Connettiti a NewsCinema!

Gossip Cinema

Come Ben Affleck ha rovinato la carriera di Jennifer Garner

Pubblicato

:

La carriera di Ben Affleck ha subìto una vera e propria rinascita quando ha sposato Jennifer Garner nel 2005. Nel frattempo la Garner ha visto la sua carriera perdere colpi, per impregnarsi nel ruolo di moglie e madre. Dopo aver trascorso un decennio nell’ombra del premio Oscar, adesso potrebbe essere troppo tardi per emergere nuovamente e pienamente come una star del grande schermo. Vediamo insieme perchè.

Ha messo da parte il suo potenziale

Prima di unirsi ad Affleck, la Garner era un’attrice in gamba. La ricordiamo in ruoli d’azione come Alias, Daredevil (2003) ed Elektra (2005). Nonostante alcuni film siano dei blockbuster, la Garner comunque ha dimostrato di essere predisposta e capace, ad affrontare ruoli atletici con più talento rispetto alla collega sportiva Jessica Biel, e un’alternativa più sana di Angelina Jolie, per poi scomparire da quel mondo che condivideva insieme ad Affleck.

E’ diventata una casalinga

Jennifer Garner ammette che la sua relazione con Affleck e la sua maternità hanno avuto la precedenza e il sopravvento rispetto al suo lavoro. Mentre Affleck ha seguito la sua recitazione e gli obiettivi della regia, tra cui vincere un Oscar per Argo (2012) e diventare Batman, la Garner sta allevando i loro tre figli cercando di non abbandonare totalmente il cinema, accettando ruoli che richiedono molto meno impegno come Valentine’s Day (2010), La rivolta delle ex ( 2009), e Butter (2012). Nel marzo del 2015 alcuni mesi prima dell’annuncio del divorzio, durante il loro periodo segreto di separazione, ha detto a Us Weekly: “Ben è super impegnato e io sono super felice per lui. Ho scelto di rimanere a casa quest’anno e gli ho detto, Vai baby. Fai tutto. Fai Gone Girl, Batman, e The Accountant. Fai tutto. Voglio il meglio e sono contenta per lui. E lui pensa lo stesso per me. Solo che è molto impegnato.” Ha anche detto ad Access Hollywood: “Io ho questa battaglia interna, ho bisogno di lavorare e ho bisogno di stare a casa con i miei figli. E questi ultimi vincono“. Se ci fosse stato un migliore equilibrio tra il lavoro e la vita di coppia, avrebbero avuto molta più fortuna e meno sensi di colpa nel prendere ruoli più importanti, mentre erano sposati.

E’ ormai relegata al ruolo di mamma

La Garner è arrivata all’età di 40 anni. Per quanto sia sorprendente giovane nell’aspetto, praticamente è fuori target per i principali ruoli da signora ad Hollywood, un sistema notoriamente discriminatorio. Con l’eccezione di una svolta impressionante in Dallas Buyers Club (2013), alla sua età è improbabile che possa essere presa in considerazione per storie romantiche, interpretando così la mamma in Miracles From Heaven (2016) e Alexander And The Terrible, Horrible, No Good, Very Bad Day (2014). Parte del motivo per cui viene scritturata per queste parti è perché rappresenta la scelta migliore, ma il motivo principale è perché queste sono le uniche offerte che  riceve attualmente, a causa della sua etichetta di mamma americana, per gentile concessione di Affleck.

E’ compatita, ma non necessariamente ammirata

La Garner ha ammesso di aver ricevuto delle offese da parte del pubblico, rilasciando interviste piene di lacrime, ed un profilo oscurato su Vanity Fair. Forse non avrebbe dovuto farlo se Affleck non l’avesse, si sa, presumibilmente tradita un mucchio di volte mentre erano sposati e molto probabilmente anche con la tata. Ora che lui è visto come un uomo formidabile, forte e sexy, il mondo simpatizza per lei. La simpatia non porta però alla vendita dei biglietti. In fondo sta ancora sperando di potersi ritagliarsi una nicchia tutta sua.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Cinema

Caso Harvey Weinstein: cruciale la testimonianza dell’attrice Gwyneth Paltrow 

Pubblicato

:

paltrow 1

Gwyneth Paltrow è stata nominata come figura chiave nella storia del New York Times che per prima ha sporto una serie di accuse di molestie sessuali contro Harvey Weinstein e ha portato al licenziamento del produttore cinematografico dalla sua stessa compagnia e al conseguente procedimento giudiziario.

In un nuovo libro intitolato She Said: Breaking the Sexual Wassment Story That Helped Ignite a Movement di Jodi Kantor e Megan Twohey – i reporter del New York Times la cui storia il 5 ottobre 2017 ha scatenato la caduta di Weinstein – riporta che Paltrow sia stata “spaventata di andare a denunciare, ma poi è diventata ben presto una testimone cruciale, condividendo il suo racconto di molestie sessuali e cercando di reclutare altre attrici per farle parlare”.  In un’apparizione al Today Show , Kantor e Twohey hanno dichiarato: “Gwyneth [Paltrow] è stata in realtà una delle prime persone a mettersi al telefono, ed è stata determinata ad aiutare questa indagine anche quando Harvey Weinstein si è presentato a una festa da lei e fu costretta a nascondersi in bagno [mentre parlava con i giornalisti]. “

Paltrow, che ha recitato in numerosi film sostenuti da Weinstein tra cui Shakespeare in Love, è stata successivamente citata da Kantor e Rachel Abrams , accusando Weinstein di molestie sessuali. “Ero una bambina, ero pietrificata”. Dopo Brad Pitt, all’epoca suo fidanzato, decise di affrontare Weinstein, e disse: “Pensavo che mi avrebbe licenziata”.

sec 13840141

Weinstein, che sarà presto processato per stupro e abuso sessuale, nega tutte le accuse di attività sessuale non consensuale. In una dichiarazione a Deadline , un rappresentante di Weinstein ha messo in dubbio l’affermazione della Paltrow secondo cui “è in gioco il suo lavoro”“Gwyneth Paltrow proviene dalla regalità di Hollywood … Suo padre era un grande produttore, sua madre un’attrice famosa, suo padrino è Steven Spielberg. Non aveva bisogno di fare film con Harvey Weinstein; lo voleva, e ha vinto i premi più importanti ed è stata l’attrice femminile più pagata per quasi un decennio, con Weinstein.”

Kantor e Twohey descrivono anche le attività dell’avvocato di alto profilo Lisa Bloom, che ha agito per conto di Weinstein. Un memo che Bloom ha scritto nel 2016 è citato nel libro. Il memo di Bloom ha delineato un piano per minare le accuse di Rose McGowan , citando la sua esperienza come rappresentante delle vittime. In un’intervista a Variety, McGowan ha dichiarato: “Ciò che queste persone hanno fatto alla mia posizione nel mondo è stato sistematico – è stato malvagio …” La Bloom si è scusata con i social media , scrivendo: “Mentre soffro, imparo molto di più dai miei errori che dai miei successi. A coloro che hanno perso le mie scuse del 2017, e in particolare alle donne: mi dispiace. ”

Continua a leggere

Cinema

Il figlio di Luke Perry parla della morte del padre per la prima volta

Pubblicato

:

jack perry luke perry 1551910570

Il figlio di Luke Perry ha rilasciato una dichiarazione su quanto fosse stato importante e significativo per il suo defunto padre recitare al suo fianco nell’atteso film C’era una volta…a Hollywood, all’apice della sua carriera. Jack Perry da Chris Jericho – audio che potete sentire anche nel player qui sotto – la settimana scorsa ha esternato alcuni pensieri dettagliati sul padre, per la prima volta da quando la star della serie tv anni ’90, Beverly Hills 90210 è morta poco tempo fa a causa di un ictus.

Jack – che ha recentemente firmato un accordo come wrestler professionista con All Wrestling Elite, ha ricordato come il padre fosse irremovibile nei confronti di Jack circa la possibilità di entrare a far parte del 9° film diretto da Quentin Tarantino.

Luke si era unito al cast insieme a Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie. Il film ambientato negli anni ’60 racconta la storia di Sharon Tate, la vittima più famosa di Charles Manson. Jack ha rivelato che Luke quando è riuscito ad ottenere il ruolo nel film di Tarantino, è stato il momento clou della sua carriera. Lavorando fianco a fianco per Jack rappresentava la ciliegina su una torta bellissima. Sfortunatamente, due giorni dopo Luke è morto e Jack ha scritto un sentito omaggio nei confronti del padre, per tutto il sostegno ricevuto su ogni cosa e anche sul mondo del wrestling.

Continua a leggere

Gossip Cinema

Amber Heard accusa Johnny Depp di tentato omicidio

Pubblicato

:

Amber Heard

Amber Heard ha raccontato di essere stata minacciata quotidianamente durante gli anni di abusi subiti da parte del suo ex marito, Johnny Depp. A quanto pare sono stati presentati nuovi documenti processuali in risposta alla sua causa per diffamazione da 50 milioni di dollari contro di lei.

L’attrice si riferiva più volte a Depp come “il Mostro” nella documentazione della corte e affermava che non avrebbe ricordato l’abuso dovuto all’uso eccessivo di alcol e droghe, come riportato da Page Six . Nel loro appartamento di Los Angeles nel dicembre 2015, l’ex star dei film Pirati dei Caraibi afferrò la Heard per i capelli e la gola, schiaffeggiandola in faccia e urlandole: “Ti ucciderò, mi hai sentito?”. Poi l’avrebbe trascinata su un letto cominciando a darle dei pugni in testa, fino a rompere il telaio del letto.

“Per un po’ non ho potuto urlare o respirare. Temevo che Johnny fosse in uno stato annebbiato e inconsapevole del danno che stava facendo, e che potesse davvero uccidermi ” ha detto la HeardHeard e Depp hanno iniziato a frequentarsi nel 2012, e un anno dopo l’attrice ha ricordato di aver subito maltrattamenti sotto l’abuso di droghe e alcol da parte del marito. “Johnny spesso non ricordava la sua condotta delirante e violenta dopo essere uscito dal suo stato di ubriachezza e di droga…Amavo Johnny, avevo creduto alle sue molteplici promesse che avrebbe potuto e sarebbe migliorato. Mi sbagliavo.”

Nel maggio 2014 l’attrice ha affermato che Depp ha iniziato a bere pesantemente, le ha gettato oggetti e le ha riservato diversi insulti verbali su un volo privato. Ma non solo. Le diede un calcio nella schiena facendola cadere a terra, e svenne in bagno per il resto del volo. Depp più tardi si scusò via SMS, dicendo che non ricordava cosa fosse successo. Il suo assistente ha anche inviato un messaggio a Heard, dicendo “È un ragazzo un po’ perso. E ha bisogno di tutto l’aiuto che può ottenere. ” Heard e Depp si sono sposati nel febbraio 2015, ma un mese dopo è andato per tre giorni in overdose da extasy, quando invece avrebbe dovuto essere sobrio.

deppmain

“Johnny mi ha detto che non gli avevo proibito esplicitamente di prendere l’extasy. L’argomento si è acceso e Johnny mi ha spinto, mi ha schiaffeggiato e mi ha spinto a terra prima di ritirarmi in una camera da letto chiusa a chiave “, ha detto Heard.

Presumibilmente, Depp ha ripreso a bere e abusare della sua ex moglie per tutti e tre i giorni. La gettò attraverso un tavolo da ping-pong, la soffocò e scrisse messaggi con sangue e olio sulle pareti prima di essere ricoverata in ospedale. “Fino ad oggi, ho ancora cicatrici sulle mie braccia e sui miei piedi da questo incidente”, ha detto la bellissima attrice. Dopo l’ennesima aggressione, che ha visto Depp lanciarle un cellulare sul suo viso “come un lanciatore di baseball” a maggio 2016, la Heard ha deciso di lasciarlo definitivamente e di presentare un ordine restrittivo per tutelare la sua persona. Dal divorzio avvenuto nel gennaio 2017, purtroppo l’attrice – dopo aver riferito degli abusi – non ha trovato molto sostegno da parte del pubblico.

“Ho perso una parte per un film in cui ero già stato scelto. Persone che non ho mai incontrato o parlato mi hanno minacciato di violenza. Ho ricevuto così tante minacce di morte che ho dovuto cambiare il mio numero di telefono su base quasi settimanale “, ha detto. “Le persone mi accusavano di aver abusato di Johnny. Questo semplicemente non è vero. Non ho mai attaccato Johnny se non per autodifesa. “

La Heard scrisse anche un editoriale per il Washington Post nel 2018 nel quale parlava del suo abuso, ma non menzionò mai Depp. L’attore  dal canto suo, decise di citarla comunque per diffamazione, al costo di $ 50 milioni di dollari per le affermazioni secondo le quali la sua ex-moglie insinuò che l’aggressore era proprio lui, il quale definì quelle accuse come una burla.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Settembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Ottobre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X