Connect with us

News

Buffy, il disastro della rimasterizzazione in HD

Published

on

evde-za-2

Uno degli show più amati di tutti i tempi è sicuramente Buffy – l’ammazzavampiri, divertente serie televisiva statunitense horror-action prodotta tra il 1997 e il 2003 da Joss Whedon ed interpretata da Sarah Michelle Gellar, Alyson Hannigan, Nicholas Brendon, Anthony Head e David Boreanaz. A distanza di 12 anni dalla chiusura la 20th Century ha deciso di rimasterizzare in HD le sette stagioni dello show e, nonostante i primi entusiasmi dei fan, il risultato finale si è rivelato disastroso. Vediamo il perché. Innanzitutto il network ha deciso di allargare l’inquadratura, caratteristica che ha permesso di mettere in luce elementi ai lati prima nascosti come cameraman e controfigure. In secondo luogo la rimasterizzazione ha rimosso i filtri originali rendendo le scene di notte luminose e privando molte sequenze di gran parte della loro drammaticità. Un altro problema poi è il cosiddetto effetto cropping che mostra alcune sequenze eccessivamente zoomate elimando la profondità di campo. Ma non è tutto. La Fox ha deciso anche di “migliorare” gli effetti speciali dello show stravolgendo quasi del tutto il lavoro originale.

buffy_hd

Per i pochi che non lo avessero visto Buffy è uno show tipicamente anni ’90 ed è assolutamente normale trovarlo superato sotto molti aspetti, soprattutto considerando l’incredibile tecnicità dei nuovi telefilm americani. Oltre a questo dobbiamo considerare anche che gli anni sono passati e Buffy in un modo o in un altro ha debuttato quasi venti anni fa. Aspetti che ne fanno una deliziosa opera vintage da vedere e rivedere con lo stesso affetto e spirito con cui si vedono i bei prodotti cinematografici e televisivi del passato. L’operazione fatta dalla Fox invece è un tentativo di rendere attuale qualcosa che non lo è: Buffy è stato girato per un formato 4×3 – spiega Joss Whedonil Widescreen per Buffy non ha alcun senso. E noi ovviamente appoggiamo il regista di The Avengers e vi invitiamo a rivedere Buffy nei cari vecchi cofanetti dvd per assaporare i pregi e i difetti di una serie che in un modo o in un altro ha fatto la storia della televisione mondiale. Ma nel frattempo vi postiamo qui sotto un interessante video che mostra tutti i disastri della rimasterizzazione in HD di Buffy:

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

1 Comment

1 Comment

  1. Buffy HD

    23 Marzo 2015 at 11:42

    Hi, thank you VERY MUCH for sharing our video/comparison.
    If you are interested by adding the original team’s comments on our video, here they are:

    Mark Metcalf (The Master) on his Facebook Page: “I probably should know more about this before I open my big mouth but from the little I do know Fox has made a mess of remastering the great work of Joss Whedon and Sarah Michelle Gellar and all the other actors, directors and technicians who worked on Buffy the Vampire Slayer. The show and the work were important to me at the time and there are fans throughout the world that still get inspiration from the little girl with the big wooden stake and her struggle for justice and a simple dinner date in a nice black dress. This is worth a look.”

    Aaron Miller by private message: “I was the post coordinator for Season 5 and we actually made a list of 16X9 fixes for every show that would need to be done when the show was remastered for HD. [Fox] definitely did not contact me at any time.”

    Aaron Miller: “Here’s a comment from my post supervisor/AP that I worked with on Buffy. He was a post PA on Season 1 and moved up to AP by Season 6. He and I both went to work on Firefly so we did not do Season 7:

    [Brian Wankum:] Thanks for asking! I am a little torn. The true purists should only ever watch the 4:3 standard def original release versions (exception being the “Once More With Feeling” which was intended to be shown widescreen). Not only is the framing as was originally intended, but i suspect that there will be lots of details in sets, props, costumes and makeup that might not hold up in HD.

    That’s for the purists. BUT… Right or wrong there is a large population of average Joes who just want the picture to fill their frame. The same group who 15 years ago would have preferred the center cut to the black bars on top and bottom. Would be a shame for a whole new generation to miss out just because they (or their local TV station which is more likely) got turned off by black side bars. I agree that if it must be done there’s a better way to do it. Season 1 was 16mm 4X3 so there is no way to make it 16:9 without blowing up the image. One of the things that bugs me the most about the ones I have seen is that top of show credits appear over peoples faces. We always had a rule to keep credits below the chin in closeups. Starting with season 2 we shot 35mm composed for 4X3 but protecting for 16X9. After we delivered the 4:3 air master I would sit down and watch the 16:9 version and take notes and do blowups and repos where necessary to avoid crew, equipment and ends of sets in shots. We called these the “16X9 safe masters” and archived them with everything else. I thought these were pretty cool to watch, the problem is when they went back to negative for the HD rexfer in this latest release it looks like they did not consult the original for either color timing or re-framing reference. I’m sure the stories and characters will hold up but it’s too bad more care was not taken. Nobody asked me, but if they did I would have loved to have consulted on this. Probably could have organized a crowdsourcing effort of comparing the originals to the re-transfers. Lots of crew alumni with lots of love for the originals would have likely participated. Maybe for the 4K/3D version?”

    He probably meant they started shooting 35mm with season 3. Season 2 was (super) 16mm.

    Note that the video was also shared by Kristine Sutherland (Joyce Summers), James C. Leary (Clem), David Fury, Tim Minear (producer, writer and director on “Angel” the TV show) and Nancy Holder (writer).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Cinema | quali sale riaprono da oggi in Italia?

Published

on

Saranno circa 120 su 1.400 i cinema italiani che il 26 aprile riapriranno al grande pubblico. I numeri, pari al 15 per cento delle strutture in zona gialla (in quelle arancioni e rosse gli schermi resteranno spenti) li comunica Simone Gialdini, direttore generale dell’Anec, l’associazione nazionale esercenti cinema. Un numero non scontato considerando le difficoltà che comunque si presenteranno. «Le condizioni di riapertura sono insostenibili», afferma Gialdini, citando il coprifuoco alle 22 che impone l’ultimo spettacolo alle 19.30, il divieto di vendere bevande e, soprattutto, il fatto che, con la decisione di riaprire annunciata solo una decina di giorni fa, «non ci sono molti film da proiettare, visto che la programmazione delle uscite richiede circa quattro/cinque settimane».

Ma quali cinema riapriranno? E con quali film?

Quali film vedere

Il menù dei film proposti al pubblico che torna in sala dopo mesi di astinenza e di piattaforme offrirà pellicole da Oscar, come Minari, Collective e Mank. Insieme a questi, anche i film italiani che sono stati pochi giorni in sala prima della chiusura di ottobre. Tra questi I Predatori di Pietro Castellitto e titoli approdati direttamente sulle piattaforme di streaming che adesso tentano la strada delle sale: Cosa sarà, il film di Francesco Bruni con Kim Rossi Stuart presentato alla Festa del cinema di Roma, e Lei mi parla ancora di Pupi Avati, pensato per il cinema ma dirottato su Sky. Torneranno nelle sale, per un doppio giro, anche i film già usciti che saranno premiati ai prossimi David di Donatello dell’11 maggio.

In programmazione in alcune sale anche Nuevo Orden, presentato in concorso alla 77esima Mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia, e la versione restaurata in 4K del capolavoro In the Mood for Love.

La lista dei cinema (in aggiornamento)

Ecco un elenco (in continuo aggiornamento) delle sale nuovamente operativo sul territorio italiano.

EMILIA-ROMAGNA

Provincia di Bologna:

POP UP CINEMA JOLLY 

NUOVO CINE MANDRIOLI

Provincia di Ferrara:

APOLLO MULTISALA 

Provincia di Forlì-Cesena:

MULTISALA ALADDIN

Provincia di Modena:

CINEMA EDEN

CINEMA SALA TRUFFAUT

Provincia di Piacenza:

CINEMA NUOVO JOLLY

CORSO MULTISALA

Provincia di Reggio Emilia

CINEMA ROSEBUD

CINEMA EDEN

FRIULI VENEZIA GIULIA

Provincia di Pordenone:

CINEMAZERO

Provincia di Trieste:

CINEMA NAZIONALE

CINEMA GIOTTO

CINEMA ARSTON

Provincia di Udine:

CINEMA VISIONARIO

CINEMA CENTRALE

CINECITY

CINEMA SOCIALE

LAZIO

Provincia di Roma:

GREENWICH

NUOVO SACHER

QUATTROFONTANE

LIGURIA

Provincia di Genova:

CIRCUITO SIVORI

CIRCUITO ODEON

CIRCUITO FILMCLUB

Provincia di La Spezia:
CINEMA IL NUOVO

CAMPANIA

Provincia di Napoli:

MODERNISSIMO

Provincia di Salerno:

TEATRO DELLE ARTI

LOMBARDIA

Provincia di Bergamo:

CAPITOL MULTISALA 

CONCA VERDE

CINETEATRO GAVAZZENI

TREVIGLIO ANTEO SPAZIOCINEMA

Provincia di Cremona:

CREMONA ANTEOSPAZIO CINEMA

Provincia di Mantova:

CINEMA CARBONE

Provincia di Milano:

ANTEO PALAZZO DEL CINEMA

BELTRADE

CINEMA CENTRALE

CITYLIFE ANTEO

IL CINEMINO 

CINEMA MEXICO

PALESTRINA

WANTED CLAN

CINEMA RONDINELLA

Provincia di Pavia:

CINEMA ARLECCHINO

MARCHE

Provincia di Ancona:

CINEMA AZZURRO

PIEMONTE

Provincia di Torino:

CINEMA CENTRALE

TOSCANA

Provincia di Firenze:

CINEMA LA COMPAGNIA

Provincia di Pisa:

CINEMA ARSENALE

VENETO

Provincia di Vicenza:

CINEMA PASUBIO

Continue Reading

Cinema

Festival di Cannes | Annette di Leos Carax aprirà la prossima edizione

Published

on

La prossima edizione del Festival di Cannes è ufficialmente ancora confermata per luglio (nonostante si rincorrano le voci di un possibile rinvio). Il direttore Thierry Fremaux continua quindi come se niente fosse la preparazione della 74esima edizione, che si aprirà con Annette di Leos Carax, attesissimo film con protagonisti Adam Driver e Marion Cotillard. Si tratta del primo film inglese del regista di culto, che nel 2012 sconvolse la platea del festival francese con il suo Holy Motors

Annette apre il Festival di Cannes

Il film di Carax, che sarà in concorso, era uno di quei titoli già pronti lo scorso anno che hanno deciso di aspettare il 2021 (l’anno scorso, infatti, il Festival di Cannes è stato cancellato). Sarà distribuito in contemporanea nelle sale cinematografiche francesi, che puntano proprio sulla passione dei loro spettatori per questo tipo di cinema d’autore per rilanciare la stagione. La selezione ufficiale di Cannes 2021 verrà annunciata a fine maggio. La giuria internazionale di questa edizione, la 74esima, sarà presieduta dal regista Spike Lee.

Annette è un “musical romantico” con canzoni originali composte dagli Sparks, la rock band alternativa fondata nel 1971 da Ron e Russell Mael, a cui recentemente Edgar Wright ha dedicato un documentario presentato al Sundance. Vi proponiamo qui sotto il trailer originale, con sottotitoli in francese.

Annette – il trailer

Continue Reading

News

La serie ispirata alla vita di Audrey Hepburn sarà scritta da Jaqueline Hyot

Published

on

Nel corso degli anni se c’è una diva del cinema che è riuscita a influenzare con la sua eleganza, vari mondi come quello della moda, è sicuramente Audrey Hepburn. Il suo tubino nero e la pettinatura elegante mentre si trova a fare colazione di fronte la vetrina del negozio di Tiffany è entrata nella storia. Una storia che presto rivivrà in una serie che verrà scritta dalla sceneggiatrice Jaqueline Hoyt.

Cosa sappiamo sulla serie dedicata a Audrey Hepburn?

La sceneggiatrice di serie di successo come The Good Wife, The Leftovers, CSI e di The Underground Railroad e la nuova serie di Barry Jenkins si occuperà della sceneggiatura incentrata sulla vita dell’iconica attrice Audrey Hepburn. La penna di Jacqueline Hoyt avrà come riferimento il soggetto scritto da figlio di Audrey, Luca Dotti, con Luigi Spinola della Wildside, società del gruppo Fremantle, sta sviluppando.

Ad aver ispirato questo progetto, il bestseller Audrey At Home firmato da Luca e Luigi nel quale hanno parlato di vari aspetti inediti della personalità e della vita della grande attrice andando oltre l’interprete, madre e filantropa.

Leggi anche: Ciak, but Where: la New York di Colazione da Tiffany

Leggi anche: Emily in Paris | la recensione della serie glamour con Lily Collins su Netflix

Chi produrrà la serie?

I produttori esecutivi della serie dedicata a Audrey Hepburn sono Mario Gianani, CEO di Wildside, del gruppo Fremantle; Lorenzo Gangarossa con Ludovica Damiani; Luca Dotti e Luigi Spinola. A tal proposito, Andrea Scrosati, COO di Fremantle ha dichiarato: “Per Audrey il nostro obiettivo sarà ancora una volta quello di produrre un contenuto nato a livello locale ma rivolto a una platea mondiale. Credo che il team creativo riunito dalla Wildside e il progetto stesso abbiano le caratteristiche ideali perché questo accada”.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari