Connettiti a NewsCinema!
dwayne johnson dwayne johnson

Biografie

Dwayne Johnson: un perfetto mix di muscoli, simpatia e virtù

Pubblicato

:

Dwayne Johnson nasce nella cittadina californiana di Hayward il 2 Maggio 1972. Nella famiglia di origini samoane vede sia il nonno (Peter Maivia) che il padre (Rocky Johnson) sono stati famosi wrestler, anche se il giovane Dwayne non sembra voler seguire le loro tracce. Dopo aver praticato il rugby nel periodo adolescenziale, il ragazzo sembra indirizzato verso una sfolgorante carriera nel football americano. Entrato a far parte dell’Università di Miami, dopo alcuni anni di crescita, a causa di un infortunio decide di seguire la tradizione di famiglia e di concentrarsi sul wrestling. Il debutto sul ring arriva nel 1996 con lo pseudonimo di Rocky Maivia, anche se ben presto diventa noto al pubblico semplicemente come The Rock.

the fate of the furious

La carriera nell’ambito della WWF va a gonfie vele anche se, a partire dall’inizio del nuovo millennio, Dwayne Johnson comincia la sua avventura sul grande schermo, prendendo parte al cast di Longshot (2000). Per uno showman come lui non è un problema trovarsi a proprio agio davanti alla cinepresa e, proprio l’anno successivo, arriva il primo successo cinematografico con La mummia – Il ritorno di Stephen Sommers. La sua interpretazione del Re Scorpione è talmente convincente che viene realizzato un film su misura per esaltare le sue prestazioni atletiche: si tratta di Il Re Scorpione (2002), diretto da Chuck Russell. Con questo doppio successo, The Rock si conferma un attore per film d’azione che non ha nulla da invidiare ai veterani del settore.

Leggi anche: 10 scene indimenticabili dai film di The Rock

La metamorfosi di The Rock: da wrestler di successo ad attore a tempo pieno

Appena un anno più tardi, l’attore torna protagonista in una pellicola con Il tesoro dell’Amazzonia di Peter Berg e in A testa alta di Kevin Bray. Il soprannome The Rock è ormai noto non solo agli amanti del wrestling, ma anche un attore apprezzato da buona parte dei cinefili. Relegato il wrestling in secondo piano, nel 2005 prende parte al cast di Be Cool di Felix Gary Gray, affiancandosi ad alcuni nomi celebri come John Travolta e Uma Thurman. Nello stesso anno prende parte anche al film Doom di Andrzej Bartkowiak, ispirato allo storico videogioco del 1993.

Il 2006 è un anno estremamente intenso per l’attore: nel giro dei dodici mesi infatti prende parte a Southland Tales – Così finisce il mondo, La gang di Gridiron e Reno 911!: Miami. Dwayne Johnson sembra sempre più a suo agio sul set e sempre meno propenso a salire sul ring: le sue energie infatti, sono ormai concentrate più che altro in ambito cinematografico. Negli anni seguenti prende parte a progetti come Cambio di gioco (2007), Corsa a Witch Mountain (2009), L’acchiappadenti 2010 e Viaggio nell’isola misteriosa (2010). Grazie a queste pellicole, l’attore riesce a scrollarsi di dosso l’etichetta del semplice “uomo d’azione” proponendosi agli spettatori in vesti decisamente inedite.

Leggi anche: I migliori film sulle corse d’auto aspettando Fast and Furious

baywatch the rock

Baywatch

Fast and furious: la consacrazione

Messo da parte il soprannome The Rock, inevitabilmente legato al wrestling, Dwayne è ora concentrato interamente sulla sua carriera cinematografica. Il definitivo salto di qualità arriva con la sua introduzione nella già affermata saga di Fast & Furious. Nel quinto capitolo della serie, l’attore debutta vestendo i panni di Luke Hobbs. Il successo della pellicola e delle seguenti, lo confermano come una tra le figure cinematografiche più amate dal pubblico. Tra un film e l’altro della saga, non mancano però altre parti di rilievo in pellicole come G.I. Joe – La vendetta di John Chu (2012), Hercules – il guerriero di Brett Ratner (2014) e San Andreas di Brad Peyton (2015).

Per tutte le notizie in tempo reale su The Rock clicca qui.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Biografie

Casey Affleck, un talento discreto e sensibile

Pubblicato

:

triple 9 casey affleck

Pronto a tornare sotto i riflettori come attore protagonista, sceneggiatore e regista con il nuovo film Light of my LifeCasey Affleck, all’anagrafe Caleb Casey McGuire Affleck-Boldt, è anche conosciuto come il fratello minore di Ben Affleck ed ex cognato di Joaquin Phoenix. Esordisce nel 1995 come attore in Da morire, film di Gus Van SantSul set di questo film conosce Joaquin Phoenix e la sorella Summer Phoenix, con cui si sposa qualche anno dopo. Nel frattempo continua a collaborare nella produzione dei film Will Hunting – Genio Ribelle e Gerry, di cui sarà anche sceneggiatore, con il regista Gus Van Sant.

I suoi lavori però non sono ancora notati dalla critica, a differenza del fratello che inizia già a raccogliere i frutti del suo successo con le sue prime apparizioni sul grande schermo. Il suo nome inizia a farsi strada nel mondo del cinema grazie alla sua interpretazione in American Pie e il personaggio Virgil nella gang di George Clooney in tutti i film della serie diretti da Steven Soderbergh, Ocean’s Eleven (2001), Ocean’s Twelve (2004) e Ocean’s Thirteen (2007). 

Leggi anche: Ben vs Casey, i 5 migliori ruoli dei fratelli Affleck

La vera svolta della sua carriera avviene nel 2007. Grazie al ruolo da protagonista nel film L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford ha l’opportunità di lavorare con Brad Pitt e sfiora per pochissimo un Oscar e un Golden Globe. Finalmente il pubblico conosce il suo nome e la critica non è da meno. Sempre nello stesso anno dirige il film Gone Baby Gone. Per la prima ha modo di lavorare con il fratello maggiore, Ben Affleck, impegnato come regista, e altri personaggi noti come Michelle Monaghan, Morgan FreemanEd Harris.

Casey Affleck

Dopo un lungo periodo di pausa, fa ritorno sugli schermi con un documentario piuttosto surreale interpretato da Joaquin Phoenix e intitolato Joaquin Phoenix – Io sono qui! (2010), che si aggiudica il Biographilm Award a Venezia come premio al suo primo lungometraggio in onore dell’attore con cui ha stretto una grande amicizia.Lo stesso documentario darà inizio poco dopo ad un capitolo piuttosto buio della sua vita. Viene accusato di molestie sessuali da due donne che hanno lavorato per la produzione del documentario ( le denunce vengono ritirate poco dopo) e lavora come attore in The Killer Inside Me di Michael Winterbottom, con Jessica Alba e Kate Hudson, giudicato troppo cruento a causa delle scene di violenza sulle donne.  

Gli anni successivi sono caratterizzati da una carriera più “commerciale” e hollywoodiana con il suo ruolo come attore nella commedia Ben Stiller Tower Heist (2011), nei noir Il fuoco della vendetta e Ain’t Them Bodies Saints (2013), nel film fantascientifico di Christopher Nolan, Interstellar (2014) e nell’heist movie corale Codice 999 (2015) di John Hillcoat.

Casey Affleck

Casey Affleck in Light of My Life

Grazie alla sua interpretazione in Manchester By the Sea (2017) riesce ad aggiudicarsi il premio Oscar come miglior attore, il Golden Globe nella sezione miglior attore in un film drammatico, e il BAFTA al miglior attore protagonista. Il secondo Oscar nella famiglia Affleck ben meritato, dopo la lunghissima strada per distaccarsi dall’ombra del successo internazionale del fratello maggiore ben più grande della sua, sia come attore, che come regista e sceneggiatore. 

Dopo due anni di pausa Casey Affleck ritorna entusiasta e soddisfatto del suo nuovo progetto, “Light of my Life” dove ha lavorato sia come regista, che come sceneggiatore e attore protagonista. Al Festival internazionale del cinema di Berlino di quest’anno è riuscito a conquistare la critica e oggi lo ritroveremo sul red carpet per la chiusura della sezione indipendente del Festival del Cinema di Roma, Alice nella città. Nella città eterna lo vedremo pieno di aspettative, pronto a dimostrare di nuovo che è sempre capace di trovare nuovi strumenti per farci rimanere per ore con gli occhi, la mente e il cuore  attaccati allo schermo.

Continua a leggere

Biografie

Keanu Reeves: da boscaiolo a star di Hollywood, ma come?

Pubblicato

:

keanu reeves

Keanu Reeves nasce il 2 settembre 1964 a Beirut in Libano. Il padre è il geologo americano Samuel Nowlin Reeves Jr. mentre la madre è la ballerina e costumista di origini inglesi Patricia Taylor. Nonostante i due si sposino appena saputo di aspettare un figlio, il matrimonio naufraga appena due anni dopo la nascita di Keanu. La madre si trasferisce in Canada con la sorella Kim (nata poco prima).

Nell’ambiente scolastico il futuro attore vive una sorta di doppia vita. Sotto il punto di vista degli studi, a causa di una dislessia non diagnosticata, non ha particolare successo. Per quanto riguarda il lato sportivo invece, riesce a mettersi in mostra diventando un ottimo portiere di hockey, optando però poi per la recitazione. Dopo la scuola, per mantenersi si ritrova a fare il boscaiolo o a lavorare come commesso. Nel frattempo però, scopre la passione per la recitazione e segue, parallelamente al lavoro, alcuni corsi specifici.

I primi passi come attore

A metà degli anni ’80 cominciano le prime parti come quelle ottenute in film come One Step Away (1985) di Robert Fortier, Quant’è bella giovinezza (1986) con la regia di Steven Hilliard SternSpalle larghe (1986) di Peter Markle nonché Il sogno di Robin (1986) con Paul Lynch alla regia. A catturare l’attenzione di pubblico e critica è però la sua interpretazione ne I ragazzi del fiume di Tim Hunter a cui fa seguito sempre nel 1986 Spalle larghe con Rob Lowe che vede Keanu proprio nei panni di un giocatore di Hockey.

spalle larghe keanu reeves

Keanu Reeves in Spalle Larghe del 1986

Il primo successo dell’attore canadese arriva però con il ruolo di protagonista in Bill & Ted’s Excellent Adventure (1989) diretto da Stephen Herek, seguito poi da Bill & Ted’s Bogus Journey, di due anni più tardi. La carriera di Keanu Reeves prende rapidamente quota con Parenti, amici e tanti guai (1989) di Ron HowardPoint Break – Punto di rottura (1991) diretto da Kathryn BigelowBelli e dannati (1991) di Gus Van Sant. Gli anni ’90 proseguono con una serie di pellicole più o meno di successo come Piccolo Buddha (1993) con la regia di Bernardo Bertolucci, Speed (1994) di Jan de BontJohnny Mnemonic (1995) di Robert Longo o ancora Il profumo del mosto selvatico (1995) di Alfonso Arau.

Il successo di Matrix

Nonostante Keanu sia già un attore di relativo successo, il vero e proprio salto di qualità arriva alla fine del millennio. Nel 1999 infatti, il pubblico rimane estremamente colpito da Matrix, pellicola fantascientifica diretta dai fratelli Wachowski. Si tratta di un successo planetario che vede lo stesso attore vestire i panni del celebre Neo anche negli altri due film della trilogia Matrix Reloaded e Matrix Revolutions. Una piccola curiosità: il ruolo di Neo era stato in precedenza proposto sia a Johnny Depp che a Will Smith, che rifiutarono però questa parte. Un vero e proprio colpo di fortuna per Keanu che era in principio solamente la terza scelta.

neo matrix

Keanu Reeves nei panni di Neo in Matrix

La carriera musicale

Il successo rende Keanu Reeves ricco, ma non per questo appagato. Nel 2002 l’attore prova a cimentarsi nel mondo musicale, entrando a far parte della band Becky, dove suona il basso. L’avventura dura tre anni, durante i quali alterna il lavoro sul set per la trilogia di Matrix alle apparizioni sul palco come musicista. Il 31 gennaio 2005 ha ricevuto una stella sulla Hollywood Walk of Fame a coronamento di una carriera di grande spessore. Lo stesso anno, l’attore è protagonista in Constantine, film diretto da Francis Lawrence.

La sua carriera prosegue dunque con altre pellicole di spessore come La notte non aspetta (2008) con la regia di David AyerUltimatum alla Terra (2008) di Scott Derrickson47 Ronin (2013) di Carl Rinsch e la fortunata serie di John Wick, con i tre capitoli (girati tra il 2014 e il 2019) diretti dal regista Chad Stahelski.

Per tutte le ultime notizie su Keanu Reeves clicca qui.

Continua a leggere

Biografie

Sophie Turner, il successo da Game of Thrones a X-Men

Pubblicato

:

sophie turner

Bellezza che incanta, occhi magnetici e poco importa se un giorno è bionda e l’altro è rossa, a lei sta bene tutto. Sarà stato questo uno dei motivi che ha portato Joe Jonas a sposare – a sorpresa – la bellissima Sophie Turner, nella cappella di Elvis a Las Vegas? Probabilmente sì. Una bella differenza rispetto alle nozze durate tre giorni, del fratello Nick Jonas con l’attrice Priyanka Chopra (entrambi testimoni degli sposi). L’ex leader dei Jonas Brothers ha preferito qualcosa di molto più semplice, a partire dalle fedi nuziali: due anelli di caramelle.

Dopo questa notizia che ha lasciato sorpresi i fan dell’attrice, nota in tutto il mondo per interpretare il ruolo di Sansa Stark nella serie Il Trono di Spade, crediamo sia arrivato il momento di scoprire qualcosa di più di Sophie Turner. C’è da dire che la carriera e annesso successo dell’attrice inglese è arrivato immediatamente, precisamente nel 2011 quando inizia a vestire i panni – in tutti i sensi – di Sansa Stark. Da quel momento inizia a frequentare diversi set recitando a fianco di attori del calibro di Jonathan Rhys Meyes, Samuel L. Jackson e Jessica Alba. Nel 2015 inizia a far parte della famiglia X-Men interpretando la versione giovane della mutante Jean Grey, nel film X-Men Apocalisse e successivamente nell’ultimo film dedicato ai mutanti, X-Men: Dark Phoenix nei cinema italiani a partire dal 6 giugno 2019.

Leggi anche: Game of Thrones, i piani delle donne di Westeros

jessica chastain sophie turner nuova foto x men dark phoenix v3 360654 1280x720

Sophie Turner nel film X-Men: Dark Phoenix

Come detto poco fa, sebbene il successo sia arrivato in tempi molto celeri, Sophie prima di essere scelta per il ruolo di Sansa Stark ha dovuto sostenere ben quattro audizioni. Al termine di questi provini, pochi giorni dopo, ricevette la telefonata che le cambiò la vita. La direzione del casting decise di comunicarle che il ruolo di Sansa era il suo, esordendo con: Buongiorno Sansa!

La Turner in diverse interviste ha raccontato di quanto sia stato complesso girare la serie, in particolar modo alcune scene e sequenze. Tra le più difficoltose ha avuto modo di citare quella riguardante il matrimonio con Tyron a causa dell’abito pesante e lungo che ha dovuto indossare e delle numerose inquadrature fortemente volute dal regista. A dimostrazione che i sacrifici vengono ripagati, la produzione decise di inviarle una lettera di congratulazioni per la professionalità con la quale aveva svolto il lavoro.

Curiosità: I momenti più scioccanti di Game of Thrones

C’è da dire che Sophie è una di quelle attrici che non si tira mai indietro. Nonostante durante la serie siamo abituati a vederla andare a cavallo e al galoppo, sfortunatamente per lei, ha scoperto di essere allergica ai cavalli. Per questo motivo, in ogni scena che la vedeva in compagnia dell’animale, portava sempre con sé un antiallergico da utilizzare qualora ce ne fosse stato bisogno.

best serial full il trono di spade sophie turner conferma la data di debutto della stagione 8 1512636954

Sophia Turner nei panni di Sansa Stark ne Il Trono di Spade

Sophie Turner, secondo quanto riportato dai suoi colleghi di set, è considerata non solo una grande professionista, ma anche una delle persone più educate ed amorevoli che abbiano mai conosciuto. In diverse occasioni ha dimostrato di tenere a cuore le sorti dei suoi amici di set. Ad esempio, in occasione dell’addio di Jon Snow (Kit Harington) – prima di resuscitare – Sophie pensò bene di scrivergli una lettera per ringraziarlo e salutarlo decorosamente per l’esperienza vissuta sul set, ignara che in realtà non era morto davvero.

Tra tutte le amicizie nate con i suoi colleghi, il legame con Masie Williams (Arya Stark) è diventato talmente forte, al punto da considerarsi come sorelle, postando foto e dediche nei rispettivi profili social. Alla faccia di chi dice che la vera amicizia non esista più. A dimostrazione, di quanto Il Trono di Spade abbia cambiato radicalmente la sua vita, al termine delle riprese, ha deciso di incidere quel simbolo che le ha regalato la fama sulla pelle. Sophie infatti, decise di farsi tatuare il simbolo della casata degli Stark e la frase: “Il branco sopravvive”.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Dicembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Gennaio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X