Connettiti a NewsCinema!

Festival

33TFF: Sarah Gavron ed Abi Morgan presentano Suffragette: “Il volto della povertà è femmina ancora oggi”

Pubblicato

:

In attesa di vederlo nelle sale italiane nel 2016, Suffragette ha aperto la 33° edizione del Torino Film Festival. La regista Sarah Gavron, la sceneggiatrice Abi Morgan e la produttrice Faye Ward sono state ospiti del festival piemontese, raccontando le origini di questo ambizioso progetto e spiegando le scelte che hanno permesso la realizzazioni di un film intenso e carismatico, che offre diversi spunti di riflessione sulla lotta femminile alla conquista del diritto di voto nell’Inghilterra dell’800. Invece di fare un biopic volevamo cogliere gli elementi di contemporaneità ed attualità della lotta di Maud e le altre donne, toccando temi come la disparità del trattamento salariale, la tutela dei figli ed altri argomenti ancora molto attuali in molti paesi nel mondo” ha dichiarato la regista durante la conferenza stampa. 

Carey Mulligan è Maud, una moglie e madre lavoratrice la cui vita cambia per sempre quando viene segretamente reclutata per unirsi al crescente movimento delle suffragette del Regno Unito. Galvanizzata dalla fuggitiva fuorilegge Emmeline Pankhurst (Meryl Streep), Maud diventa un’attivista per la causa insieme a donne provenienti da tutti i ceti sociali. Quando le sempre più aggressive forze di polizia si muovono contro Maud e le sue compagne, le suffragette entrano in clandestinità e intensificano la lotta smuovendo la nazione con la disobbedienza civile e dando il via ad un dibattito mondiale. “Avevo già scritto una sceneggiatura per un biopic, The Iron Lady, e la sfida in questi casi è prendere una vita significativa e riuscire a contestualizzarla in un preciso periodo storico. In questo caso la storia vera di questo movimento sociale si articolava nell’arco di 50 anni, ma i primi anni riguardavano in particolare la lotta pacifica e noi ci siamo concentrati sui 16 mesi cruciali che hanno rappresentato i momenti più significativi per la lotta di queste donne, introducendo il personaggio di finzione di Maud che riassume l’atteggiamento di tante donne che sono passate dall’essere osservatrici passive a diventare delle vere e proprie militanti, cercando di andare ad indagare le motivazioni che hanno spinto tante di loro a mettere a repentaglio le proprie professioni, la famiglia, la casa per abbracciare questa lotta” ha sottolineato Abi Morgan che firma anche in questa occasione una sceneggiatura lineare e convincente, cuore del film.

suf4

Avevamo notato la mancanza di un film che parlasse di questo periodo storico e di questa importante scelta. L’importanza cruciale delle suffragette per tutti noi nella società di oggi. Volevamo trovare quindi dei punti di contatto che risuonassero per il pubblico odierno e che fossero di ispirazione, non soltanto per un impegno politico ma per invitare tutte le donne a diventare quello che realmente vogliono essere. Ho realizzato con Sarah Gavron anche il suo primo film ‘Brick Lane’ che parlava di una donna musulmana nella comunità londinese, quindi quello che ci interessa sempre è dare voce a chi questa voce non ce l’ha sul grande schermo” ha aggiunto la produttrice Faye Ward

Noi che viviamo in un’era digitale dove possiamo constatare le disuguaglianze che esistono in tutto il mondo in varie forme, possiamo identificarci nei soprusi che loro vivevano nella loro epoca che in fondo non sono molto diverse da molte situazioni che le donne vivono oggi, pensiamo agli stupri di gruppo in India, ai rapimenti e violenze, al traffico di schiave anche in Gran Bretagna…queste sono donne che non hanno voce e ho dovuto dovuto mettere a tacere la mia vena hollywoodiana che mi portava a parlare del figlio di Maud e Sarah ha resistito al mio impulso ad andare a mostrare i dettagli della sua vita privata. E’ stato più incisivo concludere il film con l’ultimo titolo che vediamo riguardo all’Arabia Saudita che solo nel 2015 ha consentito l’iscrizione alle liste elettorali per le elezioni municipali alle donne che però non possono recarsi da sole ai seggi ma devono essere accompagnate da un uomo e quindi il loro voto è ancora influenzato dalla figura maschile” ha spiegato la sceneggiatrice. Il lavoro prettamente femminile che si cela dietro a questo film sembra aver funzionato molto bene, rimanendo comunque all’interno di un cinema inglese abbastanza tradizionale e canonico, ma non retorico. 

suf

Questo film è importante per combattere l’astensionismo giovanile un po’ in Inghilterra ma anche in Italia” ha tenuto a precisare la regista che ha poi aggiunto: “Gran parte delle reazioni del pubblico femminile alla visione del film è stata: “d’ora in avanti andrò sempre a votare”. Un segno di svolta importante è anche andare ad aggirare una protesta antigovernativa nelle camere del Parlamento adottando un atteggiamento da suffragette per accedere al luogo della vera protesta con una troupe prevalentemente femminile. Ancora 62 milioni di donne che non hanno accesso all’istruzione nel mondo, hanno poca rappresentanza in politica, e il volto della povertà è femmina ancora oggi. E, riflettendo sulla condizione attuale di questo problema, ha concluso: “Credo sia importante un atteggiamento radicale cercando di apparire nei mezzi di informazione e per fare questo il presupposto è avere complicità tra donne perché solo insieme possiamo arrivare all’uguaglianza. Questo film parla di donne che hanno combattuto per conquistare il diritto di voto, ma la lotta femminile continua e si esplicita in vari ambiti diversi e il punto di partenza giusto credo sia ragionare che ognuno ha diritto di sedersi ad un tavolo. Bisogna raccontare storie che siano spunti di ispirazione e “vedere per essere” è un messaggio fondamentale, esprimere la propria voce e sentire di avere il diritto di realizzare la propria ambizione personale”

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Salina Mare Festival 2019: Premio Troisi al regista Piergiorgio Seidita e all’attore Jacopo Carta

Pubblicato

:

61764358 671897843246262 2659949782730014720 n4264

Targa d’argento molto ambita per gli Artisti Emergenti, quella che quest’anno verrà data al regista Piergiorgio Seidita per il suo cortometraggio L’Inizio e all’Attore Jacopo Carta al Salina Mare Festival 2019. Premi fortemente voluti dal Direttore Artistico Massimiliano Cavaleri, all’Ottavo Anno di vita del Festival più importante della Sicilia, e tra i più importanti d’Italia, che avrà come Madrina anche quest’anno, Maria Grazia Cucinotta.

Piergiorgio Seidita, con la passione per il cinema da sempre, grazie al Nonno fotografo e proiezionista cinematografico, ha già alle spalle partecipazioni ai festival più ambiti d’Italia,  come il Roma Fiction Fest e il Roma Web Fest, già vincitore come Regista Emergente l’anno scorso, sempre al Premio Troisi. Dalle Serie Web più seguite nell’inverno 2011, ai videoclip per cantautori importanti della discografia italiana come Niccolò Agliardi, per finire ai Cortometraggi premiati in molti festival nazionali e internazionali, il secondo Premio Troisi è un ottimo traguardo per il regista, che sembra non voglia smettere di realizzare i propri sogni cinematografici.

Jacopo Carta, figlio del musicista Paolo Carta, è al suo primo premio importante, ma non esente da esperienze cinematografiche e teatrali importanti. Motivo principale per il quale quest’anno riceverà il Premio Troisi come giovane promessa del mondo del Cinema. Alle spalle, collaborazioni con i registi Riccardo Milani, Gabriele Muccino, e lo stesso Piergiorgio Seidita con cui ha lavorato sia davanti la macchina da presa, che sul palco. Guardando i progetti che li hanno visti collaborare insieme, non ci stupisce che dietro a tanta passione e duro lavoro, ci sia una forte amicizia ed empatia tra loro. Un’ottima formula per chi, come loro, vuole arrivare lontano.

Continua a leggere

Cinema

L’Isola del Cinema 2019 a Roma dal 13 giugno al 1° settembre: il programma completo

Pubblicato

:

300x250 isola del cinema4253

L’Isola del Cinema, uno degli eventi culturali estivi di punta della capitale, nel cuore del centro storico, presenta un’edizione speciale. Dal 13 giugno al 1° settembre, per oltre 80 serate, torna lo storico salotto di Cinema e Cultura, ospitato nel suggestivo ed elegante spazio dell’Isola Tiberina. Il Festival, ideato e diretto da Giorgio Ginori, celebra la XXV edizione con anteprime, inediti, premi, concorsi, rassegne tematiche, dibattiti, masterclass, mostre, proiezioni in V.O. e tanti altri appuntamenti imperdibili. L’Isola del Cinema si configura sempre di più come un grande laboratorio contemporaneo di Cinema e Cultura.

In questa nuova edizione ci sono tre temi che vengono portati alla ribalta e vengono rappresentati grazie al linguaggio della settima arte: Innovazione, Ambiente e Turismo. L’attenzione alle nuove tecnologie e a una diversa modalità di fruizione dei contenuti video, si concretizza con la nuova Sala VR (realtà virtuale), in cui sperimentare l’esperienza del Cinema immersivo. In occasione del cinquecentenario, la Modo Comunicazione presenta a L’Isola del Cinema, il suo mediometraggio immersivo in Realtà Virtuale su Leonardo da Vinci. Il contenuto, che ha una durata di circa 20 minuti, potrà essere fruito per mezzo di postazioni di realtà virtuale attrezzate con appositi visori VR.

Il Festival cinematografico e culturale si confronta con le nuove realtà multimediali, presentandosi in una veste rinnovata che vuole essere punto d’incontro tra tradizione ed innovazione, nel rispetto del luogo originario che da sempre lo ospita: l’Isola Tiberina. È sulla scia di questa suggestione che “L’Isola del Cinema”, in occasione della XXV edizione, ha scelto di rendere omaggio alla sua storica “location”, svelandone segreti e leggende. Una vocazione turistica già nota, che porta ogni estate, tra romani e turisti, circa 250.000 visitatori sull’Isola Tiberina; novità di quest’anno saranno tour guidati, che renderanno accessibili luoghi ricchi di storia e mistero attraverso visite serali bisettimanali.

Tra gli ospiti attesi durante l’edizione, il regista Matteo Rovere, che interverrà nella serata di inaugurazione, giovedì 20 giugno, in apertura del film Il primo Re; il 24 giugno interviene Massimiliano Bruno per introdurre al pubblico la sua commedia Non ci resta che il crimine. Il 25 giugno sarà la volta di Alessandro Capitani, in Arena, con il film In viaggio con Adele. Nel mese di luglio altri ospiti d’eccezione: il 7 luglio Valeria Golino, il 17 luglio sarà la volta del regista Giovanni Veronesi e della regista Barbara Miller con il suo documentario Female Pleasure che aprirà la sezione European Women Filmaker, dedicata quest’anno alla Svizzera.

programma isola 13 30 giugno4254

Il programma completo

L’Isola del Cinema” si riconferma, dunque, una stimolante finestra sul cinema italiano ed internazionale: ampio spazio verrà dato ai film italiani, con la sezione Ciak d’Italia e Nuovo Cinema Italiano, senza dimenticare le novità provenienti dall’estero, per un ventaglio di proposte che va dal film d’autore alle opere cinematografiche che si sono maggiormente distinte nel corso dell’ultima stagione cinematografica.

Nove i Paesi che partecipano alla sezione Isola Mondo, con film inediti che verranno presentati in anteprima nazionale, in collaborazione con le Ambasciate e gli Istituti di Cultura. Torna la consueta rassegna “La magia del Cinema in Ospedale”, con proiezioni gratuite nella Sala dell’Assunta dell’Ospedale Fatebenefratelli per i degenti, i loro famigliari e il personale dell’Ospedale. Verranno proiettate settimanalmente commedie italiane per offrire un momento di distrazione e di svago, una sorta di cinematheraphy, anche a coloro che si ritrovano all’interno della struttura ospedaliera.

Per l’Edizione 2019, saranno cinque le Sale in cui si terranno proiezioni, dibattiti, incontri con registi e attori, eventi, premiazioni, reading e rassegne tematiche: la grande Arena, lo spazio Cinelab, che quest’anno sarà all’aperto e ospiterà anche presentazioni letterarie organizzate da Giovanni Fabiano e Maria Castaldo, lo Schermo Tevere e la vicina Sala dell’Assunta all’interno dell’Ospedale Fatebenefratelli, a cui si aggiunge, quest’anno lo Spazio VR & Gaming.

Torna il Concorso di Cortometraggi Mamma e le Città Metropolitane, promosso da L’Isola del Cinema e Maiora Film. L’ottava edizione del Concorso, che diventa quest’anno di respiro nazionale, mette al centro dell’attenzione la città e i suoi abitanti, dal centro alla periferia, per descrivere il complesso rapporto tra il tessuto urbano e la molteplicità di persone che lo vive quotidianamente.

Il Concorso è rivolto a giovani appassionati di cinema under 35 e si estende, in occasione della XXV edizione de L’Isola del Cinema, alle 14 città metropolitane italiane: Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria, Cagliari, Catania, Messina e Palermo.

Il Premio MAMMA ROMA è pari a € 1000 e verrà assegnato al miglior cortometraggio.

Continua a leggere

Festival

Giffoni Film Festival 2019: al via le candidature per il GiffoniRapContest

Pubblicato

:

card 1440x760 rap contest

Dopo il successo dello scorso anno, ritorna il GiffoniRapContest, lo spin off dedicato alla musica urban del Giffoni Film Festival che si svolgerà dal 19 al 27 Luglio presso la Giffoni Music Arenadi Piazza F.lli Lumière di Giffoni Valle Piana (Sa). Una vera e propria RapCall, l’unica del genere in Italia, con l’obiettivo di selezionare  tre artisti campani e tre artisti nazionali da inserire nel programma ufficiale del Giffoni Music Concept – Vivo Giffoni, i concerti e appuntamenti musicali che saranno parte integrante della 49esima edizione del Giffoni Film Festival. Oltre ai già annunciati Anastasio e Mahmood, il programma musicale completo del Giffoni Film Festival 2019, che vede la partnership di Radio105 e Rockolsarà reso noto nelle prossime settimane.

Quest’anno la giuria del GiffoniRapContest avrà, oltre ai padri del contest Don Joe (tra i più importanti produttori e Dj in Italia) e Max Brigante (Radio 105), tre giovani artisti come AnastasioShade e Junior Cally a dare ancora più prestigio al concorso. Un segnale di grande attenzione che il più importante festival per ragazzi del mondo offre alle realtà creative giovanili del territorio regionale e nazionale con l’intento di valorizzare i fermenti artistici emergenti offrendo loro uno dei palchi più qualificati per la nuova scena musicale italiana. La RapCall è rivolta esclusivamente ai musicisti e cantanti di estrazione Urban, Rap e Trap di età compresa tra i 18 e i 40 anni che possono proporsi sia in formazione che da solisti. L’invio delle candidature potrà avvenire da oggi fino alla mezzanotte del 4 luglio. Il 10 luglio verranno annunciati i nomi dei sei artisti selezionati che, durante il Giffoni Music Concept, si esibiranno nel contest. A giudicarli una commissione composta da professionisti del settore, giornalisti e i partecipanti alla Masterclass MUSIC&RADIO 2019.

Premio per il vincitore il supporto al suo progetto discografico con la pubblicazione di un singolo in digitale con la produzione di Don Joe, l’ufficio stampa di MN Italia, ed un passaggio radiofonico su Radio 105 nella trasmissione 105 Mi Casa di Max Brigante. A vincere la prima edizione del #GiffoniRapContest il cantante potentino OloHoma, che ha superato i finalisti salernitani Mikesueg, Young Henry e i trentini Paradise. Oltre ad essersi esibito sul palco del Giffoni Music Concept, l’artista ha avuto la pubblicazione del suo singolo in digitale ed è stato ospite del programma Mi Casa.

Sarà possibile inviare le candidature da oggi fino alla mezzanotte del 4 luglio.

Ecco le modalità di iscrizione:

Inviare email con oggetto “nome della band/artista + RapCall” a musica@giffonifilmfestival.it con:

–       Una breve descrizione del progetto

–       Un brano tramite mp3 o un link (YouTube, Spotify, Soundcloud, Bandcamp)

–       Numero di telefono

–       Scheda tecnica

–       Due fotografie

Ulteriori informazioni saranno disponibili sul sito www.giffonifilmfestival.it

Giffoni è da sempre aperto alle novità del mondo musicale con l’intento di offrire ai ragazzi esperienze uniche e dirette con i grandi nomi del panorama nazionale ed internazionale: nel corso degli anni personaggi come Patti Smith, Pino Daniele, Gianna Nannini, Franco Battiato, Andrea Bocelli, Negramaro, Jovanotti, Shaggy, Ligabue, Giovanni Allevi, Carmen Consoli, Max Gazzè, Elio e le Storie Tese, Fedez, Enzo Avitabile, Giorgia, Club Dogo, Coez, Emis Killa, Clementino,  Rocco Hunt e molti altri si sono confrontati con i ragazzi di Giffoni.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Giugno, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Luglio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X