L’appuntamento con uno degli eventi nerd più importanti dell’anno sta arrivando. Ci riferiamo ovviamente al San Diego Comic-Con. Durante la manifestazione ci aspettiamo di scoprire maggiori dettagli su Wonder Woman 2. Nell’attesa abbiamo scovato un indizio sulla pagina Twitter del produttore Geoff Johns che ha cambiato la sua immagine di copertina con questa:

Wonder Woman 2: il logo del film DC

 

Questa immagine ha tutta l’aria di essere il logo di Wonder Woman 2. WW sta per Wonder Woman e 84 dovrebbe essere l’anno in cui è ambientato. Sapevamo già che si trattava degli anni ottanta, ma adesso abbiamo la conferma che Diana Prince aka Wonder Woman combatterà durante il periodo della Guerra Fredda.
Vi avevamo dato aggiornamenti sul sequel in questo articolo.

Wonder Woman 2: Diana Prince in Guerra Fredda

Questo periodo storico fornisce molti spunti interessanti dato che erano in gioco molti doppiogiochisti, spie e assassini a sangue freddo. Tra i protagonisti che saranno inseriti in Wonder Woman 2 c’è il villain Cheetah interpretato da Kristen Wiig (Ghostbusters reboot, Madre!) . Di questo personaggio esistono più versioni nei fumetti e non sappiamo quale sarà quella scelta dagli sceneggiatori, che potrebbero anche fornirci un mix di più personaggi.

Wonder Woman 2: dove potrebbe portarci la trama del film?

Una delle possibili trame del film potrebbe essere quella in cui Diana Prince (Wonder Woman) combatte per impedire il lancio di una nuova bomba atomica. Chissà se tornerà Ares, quantomeno come minaccia per l’uomo che avrà sempre la tentazione di iniziare una guerra. Più difficile che scelgano di lavorare su una trama che riguarda la corsa allo spazio. Probabilmente al San Diego Comic-Con ne sapremo di più.

Il sequel di Wonder Woman introdurrà anche il personaggio di Narcos che sarà Pedro Pascal. La sceneggiatura è stata scritta dalla regista Patty Jenkins, da Geoff Johns, e Dave Callaham. Nel cast si mormora possa fare il suo ingresso la storica Wonder Woman Lynda Carter.

Wonder Woman 2 sarà nei cinema americani dal primo novembre 2019. Non c’è ancora una data ufficiale per l’Italia, ma speriamo nella contemporaneità.

Fonte: collider.com