi gli aspetti della sua vita.

11. Poteri rubati

Dopo un intenso confronto tra la signora Marvel e Rogue sul Golden Gate Bridge, Rogue ha usato la sua abilità mutante per assorbire i poteri del suo avversario – solo per rendersi conto quanto avrebbe potuto spingersi oltre. Assorbendo troppo potere di Carol, Rogue ha acquisito permanentemente alcune delle capacità, oltre ai suoi ricordi e alla sua personalità, causando un grande lavoro per la sua salute mentale. Allo stesso tempo, Carol viene salvata da Spider-Woman, dall’attacco che la lascia sprovvista di poteri e con i ricordi completamente cancellati. Per fortuna, il Professor X riesce a ripristinare la sua mente, anche se la sua connessione emotiva con il passato resta quasi del tutto interrotta. Oltre a questo i poteri di Carol restano assenti per un bel po’ di tempo dopo l’incidente, segnando una grande svolta nella storia del personaggio.

10. Ha avuto una storia con Rhodey

Essendo romanticamente legato a diversi personaggi Marvel nel corso degli anni, tra cui Wonder Man e Spider-Man, la relazione più recente – e forse più appropriata – di Carol Danvers è con War Machine, aka James Rhodes. Sulla carta i due erano una coppia perfetta. Entrambi funzionari militari di alto rango che capivano la responsabilità di essere un supereroe, ma la loro relazione fu tragicamente interrotta nelle pagine della seconda Guerra Civile. Dopo aver usato le abilità precognitive di Ulisse per tendere un’imboscata a Thanos in rapido avvicinamento, Captain Marvel e War Machine si unirono agli Ultimate nella lotta che seguì. Durante la schermaglia, non solo She-Hulk è finita in coma, ma Rhodey è stato picchiato a morte da Thanos, traumatizzando sia Carol che Tony Stark.

9. Un esperimento ha raddoppiato la sua potenza

In seguito all’assorbimento permanente dei suoi poteri da parte del mutante Rogue, Carol ha trascorso un po’ di tempo con gli X-Men, assistendoli in una serie di missioni di supporto. Durante questo periodo, Carol e gli X-Men vennero in contatto con i Brood, una razza brutale di esseri alieni parassiti. Catturando Carol, i Brood rimasero affascinati dall’esclusivo trucco genetico dell’ibrido umano Kree, eseguendo su di lei numerosi esperimenti tortuosi. Questo sbloccò il vero potenziale nei geni della signora Marvel e, dopo essere stata collegata a un fenomeno cosmico noto come un buco bianco, garantì i suoi poteri quasi divini, rimpicciolendo quelli della sig.ra Marvel. Con questi poteri, Carol prese il nome di Binary, e sebbene i suoi nuovi poteri finirono per sparire, riuscì a mantenere anche alcuni dei suoi poteri cosmici in modo permanente – rendendo la signora Marvel ancora più potente di quanto non fosse già.

8. La carriera da redattrice

Dopo la sfortunata partenza di Carol dalla sua carriera alla NASA, l’eroe high-flying si è presto aggiudicata un nuovo lavoro stando al fianco di J. Jonah Jameson al Daily Bugle. Impiegata come redattrice del Woman Magazine  – una sussidiaria del Daily Bugle creata per salvare i numeri in calo della carta – non ci volle molto perché Danvers e Jameson si facessero a pezzi. Mentre Jameson insisteva nel riempire la rivista con consigli dietetici, ricette e altri pezzi superficiali, Carol si rifiutò di seguire la visione di Jameson, scegliendo di esplorare questioni femminili più importanti. Nonostante la reputazione di Jameson è segnata per aver sparato a Peter Parker, senza averlo mai davvero licenziato, sembra che fosse serio nel lasciar andare Carol, sostituendola con un nuovo editore a causa delle diverse idee per la rivista.

house of m 7

7. La vita parallela a “Casa di M”

Non è un segreto che Carol Danvers abbia avuto una vita difficile nel corso della sua carriera da super eroina, ma il fatto che lei riesca a tirare sempre su la testa nonostante gli ostacoli incontrati sulla sua strada, dice molto del suo personaggio. Determinata a proteggere il pubblico a qualunque costo, Carol ha anche il forte desiderio di essere amata e rispettata dai civili che protegge. Questo è esattamente ciò che ottiene durante la storia di “House of M”, in cui Scarlet Witch altera drasticamente la realtà stessa, creando un mondo in cui molti degli eroi della Terra stanno vivendo i propri sogni personali. Tra questi eroi c’è Captain Marvel, diventata l’eroina più riconosciuta e amata del pianeta. Tuttavia, quando alla fine la realtà viene ripristinata, Carol è affranta dalla battuta d’arresto, ma alla fine riesce a servirsi di quell’esperienza per trasformarsi nella migliore versione di se stessa.

6. Ha scritto un articolo contro la NASA

Dopo i suoi anni formativi come membro della US Air Force, il passo successivo nella carriera di Carol Danvers superò di gran lunga le sue aspettative. Diventa la responsabile della sicurezza per la NASA. Danvers venne incaricata di seguire i movimenti dell’impero di Kree, cercando di scoprire di più sul guerriero Kree e sull’eventuale amico di Carol, Mar-Vell. Dopo aver stretto amicizia con quest’ultimo durante le loro avventure, Carol alla fine si imbatte nel dispositivo di Psiche e Magnetron che rendendola giovane eroina con i super poteri, i cui effetti collaterali includevano blackout persistenti. Naturalmente, questo – combinato con il suo fallimento nel riportare Mar-Vell alla NASA – ha messo a dura prova il suo ruolo di direttore della sicurezza, portando addirittura Carol a dimettersi. In seguito, Carol ha scritto un articolo rivelatore sulla NASA richiamando una  notevole attenzione, portandola a prendere parte alla redazione del Daily Bugle.

5. Ha avuto una crisi di identità

Sebbene molti supereroi assumono diversi mantelli nel corso delle loro rispettive storie, molto spesso hanno un’identità iconica che diventa sinonimo del loro personaggio. Carol Danvers è un’eccezione a questa regola. Inizialmente famosa per la sua identità civile, nelle pagine di Marvel Super-Heroes , diventa presto la sig.ra Marvel per diversi decenni – tanto da restare come uno dei titoli più riconosciuti del personaggio. Negli ultimi anni, tuttavia, Carol ha assunto il ruolo di Capitan Marvel – in omaggio al suo ex mentore – che probabilmente diventerà il soprannome più strettamente legato al personaggio grazie al film Captain Marvel del MCU . Oltre a questo, Carol è stata anche Binary – la versione di se stessa a energia cosmica – e Warbirds in uno dei periodi più bui del personaggio.

4. La fine della signora Marvel

È diventato come un rito di passaggio per i supereroi essere uccisi e riportati in vita in modo sempre più contorto, e questo riguarda anche Carol Danvers. Esiliata nel Limbo del controverso Avengers # 200, ci vuole del tempo prima che Carol possa ritornare. Poco dopo, Rogue assorbe in modo permanente i poteri e la personalità della signora Marvel. Durante la successiva lotta di Rogue con il controllo della presenza di Carol nella sua mente e nel suo corpo, una versione fisica della signora Marvel viene espulsa dalla sua forma fisica – sebbene la scaramuccia tra Rogue e Carol venga rapidamente interrotta quando Magneto uccide questa nella versione di Carol. In particolare, tuttavia, la signora Marvel viene assassinata nella trama del “Regno Oscuro”, dopo che Norman Osborn recluta Ghazi Rashid per ucciderla – il risultato finale finisce con la scomparsa della sig.ra Marvel prima dell’esplosione di energia.

3. Ha fatto parte di diverse squadre

Come civile, Carol sembra sempre avere un lavoro incredibilmente importante o altro, sia che lavori per l’Air Force, la NASA, la CIA o SHIELD. Tuttavia, come supereroe, Carol è ancora più impegnata, essendo un membro di spicco dei Vendicatori e delle sue varie squadre di spin-off tra cui i Nuovi Vendicatori, i Potenti Vendicatori e A-Force. Serve anche come membro fondatore degli Ultimate, mentre agisce come il leader del programma Alpha Flight Space. Nonostante non fosse un mutante, Carol guadagnò anche un posto temporaneo sugli X-Men, assistendo la squadra durante la sua guarigione. Per completare il tutto, Carol è stata associata agli Starjammers, ai Defenders, agli Excalibur e si è unita ai Guardiani della Galassia per un breve periodo.

2. Dipendenza da alcol

Nella storia della signora Marvel ci sono diversi momenti bui. Il personaggio in questione è stato sottoposto a una serie di tragedie in rapida successione – che includevano la morte brutale del suo fidanzato per mano di Mistica, il suo rapimento e il successivo lavaggio del cervello, torture, come  il suo depotenziamento ad opera di Rogue oltre alla perdita dei poteri acquisiti nei panni di Binary. In seguito a tutto ciò, Carol si unì agli Avengers come Warbird, durante i quali sviluppò una sfortunata – seppur comprensibile – dipendenza dall’alcol. Con la sua decisione di non dar voce alla sua sofferenza pesando pesantemente su di lei, il suo alcolismo ha avuto un impatto negativo sul suo lavoro di supereroe, e alla fine Carol è stata costretta a lasciare i Vendicatori. Tuttavia, con l’aiuto dell’altro alcolizzato Tony Stark riuscì a riportarla sulla strada giusta, facendo tornare Carol più forte che mai.

1. Il difficile fumetto numero 200 di Avengers

Ricordata come una delle storie più toste dei Vendicatori mai raccontate, il famigerato Avengers # 200 inizia con la signora Marvel che scopre improvvisamente e inaspettatamente di essere incinta. Come si è scoperto, la signora Marvel era stata rapita da un essere extra dimensionale di nome Marcus, che poi l’aveva intrappolata nel Limbo. Sottoposta a lavaggio del cervello e costretta a innamorarsi di Marcus, Carol era stata ingravidata dalla sua essenza contro la sua volontà, e rimandata sulla Terra per dare alla luce il suo violentatore. La storia ha suscitato notevoli critiche e indignazione per la sua liberazione grazie ai temi troppo oscuri del fumetto, così come alla noncuranza con cui sono stati affrontati gli eventi traumatizzanti della storia. Tra i molti detrattori della storia c’era nientemeno che il famoso scrittore Chris Claremont, il quale tentò di annullare la storia nell’Annuario # 10 dei Vendicatori – anche se ormai il danno era già stato fatto.

Consigliati dalla redazione

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Marzo, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Aprile

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X