Connettiti a NewsCinema!
chris evans chris evans

Biografie

Chris Evans, dagli esordi a Captain America

Pubblicato

:

Christopher Robert Evans nasce a Sudbury (Massachusetts) il 13 giugno 1981. Figlio di Bob Evans e dell’italo americana Lisa Capuano, il ragazzo trascorre la sua infanzia a Boston dove, durante gli studi, scopre la sua passione per la recitazioneSeguendo la sua vocazione, dopo un diploma alla Lincoln-Sudbury Regional High School si trasferisce a New York dove prende parte alle lezioni della Lee Strasberg, una scuola di recitazione tra le più rinomate.

Per mantenersi agli studi comincia a lavorare per delle agenzie di casting: un ottimo modo per prendere dimestichezza con quello che sarà, da lì a pochi anni, il suo ambiente di lavoro. Per Chris, le prime opportunità di mettersi in mostra arrivano da alcune apparizioni in serie TV come Opposite Sex nel  2000, anche se già nello stesso anno prende parte al cast di The Newcomers, pellicola del regista James Allen Bradley. Anche se il ruolo è piuttosto marginale, si tratta dell’inizio della sua carriera cinematografica.

chris evans torcia umana

Chris Evans come la torcia umana

Dagli esordi alla Torcia Umana

L’attore appare anche in Non è un’altra stupida commedia americana di Joel Gallen (2001), dove viene principalmente ricordato per una scena dalle tinte piuttosto hot. Nel 2004, Chris ha il piacere di recitare in Perfect Score e Cellular, affiancandosi ad attrici del calibro di Scarlett Johansson e Kim BasingerIl vero e proprio salto di qualità però, arriva quando viene scelto per interpretare la Torcia Umana in I Fantastici 4. Il film del 2005, diretto da Tim Story, consente all’attore di raggiungere un notevole livello di notorietà. Dopo Sunshine (2007) di Danny Boyle, Chris torna a vestire i panni della Torcia Umana in I Fantastici 4 e Silver SurferRaggiunto il successo però, l’attore non vuole legarsi indissolubilmente alla figura del supereroe Marvel. Si cimenta così nel thriller La notte non aspetta (2008), diretto da David Ayer e con protagonista Keanu Reaves. Segue il ruolo da protagonista in Push (2009) thriller fantascientifico di Paul McGuigan che conferma come Chris sia una presenza valida anche al di fuori dei cinecomic.

Captain America e il debutto come regista

Nonostante ciò, il richiamo del mondo supereroistico è troppo forte: in The Losers (2010) di regia di Sylvain White, l’attore torna a vestire i panni di un personaggio tratto dai fumetti, anche se in questo caso si tratta del soldato Jake Jensen. In occasione di Captain America – Il primo Vendicatore (2011) di Joe Johnston, Chris Evans è protagonista del film, continuando a interpretare il personaggio anche in occasione di The Avengers (2012) e in Thor: The Dark World (anche se appare solo per pochi istanti del film). L’attore torna ad interpretare Captain America/Steve Rogers in Captain America: The Winter Soldier (2014) diretto dai fratelli Russo.

captain america chris evans

Chris Evans è Captain America

Leggi anche: Le 10 migliori improvvisazioni Marvel

Chris non soddisfatto di ciò che fa davanti alle telecamere, decide di cimentarsi come regista. Sempre nel 2014 dunque, si presenta Toronto International Film Festival con il suo Before We Go. Il ruolo di Captain America però, gli è ormai cucito addosso e in Avengers: Age of Ultron e Captain America: Civil War (rispettivamente del 2015 e 2016) torna a vestirne i panni per la gioia dei tanti fan. La musica non cambia con Avengers: Endgame (2019) ancora una volta dei fratelli Anthony e Joe Russo.

Tutte le notizie su Chris Evans in tempo reale qui.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Biografie

Cate Blanchett | carriera e vita privata dell’elegante attrice australiana

Pubblicato

:

cate blanchett

Se dovessi scegliere chi è l’attrice più elegante del firmamento di Hollywood, senza battere ciglio risponderei Cate Blanchett. Altissima, fisico longilineo, fine nei modi e nel volto impreziosito da due occhi azzurri come il cielo molto profondi. La Blanchett nel corso della sua carriera cinematografica ha dimostrato di essere perfetta in qualsiasi situazione. Capace di far ridere, di far emozionare, di fare arrabbiare e di far perdere la testa a milioni di uomini in tutto il mondo.

L’attrice australiana, nelle ultime settimane è risultata essere tra i nomi più cercati su Google, a seguito delle continue news lavorative. Nuovi progetti sia per il grande schermo come per il piccolo, la renderanno protagonista di questo anno turbolento, anche per il mondo dello spettacolo, e anche per il prossimo. Adesso, ripercorriamo quali sono state le tappe fondamentali che hanno contribuito a far crescere sempre di più il suo nome nel mondo del cinema.

cate blanchett young2

Cate Blanchett | La formazione

Cate Blanchett nata il 14 maggio 1969 a Melbourne, in Australia, ha origini francesi da parte di padre, Robert DeWitt Blanchett e origini inglesi da parte di madre, June Gamble. Da bambina purtroppo ha perso il papà, crescendo insieme a suo fratello maggio e sua sorella minore.

L’intenzione di entrare nel mondo dello spettacolo, vive in lei a partire dai 18 anni, quando inizia a studiare danza e pianoforte. Non tutti sanno che, la giovanissima Cate fece la sua prima apparizione come comparsa in un film, durante un viaggio in Egitto.

Continua la sua formazione in campo artistico, iscrivendosi alla Sydney’s National Institute of Dramatic Arts, riuscendo a ottenere delle parti in teatro e al cinema, come nel film Paradise Road diretto da Bruce Beresford.

Leggi anche: Stateless | quello che sappiamo sulla nuova serie con Cate Blanchett

Cate Blanchett | Gli esordi

Dopo questa prima esperienza come vera attrice, inizia ufficialmente la sua carriera nel mondo del cinema, tanto ricevere una nomination ai Golden Globe e agli Oscar come miglior attrice drammatica per il film Elizabeth di Shekhar Kapur.

Hollywood consapevole della stella appena nata, la rende partecipe ( e in alcuni casi protagonista ) di film che vedono la presenza dei migliori attori e attrici in circolazione. Si cimenta nell’adattamento cinematografico della commedia Un marito ideale di Oscar Wilde con Rupert Everett, il film Il talento di Mr. Ripley con Matt Damon e The Man Who Cried di Sally Potter con la coppia Christina Ricci e Johnny Depp. Iniziano i primi ruoli da protagonista nei primi anni 2000, come nel caso di The Gift diretta da Sam Raimi e Bandits con Bruce Willis.

blanchett elfo

Cate Blanchett | Il successo

Il vero successo della Blanchett è datato 2001 quando viene scelta per entrare a far parte del cast della trilogia fantasy Il Signore degli Anelli del regista Peter Jackson. L’adattamento cinematografico dei romanzi di J.R.R Tolkien la vedono vestire i panni aurei e candidi dell’elfo Galadriel. Aiutata dal suo aspetto fisico, perfettamente in linea con quanto descritto nei libri, riesce a conquistare il pubblico e la critica.

Tra i vari film che la vedono protagonista, nel 2005 grazie al film The Aviator diretta da Martin Scorsese nel ruolo di Katherine Hepburn ottiene il suo primo Osca come miglior attrice non protagonista. Da questo momento, Cate Blanchett balza in cima alle classifiche delle attrici più richieste dai produttori americani, coinvolgendola in film come Diario di uno scandalo insieme a Judy Dench, le quali vengono nominate entrambe agli Oscar. E ancora, Intrigo a Berlino di Steven Soderbergh con George Clooney.

Leggi anche: Cate Blanchett, 5 curiosità sull’attrice ospite alla Festa del Cinema di Roma 2018

cate blanchett walkoffame

La stella di Cate Blanchett sulla Walk of Fame

Sono Cate, ma chiamatemi Elizabeth!

Se dovessi analizzare un momento in particolare, che ha consacrato la bella Blanchett nel mondo del cinema è senza dubbio con il film Elizabeth: The Golden Age diretta da Shekhar Kapur, nel quale interpreta il ruolo di Elisabetta I d’Inghilterra. Un progetto molto importante e soprattutto da considerarsi di svolta, per la sua carriera, dato che venne candidata anche come miglior attrice protagonista ai Premi Oscar.

Ad apprezzare le sue performance oltre al pubblico e alla critica, ci pensano le maggiori manifestazioni cinematografiche di tutto il mondo, oltre ai Premi Oscar e i Golden Globe. Nel 2007 riesce a vincere la prestigiosa Coppa Volpi durante la 64^ Mostra del cinema di Venezia, per il film Io non sono qui. Nel 5 dicembre 2008 anche la signora Blanchett entra a far parte della famosa Walk of Fame con la stella che potrete vedere in foto. Il cinema non fa altro che scritturarla continuamente, facendola balzare da un set all’altro, regalando performance sempre interessanti.

Leggi anche: Festa del Cinema di Roma: Carol, il capolavoro del cinema LGBT con Cate Blanchett

giorgio armani si passione

Tra il cinema e il mondo della moda

L’inarrestabile carriera di Cate Blanchett, la vede destreggiarsi in tanti film ognuno dei quali appartenenti a generi cinematografici differenti. Nel 2012 torna a interpretare la leggiadra Galadriel nel primo film Lo Hobbit, prequel de Il Signore degli Anelli. La moda ovviamente non può lasciarsi scappare una bellezza del genere, in particolar modo, lo stilista italiano Giorgio Armani la sceglie come testimonial del profumo Si! firmando un contratto di 10 milioni di dollari.

Un altro film fondamentale per la sua carriera è Blue Jasmine. Interpreta magistralmente il ruolo di una donna che deve cercare di alzare la testa nonostante gli improvvisi fallimenti capitati in poco tempo. Diretta da Woody Allen, la bella Blanchett vinse il terzo Golden Globe e il secondo Oscar, entrambe nella categoria miglio attrice protagonista.

Nel 2014 tra il film Monuments Men di George Clooney e l’esperienza come doppiatrice per il film d’animazione Dragon Trainer 2; nel 2015 viene diretta da Kenneth Branagh nel film Cenerentola nel quale interpreta la matrigna malvagia Lady Tremaine. 

hela

La vera prima donna villain

Il bellissimo film Carol in coppia con Rooney Mara, mostra un’inedita Blanchett, interpretando il ruolo di una donna sposata che si innamora di una giovane commessa. Molto interessante la sua performance nel film Truth – Il prezzo della verità nel quale interpreta la giornalista americana Mary Mapes, coinvolta nell’inchiesta Bush-Guard per la CBS News.

Sarà in versione ladra nel film Ocean’s 8 di Gary Ross, insieme a  Sandra Bullock, Helena Bonham Carter, Anne Hathaway, Rihanna, Mindy Kaling, Sarah Paulson e Awkwafina. Nel 2017 la nota rivista Forbes la inserisce all’ottavo posto tra le attrici più pagate di Hollywood insieme a Julia Roberts, stimando una cifra che si aggira ai 12 milioni di dollari.

Non poteva mancare la sua partecipazione nel mondo della Marvel, interpretando il ruolo della prima donna villain Hela, nel film Thor Ragnarock con protagonista Chris Hemsworth.

Il 2018 la vede come membro della giuria della 71^ edizione del Festival di Cannes, partecipando nel film Il mistero della casa del tempo con Jack Black e si cimenta nuovamente nel doppiaggio con Mowgli- Il figlio della giungla. Nel 2019 prende parte al film Che fine ha fatto Bernadette? nel ruolo di protagonista, venendo elogiata anche in questo caso, da critica e pubblico.

In parallelo al mondo del cinema, non perde occasione per dedicarsi alla sua seconda passione: il teatro. Cate Blanchett sarà protagonista di alcuni spettacoli come Eva contro Eva nel 2017 e in veste di regista con lo spettacolo Una specie di Alaska diretto dall’inglese Harold Pinter..

Cate Blanchett | La vita privata

La Blanchett è tra le poco celebrità a brillare nelle rivista per la sua serietà e totale assenza di gossip. Dal 1997 è sposata con lo sceneggiatore, regista e drammaturgo australiano Andrew Upton, conosciuto sul set di uno show televisivo. Dalla loro unione, sono nati tre bambini: nel 2001 Dashiell John, nel 2004 Roman Robert e nel 2008 Ignatius Martin.

Tra un film e un altro, la Blanchett è impegnata anche con  organizzazioni di beneficenza incentrate su iniziative di tipo culturale. Tale è il suo impegno che viene nominata come ambasciatrice della SolarAid, un’organizzazione non governativa. Da anni collabora con le Nazioni Unite per i rifugiati come ambasciatrice di buona volontà,dopo essere tornata da un campo profughi in Giordania nel 2016.

Continua a leggere

Biografie

Chris Hemsworth | carriera e vita privata dell’attore australiano

Pubblicato

:

hemsworth 1 compressed

Alto, fisico statuario, occhi azzurri come il cielo e un sorriso disarmante. L’attore australiano Chris Hemsworth negli ultimi dieci anni è diventato una delle stelle più brillanti del firmamento di Hollywood. La sua popolarità scoppiata improvvisamente dopo aver interpretato il Dio del Tuono, Thor nei film della Marvel, è in continua ascesa.

Tra le sue ultime fatiche, vi ricordiamo che potrete vederlo nel film d’azione Tyler Rake (Extraction) sulla piattaforma streaming di Netflix, nel ruolo di un soldato speciale ingaggiato per liberare il figlio di un potente uomo criminale indiano. Al di là del suo avvenente aspetto fisico, scopriamo chi è Christopher (detto Chris) attraverso la carriera e la vita privata.

chris hemsworth fratelli compressed

Luke, Liam e Chris Hemsworth

Chris Hemsworth | La formazione

Chris Hemsworth nato a Melbourne il 12 agosto 1983 ha passato la sua infanzia nella piccola località australiana di Bulman. I genitori, Craig, amministratore dei servizi sociali e Leonie, insegnante di inglese, hanno lasciato massima libertà a Chris e ai loro due figli, Luke e Liam sul percorso professionale da intraprendere. (Non a caso tutti e tre sono attori molto famosi del mondo del cinema)

L’adolescenza degli Hemsworth trascorsa a Phillip Island, lo vede frequentare la Heathmont Secondary College di Melbourne. Proprio in questo periodo della vita, inizia a cimentarsi per la prima volta nell’arte della recitazione. Grazie al suo aspetto fisico che già all’epoca non passava inosservato, molti registi hanno iniziato a mostrare interesse verso di lui, ingaggiandolo per piccoli ruoli in produzioni televisive.

Leggi anche: Tyler Rake, la recensione del film Netflix con Chris Hemsworth

chris hemsworth compressed

Chris Hemsworth da giovane

Chris Hemsworth | Gli esordi

Dopo aver mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo, nel 2002 avviene il suo debutto ufficiale nella serie tv fantasy, Ginevra Jones, che lo vede interpretare il ruolo di Re Artù. Questo per lui sarà un vero trampolino di lancio, perché riuscirà ad attirare l’attenzione dei produttori di altri show televisivi, Neighbours e Marshall Law. 

La carriera di Chris Hemsworth diventa inarrestabile, e solo due anni dopo partecipa al provino per entrare nel cast della soap opera Home and Away, interpretando per ben 171 episodi, il personal trainer Kim Hyde. A dimostrazione che dietro la sua bellezza ci sia anche tanto talento, Chris decide di cimentarsi nell’arte del ballo, partecipando alla trasmissione televisiva Dancing with the Stars ( Ballando con le stelle) nell’edizione australiana, in coppia con la ballerina professionista Abbey Ross.

Leggi anche: Chris Hemsworth, dalla soap opera ai fumetti il passo è breve

Chiusa questa parentesi, inizia la sua ascesa nel mondo del cinema, prendendo parte ai film A Perfect Getaway – Una perfetta via di fuga di David Twohy e Cash Game – Paga o muori con Sean Bean. Per il bel Chris però, non ci sono solo gioie, ma anche delle delusioni come non esser stato scelto per il ruolo di Gambit nel film X-Men le origini – Wolverine G.I. Joe – La nascita dei Cobra come Duke, ruolo andato a Channing Tatum.

thor compressed

Chris Hemsworth nei panni di Thor

Chris Hemsworth | Il successo

E se è vero che chiusa una porta, si apre un portone, nel 2011 arriva la sua soddisfazione maggiore e soprattutto la consacrazione nell’Olimpo di Hollywood. In barba ai suoi rivali, riesce a vincere il provino per interpretare il ruolo del personaggio dei fumetti Marvel, Thor, nell’omonimo film diretto da Kenneth Branagh. La preparazione atletica alla quale è stato costretto a sottoporsi per aumentare la massa muscolare di 10 chili è stata molto dura, intensa e durata per ben 3 mesi.

Critica e pubblico promuovono a pieni voti la sua interpretazione, a tal punto da aver convinto i produttori a coinvolgere Thor in ben 6 film dedicati ai supereroi:  The Avengers (2012), Thor: The Dark World (2013), Avengers: Age of Ultron (2015), Thor:Ragnarok (2017),   Avengers: Infinity War (2018) e Avengers: Endgame (2019). A differenza di altri colleghi che sono rimasti ancorati ad alcuni ruoli, Hemsworth recita nel film Biancaneve e il cacciatore diretto da Rupert Sanders nei panni del protagonista, Il Cacciatore. Quattro anni dopo, viene ingaggiato nuovamente come Il cacciatore e la regina di ghiaccio insieme a  Jessica Chastain, Charlize Theron e Emily Blunt. 

Chris Hemsworth come Thor, ma non solo…

Nel 2013 il film Rush diretto da Ron Howard lo vede interpretare l’eterno rivale di Niki Lauda, il pilota inglese James Hunt. La famosa rivista People nel 2014 lo celebra come l’uomo più sexy del mondo. Smesso temporaneamente il costume e l’armatura di Thor, interpreta il baleniere Essex nel film Moby DickHeart of the Sea – Le origini di Moby Dick, omonimo adattamento cinematografico del romanzo Herman Melville.

La comicità di Hewsworth spicca nel reboot di Ghostbusters diretto da Paul Feig con un cast tutto al femminile composto da Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon e Leslie Jones. I film che lo vedranno apparire in parti non da assoluto protagonista, lo vedono vestire i panni come il capitano Mitch Nelson in 12 Soldiers(2018) e poi nel film d’azione 7 sconosciuti a El Royale nei panni del santone affascinante e pericoloso Billy Lee.

Dopo una breve apparizione nuovamente come Thor, nei titoli di cosa di Doctor Strange sempre della Marvel, nel 2019 è co-protagonista del film Men in Black: International, insieme alla collega Tessa Thompson, con la quale aveva già condiviso il set nel film Thor: Ragnarok. La sua ultima fatica, citata all’inizio dell’articolo è il film d’azione Tyler Rake, disponibile su Netflix nel quale interpreta un mercenario e agente speciale chiamato per salvare il figlio di un potente signore della droga, in India. Fughe rocambolesche e combattimenti corpo a corpo e riprese spettacolari ad opera del regista e stuntman Sam Hargrave sono il cuore del film.

hemsworth moglie compressed

Chris Hemsworth e sua moglie Elsa Pataky

Chris Hemsworth | La vita privata

Chris Hemsworth è stato e continua a essere uno degli attori più riservati e tranquilli del panorama di Hollywood. Lontano da gossip, notizie scandalistiche, l’attore è considerato come l’uomo perfetto. Il 28 dicembre 2010 ha sposato l’attrice Elsa Pataky dalla quale ha avuto tre splendidi bambini: India Rose del 2012 e i gemelli Tristan e Sasha nel 2014.

Continua a leggere

Biografie

Casey Affleck, un talento discreto e sensibile

Pubblicato

:

triple 9 casey affleck

Pronto a tornare sotto i riflettori come attore protagonista, sceneggiatore e regista con il nuovo film Light of my LifeCasey Affleck, all’anagrafe Caleb Casey McGuire Affleck-Boldt, è anche conosciuto come il fratello minore di Ben Affleck ed ex cognato di Joaquin Phoenix. Esordisce nel 1995 come attore in Da morire, film di Gus Van SantSul set di questo film conosce Joaquin Phoenix e la sorella Summer Phoenix, con cui si sposa qualche anno dopo. Nel frattempo continua a collaborare nella produzione dei film Will Hunting – Genio Ribelle e Gerry, di cui sarà anche sceneggiatore, con il regista Gus Van Sant.

I suoi lavori però non sono ancora notati dalla critica, a differenza del fratello che inizia già a raccogliere i frutti del suo successo con le sue prime apparizioni sul grande schermo. Il suo nome inizia a farsi strada nel mondo del cinema grazie alla sua interpretazione in American Pie e il personaggio Virgil nella gang di George Clooney in tutti i film della serie diretti da Steven Soderbergh, Ocean’s Eleven (2001), Ocean’s Twelve (2004) e Ocean’s Thirteen (2007). 

Leggi anche: Ben vs Casey, i 5 migliori ruoli dei fratelli Affleck

La vera svolta della sua carriera avviene nel 2007. Grazie al ruolo da protagonista nel film L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford ha l’opportunità di lavorare con Brad Pitt e sfiora per pochissimo un Oscar e un Golden Globe. Finalmente il pubblico conosce il suo nome e la critica non è da meno. Sempre nello stesso anno dirige il film Gone Baby Gone. Per la prima ha modo di lavorare con il fratello maggiore, Ben Affleck, impegnato come regista, e altri personaggi noti come Michelle Monaghan, Morgan FreemanEd Harris.

Casey Affleck

Dopo un lungo periodo di pausa, fa ritorno sugli schermi con un documentario piuttosto surreale interpretato da Joaquin Phoenix e intitolato Joaquin Phoenix – Io sono qui! (2010), che si aggiudica il Biographilm Award a Venezia come premio al suo primo lungometraggio in onore dell’attore con cui ha stretto una grande amicizia.Lo stesso documentario darà inizio poco dopo ad un capitolo piuttosto buio della sua vita. Viene accusato di molestie sessuali da due donne che hanno lavorato per la produzione del documentario ( le denunce vengono ritirate poco dopo) e lavora come attore in The Killer Inside Me di Michael Winterbottom, con Jessica Alba e Kate Hudson, giudicato troppo cruento a causa delle scene di violenza sulle donne.  

Gli anni successivi sono caratterizzati da una carriera più “commerciale” e hollywoodiana con il suo ruolo come attore nella commedia Ben Stiller Tower Heist (2011), nei noir Il fuoco della vendetta e Ain’t Them Bodies Saints (2013), nel film fantascientifico di Christopher Nolan, Interstellar (2014) e nell’heist movie corale Codice 999 (2015) di John Hillcoat.

Casey Affleck

Casey Affleck in Light of My Life

Grazie alla sua interpretazione in Manchester By the Sea (2017) riesce ad aggiudicarsi il premio Oscar come miglior attore, il Golden Globe nella sezione miglior attore in un film drammatico, e il BAFTA al miglior attore protagonista. Il secondo Oscar nella famiglia Affleck ben meritato, dopo la lunghissima strada per distaccarsi dall’ombra del successo internazionale del fratello maggiore ben più grande della sua, sia come attore, che come regista e sceneggiatore. 

Dopo due anni di pausa Casey Affleck ritorna entusiasta e soddisfatto del suo nuovo progetto, “Light of my Life” dove ha lavorato sia come regista, che come sceneggiatore e attore protagonista. Al Festival internazionale del cinema di Berlino di quest’anno è riuscito a conquistare la critica e oggi lo ritroveremo sul red carpet per la chiusura della sezione indipendente del Festival del Cinema di Roma, Alice nella città. Nella città eterna lo vedremo pieno di aspettative, pronto a dimostrare di nuovo che è sempre capace di trovare nuovi strumenti per farci rimanere per ore con gli occhi, la mente e il cuore  attaccati allo schermo.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Luglio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X