Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

The Walking Dead: perchè la serie tv ha perso pubblico?

Pubblicato

:

Quando sul canale AMC nella lontana notte di Halloween del 2010 iniziò The Walking Dead, sembrava che il mondo avesse smesso di girare e che gli amanti della televisione di tutto il mondo si fossero trasformati in zombie. E quelli che non sono saliti immediatamente sul carrozzone di The Walking Dead lo hanno fatto più tardi. A lavoro tutti parlavano di cosa fosse accaduto di strano e di incredibile a Rick Grimes (Andrew Lincoln) la notte prima. Le vicende della serie tv ispirate dai popolari libri di fumetti di Robert Kirkman hanno contribuito al successo di The Walking Dead, mettendolo sul podio delle serie televisive più famose degli ultimi anni, accanto a Game of Thrones.

Negli anni successivi, tuttavia, le situazione ha avuto un’inversione di tendenza. Se inizialmente i dati dell’audience erano davvero alti, segnando anche una media di 14,38 milioni di spettatori su AMC, successivamente gli ascolti sono diminuiti sempre di più. Ora che si trova oltre la metà della sua ottava stagione, The Walking Dead è immerso in uno share molto più basso rispetto alla prima – con soli 6,8 milioni di spettatori per l’episodio 10. Tutto ciò porta a chiedersi: perché le persone hanno smesso di guardare The Walking Dead? Vi anticipo che ci saranno degli SPOILER di seguito.

Se la trama e i personaggi principali di una serie tv sono il pane, le sottotrame interne e i relativi personaggi secondari sono marmellata e nutella. L’insieme di tutti questi elementi, rendono un prodotto delizioso perfetto per essere consumato a qualsiasi ora del giorno o della notte.

The Walking Dead: nuovi personaggi come meteore

Nel corso degli anni The Walking Dead ha introdotto una serie di personaggi che molti hanno trovato interessanti e a tratti anche superflui per la storia. Invece di coinvolgere facce fresche (come Andrew J. West Gareth e IronE Singleton T-Dog) nel pieno del loro potenziale, gli scrittori della serie hanno deciso di farli fuori ancor prima che gli spettatori potessero accorgersi di loro. Questo ovviamente non è legato al fatto che si tratta di un cast con poco talento o degno di non essere riconosciuto, ma, dal punto di vista della trama, non sono stati trattati con la stessa attenzione rispetto al cast principale e così gli appassionati hanno trovato difficile affezionarsi a loro. Per questo motivo non c’è da stupirsi se gli spettatori stanno smettendo di guardare The Walking Dead.

Amori sfuggenti

Sappiamo tutti come una storia d’amore negativa può uccidere una buona storia. Sebbene generalmente associato ai film d’azione, il virus del morso d’amore si è diffuso abbastanza, tanto da affondare i denti in The Walking Dead. Ricordate l’incontro di Jessie Anderson (Alexandra Breckenridge) con Rick? Si è acceso e si è spento in un lampo. Lo stesso si può dire per Rick e Michonne (Danai Gurira). Anche se i due sono ancora insieme a partire dall’ ottava stagione, il fuoco tra di loro non è molto passionale per alcuni fan. Molti hanno creduto che la coppia non avesse assolutamente “nessun traporto sessuale” e che la loro relazione “è venuta fuori dal nulla” ed è “completamente scomoda e innaturale“. Anche il rapporto di Abraham Ford (Michael Cudlitz) con Sasha Williams (Sonequa Martin-Green) è stato di breve durata.

Invece di sentire le tiepide risate sui personaggi “pseudo” innamorati e che si stavano sparando a vicenda, i fan hanno iniziato a lanciare gli occhi sulle coppie non essenziali. Quel che è peggio è che le vicissitudini non si estinguono semplicemente e lo spettacolo va avanti; gli scrittori spesso hanno sottolineato la relazione con la morte di uno dei due coinvolti, forse per creare una profondità emotiva, ma alla fine non ci riuscivano. The Walking Dead si è chiaramente perso nell’amore, e alla fine la gente ha smesso di guardarlo.

Il fascino letale dei cattivi

In generale si suppone che i cattivi siano antipatici. Certo, gli antagonisti con un passato complesso e che una volta erano piccoli e vulnerabili offrono un certo entusiasmo al tradizionale binomio eroe / ladro. Jeffrey Dean Morgan nel ruolo di Negan non è uno di quei personaggi. Il sarcastico e sinistro Negan è terrificante fino al midollo, un’impressione one-to-one del malvagio incessantemente peccaminoso raffigurato nei  fumetti di The Walking Dead. Dal momento in cui è entrato nel cast, gli spettatori sapevano che una nuova vagonata di problemi sarebbe arrivata in città.

Ma poi ha massacrato due personaggi preferiti dai fan in un modo inutilmente crudele. Negan, entrando in scena e sconvolgendo il mondo di The Walking Dead, ha portato direttamente alla morte Glenn e Abraham – che non erano solo violenti, viscerali e incredibilmente infernali per lo stomaco, ma erano anche l’ultima goccia per molti spettatori. I fan hanno gridato ai social media che il loro cuore era spezzato, e i critici hanno affermato che Negan aveva “rovinato” The Walking Dead  e gli spettatori sono scesi da 17 milioni nella premiere della settima stagione incentrata su Negan a 10,4 milioni solo un mese dopo.

The Walking Dead ha sempre colpito duramente per la miseria, il sangue e tutte le cose spiacevoli – e c’è da aspettarselo da una serie di questo tipo: arti affusolati, ferite aperte, cadaveri in decomposizione, sangue e budella sono il materiale di riserva di un spettacolo horror post-apocalittico. Violenza e viscere sono solo il nome del gioco! Ma, dopo che Negan e la sua non così allegra banda di Salvatori arrivarono in città, The Walking Dead  ebbe un drammatico cambiamento di tono. Non si sentiva più come un ammonimento, una serie che esplora le complessità dell’esistenza e l’oscurità della natura umana; ma è diventato qualcosa che ha il piacere di provocare dolore, trasformandosi in “torture porno” fisiche ed emotive.

Tale brutalità può essere trascurata quando è giustificata ed equilibrata con alcuni bei momenti, ma quando una serie già oscura si concentra su quanto il suo cattivo principale sia sociopatico, l’atteggiamento cinico e il tono malevolo dimostrano troppo. E anche se gli showrunner hanno detto che avrebbero attenuato la violenza dopo l’apertura della stagione numero sette, una buona fetta di fan aveva già smesso di guardare. Vedere personaggi che affrontano difficoltà inimmaginabili, lottano per affrontare le loro più grandi paure, sprofondare nelle loro vicende personali e sperimentare le stesse cose che speravano non sarebbero mai state facili. Quando li osservi farlo per anni e anni prima di affrontare un male estremo, è quasi impossibile da sopportare.

Durante le prime sei stagioni di The Walking Dead , Rick e la sua coalizione hanno preso in giro il nemico insanguinato e sono usciti fuori come eroi testardi. Con la settima stagione il gruppo è stato messo in ginocchio, schiacciato sotto lo stivale di NeganRick, Daryl Dixon (Norman Reedus) e Carol Peletier (Melissa McBride) svanirono nell’ombra dei loro ex, perdendo il loro vantaggio sotto la dominazione dei Salvatori. Rick è passato da leader fiducioso a seguace paranoico; Carol ha perso il fuoco per contrattaccare; e Daryl, a lungo considerato il più grande tosto di The Walking Dead, è diventato oggetto di torture viziose.

Contro le aspettative

I creativi della serie hanno fatto una mossa di divisione nella sesta stagione, quando hanno realizzato una trama volutamente intesa da indurre tutti a credere che Glenn fosse stato mangiato vivo dagli zombi. Usando angoli di telecamera nascosti e inquadrature ravvicinate, le menti dietro lo show ingannavano direttamente gli spettatori, facendo sembrare che le budella di Glenn fossero davvero tirate fuori dal suo corpo mentre urlava in piena agonia – quando in realtà, era un cadavere il cui interno si era rovesciato dappertutto e Glenn era proprio lì vicino.

Qualcosa di simile è accaduto nel penultimo episodio della sesta stagione, quando Daryl apparentemente è morto dopo essere stato colpito, con il sangue che schizzava sullo schermo. Era tutto solo deliberatamente fuorviante. The Walking Dead ha trascinato gli spettatori nell’episodio successivo, mostrando Negan che ha distrutto il cranio di qualcuno, ma non rivelando di chi fosse, lasciando così il pubblico completamente distrutto e costringendolo a scoprire chi era la vera vittima guardando la stagione successiva. Assaporare la grandezza di una serie per convincere la gente a sintonizzarsi è quello che rappresenta lo showbiz, ma quando la promozione spudorata diventa un po’ vergognosa, aspettati che i fan cadano come mosche. In passato gli showrunner di The Walking Dead sono andati a prendere in giro quello che avverrà nelle nuove stagioni della serie, dicendo che certe cose che vogliono dare una ” scossa ai fan” a sorpresa, non sono considerate credibili. Per alcuni fan a casa, gli episodi spesso non sono stati all’altezza del caos e della freddezza promessa.

Non più zombie

Un altro dilemma è: come è possibile che uno spettacolo di zombie, inizialmente abbia mostrato continui assalti in quasi tutti gli episodi, mentre ora ne mostra solo un’infarinatura? Con il passare delle stagioni la presenza dei morti che camminano è diminuita. Oltre a questo è difficile decidere cosa sia ancora The Walking Dead. Alle sue origini la serie tv è stata l’apice di ciò che la narrazione post-apocalittica avrebbe dovuto assomigliare, e c’era un chiaro obiettivo centrale: Rick e la banda avevano bisogno di superare in astuzia gli zombie e sopravvivere abbastanza a lungo da vedere un mondo senza di loro vagare, arrivando a sacrificare le cose che amavano per realizzarlo. Ora il gruppo è quasi esclusivamente minacciato da folle di umani criminali, e la premessa che lo spettacolo ha avuto una volta – combattendo contro i morti ambulanti – è quasi svanita.

Mantenere le cose fresche di stagione in stagione è imperativo per uno spettacolo affinché riesca a restare  a galla. The Walking Dead è riuscito su quel fronte nei suoi primi anni di vita, ponendo l’accento sui suoi personaggi e sulla loro crescita nel loro nuovo mondo e lontano da quello che un tempo conoscevano. Le prime stagioni vedevano Glenn che si mostrava, Rick che imparava ad essere un vero leader, e Carol guadagnava forza e sicurezza. Una volta raggiunto un certo punto del loro sviluppo, tuttavia, i personaggi hanno iniziato a diventare piatti e le loro storie stagnanti. Queste trame ripetitive erano tollerabili all’inizio, ma i fan ora sentono che la serie è davvero noiosa. In parole semplici The Walking Dead dovrebbe essere pieno di azione, non mettere le persone a dormire.

 

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Netflix

El Camino, tutto quello che c’è da sapere sul film di Breaking Bad

Pubblicato

:

el camino breaking bad movie

L’attesa sempre più febbrile che si è creata attorno a El Camino, film di Netflix tratto dalla serie cult Breaking Bad, diretto e scritto dal suo creatore Vince Gilligan, è una testimonianza tangibile di come la serie Amc abbia lasciato un segno profondo all’interno del panorama televisivo e nel cuore dei suoi fan. In arrivo su Netflix il prossimo 11 ottobre, El Camino è ancora oggi un prodotto misterioso, di cui si sa ufficialmente pochissimo al di là della durata (122 minuti) e della data di uscita. Pare che, proprio come il recente lungometraggio di Downton Abbey, anche El Camino prenderà il via dal finale dell’ultimo episodio della serie da cui è tratto (a distanza di sei anni lo spoiler è in prescrizione).

Leggi anche: Breaking Bad, 5 grandi momenti della serie tv

I teaser trailer diffusi nelle scorse settimane sono stati molto utili a definire quello che presumibilmente sarà il tono del film (cupo ma allo stesso tempo attraversato da un irresistibile umorismo nero) e invece poco generosi nel rivelare dettagli riguardanti la trama. Sappiamo che un ruolo fondamentale nel film lo avranno i personaggi di Jesse Pinkman (Aaron Paul), Skinny Pete (Charles Baker) e Badger (Matt L. Jones). Cosa è successo davvero a Jesse dopo la sua uscita di scena? Questa è una delle domande principali a cui il film dovrà rispondere. Ovviamente massima segretezza sulla eventuale presenza (in quale forma, non è dato saperlo) di Walter White. Ma con il suo solito umorismo, Bryan Cranston ha affermato lo scorso giugno: “Well, rigor mortis has a way of allowing that to happen”.

È stato lo stesso Matt Jones a rivelare recentemente le accortezze adottate dalla produzione per non rivelare il progetto prima del dovuto: “Sono nel film, sì, ma credetemi quando vi dico che non ho la minima idea di cosa accada. Non lo so e basta, onestamente, perché ho solo letto le scene in cui dovevo recitare la mia parte. Non c’è stata neanche nessuna lettura di gruppo. Abbiamo persino alloggiato negli Hotel di Albuquerque con degli pseudonimi. Il mio era Jean-Luc Picard. Non sto scherzando. Dovevamo indossare degli abiti sopra i nostri costumi di scena. Assurdo”.

Curiosità: 7 attori la cui carriera inizia e finisce con Breaking Bad

È stata invece confermata (dallo stesso interessato) la presenza di Jonathan Banks, che tornerà a vestire i panni di Mike Ehrmantraut (ucciso nella quinta stagione, in una delle sequenze più belle dell’intera serie). Evidentemente la morte del proprio personaggio non è un elemento sufficiente ad impedirne il ritorno nel film. “Dopo la drammatica fuga dalla prigionia, Jesse deve venire a patti con il suo passato per poter plasmare il futuro”. Questa è la stringata sinossi disponibile attualmente su Netflix. Quello che sappiamo per certo è che Vince Gilligan, come dimostrato con Better Call Saul, ha mantenuto negli anni il suo personalissimo modo di scrivere e di caratterizzare i propri personaggi. Anche per questo, il ritorno di Breaking Bad, fortunatamente, non ha il sapore di uno stanco e nostalgico revival. 

Continua a leggere

Home Video

True Detective, la terza stagione in DVD e Blu-Ray dal 12 settembre

Pubblicato

:

cq5dam.web .738.462

Warner Bros. Home Entertainment Italia è orgogliosa di presentare la terza stagione di True Detective, la serie di culto ideata da Nick Pizzolatto. disponibile in DVD e Blu-Ray™ a partire dal 12 settembre. Otto episodi di pura suspence: la scomparsa di Will e Julie tormenta da 35 anni il detective Wayne Hayes (interpretato dal premio Oscar® Mahershala Ali). La stagione, lodata dalla critica, riprende la struttura narrativa della prima stagione, con la storia che si sviluppa in tre linee temporali differenti e vede un ricco cast che comprende, oltre ad Ali, anche Stephen Dorff (Blade) e Carmen Ejogo  (Animali Fantastici e Dove Trovarli, Alien: Covenant). La stagione è stata scritta da Nic Pizzolatto, nominato a due premi Emmy che ha diretto anche alcuni episodi.

Sinossi:
Wayne Hayes è un detective in pensione che da 35 anni è tormentato da un caso del passato. 1980: Will e Julie Purcell, due fratelli rispettivamente di 12 e 10 anni, una sera scompaiono. I loro genitori, Tom e Lucy, sono disperati. Il caso viene affidato a Hays e al suo partner Roland West. I Purcell non fanno che rinfacciarsi a vicenda la sparizione dei figli e non sono di grande aiuto. Purtroppo, i fratelli vengono trovati morti, si arriva a qualche indagato, ma non si riesce a trovare il colpevole. Il caso viene accantonato, ma dieci anni dopo, nel 1990, una nuova, scioccante scoperta riporta i riflettori sul caso…

Continua a leggere

Netflix

Luna Nera, le prime immagini della serie originale italiana su Netflix nel 2020

Pubblicato

:

lunanera 102 unit 00182rc20190713 5984 tzj754

Sono appena terminate le riprese di Luna Nera, la terza serie originale italiana Netflix (una produzione Fandango), che sarà disponibile da inizio 2020 su Netflix in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. I protagonisti della serie sono: Antonia Fotaras (Ade), Giada Gagliardi (Valente), Adalgisa Manfrida (Persepolis), Manuela Mandracchia (Tebe), Lucrezia Guidone (Leptis), Federica Fracassi (Janara), Barbara Ronchi (Antalia), Giorgio Belli (Pietro), Gloria Carovana (Cesaria); Giandomenico Cupaiolo (Sante), Filippo Scotti (Spirto), Gianmarco Vettori (Nicola), Aliosha Massine (Benedetto), Nathan Macchioni (Adriano), Roberto De Francesco (Marzio Oreggi), Emili Mastrantoni (Ade bambina), Astrid Meloni (Amelia), Daniele Amendola (Giambattista), Marilena Anniballi (Agnese) e Mariano Pirrello (Professore romano) .

Dietro la macchina da presa troviamo Francesca Comencini (Amori che non sanno stare al mondo; Gomorra – La serie), Susanna Nicchiarelli (Nico, 1988) e Paola Randi (Tito e gli Alieni). La serie è basata sul romanzo “Le città Perdute. Luna Nera” di Tiziana Triana, che verrà pubblicato a novembre 2019 da Sonzogno Editore. La scrittrice ha contribuito alla sceneggiatura degli episodi insieme a Francesca Manieri (Il Miracolo), Laura Paolucci (L’Amica Geniale) e Vanessa Picciarelli (Bangla).

lunanera 103 unit 00001rc20190713 6038 10z22da

Luna Nera è ambientata in Italia nel XVII secolo. In seguito alla morte di un neonato, Ade, una levatrice di 16 anni, viene accusata di stregoneria. Trovato rifugio in una misteriosa comunità di donne al limitare del bosco, la ragazza è costretta a fare una scelta: l’amore impossibile per Pietro – figlio del capo dei Benandanti, i cacciatori di streghe – o l’adempimento del suo vero destino, una minaccia per il mondo in cui vive, diviso tra ragione e misticismo.

Tra le curiosità trapelate, possiamo dirvi che le riprese sono durate 16 settimane, sono state realizzate negli studi di Cinecittàdove sono state ricostruite le scenografie del XVII secolo – e in diverse altre location del Lazio, tra cui la magica cornice di Canale Monterano, l’incantevole borgo di Celleno, e il meraviglioso castello di Montecalvello appartenuto negli anni ‘60 al celebre artista parigino Balthus. Le riprese si sono svolte anche nella Selva del Lamone, a Sorano, Sutri e all’interno del Parco degli Acquedotti di Roma.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Ottobre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X