Connect with us

News

Better Call Saul, la nuova stagione non tornerà prima del 2020

Published

on

Better Call Saul

Cari fan dell’acclamato Better Call Saul, spin-off della AMC della serie di successo Breaking Bad, dovrete avere molta pazienza per vederlo nuovamente in onda. Vulture ha annunciato che la rete ha intenzione di far tornare lo show non prima del 2020.

In un’intervista con il presidente del gruppo di reti di intrattenimento di AMC Networks, Sarah Barnett, l’ex capo della BBC America ha rivelato che la rete preferisce dare maggior tempo allo sceneggiatore per poter sviluppare nel migliore dei modi la prossima stagione e ottenere un nuovo prodotto più avvincente. A tal proposito ha detto Barnett: “È guidato dalle esigenze del talento in questione. Elemento che non dovremmo ignorare se poi fornisce un pessimo spettacolo”. Sebbene fosse intenta nel tenere segreto il futuro della serie, Barnett ammise che si stava avvicinando rapidamente il momento in cui la serie sarebbe finita, completando l’arco trasformativo di Jimmy McGill nel repentino cambio di ruolo come criminale di Saul Goodman.

Nella quarta stagione di Better Call Saul, che si è svolta da agosto a ottobre 2018, la morte di Chuck catalizza la trasformazione di McGill (Bob Odenkirk) in Saul Goodman. Sulla scia della sua perdita, Jimmy prende provvedimenti nel mondo criminale come avvocato – e mettendo in pericolo il suo rapporto con Kim (RheaSeehorn). La morte di Chuck (Michael McKean) colpisce profondamente gli ex colleghi di Howard (Patrick Fabian) e Kim, rimettendo i due ancora sui due lati opposti di una battaglia scatenata dai fratelli McGill. Nel frattempo, Mike Ehrmantraut assume un ruolo più attivo (e più completo) nei panni di consulente di sicurezza della Madrigal Electromotive. È un momento molto destabilizzante per essere un impiegato di Gus Fring, poiché il crollo di Hector manda le onde d’urto in tutto il mondo sotterraneo di Albuquerque e getta il cartello nel caos – facendo a pezzi i piani ben fatti di Gus e Nacho. Mentre il primo cambia rotta, l’altro si ritrova nel mirino di forze mortali.

Il film drammatico acclamato dalla critica è prodotto da Peter Gould, Vince Gilligan, Mark Johnson, Melissa Bernstein, Thomas Schnauz e Gennifer Hutchison. La serie ha recentemente ottenuto un Peabody Award 2018 e, in tre stagioni, ha ottenuto 23 nomination agli Emmy Award, tre nomination al Golden Globe, due Writers Guild Awards, tre Critics ‘Choice Awards, un Television Critics Association Award e due AFI Awards per ” Programmi TV dell’anno,” tra molte altre nomination di gilda. Creato da Gilligan e Gould, la serie vede come protagonisti Bob Odenkirk, Jonathan Banks, Rhea Seehorn, Patrick Fabian, Michael Mando e Giancarlo Esposito.

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Netflix

Blonde | l’iconica Marilyn Monroe torna a splendere con Ana De Armas

Published

on

Il mito e il mistero che ruota intorno alla figura dell’affascinante Marilyn Monroe torna a splendere nel film Blonde dal 23 settembre su Netflix. A sessant’anni dalla sua morte, avvenuta il 5 agosto 1962, vedranno i capelli biondi e il sorriso smagliante – sfoggiato anche quando si sentiva morire dentro – tornare a splendere sul volto dell’attrice spagnola Ana De Armas.

Diretta dal regista e sceneggiatore Andrew Dominik, già dal teaser trailer, è possibile intuire quanto si sia scavato a fondo nella personalità tormentata dell’affascinante attrice americana.

Cliccate qui per leggere l’articolo originale pubblicato sul blog di Netflix.

L’intramontabile mito di Marilyn Monroe

Norma Jeane Mortenson, nota al grande pubblico con lo pseudonimo di Marilyn Monroe, etichettata come la bionda svampita, aveva un mondo dentro di sé. Considerata icona di bellezza, moda e semplicità, era anche attrice, cantante, modella e produttrice cinematografica. Tantissime qualità professionali oscurate il più delle volte, dalla sua apparente superficialità e voglia di vivere sopra le righe.

Marilyn era una donna che apparentemente aveva il mondo ai suoi piedi, ma fuori dalle luci dello spettacolo, ogni giorno doveva fare i conti con i suoi demoni interiori. Le continue delusioni in campo affettivo, le storie tormentate con i membri della famiglia Kennedy e una dipendenza da alcol e anti depressivi, hanno contribuito a rendere la sua vita un inferno.

A tal proposito, consiglio di vedere I segreti di Marylin Monroe: i nastri inediti disponibile su Netflix, nel quale vengono mostrate le ultime settimane di vita della diva di Hollywood.

Ana de Armas nel ruolo di Marilyn Monroe nel film “Blonde”

Blonde | le origini del film su Marilyn Monroe

Il film Blonde è tratto dall’omonimo romanzo di Joyce Carol Oates, e curato nella sceneggiatura e nella regia da Andrew Dominik. Un lungometraggio in bianco e nero, nel quale vengono mostrate le umili origini e il grande successo ottenuto dall’attrice Marilyn Monroe.

Ricalcando i capitoli del romanzo, Dominik ricrea i momenti più iconici della vita della Monroe, tanto amata dal pubblico, non solo per i film. Ancora oggi alcuni brani interpretati da lei, sono gettonatissimi, come nel caso di Diamonds Are a Girl’s Best Friend. Tra personaggi mai conosciuti prima e volti noti, oltre alla magnifica Ana De Armas nel ruolo della protagonista, troviamo Adrien Brody nei panni del drammaturgo Arthur Miller e Bobby Cannavale come il campione di baseball Joe Di Maggio.

Parlando della protagonista, il regista non ha potuto far altro che lodare le sue doti per l’impegno dimostrato: “Sono stato molto fortunato ad avere Ana perché è stata in grado di fare qualunque cosa.” Ha continuato dicendo: “È stata bravissima. Coglieva l’essenza nel giro di pochissimo tempo. Aveva una sensibilità a fior di pelle e comprendeva tutto quello che le dicevo. Le scene prendevano vita grazie alla presenza di Ana.”

Leggi anche: La recensione di Stranger Things 4: la serie Netflix fanta/nerd si tinge di horror

Leggi anche: Cena con delitto | in che modo il film di Rian Johnson ha cambiato il “whodunit”

Le parole del regista Andrew Dominik

Il pensiero del regista su quali fossero le sue intenzioni, nel mostrare chi fosse davvero la Monroe, non lascia spazio alle interpretazioni: “Il film è sincero. È fatto con amore. È fatto con buone intenzioni. Ma al tempo stesso è pieno di rabbia. Sembro cacciarmi spesso in situazioni in cui la gente mi considera provocatorio, ma non è mai questa la mia intenzione. Cerco solo di dire le cose con quanta più chiarezza possibile. La mia ambizione è di farvi innamorare di Marilyn.”.

Vietato ai minori di 17 anni per la presenza di tematiche complesse, offre un quadro interessante della carriera della Monroe. Alcuni esempi? Compromessi per fare carriera, a giochi di potere per avere ciò che si vuole, fino a rischi di natura sessuale per le donne.

Ana de Armas nei panni di Marilyn Monroe

Aver avuto la possibilità di indagare il tormento interiore vissuto da Marilyn Monroe, ha fornito a Dominik, ha mostrato completo di questa donna. Per una creatura tanto bella quanto fragile, il regista ha dichiarato: “Era una donna profondamente traumatizzata e quel tipo di trauma esige una spaccatura tra un’identità pubblica e un’identità privata.

Dominik continua affermando: “È una realtà che si applica a chiunque, ma quando si tratta di un personaggio famoso, quella frattura spesso si manifesta pubblicamente in modi che generano ulteriori traumi. Il film si concentra molto sul rapporto con se stessa e con quest’altra persona, Marilyn, che è al tempo stesso la sua armatura e la cosa che minaccia di consumarla.”

Le dichiarazioni dell’attrice Ana de Armas

La somiglianza tra Marilyn Monroe e l’attrice spagnola Ana de Armas, è davvero sensazionale. Complice un lavoro di trucco e parrucco impeccabile, la sua interpretazione è ciò che si avvicina di più alla bellezza dell’attrice americana. A quanto pare le tre ore di trucco, per i 47 giorni di ripresa si sono rivelati cruciali nel vedere il risultato finale.

La stima tra la de Armas e il regista sono evidenti da queste dichiarazioni rilasciate per Netflix:“Le ambizioni di Andrew erano chiare fin dall’inizio: presentare una versione della vita di Marilyn Monroe dal punto di vista della protagonista. Desiderava che il mondo provasse che cosa realmente significa essere non solo Marilyn, ma anche Norma Jeane. Ho trovato che fosse il modo più audace, impenitente e femminista di accostarsi alla sua storia mai visto prima d’ora.”.

Blonde | La lunga preparazione di Ana de Armas

Per ottenere un risultato del genere, il lavoro certosino realizzato dall’attrice spagnola, nell’emulare gli sguardi, le movenze, i sorrisi e il modo di parlare della Monroe ha richiesto un grande lavoro di interpretazione. Infatti, le parole rilasciate a Netflix, mostrano quanto i dettagli abbiano fatto la differenza, nel raccontare la parte più nascosta, inedita della vita dell’attrice.

“Abbiamo lavorato a questo film per molte ore di ogni singolo giorno per quasi un anno. Ho letto il romanzo di Joyce, studiato centinaia di fotografie, di video, di registrazioni audio, di filmati, tutto quello su cui sono riuscita a mettere le mani. Tutte le scene sono ispirate a immagine esistenti.” La de Armas continua dicendo: “Passavamo in rassegna ogni minimo dettaglio di ogni fotografia e discutevamo di cosa avvenisse in essa. La prima domanda era sempre: ‘Cosa stava provando qui Norma Jeane?’ Volevamo raccontare il lato umano della sua storia.

Un aspetto molto interessante di questo lavoro è la volontà di mostrare allo spettatore cosa volesse significare essere Norma e Marilyn allo stesso tempo.
La notorietà è quello che ha reso Marilyn la persona più visibile nel mondo, ma anche è anche quello che ha reso Norma la più invisibile. Il film si sviluppa con i suoi sentimenti e le sue esperienze“, ha affermato Ana de Armas.

Continue Reading

Giffoni Film Festival

Giffoni 2022 | l’attore Gary Oldman è il primo talent internazionale

Published

on

Dopo due anni trascorsi nella morsa del Covid, il Giffoni Film Festival è pronto ad aprire le porte della sua cittadella del cinema ai 5000 giurati provenienti da tutto il mondo. A poco meno di un mese dal grande inizio, oggi è stato annunciato il nome del primo talent internazionale. A prendere parte alla 52^ edizione del Festival del cinema per ragazzi, dal 21 al 30 luglio sarà l’attore premio Oscar Gary Oldman.

Gary Oldman riceverà il Premio Truffaut

L’attore britannico noto al pubblico per aver interpretato ruoli entrati nella storia del cinema, sarà accolto dai juror, giovedì 28 luglio. Aver portato sul grande schermo personaggi come il commissario Gordon della trilogia di Batman diretta da Christopher Nolan e Sirius Black nella saga di Harry Potter, ha contribuito a essere tra gli attori più apprezzati al mondo anche dal pubblico più giovane.

In occasione dell’incontro con i giurati, i quali potranno rivolgergli delle domande sulla sua carriera, Gary Oldman riceverà anche il prestigioso riconoscimento del Festival: il Premio Truffaut 2022.

Leggi anche: Darkest Hour, Gary Oldman sarà il primo ministro Winston Churchill

Leggi anche: Venezia 76, The Laundromat: Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas protagonisti dello scandalo dei Panama Papers

L’indovinello del Giffoni Film Festival

A suscitare la curiosità intorno al primo ospite internazionale, il profilo Instagram del Giffoni Film Festival ieri pomeriggio ha postato delle story contenenti alcuni indizi. Dalla partecipazione ad Harry Potter, alla vittoria di un premio Oscar come miglior attore, alla fondazione di una casa di produzione e poi a una citazione molto nota, appartenente al Presidente Winston Churchill.

“Chi non cambia mai idea, non cambia mai nulla!” Proprio quest’ultimo indizio ha portato molti utenti ad avanzare l’ipotesi che il personaggio misterioso fosse Gary Oldman. D’altronde un’interpretazione così magistrale nei panni di Churchill nel film L’Ora più buia, che gli valse proprio la celebre statuetta, è davvero impossibile da dimenticare.

Continue Reading

Biografilm Festival

Biografilm 2022 | tutti i vincitori della XVIII edizione

Published

on

Annunciati i premi della diciottesima edizione di Biografilm, che dopo 11 giorni di programmazione si chiude lunedì 20 giugno. Un festival partecipato, ricco di contenuti, presenze artistiche e pubblico. 


“È una gioia profonda, verticale, per l’intero staff del festival, aver visto il lungo lavoro di cura e costruzione del complesso sistema che è Biografilm Festival, convergere in un abbraccio emozionale ed emozionante di pubblico e di ospiti, in un viaggio trasformativo e condiviso fatto di sale colme di curiosità, attenzione e sensibilità verso le storie di vita proiettate sul grande schermo, accesi dibattiti dentro e fuori dal cinema insieme agli autori e ai protagonisti dei film selezionati” ha dichiarato Chiara Liberti, coordinatrice della programmazione del festival.


Con la proiezione in programma lunedì sera di Les jeunes amants – I giovani amanti, alla presenza della protagonista Fanny Ardant, il Festival conta di superare la soglia dei 15 mila spettatori dal vivo in tutta la durata del festival. Sono state 6 le proiezioni Sold Out e 609 gli abbonamenti venduti. Quasi 400 gli operatori e le operatrici del settore che hanno partecipato alle giornate del mercato Bio to B – Industry Days.
Fino a oggi sono state oltre 1500 le ore di visione online per 1540 spettatori sulle piattaforme digitali11 le regioni da cui sono stati effettuati gli accessi, il 60% dei quali provenienti da fuori l’Emilia-Romagna. Oltre 86 mila le pagine visitate sulla piattaforma on line di Biografilm. Numeri destinati a crescere perché il festival on line durerà fino al 25 giugno.


“Siamo estremamente soddisfatti dei risultati di questa edizione 2022 del Biografilm Festival. Considerate le incertezze date dai due difficili anni alle nostre spalle, siamo andati oltre ogni più rosea aspettativa. Ci eravamo posti la sfida di lanciare un segnale di ripresa della presenza dal vivo nelle sale e possiamo finalmente dire di aver fatto la nostra parte con successo – afferma il Direttore Generale Massimo Mezzetti – Non solo i numeri ci danno ragione ma anche il clima di entusiasmo e di euforia che abbiamo registrato da parte del pubblico è un elemento che ci riempie di gioia e che ci gratifica molto. L’impegno profuso da tutta la squadra del Festival che da mesi ha lavorato per il raggiungimento di questi obiettivi è stato encomiabile. A tutti e tutte loro e a tutti i volontari che ci hanno accompagnato in questa avventura va la mia più sincera gratitudine. Arrivederci al prossimo anno!”.


La giuria del Concorso Internazionale, composta dai rinomati professionisti del cinema Chad Gracia, Inka Achté e Arianna Castoldi, ha attribuito 3 premi. Il Best Film Award | Concorso Internazionale, premio al miglior film del Concorso Internazionale, è andato a After a Revolution di Giovanni Buccomino. Questa la motivazione: “Potente ritratto di famiglia, politica e guerra, questo film racconta una storia importante senza eroi o cattivi, vincitori o vinti, buoni o malvagi. Momenti di bellezza, coraggio e resilienza, squisitamente catturati, lo rendono un capolavoro sull’orrore insensato della guerra e sulla capacità dei comuni esseri umani di sopravvivere e trascendere questo orrore”.


Il Premio Hera “Nuovi Talenti” alla migliore opera prima del Concorso Internazionale è stato consegnato a Divas di Máté Kőrösi. “Un film autentico e senza tempo sul diventare grandi, che abbiamo trovato fresco e originale. La giuria è stata commossa dal coraggio e dall’apertura mentale di queste giovani e ispirata dalla loro amicizia. Il regista è riuscito ad aprire le porte a queste eccezionali vite in lotta, rivelando gradualmente le loro storie fragili, complesse e in definitiva cariche di significato”.


Una Menzione Speciale è andata invece a Ultraviolette et le gang des cracheuses de sang di Robin Hunzinger, con questa motivazione: “Il film ci ha ricordato, in modo rassicurante ed edificante, ciò che è al centro dell’esistenza umana, nonostante i decenni, o addirittura i secoli che separano le diverse generazioni. La giuria è stata profondamente commossa da questa storia d’amore e di amicizia che trascende il tempo, le aspettative sociali e persino la morte.”


La Giuria Biografilm Italia, formata dalla montatrice Francesca Sofia Allegra, dalla curatrice e produttrice Antonella Di Nocera e dalla sceneggiatrice e regista Anita Rivaroli ha assegnato a sua volta 3 premi.


Ha meritato il Best Film BPER Award | Biografilm Italia, premio al miglior film del Concorso Biografilm Italia, Non sono mai tornata indietro di Silvana Costa, con questa motivazione: “Per la capacità di condurre attraverso una storia personale il racconto di una relazione che fa dialogare più generazioni di donne, con naturalezza e precisione nello sguardo. Per la semplicità con cui la regista si mette in gioco in una narrazione insieme acerba e potente, fatta di assenze e lontananze, che ci fa attraversare un territorio e un pezzo di storia del nostro paese. Per la scelta coraggiosa di riflettere sulla condizione umana di chi fugge ma resta prigioniero, lasciando allo spettatore lo spazio di potersi ancora interrogare”.


Il Premio Hera “Nuovi Talenti” | Biografilm Italia, premio alla migliore opera prima del Concorso Biografilm Italia, è andato a The Way Daddy Rides di Tiziano Locci, accompagnato da queste parole della giuria: “Ci piace pensare che il premio ad un’opera prima abbia il compito di riconoscere le potenzialità di un talento e questo nella regia documentaria si esprime nella posizione di chi filma. In questa opera il giovane regista dichiara la scelta dello sguardo e le sue soluzioni, per quanto istintive, ne dimostrano coraggio e competenza. Pur essendo l’autore fisicamente immerso nel ristretto spazio e nelle relazioni di una famiglia, il film procede essenziale, senza indugiare, restituendo ritmo e forma ad un racconto di personaggi che progressivamente rivelano le proprie luci ed ombre”.


Una Menzione Speciale della giuria di Biografilm Italia è stata assegnata a Il canto delle cicale di Marcella Piccinini, “per la libertà con cui ha sperimentato e unito il lirismo delle immagini e delle parole a una grande ricerca sul suono e le musiche; tanto che il film, pur trattando una tematica tanto intima e dolorosa, si rivela un delicato atto poetico che riappacifica.”


Il Premio della Critica Italiana SNCCI | Biografilm Europa Oltre i Confini, assegnato al miglior film della sezione Europa Oltre i Confini da una giuria composta dai 3 critici del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani Emanuele Di Nicola, Frédéric Pascali e Massimo Lechi, è andato a Berdreymi / Beautiful Beings di Guðmundur Arnar Guðmundsson, “per la capacità di esaltare la durezza e la bellezza della condizione giovanile attraverso scelte narrative spiazzanti, solo apparentemente contraddittorie, e per la forza seducente dello sguardo registico”.


Il premio Young Critics Award, assegnato da una giuria giovani composta da studentesse e studenti dei corsi di laurea DAMS e CITEM dell’Università di Bologna al miglior film del Concorso Internazionale, è andato a Divas di Máté Kőrösi, con la seguente motivazione: “Utilizzando un linguaggio innovativo e aprendosi ad una forma ibrida, il film sa avvicinarsi alla vita delle protagoniste in punta di piedi e standoci accanto: infatti, la camera non tradisce ma alimenta ed esplora i loro desideri. Un racconto poetico, terapeutico e personale che mostra la potenza del documentario nel suo essere uno specchio della contemporaneità. Una sintesi perfetta dei nostri sogni, speranze e timori”.


Il Premio Ucca – l’Italia che non si vede al miglior film del Concorso Biografilm Italia, assegnato da una giuria speciale di Arci Ucca, che consiste in un premio di distribuzione nel circuito “L’Italia che non si vede. Rassegna Itinerante di Cinema del Reale” e in 1000 euro, è andato a Rosso di Sera / Red sky at night di Emanuele Mengotti. “Per l’impietosa e chirurgica descrizione di Las Vegas investita dalla pandemia, per la scelta di raccontare tre personaggi emblematici nel rappresentare il manicheismo del sogno americano. Un western contemporaneo, con le armi, i diseredati, la desolazione e – sullo sfondo – l’eterno conflitto contro qualcuno o qualcosa nella quotidianità dell’Impero”.
 
La giuria di Bio to B – Industry Days 2022, composta da Anna Berthollet (CEO, Sales and acquisitions, LIGHTDOX) e Giacomo La Gioia (Programming Manager Documentary and Factual Channels, Sky Italia) e Marion Schmidt (co-director of DAE, Documentary Association of Europe) ha assegnato due premi. Il Best Project Bio to B Award, che consiste in un supporto di 1000 euro alla produzione del film, è stato attribuito a Fragments of a Life Loved di Chloé Barreau (produzione: Groenlandia). Il Best Project from Emilia-Romagna Bio to B Award, che consiste in un accredito per IDFA e un accredito per FIPADOC, è andato a Fade Out di Mattia Epifani (produzione: Rodaggio Film).
Di seguito anche i premi collaterali di Bio to B – Industry Days 2022: il Mia Market Award è stato assegnato a Imola I994 di Francesco Merini (produzione: Mammut Film)mentre il Visioni Incontra Award è andato al già premiato dalla giuria Fragments of a Life Loved.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari