Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

The Walking Dead: perchè la serie tv ha perso pubblico?

Pubblicato

:

Quando sul canale AMC nella lontana notte di Halloween del 2010 iniziò The Walking Dead, sembrava che il mondo avesse smesso di girare e che gli amanti della televisione di tutto il mondo si fossero trasformati in zombie. E quelli che non sono saliti immediatamente sul carrozzone di The Walking Dead lo hanno fatto più tardi. A lavoro tutti parlavano di cosa fosse accaduto di strano e di incredibile a Rick Grimes (Andrew Lincoln) la notte prima. Le vicende della serie tv ispirate dai popolari libri di fumetti di Robert Kirkman hanno contribuito al successo di The Walking Dead, mettendolo sul podio delle serie televisive più famose degli ultimi anni, accanto a Game of Thrones.

Negli anni successivi, tuttavia, le situazione ha avuto un’inversione di tendenza. Se inizialmente i dati dell’audience erano davvero alti, segnando anche una media di 14,38 milioni di spettatori su AMC, successivamente gli ascolti sono diminuiti sempre di più. Ora che si trova oltre la metà della sua ottava stagione, The Walking Dead è immerso in uno share molto più basso rispetto alla prima – con soli 6,8 milioni di spettatori per l’episodio 10. Tutto ciò porta a chiedersi: perché le persone hanno smesso di guardare The Walking Dead? Vi anticipo che ci saranno degli SPOILER di seguito.

Se la trama e i personaggi principali di una serie tv sono il pane, le sottotrame interne e i relativi personaggi secondari sono marmellata e nutella. L’insieme di tutti questi elementi, rendono un prodotto delizioso perfetto per essere consumato a qualsiasi ora del giorno o della notte.

The Walking Dead: nuovi personaggi come meteore

Nel corso degli anni The Walking Dead ha introdotto una serie di personaggi che molti hanno trovato interessanti e a tratti anche superflui per la storia. Invece di coinvolgere facce fresche (come Andrew J. West Gareth e IronE Singleton T-Dog) nel pieno del loro potenziale, gli scrittori della serie hanno deciso di farli fuori ancor prima che gli spettatori potessero accorgersi di loro. Questo ovviamente non è legato al fatto che si tratta di un cast con poco talento o degno di non essere riconosciuto, ma, dal punto di vista della trama, non sono stati trattati con la stessa attenzione rispetto al cast principale e così gli appassionati hanno trovato difficile affezionarsi a loro. Per questo motivo non c’è da stupirsi se gli spettatori stanno smettendo di guardare The Walking Dead.

Amori sfuggenti

Sappiamo tutti come una storia d’amore negativa può uccidere una buona storia. Sebbene generalmente associato ai film d’azione, il virus del morso d’amore si è diffuso abbastanza, tanto da affondare i denti in The Walking Dead. Ricordate l’incontro di Jessie Anderson (Alexandra Breckenridge) con Rick? Si è acceso e si è spento in un lampo. Lo stesso si può dire per Rick e Michonne (Danai Gurira). Anche se i due sono ancora insieme a partire dall’ ottava stagione, il fuoco tra di loro non è molto passionale per alcuni fan. Molti hanno creduto che la coppia non avesse assolutamente “nessun traporto sessuale” e che la loro relazione “è venuta fuori dal nulla” ed è “completamente scomoda e innaturale“. Anche il rapporto di Abraham Ford (Michael Cudlitz) con Sasha Williams (Sonequa Martin-Green) è stato di breve durata.

Invece di sentire le tiepide risate sui personaggi “pseudo” innamorati e che si stavano sparando a vicenda, i fan hanno iniziato a lanciare gli occhi sulle coppie non essenziali. Quel che è peggio è che le vicissitudini non si estinguono semplicemente e lo spettacolo va avanti; gli scrittori spesso hanno sottolineato la relazione con la morte di uno dei due coinvolti, forse per creare una profondità emotiva, ma alla fine non ci riuscivano. The Walking Dead si è chiaramente perso nell’amore, e alla fine la gente ha smesso di guardarlo.

Il fascino letale dei cattivi

In generale si suppone che i cattivi siano antipatici. Certo, gli antagonisti con un passato complesso e che una volta erano piccoli e vulnerabili offrono un certo entusiasmo al tradizionale binomio eroe / ladro. Jeffrey Dean Morgan nel ruolo di Negan non è uno di quei personaggi. Il sarcastico e sinistro Negan è terrificante fino al midollo, un’impressione one-to-one del malvagio incessantemente peccaminoso raffigurato nei  fumetti di The Walking Dead. Dal momento in cui è entrato nel cast, gli spettatori sapevano che una nuova vagonata di problemi sarebbe arrivata in città.

Ma poi ha massacrato due personaggi preferiti dai fan in un modo inutilmente crudele. Negan, entrando in scena e sconvolgendo il mondo di The Walking Dead, ha portato direttamente alla morte Glenn e Abraham – che non erano solo violenti, viscerali e incredibilmente infernali per lo stomaco, ma erano anche l’ultima goccia per molti spettatori. I fan hanno gridato ai social media che il loro cuore era spezzato, e i critici hanno affermato che Negan aveva “rovinato” The Walking Dead  e gli spettatori sono scesi da 17 milioni nella premiere della settima stagione incentrata su Negan a 10,4 milioni solo un mese dopo.

The Walking Dead ha sempre colpito duramente per la miseria, il sangue e tutte le cose spiacevoli – e c’è da aspettarselo da una serie di questo tipo: arti affusolati, ferite aperte, cadaveri in decomposizione, sangue e budella sono il materiale di riserva di un spettacolo horror post-apocalittico. Violenza e viscere sono solo il nome del gioco! Ma, dopo che Negan e la sua non così allegra banda di Salvatori arrivarono in città, The Walking Dead  ebbe un drammatico cambiamento di tono. Non si sentiva più come un ammonimento, una serie che esplora le complessità dell’esistenza e l’oscurità della natura umana; ma è diventato qualcosa che ha il piacere di provocare dolore, trasformandosi in “torture porno” fisiche ed emotive.

Tale brutalità può essere trascurata quando è giustificata ed equilibrata con alcuni bei momenti, ma quando una serie già oscura si concentra su quanto il suo cattivo principale sia sociopatico, l’atteggiamento cinico e il tono malevolo dimostrano troppo. E anche se gli showrunner hanno detto che avrebbero attenuato la violenza dopo l’apertura della stagione numero sette, una buona fetta di fan aveva già smesso di guardare. Vedere personaggi che affrontano difficoltà inimmaginabili, lottano per affrontare le loro più grandi paure, sprofondare nelle loro vicende personali e sperimentare le stesse cose che speravano non sarebbero mai state facili. Quando li osservi farlo per anni e anni prima di affrontare un male estremo, è quasi impossibile da sopportare.

Durante le prime sei stagioni di The Walking Dead , Rick e la sua coalizione hanno preso in giro il nemico insanguinato e sono usciti fuori come eroi testardi. Con la settima stagione il gruppo è stato messo in ginocchio, schiacciato sotto lo stivale di NeganRick, Daryl Dixon (Norman Reedus) e Carol Peletier (Melissa McBride) svanirono nell’ombra dei loro ex, perdendo il loro vantaggio sotto la dominazione dei Salvatori. Rick è passato da leader fiducioso a seguace paranoico; Carol ha perso il fuoco per contrattaccare; e Daryl, a lungo considerato il più grande tosto di The Walking Dead, è diventato oggetto di torture viziose.

Contro le aspettative

I creativi della serie hanno fatto una mossa di divisione nella sesta stagione, quando hanno realizzato una trama volutamente intesa da indurre tutti a credere che Glenn fosse stato mangiato vivo dagli zombi. Usando angoli di telecamera nascosti e inquadrature ravvicinate, le menti dietro lo show ingannavano direttamente gli spettatori, facendo sembrare che le budella di Glenn fossero davvero tirate fuori dal suo corpo mentre urlava in piena agonia – quando in realtà, era un cadavere il cui interno si era rovesciato dappertutto e Glenn era proprio lì vicino.

Qualcosa di simile è accaduto nel penultimo episodio della sesta stagione, quando Daryl apparentemente è morto dopo essere stato colpito, con il sangue che schizzava sullo schermo. Era tutto solo deliberatamente fuorviante. The Walking Dead ha trascinato gli spettatori nell’episodio successivo, mostrando Negan che ha distrutto il cranio di qualcuno, ma non rivelando di chi fosse, lasciando così il pubblico completamente distrutto e costringendolo a scoprire chi era la vera vittima guardando la stagione successiva. Assaporare la grandezza di una serie per convincere la gente a sintonizzarsi è quello che rappresenta lo showbiz, ma quando la promozione spudorata diventa un po’ vergognosa, aspettati che i fan cadano come mosche. In passato gli showrunner di The Walking Dead sono andati a prendere in giro quello che avverrà nelle nuove stagioni della serie, dicendo che certe cose che vogliono dare una ” scossa ai fan” a sorpresa, non sono considerate credibili. Per alcuni fan a casa, gli episodi spesso non sono stati all’altezza del caos e della freddezza promessa.

Non più zombie

Un altro dilemma è: come è possibile che uno spettacolo di zombie, inizialmente abbia mostrato continui assalti in quasi tutti gli episodi, mentre ora ne mostra solo un’infarinatura? Con il passare delle stagioni la presenza dei morti che camminano è diminuita. Oltre a questo è difficile decidere cosa sia ancora The Walking Dead. Alle sue origini la serie tv è stata l’apice di ciò che la narrazione post-apocalittica avrebbe dovuto assomigliare, e c’era un chiaro obiettivo centrale: Rick e la banda avevano bisogno di superare in astuzia gli zombie e sopravvivere abbastanza a lungo da vedere un mondo senza di loro vagare, arrivando a sacrificare le cose che amavano per realizzarlo. Ora il gruppo è quasi esclusivamente minacciato da folle di umani criminali, e la premessa che lo spettacolo ha avuto una volta – combattendo contro i morti ambulanti – è quasi svanita.

Mantenere le cose fresche di stagione in stagione è imperativo per uno spettacolo affinché riesca a restare  a galla. The Walking Dead è riuscito su quel fronte nei suoi primi anni di vita, ponendo l’accento sui suoi personaggi e sulla loro crescita nel loro nuovo mondo e lontano da quello che un tempo conoscevano. Le prime stagioni vedevano Glenn che si mostrava, Rick che imparava ad essere un vero leader, e Carol guadagnava forza e sicurezza. Una volta raggiunto un certo punto del loro sviluppo, tuttavia, i personaggi hanno iniziato a diventare piatti e le loro storie stagnanti. Queste trame ripetitive erano tollerabili all’inizio, ma i fan ora sentono che la serie è davvero noiosa. In parole semplici The Walking Dead dovrebbe essere pieno di azione, non mettere le persone a dormire.

 

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serie tv

L’amica geniale – Storia del nuovo cognome | Presentata la seconda stagione

Pubblicato

:

snc da sinistra gaia girace lila cerullo e margherita mazzucco elena greco episodio 5 foto di eduardo castaldo 6

Presentate oggi alla stampa in anteprima mondiale le prime due puntate della seconda stagione de L’Amica geniale – tratta dal secondo volume dell’omonima quadrilogia di Elena Ferrante – intitolata Storia del nuovo cognome. Alla conferenza stampa di presentazione presenti le attrici protagoniste Margherita Mazzucco e Gaia Garace, i produttori e i delegati RAI, la sceneggiatrice Laura Paolucci, lo scrittore e sceneggiatore della serie Francesco Piccolo, lo sceneggiatore e regista Saverio Costanzo e la regista del 4° e 5° episodio Alice Rohrwacher.

La serie evento, alla sua seconda stagione e reduce dall’enorme successo internazionale di pubblico e critica della prima stagione, andrà in onda a partire dal 10 febbraio e avrà una durata di 8 episodi. Saverio Costanzo è ancora una volta alla regia ma cede il testimone ad Alice Rohrwacher per gli episodi quarto e quinto, ovvero le due puntate ambientate a Ischia. Queste prime due puntate presentate oggi verranno anche distribuite in 300 copie da Nexo Digital al cinema nei giorni 27, 28, e 29 gennaio. Produttori, registi e attrici ci hanno detto la loro su questa grande esperienza di produzione di serialità. 

snc gaia girace lila cerullo episodio 1 foto di eduardo castaldo

E. Andreatta (direttore RAI fiction): “L’amica geniale per acclamazione di pubblico e critica rappresenta un po’ una svolta per lafiction della RAI, ma in generale anche per la fiction italiana. La prima serie ha ottenuto 7 milioni di media di spettatori con 30% share. Si tratta di una sfida complessa quella di portare un linguaggio sofisticato e una storia ricca e stratificata – tanto nel linguaggio quanto nel modo di racconto – sulla rete generalista. Questo rappresenta anche il frutto maturo del processo di internazionalizzazione compiuto dalla RAI, e il connubio tra RAI e un gigante della grande produzione americana di serie di qualità come HBO. Risultato di un lavoro di grande cura, di sviluppo e realizzazione. In questa seconda serie il Rione si amplia alla città, a Napoli, e alla Costiera Amalfitana poi Ischia e poi ancora Pisa. Una serie che da una parte prosegue e dall’altra rilancia quello che è il racconto della Ferrante. Qui esploriamo nuovi temi e nuovi sentimenti:  ci sono le grandi passioni e la scoperta della sessualità, la scoperta del corpo, la follia dell’amore ma anche la durezza dei rapporti famigliari. Si apre anche una tematica nuova di carattere politico che è quella della contesa di classe, relativa agli anni ’60, ovvero gli anni delle grandi possibilità. Da una parte c’è Elena che tramite la cultura può accedere a un ambiente diverso, e dall’altra parte chi nel Rione rimane indietro, ai margini. Quindi una serie molto importante per i temi che tratta, ma anche un grande racconto popolare. Costanzo è riuscito a tirar fuori da queste due attrici una grande complessità di sentimenti, equi abbiamo anche la ricchezza di una voce in più (quella di Alice) che si aggiunge a quella di Saverio”.

Stefano Coletta (neo direttore RAI1): “ho cambiato solo classe in realtà, e mi sento fortunato perché quale migliore battesimo per me quello di iniziare questo incarico con questa produzione straordinaria. Svelo che anche io sono stato un lettore vorace di Elena Ferrante e quando l’anno scorso ho visto a Venezia la prima serie di Saverio Costanzo devo dire che ho pensato che questa è la RAI che mi piace. Se il mio passaggio a RAI 1 avrà un senso, sarà quello di portare nel racconto popolare la maggiore qualità possibile, e questa è la prova che questo è possibile. Credo che già la prima serie lo abbia dimostrato ampiamente e sono curioso di vedere la trasposizione di questa seconda stagione in quanto l’adolescenza (la base di questo secondo libro) è un tema che mette insieme tutti, e può inglobare una davvero ampia. È l’età in cui si snidano le contraddizioni personali e nei rapporti, si sperimenta il tradimento, la passione irrefrenabile. Sono curioso di guardarlo e sono sicuro che sarà un successo perché RAI Fiction, insieme a Procacci e a Mieli, sono veramente sinonimo di qualità. Voglio poi complimentarmi con Francesco Piccolo, di cui ho letto e adorato La separazione del maschio, e con Saverio Costanzo, perché già nella prima serie ho visto una grande accuratezza e fedeltà alla scrittura, che è una scrittura che rapisce e che ha un grandissimo tirante, ma anche grandi contraddizioni al suo interno“. 

snc da sinistra francesco russo bruno soccavo margherita mazzucco elena greco francesco serpico nino sarratore e gaia girace lila cerullo episodio 5 foto di eduardo castaldo

L. Mieli: “Credo che con Domenico Procacci e con RAI fiction siamo riusciti a fare una cosa che io fino a oggi da produttore non ero mai riuscito a fare. Come dice l’Andreatta, questo è un grandissimo kolossal televisivo sotto tutti i punti di vista (budget, impegno, scala di numeri). Credo che però il raggiungimento più grande sia stato quello di fare un importante racconto popolare con un regista-autore come Saverio Costanzo, che ha fatto un grande lavoro cinematografico, e lo stesso dicasi per Alice. Si è riusciti a fare una cosa che non avevo mai visto: due grandi registi di cinema d’autore italiano e internazionale che lavorano insieme a una grande produzione cinematografica e televisiva“.

D. Procacci: L’amica geniale è un po’ quadratura del cerchio, in termini di grande qualità e grandi risultati. 

S. Costanzo (sceneggiatore e regista): “L’amica geniale è un insieme di cose. Qui ci troviamo di fronte a una stagione molto diversa dalla prima perché se è vero che se negli anni’50 l’azione era autentica di quegli anni, le persone che ancora dovevano capire bene dov’erano, qui adesso poco alla volta si apre l’orizzonte e la drammaturgia della Ferrante accelera gli scambi con il mondo esterno e tra le due protagoniste. Di conseguenza l’aspetto filmico evolve anche con la storia italiana. Se la prima stagione in un certo senso era più “neorealista”, più posata e didascalica, questa seconda stagione si permette un’evoluzione anche cinematografica. Trovo che la presenza di Alice sia un vero regalo per noi, perché è un’artista con uno sguardo proprio. Qui c’è una fase della maturità, poi una frattura che è anche anarchia registica, ci sono i primi sussulti di rivoluzione del ’66 e la corsa di gioco sulla spiaggia diventa una corsa politica. E poi infine c’è il ritorno a una forma originaria, ed è tutto uguale e tutto diverso, perché le ragazze sono in qualche modo opposte e si sono scambiate d’abito in un certo senso”. 

Alice Rohrwacher (regista): “come ha detto già Saverio, la sua intuizione è stata quella di vedere in questi due episodi un micro romanzo a sé, e questa è la prima rottura importante nella vita di Elena e Lila. Far entrare un altro regista è stata una vera rottura e per loro una grande prova di difficoltà. Io sono subentrata ma questo ha anche aiutato questi due episodi a essere in continuità ma anche portatori di un cambiamento che poi si svilupperà anche dopo. Tutto è venuto dal libro e dalla grande ricchezza del lavoro già impostato da Saverio. Mi sono ritrovata a lavorare in grande libertà, ma sempre al servizio di una storia che rispetto profondamente e di un lavoro che ammiro”. 

D: Gaia e Margherita, siete cresciute nei vostri personaggi?

G. Girace: “sì, siamo cresciute molto e maturate anche grazie a tutti gli insegnamenti che ci hanno dato le persone che lavoravano sul set, e ai registi che ci hanno cresciuto. Mi ritrovo certo con alcuni aspetti di Lila come la forza e la determinazione, ma sono sempre io”.

M. Mazzucco: “sì, anche io mi reputo cresciuta molto, ho acquisito una consapevolezza che prima non avevo. Sono cambiata, credo di essere diventata più istintiva e onesta con me stessa. Cerco di esternare di più i miei sentimento, e questo anche grazie a Saverio, che mi ha aiutato e che mi ha fatto fare un corso di mimo, e Alice che mi ha fatto sentire più libera. E credo di essere maturata come matura Elena durante tutta la storia”.

F. Piccolo (sceneggiatore): “chi la letto anche i romanzi successivi lo sa, ma come diceva Saverio prima in questo cammino che fanno tutti i personaggi, Lila e Lenù ma anche tutti gli altri, adesso l’orizzonte si apre anche se in maniera diversa. C’è chi ha accompagnato l’altra ad aprirsi per poi richiudersi. Ma è una specie di lento schiudersi delle vite umane, raccontato dalla Ferrane così come è stato raccontato nei grandi romanzi dell’800. Un grande romanzo di formazione, e una prova di racconto molto affascinante. Nel cinema si tende a sintetizzare, qui pur dovendo sintetizzare tante pagine, nella serie tv c’è la fascinazione del tempo in cui si evolvono i personaggi“.

L. Paolucci (sceneggiatrice): “io vorrei solo soffermarmi su un dato importante che citava prima l’Andreatti. La prima stagione è stata seguita da tantissime ragazze giovani. E in un momento in cui si parla molto della posizione della donna io sono stata davvero contenta di raccontare questa storia perché penso si sia cambiato il punto di vista su cosa è geniale. Geniale è aggettivo che spesso si utilizza per uomini e qui si attribuisce a due ragazze al loro rapporto di amicizia che smargina una nell’altro. E spero che da qui passi l’idea che Elena per emanciparsi studia, per uscire dal Rione studia, e questo credo sia un messaggio davvero importante”. 

Continua a leggere

News

C’è posta per te: l’attore turco Can Yaman super ospite della seconda puntata

Pubblicato

:

whatsapp image 2020 01 16 at 12.20.04

Direttamente dalla meravigliosa Istanbul, l’attore Can Yaman è stato ospite della seconda puntata del programma C’è posta per te condotto da Maria De Filippi.

L’avvocato ed interprete di diverse serie turche di successo – come Bitter Sweet – Ingredienti d’amore andata in onda lo scorso giugno su Canale 5 –  è la star internazionale più richiesta e seguita degli ultimi mesi. Giunto a Roma lo scorso ottobre per registrare la sorpresa andata in onda questa sera, finalmente è giunto il momento di raccontarvi cosa è accaduto, nei minimi dettagli.

La padrona di casa dopo aver esordito con ” Questa è la storia di un regalo” ha dato il via al solito video celebrativo per l’ospite internazionale di turno. Tra diversi video di shooting fotografici, spezzoni tratti dalle sue serie di successo e alcune dichiarazione come: “Amo l’Italia” il pubblico è letteralmente esploso. Per far andare in tilt tutte le fan presenti in studio, sono bastate le due parole magiche pronunciate dalla De Filippi: “Can Yaman”. Dopo i saluti convenzionali, la sua ospitata è entrata nel vivo, partendo con la consueta intervista che la conduttrice riserva per i super ospiti.

whatsapp image 2020 01 17 at 13.59.49

L’intervista

Maria De Filippi per intervistare Can Yaman ha scelto di farlo attraverso cinque oggetti, che in qualche modo lo rappresentano.

Il primo (in comune con la De Filippi) è stato il codice civile. Non tutti sanno che Can prima di essere attore è un avvocato, tanto da etichettare quel libro come il “trauma”.  La conduttrice ha continuato chiedendo:”Preferisci il civile o il penale?” Can ha risposto: “Penale mi piace di più”.

Da una scatola rossa è uscita una macchina fotografica. Il pubblico improvvisamente ha fatto un boato inspiegabile per la conduttrice, convinta che volessero scattare una foto con lui. Can – che conosce bene le sue fans – ha spiega che il suo ultimo personaggio era un fotografo nella serie Erkenci Kus e che è stata una serie molto amata anche in Italia, nonostante debba ancora essere trasmessa su Canale 5.

Il terzo oggetto è stato un anello. “Sei fidanzato?” , l’attore ha esordito dicendo: “No. Mi sono sposato in tutte le cinque serie che ho girato. A mia madre e mia nonna piace che mi sposo ogni volta. Ci credo nel matrimonio e accetto tutte le cose che la vita mi porti.”

Il quarto oggetto è stato un biberon. L’attore ha accennato a qualche aneddoto legato alla sua infanzia, ricordando che in realtà non lo ha mai usato. “Mangiavo con le mani riso, pasta. Ed avevo un ciuccio che mi ha distrutto i denti. Una storia molto triste”, ha detto ridendo.

Ed infine uno specchio. Il principe azzurro turco ha scherzato inizialmente dicendo “specchio specchio delle mie brame”, ovviamente il pubblico non ha perso occasione per dire che lui è il più bello del reame. La conduttrice ha continuato chiedendo: “hai paura di invecchiare?”. La risposta di Yaman è stata: “No, vedo mio padre che si e invecchiato bene. In realtà non ho paure mie. Ho solo paura di perdere le persone che amo.”

La sorpresa

Maria De Filippi dopo aver raccontato la storia di Ilaria (mittente della lettera) ha fatto entrare la sorella Veronica e la mamma. Problemi economici, abbandono da parte del marito di Ilaria nonché padre del piccolo Mattia e diversi problemi di salute, hanno devastato le vite delle tre donne per anni.

Can visibilmente commosso dal racconto, è sbucato dalle scale, lasciando le donne senza parole. Incredulità e gioia finalmente hanno fatto visita su volti delle destinatarie della lettera, dopo molti anni.

L’attore turco chiedendo il permesso di abbracciarle insieme, ha detto: “Mamma mia che storia. Bisognerebbe farci un film, ma io non faccio la parte del marito”. Poi ha fatto entrare tre scatole (giallo, rossa e verde) per le tre protagoniste, chiedendo loro di aprirle in contemporanea ed aggiungendo: “è un regalo per alleggerire la vostra sofferenza”. Non è mancato un pensiero anche per il piccolo Mattia, il quale riceverà vestiti e giocattoli tutti per lui da parte di Can Yaman.

 

 

Continua a leggere

Serie tv

The Walking Dead | Il nuovo spin-off in onda dal 10 aprile

Pubblicato

:

Il nuovo spin-off di The Walking Dead, World Beyond, inizia il 10 aprile su AMC, con il primo di dieci episodi. La serie si comporrà di due sole stagioni.

Sono in arrivo alcune interessanti news circa l’atteso spin-off The Walking Dead: World Beyond – il secondo dopo la serie Fear the Walking Dead, a cui dovrebbe aggiungersene anche un terzo sulla figura di Rick Grimes.

Leggi anche: Better Call Saul | rinnovata ufficialmente la sesta ed ultima stagione

The Walking Dead: World Beyond, la trama

Dalle ultime indiscrezioni, la storia prende avvio con la prima generazione di persone cresciute in una civiltà sopravvissuta all’universo post apocalittico popolato di zombie. Due sorelle sono le protagoniste, accompagnate da due amici, con i quali decidono di abbandonare la loro “comfort zone” e affrontare i pericoli noti o meno, che possono celarsi ovunque, dietro ogni angolo, al fine di portare a termine un’importante ricerca.

Da una parte inseguiti da chi vorrebbe proteggerli, dall’altra da chi vorrebbe invece ferirli, i giovani saranno protagonisti di un vero e proprio viaggio di (tras)formazione, di crescita, sullo sfondo di un mondo che più suggestivo non si potrebbe.

Leggi anche: Karen Gillan vorrebbe dirigere e interpretare Batgirl

The Walking Dead: World Beyond, in onda il 10 aprile su AMC

Il primo (di dieci) episodio della serie – che si comporrà di due sole stagioni – è atteso su AMC il 10 aprile, lo stesso giorno del gran finale di The Walking Dead, franchise tratto dal fumetto di Robert Kirkman.
Julia Ormond, Nico Tortorella e Natalie Gold nel cast.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Gennaio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Febbraio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X