Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

The Walking Dead: perchè la serie tv ha perso pubblico?

Pubblicato

:

Quando sul canale AMC nella lontana notte di Halloween del 2010 iniziò The Walking Dead, sembrava che il mondo avesse smesso di girare e che gli amanti della televisione di tutto il mondo si fossero trasformati in zombie. E quelli che non sono saliti immediatamente sul carrozzone di The Walking Dead lo hanno fatto più tardi. A lavoro tutti parlavano di cosa fosse accaduto di strano e di incredibile a Rick Grimes (Andrew Lincoln) la notte prima. Le vicende della serie tv ispirate dai popolari libri di fumetti di Robert Kirkman hanno contribuito al successo di The Walking Dead, mettendolo sul podio delle serie televisive più famose degli ultimi anni, accanto a Game of Thrones.

Negli anni successivi, tuttavia, le situazione ha avuto un’inversione di tendenza. Se inizialmente i dati dell’audience erano davvero alti, segnando anche una media di 14,38 milioni di spettatori su AMC, successivamente gli ascolti sono diminuiti sempre di più. Ora che si trova oltre la metà della sua ottava stagione, The Walking Dead è immerso in uno share molto più basso rispetto alla prima – con soli 6,8 milioni di spettatori per l’episodio 10. Tutto ciò porta a chiedersi: perché le persone hanno smesso di guardare The Walking Dead? Vi anticipo che ci saranno degli SPOILER di seguito.

Se la trama e i personaggi principali di una serie tv sono il pane, le sottotrame interne e i relativi personaggi secondari sono marmellata e nutella. L’insieme di tutti questi elementi, rendono un prodotto delizioso perfetto per essere consumato a qualsiasi ora del giorno o della notte.

The Walking Dead: nuovi personaggi come meteore

Nel corso degli anni The Walking Dead ha introdotto una serie di personaggi che molti hanno trovato interessanti e a tratti anche superflui per la storia. Invece di coinvolgere facce fresche (come Andrew J. West Gareth e IronE Singleton T-Dog) nel pieno del loro potenziale, gli scrittori della serie hanno deciso di farli fuori ancor prima che gli spettatori potessero accorgersi di loro. Questo ovviamente non è legato al fatto che si tratta di un cast con poco talento o degno di non essere riconosciuto, ma, dal punto di vista della trama, non sono stati trattati con la stessa attenzione rispetto al cast principale e così gli appassionati hanno trovato difficile affezionarsi a loro. Per questo motivo non c’è da stupirsi se gli spettatori stanno smettendo di guardare The Walking Dead.

Amori sfuggenti

Sappiamo tutti come una storia d’amore negativa può uccidere una buona storia. Sebbene generalmente associato ai film d’azione, il virus del morso d’amore si è diffuso abbastanza, tanto da affondare i denti in The Walking Dead. Ricordate l’incontro di Jessie Anderson (Alexandra Breckenridge) con Rick? Si è acceso e si è spento in un lampo. Lo stesso si può dire per Rick e Michonne (Danai Gurira). Anche se i due sono ancora insieme a partire dall’ ottava stagione, il fuoco tra di loro non è molto passionale per alcuni fan. Molti hanno creduto che la coppia non avesse assolutamente “nessun traporto sessuale” e che la loro relazione “è venuta fuori dal nulla” ed è “completamente scomoda e innaturale“. Anche il rapporto di Abraham Ford (Michael Cudlitz) con Sasha Williams (Sonequa Martin-Green) è stato di breve durata.

Invece di sentire le tiepide risate sui personaggi “pseudo” innamorati e che si stavano sparando a vicenda, i fan hanno iniziato a lanciare gli occhi sulle coppie non essenziali. Quel che è peggio è che le vicissitudini non si estinguono semplicemente e lo spettacolo va avanti; gli scrittori spesso hanno sottolineato la relazione con la morte di uno dei due coinvolti, forse per creare una profondità emotiva, ma alla fine non ci riuscivano. The Walking Dead si è chiaramente perso nell’amore, e alla fine la gente ha smesso di guardarlo.

Il fascino letale dei cattivi

In generale si suppone che i cattivi siano antipatici. Certo, gli antagonisti con un passato complesso e che una volta erano piccoli e vulnerabili offrono un certo entusiasmo al tradizionale binomio eroe / ladro. Jeffrey Dean Morgan nel ruolo di Negan non è uno di quei personaggi. Il sarcastico e sinistro Negan è terrificante fino al midollo, un’impressione one-to-one del malvagio incessantemente peccaminoso raffigurato nei  fumetti di The Walking Dead. Dal momento in cui è entrato nel cast, gli spettatori sapevano che una nuova vagonata di problemi sarebbe arrivata in città.

Ma poi ha massacrato due personaggi preferiti dai fan in un modo inutilmente crudele. Negan, entrando in scena e sconvolgendo il mondo di The Walking Dead, ha portato direttamente alla morte Glenn e Abraham – che non erano solo violenti, viscerali e incredibilmente infernali per lo stomaco, ma erano anche l’ultima goccia per molti spettatori. I fan hanno gridato ai social media che il loro cuore era spezzato, e i critici hanno affermato che Negan aveva “rovinato” The Walking Dead  e gli spettatori sono scesi da 17 milioni nella premiere della settima stagione incentrata su Negan a 10,4 milioni solo un mese dopo.

The Walking Dead ha sempre colpito duramente per la miseria, il sangue e tutte le cose spiacevoli – e c’è da aspettarselo da una serie di questo tipo: arti affusolati, ferite aperte, cadaveri in decomposizione, sangue e budella sono il materiale di riserva di un spettacolo horror post-apocalittico. Violenza e viscere sono solo il nome del gioco! Ma, dopo che Negan e la sua non così allegra banda di Salvatori arrivarono in città, The Walking Dead  ebbe un drammatico cambiamento di tono. Non si sentiva più come un ammonimento, una serie che esplora le complessità dell’esistenza e l’oscurità della natura umana; ma è diventato qualcosa che ha il piacere di provocare dolore, trasformandosi in “torture porno” fisiche ed emotive.

Tale brutalità può essere trascurata quando è giustificata ed equilibrata con alcuni bei momenti, ma quando una serie già oscura si concentra su quanto il suo cattivo principale sia sociopatico, l’atteggiamento cinico e il tono malevolo dimostrano troppo. E anche se gli showrunner hanno detto che avrebbero attenuato la violenza dopo l’apertura della stagione numero sette, una buona fetta di fan aveva già smesso di guardare. Vedere personaggi che affrontano difficoltà inimmaginabili, lottano per affrontare le loro più grandi paure, sprofondare nelle loro vicende personali e sperimentare le stesse cose che speravano non sarebbero mai state facili. Quando li osservi farlo per anni e anni prima di affrontare un male estremo, è quasi impossibile da sopportare.

Durante le prime sei stagioni di The Walking Dead , Rick e la sua coalizione hanno preso in giro il nemico insanguinato e sono usciti fuori come eroi testardi. Con la settima stagione il gruppo è stato messo in ginocchio, schiacciato sotto lo stivale di NeganRick, Daryl Dixon (Norman Reedus) e Carol Peletier (Melissa McBride) svanirono nell’ombra dei loro ex, perdendo il loro vantaggio sotto la dominazione dei Salvatori. Rick è passato da leader fiducioso a seguace paranoico; Carol ha perso il fuoco per contrattaccare; e Daryl, a lungo considerato il più grande tosto di The Walking Dead, è diventato oggetto di torture viziose.

Contro le aspettative

I creativi della serie hanno fatto una mossa di divisione nella sesta stagione, quando hanno realizzato una trama volutamente intesa da indurre tutti a credere che Glenn fosse stato mangiato vivo dagli zombi. Usando angoli di telecamera nascosti e inquadrature ravvicinate, le menti dietro lo show ingannavano direttamente gli spettatori, facendo sembrare che le budella di Glenn fossero davvero tirate fuori dal suo corpo mentre urlava in piena agonia – quando in realtà, era un cadavere il cui interno si era rovesciato dappertutto e Glenn era proprio lì vicino.

Qualcosa di simile è accaduto nel penultimo episodio della sesta stagione, quando Daryl apparentemente è morto dopo essere stato colpito, con il sangue che schizzava sullo schermo. Era tutto solo deliberatamente fuorviante. The Walking Dead ha trascinato gli spettatori nell’episodio successivo, mostrando Negan che ha distrutto il cranio di qualcuno, ma non rivelando di chi fosse, lasciando così il pubblico completamente distrutto e costringendolo a scoprire chi era la vera vittima guardando la stagione successiva. Assaporare la grandezza di una serie per convincere la gente a sintonizzarsi è quello che rappresenta lo showbiz, ma quando la promozione spudorata diventa un po’ vergognosa, aspettati che i fan cadano come mosche. In passato gli showrunner di The Walking Dead sono andati a prendere in giro quello che avverrà nelle nuove stagioni della serie, dicendo che certe cose che vogliono dare una ” scossa ai fan” a sorpresa, non sono considerate credibili. Per alcuni fan a casa, gli episodi spesso non sono stati all’altezza del caos e della freddezza promessa.

Non più zombie

Un altro dilemma è: come è possibile che uno spettacolo di zombie, inizialmente abbia mostrato continui assalti in quasi tutti gli episodi, mentre ora ne mostra solo un’infarinatura? Con il passare delle stagioni la presenza dei morti che camminano è diminuita. Oltre a questo è difficile decidere cosa sia ancora The Walking Dead. Alle sue origini la serie tv è stata l’apice di ciò che la narrazione post-apocalittica avrebbe dovuto assomigliare, e c’era un chiaro obiettivo centrale: Rick e la banda avevano bisogno di superare in astuzia gli zombie e sopravvivere abbastanza a lungo da vedere un mondo senza di loro vagare, arrivando a sacrificare le cose che amavano per realizzarlo. Ora il gruppo è quasi esclusivamente minacciato da folle di umani criminali, e la premessa che lo spettacolo ha avuto una volta – combattendo contro i morti ambulanti – è quasi svanita.

Mantenere le cose fresche di stagione in stagione è imperativo per uno spettacolo affinché riesca a restare  a galla. The Walking Dead è riuscito su quel fronte nei suoi primi anni di vita, ponendo l’accento sui suoi personaggi e sulla loro crescita nel loro nuovo mondo e lontano da quello che un tempo conoscevano. Le prime stagioni vedevano Glenn che si mostrava, Rick che imparava ad essere un vero leader, e Carol guadagnava forza e sicurezza. Una volta raggiunto un certo punto del loro sviluppo, tuttavia, i personaggi hanno iniziato a diventare piatti e le loro storie stagnanti. Queste trame ripetitive erano tollerabili all’inizio, ma i fan ora sentono che la serie è davvero noiosa. In parole semplici The Walking Dead dovrebbe essere pieno di azione, non mettere le persone a dormire.

 

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Festival

Series Con, la prima edizione a Milano: il programma completo

Pubblicato

:

series con

Un weekend di proiezioni, incontri, ospiti presso Tenoha Milano la prima edizione di Series Con, tutto il meglio della serialità a Milano l’11 e il 12 maggio. Saranno assegnati il Golden Couch Award per la migliore serie 2018/2019 alla serie Skam Italia e il Golden Screen Award al migliore interprete italiano del 2018/2019 a Tommaso Ragno. 

Lo scrittore Niccolò Ammaniti per un incontro “sulla serialità in tv e la letteratura” e Tommaso Ragno, attore interprete de Il miracolo e vincitore del Golden Screen Award; il conduttore Alessandro Cattelan sul dietro le quinte del programma EPCC; le attrici Lodovica Comello, Beatrice Arnera e Caterina Guzzanti, protagoniste di Extravergine, Romolo+Giuly e di Boris, le tre comedy firmate da Fox Networks Group Italy.

E poi l’appuntamento con la stand-up comedy di Netflix con Edoardo Ferrario, Francesco De Carlo e Saverio Raimondo e l’incontro con Fabio Volo, per Untraditional di Discovery. Per i fan di Gomorra – La serie, Sky Italia in prima fila con Salvatore Esposito, Ivana Lotito e Louise Brealey e per quelli di Skam Italia di TIMVISION gli attori Ludovica Martino e Giancarlo Commare. E ancora l’anteprima nazionale di Chernobyl, l’attesa serie originale di Sky ed HBO sul disastro nucleare del 1986, di The Rain (seconda stagione) di Netflix presentato dall’attore Lucas Lynggaard Tønnesen e di Fleabag (seconda stagione) per Amazon Prime Video.

Sono alcuni dei protagonisti della prima edizione di Series Con, il nuovo grande evento dedicato alla serialità, l’11 e il 12 maggio, a Milano, presso Tenoha (via Vigevano, 18 – ingresso libero).  Incontri, ospiti, talent, talk sul tema e proiezioni saranno i protagonisti della due giorni organizzata da Stardust by QMI sul “fenomeno del momento: tutti le guardano, tutti ne parlano, si sono moltiplicate riscuotendo sempre maggiore successo”.

locandinaseries con4049

locandinaseries con4049

NETFLIX – Per la gioia di tutti coloro che ne hanno amato la prima, Netflix regalerà al pubblico presente alla manifestazione la visione del primo episodio della seconda stagione di The Rain, atteso seguito delle vicissitudini di un gruppo di sopravvissuti in una Scandinavia post apocalittica, prima produzione originale di Netflix in Danimarca. La serie tv sarà disponibile su Netflix dal 17 maggio.  A presentare l’anteprima uno dei protagonisti: Lucas Lynggaard Tønnesen.

Sempre grazie a Netflix, Series Con ospiterà l’anteprima de Il satiro parlante di Saverio Raimondo (su Netflix dal 17 maggio), il terzo dei nuovi speciali originali Netflix di stand up comedy prodotti da Dazzle e da Aguilar. Sempre Raimondo sarà protagonista di un panel sulla stand-up comedy in Italia insieme a Edoardo Ferrario e a Francesco De Carlo, anche loro presenti su Netflix con il proprio speciale.

SKY – Grazie alla collaborazione con Sky, Series Con ospiterà un panel sulla serie di culto Gomorra, la cui quarta stagione è su Sky Atlantic e NOW TV. Saranno presenti i protagonisti Salvatore Esposito (Genny Savastano), Ivana Lotito (Azzurra) e Louise Brealey (già vista nella serie Sherlock). In programma anche un incontro, tra letteratura e cinema, con lo scrittore Niccolò Ammaniti che ha firmato la serie tv Il miracolo e l’incontro con l’attore Tommaso Ragno, protagonista de Il miracolo e vincitore del premio Golden Screen (il premio assegnato da una giuria di esperti e addetti ai lavori al migliore attore/attrice del 2018). Dal mondo Sky e di televisione e dietro le quinte si parlerà con Alessandro Cattelan, conduttore televisivo di EPCC, talk show con interviste ad ospiti esclusivi, musica e comicità irriverente. In programma sarà poi proiettato – in anteprima nazionale – il primo episodio di Chernobyl, serie originale di Sky e HBO, in esclusiva su Sky Atlantic e disponibile su NOW TV dal 10 giugno. Una delle peggiori catastrofi mai provocate dall’ uomo raccontata attraverso gli atti di coraggio di quanti provarono a salvare l’Europa da un disastro inimmaginabile, quello nucleare nell’ Unione sovietica. Interpreti d’eccezione Jared Harris (Mad Men, The Crown), Stellan Skarsgård (Melancholia, Mamma Mia!, Will Hunting – Genio ribelle), Emily Watson (Le onde del destino, Everest, Storia di una ladra di libri) e Jessie Buckley (Taboo).

 FOX NETWORKS GROUP ITALY – Grazie alla collaborazione di Fox Networks Group Italy, Series Con ospiterà un panel incentrato sulle comedy made in Italy: da Boris alla nuova produzione Extravergine, passando per Romolo+Giuly – La guerra mondiale italiana. Saranno presenti le attrici: Lodovica Comello (Extravergine), Caterina Guzzanti (Boris) e Beatrice Arnera (Romolo+Giuly) e Alessandro Saba, Vicepresident responsabile dei canali Entertainment di Fox Networks Group Italy.  Sempre grazie a Fox Networks Group Italy, a Series Con verrà proiettato in anteprima nazionale il 20° episodio inedito della 15° stagione di Grey’s Anatomy.

INFINITY e MEDIASET – Due le sorprese in anteprima per i gli spettatori di Series Con: l’episodio 1 della terza stagione di Lethal Weapon (in onda su Italia 1), la serie tv poliziesca creata da Matt Miller e gli episodi 16 e 17 della stagione 12 di The Big Bang Theory, una delle serie più seguite in Italia e all’estero (in onda su Infinity).

TIMVISION – Nella prima edizione di Series Con in programma l’incontro con una parte del cast di Skam Italia, la rivoluzionaria serie teen prodotta da TIMVISION PRODUCTION con Cross Productions, per laregia di Ludovico Bessegato, la cui seconda stagione è vincitrice del Golden Couch Award, il premio alla migliore serie 2018/2019 assegnato dal pubblico con le votazioni on line su www.seriescon.it. Presenti all’incontro Ludovico Bessegato per Cross Production, Annamaria Morelli per TIMVISION e gli attori Ludovica Martino, Ludovico Tersigni, Giancarlo Commare e Pietro Turano.

Tra gli altri ospiti della prima edizione di Series Con, ci sarà anche Fabio Volo per Untraditional 2 (Discovery), la produzione scritta dallo stesso Volo, che lo vede dividersi tra Milano e New York nel tentativo di riconquistare la moglie e realizzare la sua serie. Spazio anche alle famiglie con la proiezione, in anteprima nazionale, dei primi due episodi di Bakugan Battle Planet, attesissimo reboot dell’anime giapponese Bakugan Battle Brawlers, in onda in Prima Tv assoluta su Cartoon Network (canale 607 di Sky) il sabato e la domenica alle 17.25. La nuova serie, prodotta da TMS Entertainment e Japan Vistac, segue le appassionanti ed epiche avventure di Dan Kouzo e i misteriosi alieni.

Tra le anteprime di Series Con l’atteso primo episodio della stagione 2 di Fleabag, la serie tv creata, scritta e interpretata da Phoebe Waller-Bridge, nei panni di una ragazza alle prese con le frustrazioni della vita di ogni giorno, con la sua famiglia, gli amici e l’amore (dal 17 maggio su Amazon Prime Video). Dalla Londra contemporanea ci spostiamo a Oxford negli anni ’60 con l’anteprima del primo episodio di Il giovane ispettore Morse, l’acclamata serie inglese prequel dello storico Ispettore Morse, uno dei personaggi più iconici nati dalla penna di Colin Dexter (dal 14 giugno in prima serata Paramount Network, il canale di Viacom Italia dedicato agli amanti delle storie sul 27 del dtt e di tivusat).

Attenzione al mondo Industry con il panel dal titolo “Nella bottega della serie tv” con Mario Gianani (Wildeside); Riccardo Tozzi (Cattleya) e Domenico Procacci (Fandango).

Continua a leggere

News

John Lithgow nella miniserie HBO su Perry Mason

Pubblicato

:

John Lithgow

Variety ha confermato che il candidato all’Oscar John Lithgow (Pet Sematary, The Crown) si è unito alla serie di Perry Mason della HBO con Tatiana Maslany (Black Orphan) e il vincitore di un Emmy Matthew Rhys (The Americans) che interpreterà il personaggio del titolo. Lithgow sarà Elias Birchard “EB” Jonathan, descritto come un avvocato personale al punto più basso della sua carriera e un datore di lavoro semi-regolare di Mason.

Un mentore e una figura paterna per Mason ad EB viene consegnato un caso che non vedeva da anni: un alto profilo e un’indagine parallela alla polizia di Los Angeles che coinvolge un caso di rapimento di bambini. Basato sulla serie di romanzi di Erle Stanley Gardner, il nuovo Perry Mason sarà ambientato nel 1932 di Los Angeles. Mentre il resto del paese cerca di riprendersi dalla Grande Depressione, la città è in piena espansione. E in più, il rapimento di un bambino andato molto, molto male!

Sulla base di personaggi creati da Erle Stanley Gardner, questa serie si limitata a seguire le origini del leggendario avvocato della difesa penale di American Fiction, Perry Mason (Rhys). Quando il caso del decennio bussa alla sua porta l’instancabile ricerca di Mason della verità rivela una città fratturata e solo forse, un percorso di redenzione per se stesso. La serie limitata sarà diretta e curata dalla produzione esecutiva di Tim Van Patten, che è uno dei collaboratori di lunga data della HBO.

L’adattamento è co-scritta da Rolin Jones e Ron Fritzgerald, che sono anche impostato showrunner della serie. Robert Downey Jr. (Avengers: Endgame) e Susan Downey ha sviluppato il progetto e saranno entrambi produttori esecutivi con la loro squadra Downey Banner. Jones, Fritzgerald e Rhy sono anche produttori esecutivi insieme a Team Downey Amanda Burrell e Joe Horaceck. Le avventure del personaggio di Perry Mason è stato oggetto di adattamenti, dai radiodrammi, ai film, ai film per la televisione e forse più in particolare una serie televisiva per la CBS chiamata Perry Mason dal 1957 al 1966.

Continua a leggere

Horror Mania

Chambers, la recensione della nuova serie horror con Uma Thurman

Pubblicato

:

chambers

Il primo episodio di Chambers, nuova serie horror targata Netflix, chiarisce fin dall’inizio qual è la sua concezione del genere. Il regista del pilot, Alfonso Gomez-Rejon, già regista di alcuni degli episodi più significativi di American Horror Story ma soprattutto autore di quel piccolo successo indie che fu qualche anno fa Me And Earl And The Dying Girl, setta lo standard per tutte le successive puntate.

Gomez-Rejon utilizza la composizione dell’inquadratura e i movimenti di macchina per catturare l’attenzione dello spettatore, sfrutta gli zoom e gli angoli inclinati per creare la tensione e si concede persino dei primi piani drammatici alla Tom Hooper. La staffetta della regia, nel corso della prima stagione di Chambers, passerà, con il susseguirsi degli episodi, ad altri giovani cineasti già esperti nel mondo della televisione e del cinema (il più noto dei quali è sicuramente Ti West, considerato fino a qualche tempo uno dei talenti più promettenti nel panorama horror statunitense). La narrazione di Chambers, invece, non segue lo stesso rigore della sua messa in scena.

chambers serie tv

uma thurman in chambers

La serie Netflix sembra infatti soccombere sotto il peso delle sue stesse sottotrame, che cominciano progressivamente ad accumularsi fino a diventare pressoché irrisolvibili (non semplicemente ambigue, ma implausibili e forzate). La gravidanza isterica di un personaggio, l’ossessione compulsiva di un altro: tutti modi per diluire la narrazione, rimandando il climax finale che alla fine dovrà cercare di spiegare tutto e incuriosire lo spettatore in vista di una (eventuale) seconda stagione.

Leggi anche: 5 serie tv horror da non perdere

Chambers: l’elemento sovrannaturale

La trama imbastita da Leah Rachel prende il via da un spunto molto semplice: una giovane donna, Sasha Yazzie, dopo essere sopravvissuta ad un infarto, comincia ad indagare attorno ad alcuni misteri che riguardano il cuore che le è stato trapiantato e che le ha salvato la vita. Tuttavia, più Sasha si avvicina alla scoperta della verità sulla morte improvvisa del suo donatore, più inizia ad assumere le caratteristiche del defunto. Sasha comincia quindi ad avere delle visioni di Becky e comincia a percepire le cose dal punto di vista della ragazza morta. Si convince quindi di essere “abitata” nel corpo da un’altra entità e comincia a sospettare che altre persone attorno a lei potrebbero saperne di più di questa sua trasformazione. Come è ovvio che sia, nella serie giocherà un ruolo fondamentale il passato di Sasha stessa, ma Chambers fa di tutto per chiarire allo spettatore che è l’elemento sovrannaturale la chiave di tutto (fin dai primi venti minuti del primo episodio).

chambers netflix review main

chambers netflix review main

Leggi anche: 1o film sull’esorcismo difficili da dimenticare

La mancanza di profondità di una storia che sarebbe potuta essere raccontata in molto meno tempo (e con molte meno scene superflue), rende Chambers un tentativo riuscito solo a metà, che sembra cercare la sofisticazione della televisione moderna solo nel suo impianto visivo. Neanche Tony Goldwyn e Uma Thurman sembrano in grado di dare il meglio di loro, recitando spesso fuori tono. Ma se si riesce a tenere duro durante gli episodi intermedi, si può arrivare alla conclusione di questo viaggio sovrannaturale senza grossi rimpianti.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Maggio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Giugno

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X