Connect with us

Serie tv

The Walking Dead: perchè la serie tv ha perso pubblico?

Published

on

Quando sul canale AMC nella lontana notte di Halloween del 2010 iniziò The Walking Dead, sembrava che il mondo avesse smesso di girare e che gli amanti della televisione di tutto il mondo si fossero trasformati in zombie. E quelli che non sono saliti immediatamente sul carrozzone di The Walking Dead lo hanno fatto più tardi. A lavoro tutti parlavano di cosa fosse accaduto di strano e di incredibile a Rick Grimes (Andrew Lincoln) la notte prima. Le vicende della serie tv ispirate dai popolari libri di fumetti di Robert Kirkman hanno contribuito al successo di The Walking Dead, mettendolo sul podio delle serie televisive più famose degli ultimi anni, accanto a Game of Thrones.

Negli anni successivi, tuttavia, le situazione ha avuto un’inversione di tendenza. Se inizialmente i dati dell’audience erano davvero alti, segnando anche una media di 14,38 milioni di spettatori su AMC, successivamente gli ascolti sono diminuiti sempre di più. Ora che si trova oltre la metà della sua ottava stagione, The Walking Dead è immerso in uno share molto più basso rispetto alla prima – con soli 6,8 milioni di spettatori per l’episodio 10. Tutto ciò porta a chiedersi: perché le persone hanno smesso di guardare The Walking Dead? Vi anticipo che ci saranno degli SPOILER di seguito.

Se la trama e i personaggi principali di una serie tv sono il pane, le sottotrame interne e i relativi personaggi secondari sono marmellata e nutella. L’insieme di tutti questi elementi, rendono un prodotto delizioso perfetto per essere consumato a qualsiasi ora del giorno o della notte.

The Walking Dead: nuovi personaggi come meteore

Nel corso degli anni The Walking Dead ha introdotto una serie di personaggi che molti hanno trovato interessanti e a tratti anche superflui per la storia. Invece di coinvolgere facce fresche (come Andrew J. West Gareth e IronE Singleton T-Dog) nel pieno del loro potenziale, gli scrittori della serie hanno deciso di farli fuori ancor prima che gli spettatori potessero accorgersi di loro. Questo ovviamente non è legato al fatto che si tratta di un cast con poco talento o degno di non essere riconosciuto, ma, dal punto di vista della trama, non sono stati trattati con la stessa attenzione rispetto al cast principale e così gli appassionati hanno trovato difficile affezionarsi a loro. Per questo motivo non c’è da stupirsi se gli spettatori stanno smettendo di guardare The Walking Dead.

Amori sfuggenti

Sappiamo tutti come una storia d’amore negativa può uccidere una buona storia. Sebbene generalmente associato ai film d’azione, il virus del morso d’amore si è diffuso abbastanza, tanto da affondare i denti in The Walking Dead. Ricordate l’incontro di Jessie Anderson (Alexandra Breckenridge) con Rick? Si è acceso e si è spento in un lampo. Lo stesso si può dire per Rick e Michonne (Danai Gurira). Anche se i due sono ancora insieme a partire dall’ ottava stagione, il fuoco tra di loro non è molto passionale per alcuni fan. Molti hanno creduto che la coppia non avesse assolutamente “nessun traporto sessuale” e che la loro relazione “è venuta fuori dal nulla” ed è “completamente scomoda e innaturale“. Anche il rapporto di Abraham Ford (Michael Cudlitz) con Sasha Williams (Sonequa Martin-Green) è stato di breve durata.

Invece di sentire le tiepide risate sui personaggi “pseudo” innamorati e che si stavano sparando a vicenda, i fan hanno iniziato a lanciare gli occhi sulle coppie non essenziali. Quel che è peggio è che le vicissitudini non si estinguono semplicemente e lo spettacolo va avanti; gli scrittori spesso hanno sottolineato la relazione con la morte di uno dei due coinvolti, forse per creare una profondità emotiva, ma alla fine non ci riuscivano. The Walking Dead si è chiaramente perso nell’amore, e alla fine la gente ha smesso di guardarlo.

Il fascino letale dei cattivi

In generale si suppone che i cattivi siano antipatici. Certo, gli antagonisti con un passato complesso e che una volta erano piccoli e vulnerabili offrono un certo entusiasmo al tradizionale binomio eroe / ladro. Jeffrey Dean Morgan nel ruolo di Negan non è uno di quei personaggi. Il sarcastico e sinistro Negan è terrificante fino al midollo, un’impressione one-to-one del malvagio incessantemente peccaminoso raffigurato nei  fumetti di The Walking Dead. Dal momento in cui è entrato nel cast, gli spettatori sapevano che una nuova vagonata di problemi sarebbe arrivata in città.

Ma poi ha massacrato due personaggi preferiti dai fan in un modo inutilmente crudele. Negan, entrando in scena e sconvolgendo il mondo di The Walking Dead, ha portato direttamente alla morte Glenn e Abraham – che non erano solo violenti, viscerali e incredibilmente infernali per lo stomaco, ma erano anche l’ultima goccia per molti spettatori. I fan hanno gridato ai social media che il loro cuore era spezzato, e i critici hanno affermato che Negan aveva “rovinato” The Walking Dead  e gli spettatori sono scesi da 17 milioni nella premiere della settima stagione incentrata su Negan a 10,4 milioni solo un mese dopo.

The Walking Dead ha sempre colpito duramente per la miseria, il sangue e tutte le cose spiacevoli – e c’è da aspettarselo da una serie di questo tipo: arti affusolati, ferite aperte, cadaveri in decomposizione, sangue e budella sono il materiale di riserva di un spettacolo horror post-apocalittico. Violenza e viscere sono solo il nome del gioco! Ma, dopo che Negan e la sua non così allegra banda di Salvatori arrivarono in città, The Walking Dead  ebbe un drammatico cambiamento di tono. Non si sentiva più come un ammonimento, una serie che esplora le complessità dell’esistenza e l’oscurità della natura umana; ma è diventato qualcosa che ha il piacere di provocare dolore, trasformandosi in “torture porno” fisiche ed emotive.

Tale brutalità può essere trascurata quando è giustificata ed equilibrata con alcuni bei momenti, ma quando una serie già oscura si concentra su quanto il suo cattivo principale sia sociopatico, l’atteggiamento cinico e il tono malevolo dimostrano troppo. E anche se gli showrunner hanno detto che avrebbero attenuato la violenza dopo l’apertura della stagione numero sette, una buona fetta di fan aveva già smesso di guardare. Vedere personaggi che affrontano difficoltà inimmaginabili, lottano per affrontare le loro più grandi paure, sprofondare nelle loro vicende personali e sperimentare le stesse cose che speravano non sarebbero mai state facili. Quando li osservi farlo per anni e anni prima di affrontare un male estremo, è quasi impossibile da sopportare.

Durante le prime sei stagioni di The Walking Dead , Rick e la sua coalizione hanno preso in giro il nemico insanguinato e sono usciti fuori come eroi testardi. Con la settima stagione il gruppo è stato messo in ginocchio, schiacciato sotto lo stivale di NeganRick, Daryl Dixon (Norman Reedus) e Carol Peletier (Melissa McBride) svanirono nell’ombra dei loro ex, perdendo il loro vantaggio sotto la dominazione dei Salvatori. Rick è passato da leader fiducioso a seguace paranoico; Carol ha perso il fuoco per contrattaccare; e Daryl, a lungo considerato il più grande tosto di The Walking Dead, è diventato oggetto di torture viziose.

Contro le aspettative

I creativi della serie hanno fatto una mossa di divisione nella sesta stagione, quando hanno realizzato una trama volutamente intesa da indurre tutti a credere che Glenn fosse stato mangiato vivo dagli zombi. Usando angoli di telecamera nascosti e inquadrature ravvicinate, le menti dietro lo show ingannavano direttamente gli spettatori, facendo sembrare che le budella di Glenn fossero davvero tirate fuori dal suo corpo mentre urlava in piena agonia – quando in realtà, era un cadavere il cui interno si era rovesciato dappertutto e Glenn era proprio lì vicino.

Qualcosa di simile è accaduto nel penultimo episodio della sesta stagione, quando Daryl apparentemente è morto dopo essere stato colpito, con il sangue che schizzava sullo schermo. Era tutto solo deliberatamente fuorviante. The Walking Dead ha trascinato gli spettatori nell’episodio successivo, mostrando Negan che ha distrutto il cranio di qualcuno, ma non rivelando di chi fosse, lasciando così il pubblico completamente distrutto e costringendolo a scoprire chi era la vera vittima guardando la stagione successiva. Assaporare la grandezza di una serie per convincere la gente a sintonizzarsi è quello che rappresenta lo showbiz, ma quando la promozione spudorata diventa un po’ vergognosa, aspettati che i fan cadano come mosche. In passato gli showrunner di The Walking Dead sono andati a prendere in giro quello che avverrà nelle nuove stagioni della serie, dicendo che certe cose che vogliono dare una ” scossa ai fan” a sorpresa, non sono considerate credibili. Per alcuni fan a casa, gli episodi spesso non sono stati all’altezza del caos e della freddezza promessa.

Non più zombie

Un altro dilemma è: come è possibile che uno spettacolo di zombie, inizialmente abbia mostrato continui assalti in quasi tutti gli episodi, mentre ora ne mostra solo un’infarinatura? Con il passare delle stagioni la presenza dei morti che camminano è diminuita. Oltre a questo è difficile decidere cosa sia ancora The Walking Dead. Alle sue origini la serie tv è stata l’apice di ciò che la narrazione post-apocalittica avrebbe dovuto assomigliare, e c’era un chiaro obiettivo centrale: Rick e la banda avevano bisogno di superare in astuzia gli zombie e sopravvivere abbastanza a lungo da vedere un mondo senza di loro vagare, arrivando a sacrificare le cose che amavano per realizzarlo. Ora il gruppo è quasi esclusivamente minacciato da folle di umani criminali, e la premessa che lo spettacolo ha avuto una volta – combattendo contro i morti ambulanti – è quasi svanita.

Mantenere le cose fresche di stagione in stagione è imperativo per uno spettacolo affinché riesca a restare  a galla. The Walking Dead è riuscito su quel fronte nei suoi primi anni di vita, ponendo l’accento sui suoi personaggi e sulla loro crescita nel loro nuovo mondo e lontano da quello che un tempo conoscevano. Le prime stagioni vedevano Glenn che si mostrava, Rick che imparava ad essere un vero leader, e Carol guadagnava forza e sicurezza. Una volta raggiunto un certo punto del loro sviluppo, tuttavia, i personaggi hanno iniziato a diventare piatti e le loro storie stagnanti. Queste trame ripetitive erano tollerabili all’inizio, ma i fan ora sentono che la serie è davvero noiosa. In parole semplici The Walking Dead dovrebbe essere pieno di azione, non mettere le persone a dormire.

 

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Il Signore degli Anelli | le new entry nel cast della seconda stagione

Published

on

Grandi notizie in casa Prime Video, per quanto riguarda la seconda stagione de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere. Poco fa sono stati annunciati i sette attori e attrici che entreranno a far parte dei prossimi episodi della serie diventata un fenomeno seguito e apprezzato in tutto il mondo. Per leggere i nomi e le dichiarazioni rilasciate dai vertici alti della casa di produzione di Amazon, continuate a leggere!

Le dichiarazioni di Vernon Sander degli Amazon Studios

Tra le prime persone ad aver parlato di questa news legata alla seconda stagione della serie Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere è stato Vernon Sanders,Head of Global Television, Amazon Studios. “Sin dalla sua uscita, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere ha riunito il pubblico per vivere la magia e la meraviglia della maestosa Terra di Mezzo di J.R.R. Tolkien. Ad oggi, la prima stagione è la prima serie Original di Prime Video in ogni territorio ed è stata
vista da oltre 100 milioni di persone in tutto il mondo, un vero successo globale che si rivolge alla natura universale di una narrazione potente. Diamo il benvenuto nella nostra ‘compagnia’ a questi meravigliosi attori e non vediamo l’ora di raccontare altre incredibili storie della Seconda Era nella seconda stagione”,
ha detto Vernon.

Leggi anche: Il Signore degli anelli: Il ritorno del fantasy più amato di sempre

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere | le new entry della seconda stagione

I nuovi componenti del cast che il pubblico incontrerà negli episodi della seconda stagione della serie sono: Gabriel Akuwudike, Yasen ‘Zates’ Atour, Ben Daniels, Amelia Kenworthy, Nia Towle, e Nicholas Woodeson. Il ruolo del leader degli orchi “Adar” è stato riassegnato per la seconda stagione, e sarà interpretato da Sam Hazeldine.

La seconda stagione della serie è prodotta dagli showrunner ed executive producers J.D. Payne & Patrick McKay. A loro si uniscono gli executive producer Lindsey Weber, Callum Greene, Justin Doble, Jason Cahill e Gennifer Hutchison, insieme alla co-executive producer Charlotte Brandstrom, i produttori Kate Hazell e Helen Shang e i co-produttori Andrew Lee, Matthew Penry-Davey e Clare Buxton.

Per chi non avesse avuto modo di vedere la prima serie, vi ricordiamo che potrete rimediare, vedendo gli otto episodi in esclusiva su Prime Video in più di 240 Paesi nel mondo.

Leggi anche: Il Signore degli Anelli serie TV: Peter Jackson prende le distanze?

Il successo mondiale della prima stagione della serie

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere porta per la prima volta sugli schermi le eroiche leggende della mitica Seconda Era della storia della Terra di Mezzo. Questo dramma epico si svolge migliaia di anni prima degli eventi narrati in Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien. Attraverso gli episodi, gli spettatori vengono portati in un’era lontana in cui furono forgiati grandi poteri, regni ascesero alla gloria e caddero in rovina, improbabili eroi furono messi alla prova, la speranza appesa al più esile dei fili, e il più grande cattivo mai uscito dalla penna di Tolkien minacciò di far sprofondare tutto il mondo nell’oscurità.

Partendo da un momento di relativa pace, la serie segue un gruppo di personaggi, alcuni già noti, altri nuovi, mentre si apprestano a fronteggiare il temuto ritorno del male nella Terra di Mezzo. Dalle più oscure profondità delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della
capitale elfica di Lindon, all’isola mozzafiato del regno di Númenor, fino ai luoghi più estremi sulla mappa, questi regni e personaggi costruiranno un’eredità che sopravvivrà ben oltre il loro tempo.

Continue Reading

Serie tv

Mercoledì: la recensione in anteprima della serie Netflix di Tim Burton

Published

on

mercoledì tim burton
Mercoledì | Su Netflix la meravigliosa serie diretta da Tim Burton
4.3 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Dal 23 novembre 2022 su Netflix, Mercoledì è il nuovo attesissimo progetto firmato Tim Burton. Otto episodi pieni di ironia, fascino, stile. L’impronta del cineasta celebre per capolavori quali Edward mani di forbici e Big Fish, è inconfondibile e straordinaria.

Protagonista eccelsa dello show, la giovane Jenna Ortega (Yes Day, Scream 5) cavalca ormai l’onda del successo e si rivela completamente all’altezza di chi l’ha preceduta – Christina Ricci fa parte del cast, in un ruolo alquanto significativo.

Qui sotto potete vedere la nostra video recensione sul canale YouTube MADROG CINEMA!

Leggi anche: The Sandman | la recensione dei primi due episodi della serie su Netflix

Mercoledì | La trama della nuova serie firmata da Tim Burton

Alla scuola pubblica Nancy Reagan, la mediocrità del personale e degli studenti non sorprende Mercoledì Addams (Ortega), abituata a standard molto più alti. I suoi. Dal momento che lei è l’unica che può tormentare il fratello minore Pugsley (Isaac Ordonez), i bulli che lo prendono di mira non possono passarla liscia.

Con un’inventiva che lascerebbe a bocca aperta qualunque genio del Male, Mercoledì escogita un piano per vendicarsi e mettere le cose in chiaro. Se non che il gesto, considerato un po’ eccessivo, la fa espellere. Morticia (Catherine Zeta-Jones ) e Gomez (Luis Guzmàn) decidono di iscriverla alla Nevermore Academy, dove anche loro hanno studiato e si sono incontrati.

Jenna Ortega nei panni di Mercoledì

Conosciuta come “la scuola dei reietti”, Mercoledì dovrà fare i conti con tutta una nuova realtà. Ma dalla sua ha una personalità e una determinazione incontenibili.

Una Mercoledì oltre le aspettative

Tutte le aspettative, nate da quando l’annuncio di questo nuovo progetto targato Burton è stato fatto, vengono ripagate immediatamente. Il teen drama si mescola al fantasy, richiamando alla mente titoli come Teen Wolf e Le terrificanti avventure di Sabrina e raggiungendo livelli di intrattenimento altissimi.

Alla base c’è una padronanza dei mezzi e una visione comune che permette di dar vita a qualcosa di meraviglioso e memorabile. E non va sottovalutata la portata del lascito, con il quale, inevitabilmente, scatterà il confronto.

Mercoledì ha il potere di coinvolgere e divertire il suo pubblico, grazie a una scrittura vivace, brillante, puntuale, che caratterizza alla perfezione protagonisti e situazioni. La giovane Addams ha sempre la battuta pronta e non ha bisogno di alcun riconoscimento esterno, sa benissimo chi è e cosa vuole. Ecco perché le aspirazioni dei genitori, che vorrebbero per lei ciò che hanno avuto loro stessi alla sua età, non fanno che indispettirla. Sentendosi sfidata, senza effettivamente esserlo, Mercoledì farà di tutto per portare a termine la sua missione.

I punti di forza della serie

Missione che, in qualche modo, viene rallentata da ciò che la circonda, e che la intriga. A costituire la ricchezza della storia, oltre all’eccentrica protagonista intorno a cui tutto ruota, sono quindi le relazioni che intercorrono tra lei e il resto dei personaggi. A partire dalla convivenza con la coloratissima Enid (Emma Myers), esatto opposto di Mercoledì e perfetta turbina che spinge a uscire dal guscio.

Leggi anche: Tim Burton a Roma | via libera alla fantasia e meno al politically correct

E ancora, l’amicizia – inizialmente di convenienza – con Tyler (Hunter Doohan), l’unico che sembra, in qualche modo, tenere testa alle pretese e alle stramberie della Addams. Nel corso degli episodi, mentre le vicende prendono forma e regalano colpi di scena, più o meno imprevedibili, hanno modo di emergere anche questioni legate all’adolescenza e alla crescita. E non mancano neppure frecciatine a particolari aspetti della società attuale, come per esempio i Social.

Continue Reading

News

1923 | Jennifer Ehle e Jerome Flynn si uniscono al cast dell’attesa serie tv

Published

on

Tra le tante novità, continua a far parlare la serie 1923 caratterizzata per la presenza di attori del calibro del candidato all’Oscar® Harrison Ford e la vincitrice del premio Oscar Helen Mirren oltre a Darren Mann, Michelle Randolph, James Badge Dale, Marley Shelton, Brian Geraghty, Aminah Nieves e Julia Schlaepfer.

Ad unirsi a questo cast stellare ci saranno anche Jennifer Ehle e Jerome Flynn.

La trama di 1923

Realizzato dal candidato all’Oscar Taylor Sheridan e prodotto da MTV Entertainment Studios e 101 Studios, 1923 è il nuovo capitolo della storia delle origini di “Yellowstone”, dopo la performance da record di 1883, il titolo più visto di sempre su Paramount+ a livello globale. 1923 introdurrà una nuova generazione della famiglia Dutton ed esplorerà i primi anni del XX secolo, quando pandemie, siccità storiche, la fine del proibizionismo e la Grande Depressione affliggono l’Ovest montano e i Dutton che lo chiamano casa. In Italia la serie sarà disponibile su Paramount+ dal 2023.

Leggi anche: Don’t worry darling: il film che promette fino all’ultimo e poi non mantiene

Leggi anche: The Punisher | Jon Bernthal sarà ancora il protagonista della serie Marvel?

Quali ruoli interpreteranno le new entry?

Nella serie, Jennifer Ehle interpreterà Suor Mary O’Connor, una suora irlandese che insegna alla School For American Indians nel Montana; mentre Jerome Flynn interpreta Banner Creighton, uno scozzese dalla testa dura a capo degli allevatori della zona.
1923 è prodotta da Taylor Sheridan, John Linson, Art Linson, David C. Glasser, Ron Burkle, David Hutkin, Bob Yari e Ben Richardson.

La nuova serie è l’ultima aggiunta al crescente programma di Sheridan su Paramount+, che oltre a 1883 comprende Mayor of Kingstown e le prossime serie Tulsa King, Bass Reeves, Lioness e Land Man.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari