Connect with us

Serie tv

The Walking Dead, gli 8 momenti più difficili per Rick Grimes

Published

on

The Walking Dead è arrivato ormai alla settima stagione, mantenendo un grande successo sul piccolo schermo con la storia di un gruppo di sopravvissuti che provano ad andare avanti mentre il mondo è stato invaso dagli zombie. Il leader di questo gruppo, Rick Grimes, interpretato da Andrew Lincoln, ne ha viste di tutti i colori, ha sfidato numerosi nemici spietati e al momento deve trovare un modo per liberarsi del villain più feroce di tutti, Negan. Tifando per lui nei prossimi episodi, ripercorriamo insieme i momenti più difficili vissuti dal suo personaggio nel corso delle sette stagioni di The Walking Dead.

“I hear Nebraska’s nice” (Stagione 2, Episodio 8: “Nebraska”)

Entro la metà della stagione 2, Rick aveva fatto fuori diversi zombie. Ma le sue prime uccisioni umane dell’apocalisse sono avvenute in un bar abbandonato, che ha trovato in seguito ad una strage di zombie alla fattoria del veterinario in pensione Hershel. Essi sono stati presto raggiunti da Dave e Tony, due viaggiatori in cerca di rifugio che stavano progettando di fuggire in Nebraska. Ma, dopo aver spinto per la posizione della fattoria di Hershel e chiesto “Cosa suggerisce di fare” Rick dice: “Non lo so…ho sentito che il Nebraska è bello”. Le pistole sono pronte, ma Rick è più veloce con il grilletto, e uccide i due uomini. Non sarà l’ultima volta che l’ex poliziotto è costretto ad uccidere nella serie tv.

La morte di Shane (Stagione 2, Episodio 12: “Better Angels”)

Shane Walsh è stato l’ex socio di Rick e il suo migliore amico dai tempi del liceo. Ma quando Rick era in coma dopo essere stato colpito in servizio, Shane ha iniziato una relazione con sua moglie Lori, pensando che il suo compagno fosse morto in seguito all’apocalisse zombie. Dopo essersi riuniti Shane è stato inizialmente un alleato di Rick, ma presto è diventato un assassino dal cuore di ghiaccio, fino ad attirare Rick in un campo di notte per ucciderlo. Di fronte alla canna della sua pistola, Rick ha tirato fuori un coltello e lo ha pugnalato al petto.

La morte di Lori (Stagione 3, Episodio 4: “Killer Within”)

Rick è entrato in uno dei suoi periodi più oscuri ed instabili in seguito alla perdita della moglie Lori, che è morta dopo un taglio cesareo di emergenza durante la nascita della bambina Judith. Rick è stato perseguitato da allucinazioni, e sentiva la voce di Lori al telefono mentre si era rintanato in una prigione durante la stagione 3. Una volta che ha cambiato il suo atteggiamento distruttivo è diventato freddo e spietato, e le sue visioni si sono fermate.

La morte di Hershel (Stagione 4, Episodio 8: “Too Far Gone”)

Il mite Hershel era stato il cuore e il senso comune del gruppo di Rick come il veterinario anziano nella sua fattoria nella Stagione 2. Ma a metà della Stagione 4, dopo essere stato preso in ostaggio dal Governatore, il suo tempo è finito presto. Rick ha cercato di ragionare con il Governatore, ancora aggrappato alla speranza di Hershel che nessuno è perduto del tutto. Ma il suo nemico non poteva essere persuaso e ha ucciso il vecchio con un colpo di spada di Michonne. La speranza di Rick per l’umanità è stata ancora una volta messa alla prova.

Rick uccide Joe (Stagione 4, Episodio 16: “A”)

Dopo le scene macabre della prigione, Rick non aveva intenzione di lasciare che la sua gente si facesse male e fosse uccisa di nuovo così facilmente. Così, quando un nuovo nemico ha sostituito il Governatore come nemesi principale di Rick, non è mai stato destinato a durare a lungo. Joe, il capo dei Clamers, ha fatto un’imboscata a Rick, Michonne, e Carl sul ciglio della strada una notte e aveva intenzione di lasciare che i suoi uomini aggredissero il ragazzo. Rick ha risposto strappando la gola di Joe con i denti. Lo sceriffo ha mostrato il suo lato più selvaggio.

Fuga da Terminus (Stagione 5, Episodio 1: “No Sanctuary”)

Il ruolo di Rick come macchina per uccidere è stato rafforzato dopo che il gruppo ha raggiunto Terminus, un presunto santuario che è stato però occupato da cannibali assassini. Dopo la fuga dalla morte ancora una volta, Rick ha lasciato una scia di morti cannibali da lì ai boschi circostanti. Ma aveva ancora una promessa da mantenere con il leader.

La strage in Chiesa (Stagione 5, Episodio 3: “Four Walls and a Roof”)

Il desiderio di Rick di vendetta e di sangue è continuato quando ha sfidato Gareth, il capo dei cannibali che avevano messo il suo gruppo in ginocchio. Egli ha promesso a Gareth che lo avrebbe ucciso con un machete con l’impugnatura rossa e ha mantenuto quella promessa dopo un’imboscata in una chiesa.

Negan (Stagione 7, Episodio 1: “The Day Will Come When You Won’t Be”)

Rick ora pensava di essere indistruttibile e di non dover rispondere a nessun uomo, con la sua mente alterata nella più orrenda delle circostanze. Ancora una volta Rick e il suo gruppo, invece, sono in ginocchio di fronte ad un altro nemico: i Salvatori. Come ha fatto numerose volte prima, Rick dice al loro capo che lo ucciderà, ma Negan non è nemico come gli altri. Il leader spietato prende la sua mazza da baseball avvolta nel filo spinato e uccide due dei più stretti amici e alleati di Rick. Dopo aver quasi tagliato il braccio al figlio Carl, Rick crolla. Vedremo cosa accadrà nella seconda parte della stagione 7.

Fonte: IMDB

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Festival

TFF38 | Antidisturbios è la serie spagnola del momento

Published

on

antidisturbios alex garcia scaled 1

Al Torino Film Festival, nella sezione “Le stanze di Rol”, sono stati presentati in anteprima i primi due capitoli (su sei) di Antidisturbios, la prima serie tv diretta Rodrigo Sorogoyen, astro nascente del cinema di genere spagnolo.

Antidisturbios | la serie di Rodrigo Sorogoyen

Il primo episodio della nuova serie di Sorogoyen comincia in medias res: una pattuglia anti-sommosa della polizia di Madrid deve sgomberare alcuni inquilini abusivi da un un condominio popolare su decisione del giudice. Ordinaria amministrazione, almeno apparentemente. Dopo poco, la squadra del comandante Salva, costretta ad occuparsi della faccenda senza ulteriori rinforzi, capisce che ci saranno problemi. L’appartamento è infatti occupato da trenta persone solidali con la famiglia che sta per finire in mezzo alla strada. E nessuno di loro ha intenzione di darla vinta alle autorità senza prima combattere.

Il gruppo di sei poliziotti sceglie quindi di usare le maniere più dure. Durante la colluttazione, un giovane immigrato precipita dalla balaustra e muore sul colpo. L’opinione pubblica preme affinché un colpevole venga consegnato alla giustizia e i ghetti rischiano di esplodere per le tensioni contro le forze dell’ordine. Vengono quindi incaricati gli Affari Interni di approfondire quanto successo. A vedere subito oltre le apparenze di quella che parrebbe una situazione difficile finita male, è la giovane Laia, idealista caratterizzata da una fede incrollabile nella giustizia e da una determinazione inscalfibile nel proprio lavoro. È lei a condurre le interrogazioni quando i suoi colleghi sembrano mollare la presa, ad ascoltare tutte le registrazioni telefoniche e a controllare i profili social delle persone coinvolte. Salta fuori così un video di tutta l’operazione ripreso con il cellulare da una testimone oculare. Da quella testimonianza dipenderà il futuro degli agenti coinvolti.

off antidisturbios 04 lg

Un ritmo forsennato

Rodrigo Sorogoyen, che già in Che Dio ci perdoni aveva messo in scena uno spietato spaccato sociologico della Spagna contemporanea attraverso le forme del cinema di genere (in quel caso il poliziesco), ha conquistato definitivamente il successo in patria con Il Regno, tesissimo thriller investigativo sulla corruzione delle istituzioni spagnole. La prima incursione televisiva del giovane regista iberico si pone adesso come sintesi della sua precedente filmografia, mettendo prima in scena i fatti così come sono avvenuti (quindi il poliziesco) e poi dedicando ampio spazio alle indagini sugli avvenimenti (quindi il thriller investigativo) che lo spettatore ha avuto modo, parzialmente, di comprendere. La regia di Sorogoyen muta e si adatta perfettamente ad entrambi gli scenari: mobile e dinamica nel primo caso, claustrofobica e senza pietà nel secondo, quando indugia sui volti dei protagonisti, tagliando ben oltre il tempo strettamente necessario alla comprensione della scena.

1600979397366 0620x0435 26x0x1001x702 1601021632230

La crisi della mascolinità

La serie si prende tutto il tempo che serve per raccontare i protagonisti coinvolti nella vicenda, ca ominciare dai sette agenti antidisturbios, Diego (il regista-attore Raúl Arévalo), Álex (Álex García), Salva (Hovik Keuchkerian, già visto ne La casa di carta), Úbeda (Roberto Álamo, Goya per Che Dio ci perdoni), Rubén (Patrick Criado) e Bermejo (Raúl Prieto). Ognuno di loro rappresenta una diversa concezione della propria professione, ma anche aspetti differenti di una coscienza maschile in crisi, tra violenza, stanchezza e depressione.

La serie, prodotta da Movistar + (con The Lab e Caballo Films), è scritta da Isabel Peña (storica co-sceneggiatrice di Sorogoyen) con Eduardo Villanueva, Sofía Fábregas e il regista stesso.

Continue Reading

Serie tv

La Regina degli Scacchi | la precoce consacrazione di Anya Taylor-Joy

Published

on

tqg 107 unit 01210rc

La Regina degli Scacchi (o The Queen’s Gambit, come si chiama in originale, in riferimento ad una mossa degli scacchi) è una delle serie migliori dell’anno: conferma un’inversione di tendenza nella qualità media delle serie Netflix e lancia definitivamente una giovanissima attrice come Anya Taylor-Joy nel novero delle grandi interpreti. 

La regina degli scacchi

La regina degli scacchi adatta il romanzo del 1983 di Walter Tevis in cui tanti avevano visto potenzialità per un film: Bernardo Bertolucci era uno di questi, ma anche Walter Hill e Heath Ledger, che dodici anni fa avrebbe voluto debuttare alla regia proprio con questa storia. Una storia di una estenuante ascesa fatta di mille ostacoli e ripartenze, la costruzione di una campionessa (da quando è bambina fino ai 20 anni) che è anche una donna sui cui pesano tanti piccoli traumi e problemi, ma che tuttavia ha una predisposizione naturale per gli scacchi che la porta a essere un prodigio già da minorenne. Non è difficile riconoscere in questo modello quello di Rocky: la parabola di qualcuno con una vita difficile, che però ha una forza d’animo inscalfibile che lo spinge a cambiare se stesso e il mondo che lo circonda.

image

Protagonista e villain allo stesso tempo

Dietro alla nuova serie Netflix c’è Scott Frank, l’artefice dei film migliori degli ultimi 30 anni senza mai diventare noto (nella sua carriera ha scritto cose come Out Of Sight, Minority Report, Io & Marley e Logan). Frank si era innamorato dell’idea di mettere in scena una storia sulla fatica di essere un genio già nel 1991, con il suo copione d’esordio (Il mio piccolo genio, prima regia di Jodie Foster). Per sua stessa ammissione, quel primo esperimento non riuscì bene: quel che aveva in mente era piuttosto qualcosa come La regina degli scacchi, una storia in cui la protagonista fosse anche l’antagonista. E ora l’ha potuta realizzare, rifiutando di fare un film e preferendo la serie, e trovando in Anya Taylor-Joy l’attrice perfetta per il ruolo.

197180

Il futuro di Anya Taylor-Joy

Anya Taylor-Joy è attualmente impegnata sul set di The Northman di Robert Eggers –regista del film di debutto della stessa attrice – e ha recentemente finito di girare come protagonista insieme a Thomasin McKenzie il prossimo horror di Edgar Wrighr, Last Night in Soho. La giovane interprete, infatti, è già diventata una piccola icona del genere horror/fantasy contemporaneo: dopo essere stata feticcio di M. Night Shyamalan, prima con Split e poi con Glass, e dopo aver convinto tutti in The Witch. Sono stati proprio questi successi a fare di Anya Taylor-Joy un volto spendibile anche per operazioni più commerciali e meno autoriali (vedasi Nuovi Mutanti, lo spin-off della saga di X-Men diretto da Josh Boone, in cui la Taylor-Joy interpreta Illyana Nikolievna Alexandria Rasputina).

Ma il ruolo che davvero potrebbe essere quello di una intera carriera arriverà tra qualche anno, con lo spin-off dedicato a Furiosa diretto da George Miller. Ospite nel podcast Happy Sad Confused, Taylor-Joy ha discusso della sua ansia per l’interpretazione dell’ormai iconico personaggio della saga di Mad Max. La giovane attrice adotterà un approccio diverso al personaggio per non scimmiottare la fenomenale interpretazione di Charlize Theron in Mad Max: Fury Road: “Mi sono innamorato di Furiosa, del modo in cui Charlize l’ha presentata. Ha fatto un lavoro incredibile ed è stato così bello che non riesco nemmeno a pensare di provare a mettermi nei suoi panni. Deve essere qualcosa di diverso perché non può essere fatto allo stesso modo”.

Continue Reading

Netflix

Emily in Paris | la recensione della serie glamour con Lily Collins su Netflix

Published

on

emily in paris21 newscinema compressed

Siete alla ricerca di una serie che non duri troppo, che vi faccia viaggiare con la mente e che vi faccia battere il cuore? Perfetto, Emily in Paris è la scelta giusta. Dieci episodi della durata di mezz’ora più o meno, la serie ideata da Darren Star mostra l’ascesa dell’elegante e volenterosa Emily (Lily Collins) catapultata nella città francese per sostituire il suo capo, dopo aver scoperto di essere rimasta incinta. Giunta nella città dell’amore ben presto inizierà a scoprire quanto sia differente la vita lavorativa e privata a Parigi rispetto alla sua Chicago. Così come scoprirà quanto sarà difficile farsi accettare dai suoi colleghi francesi, riluttanti all’idea di dover mettere in pratica il modello americano per far accrescere i loro risultati.

emilyandgabriel newscinema compressed

La trama di Emily in Paris

Bagagli pieni di abiti firmati, smartphone alla mano con soli 48 follower, sono gli elementi che Emily avrà a sua disposizione insieme a grandi capacità nel mondo dei social network. Infatti, il suo compito nell’agenzia pubblicitaria Savoir è quella di curare le pagine social dei vari clienti, creando dei post accattivanti e sfruttando tutte le sue nozioni di marketing apprese fino a quel momento. Lo scontro tra il pensiero americano e il pensiero francese salterà fuori a ogni occasione, creando soprattutto scontri tra il suo capo e lei, nuova arrivata che pensa di dettar legge in un mondo ancorato a vecchi stilemi e valori. E l’amore? Ovviamente in una serie del genere ambientata nella città più romantica del mondo, non poteva mancare questo argomento, con la presenza dello talentuoso chef Gabriel (Lucas Bravo).

Leggi anche: Emily in Paris | il trailer della romantica serie Netflix con Lily Collins

emily in paris opera newscinema compressed

Emily in Paris con un tocco di Gossip Girl

Tutte le ragazze che sono cresciute con Serena Van Der Woodsen e Blair Waldorf e hanno sognato almeno una volta di passeggiare con loro fasciate in abiti super glamour e griffati non possono perdersi questa serie. Ricordate tutti i drammi di Gossip Girl? Bene, cestinateli e tenete solo i vestiti dei maggiori brand di lusso e qualche intrigo amoroso che alla fine vi lascerà con la bocca aperta. Nessuno spoiler, promesso!

D’altronde i chiari riferimenti alla serie tv che ha fatto sognare una generazione nel primo decennio degli anni 2000, sono presenti in molti episodi, soprattutto con uno stilista molto particolare. Lo stile di Emily curato in ogni minimo dettaglio in un’occasione ha ricordato anche la bellissima Audrey Hepburn come vedete nella foto in alto. Vestito nero a campana semplice ed elegante come lei insieme a una pettinatura molto fine è stato bell’omaggio dovuto soprattutto al fisico longilineo della Collins.

Leggi anche: Emily in Paris | il teaser della serie romantica con Lily Collins su Netflix

emilyinparisgirl newscinema compressed

Amore e amicizia si fondono in quel di Parigi

Emily arrivata a Parigi completamente sola, incontrerà casualmente la simpaticissima Mindy (Ashley Park) di origini asiatiche. Scappata in Francia dopo aver fatto una figuraccia mondiale in un talent show, oggi è una stilosa babysitter di due piccole pesti francesi. La seconda amica francese è la gallerista Camille (Camille Razat) incontrata nei pressi della sua abitazione. Grazie a lei riuscirà a ottenere grandi risultati sul lavoro e si dimostrerà essere una valida spalla sulla quale appoggiarsi. Fin quando non verrà fuori una realtà che la lascerà senza parole…

Ed ecco il rapporto speciale tra Emily e il suo dirimpettaio Gabriel. Biondo, affascinante e cuoco sopraffino, il bel danese trasferitosi in Francia molti anni prima, rimane colpito dal primo istante dalla brunetta Emily. Il primo incontro, avvenuto per un errore innesca immediatamente una curiosità negli occhi del bel Gabriel che si dimostrerà essere un vicino perfetto, aiutandola soprattutto con la lingua francese. Da quel momento, i due vivranno dei momenti unici con una location d’eccezione che accompagnerà lunghe passeggiate e situazioni ‘particolari’ provocando la gelosia di entrambi.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari