L’edizione 2018 del Bif&st – Bari International Film Festival si è chiusa con la consegna a Bernardo Bertolucci del “Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence”, consegnato al regista de L’Ultimo Imperatore da Giuseppe Tornatore, suo grande ammiratore. La presenza di Bertolucci a Bari è coincisa con la presentazione in anteprima mondiale della nuova versione di Ultimo Tango a Parigi, restaurato dal Centro Sperimentale di Roma a partire dai negativi originali: un film che non ha ancora smesso di far discutere ad oltre 40 anni dalla sua uscita, come dimostrano le polemiche che si sono riaccese recentemente sulla celebre “scena del burro” con protagonisti Marlon Brando e Maria Schneider.

“Non credete alle notizie false che circolano in rete”, ha affermato Bertolucci. “Quello che si vede in quella scena non è altro che una simulazione fatta da attori bravissimi: non c’è stata nessuna violenza e Vittorio Storaro, il direttore della fotografia, che era alla macchina da presa in quel momento, può confermarlo”. Anzi, “Marlon Brando ha rappresentato quasi una figura paterna sul set di Ultimo Tango a Parigi”, ha spiegato il regista in conferenza stampa, “e la stessa Maria si sentiva protetta dalla sua presenza: quello fra i due è stato un rapporto molto buono ed armonioso”.

Tantissimi anche gli aneddoti che Bertolucci ha raccontato al pubblico barese sulla figura di Marlon Brando, capace di incutere timore anche solo attraverso il suo nome (Jean‑Pierre Léaud fece di tutto per non incontrarlo di persona durante le riprese di Ultimo Tango a Parigi). “All’inizio, per prenderlo un pochino in giro, Maria Schneider si presentava alle riprese con dei foglietti appiccicati sulla fronte con i dialoghi del film, perché Brando era famoso per non imparare mai le sue battute a memoria”, ha rivelato Bertolucci. “Nella scena in cui il suo personaggio parla davanti al cadavere di sua moglie, avevamo appeso ad un muro ben visibile una lavagnetta su cui lui aveva scritto alcune parti del suo monologo. Non tutto ciò che doveva dire, ma solo alcuni passaggi, come se volesse prendere solo determinate parole e da quelle ricostruire dentro sé il resto della scena”.

Sull’onda dei recenti scandali hollywoodiani, Bertolucci ha anche rivelato di aver mandato un sms a Pietro Scalia, storico montatore di Ridley Scott, non appena letta la notizia della sostituzione di Kevin Spacey dal film Tutti i soldi del mondo. “Ho provato vergogna per Scott. Malgrado il grosso potere contrattuale che ha con Hollywood, ha scelto di sottostare alla imposizione razzista su Spacey. Mi è venuta subito voglia di fare un film con Spacey”. Anche i dirigenti della Paramount, poco prima delle riprese di Ultimo Tango a Parigi, dissero a Bertolucci: “Marlon Brando non vale più nulla, è una vecchia carcassa”. Ma il regista, che ormai aveva già preso accordi con l’attore, si rivolse alla United Artist, dove accettarono come protagonista Brando. L’interprete americano era sparito dalle scene, ma in quei mesi aveva appena finito di girare un film (ancora ignoto al pubblico) che sarebbe poi passato alla storia con il nome de Il Padrino.