Connettiti a NewsCinema!

CineBizarre

Cosa ci ha insegnato Jurassic Park?

Pubblicato

:

Jurassic Park

Le rane possono cambiare sesso? Gli uccelli discendono dai dinosauri? L’ambra è linfa d’albero fossilizzata? Abbiamo imparato un sacco su scienza et similia dal celebre Mr. DNA, ma Jurassic Park ci ha insegnato tanto anche sui fatti della vita. Siamo tutti persone migliori grazie a queste 15 lezioni.

1. I bambini sono terribili

Tutti ci siamo imbattuti in quel bambino paffuto che non trova molto spaventosi i velociraptor. Quando Sam Neill tira fuori un artiglio e finge di squarciarsi lo stomaco, abbiamo acclamato perché sì, i bambini sanno essere tremendi. Per non parlare del piccolo Timmy che ha continuato a ripetere “non mi sembrano uccelli!” seguendo il dottor Grant. Timmy, non sai di cosa stai parlando.

2. Non perdersi la foresta per gli alberi preistorici

Può essere considerata facilmente e a buona ragione la scena migliore di tutto il franchise. Non è soltanto un capolavoro di tensione cinematografica, ma una lezione utile ad annotarsi le specie estinte di ‘veriforman’ e dare un’occhiata ai maledetti dinosauri!

3. I computer si bloccano sempre

Anticipando tutti i temi scolastici che avremmo eliminato un giorno o l’altro, Jurassic Park ci ha assicurato che ogni computer o dispositivo tecnologico, iniziando dalla tv Panasonic nella terza scena, si bloccheranno per certo.

4. L’avidità non conosce limiti

Come nella vita, il denaro emerge come uno dei protagonisti della pellicola. Come nella vita, inoltre, personaggi come Newman/Nedry sono interessati più ai soldi che alle vite umane. Come stupirsi?

5. La vita riguarda soltanto i profitti

L’intera trama viene messa in moto da una causa, e gli investitori si preoccupano dell’analisi riguardante i costi e gli eventuali rischi. Quando l’avvocato sogna di addebitare 10.000 dollari al giorno per vedere i dinosauri a un branco di stupidi, capiamo che siamo noi. Noi siamo quegli idioti.

6. I bambini hanno bisogno di essere controllati

Il T-Rex è una metafora per droghe e sesso non protetto? Non ci sarebbe da stupirsi se ci ricordiamo del regista, la cui visione di alieno è un mostro che colleziona caramelle al burro d’arachidi. Significato profondo o meno, quando un animale preistorico evade dal suo recinto, ci sarà sempre bisogno di un adulto che non corra a nascondersi.

7. La parola ‘autoerotico’ è divertente

Vi siete persi questa battuta del film? Tranquilli, probabilmente vostro padre non l’ha fatto. Ogni volta che i nostri genitori hanno ridacchiato, avremmo dovuto collegarlo ai doppi sensi nella sceneggiatura: uccelli, api e stimoli interni.

8. La vita trova un modo

Nel momento in cui i velociraptor aprono la porta della cucina, quel motivetto ci ha colpito sulla testa come un cestino del pranzo per dinosauri. In ogni caso, è vero: basti pensare agli scarafaggi o a Kimmy Schmidt.

9. Le donne in cachi sono tipe toste

Se vi siete dimenticati che Samuel L. Jackson era nel cast di Jurassic Park, è perché Laura Dern non ha soltanto messo in ombra il famigerato Mace Windu: lo ha letteralmente eclissato. Mentre Richard Attenborough legge male una mappa e Jeff Goldblum se ne sta disteso sul fianco, la maglietta nera strappata (risultando splendido, a voler essere schietti), la Dern si dà da fare, fa ginnastica in una foresta pluviale e sopravvive quasi a tutti gli altri personaggi maschili. All’inizio del film, riesce a fermare il presunto filosofeggiare arguto di Goldblum con: “I dinosauri mangiano gli uomini. Le donne erediteranno la terra.” Non è una premonizione, ma una vera e propria profezia! (Anche le sue espressioni sono semplicemente incredibili).

10. I limiti della similitudine

Esempio emblematico, questa battuta: “Sì, ma John, se Pirati dei Caraibi crollasse, i pirati non mangerebbero i turisti.

11. I nerd non sono tutti poi così male

Da un lato, un nerd ha distrutto un parco a tema liberando dozzine di rettili sanguinari. Dall’altro, un nerd completamente diverso ha aggiustato le linee telefoniche. Abbiamo anche imparato che preferiscono essere chiamati ‘hacker’.

12. Il termine “sessismo in situazioni di sopravvivenza”

Il film ha un secondo personaggio adulto che sia una donna? Riesce a passare il test di Bechdel? No, eppure la sceneggiatura talvolta suona proprio come un corso di Sociologia. E non fate caso al fatto che tutti i dinosauri presenti nella pellicola sono femmine.

13. Il controllo è un’illusione

Non si può impacchettare la natura. La teoria del caos, le falle nel sistema, le tempeste tropicali. Tutti abbiamo imparato che gli sforzi umani appaiono effimeri in confronto a tonanti lucertoloni sputa-veleno. Ciò non ci ha comunque fermato dal comprare ogni pezzo del merchandising di Jurassic Park e costruirci i nostri parchi a tema, ma alla fine la morale è stata assimilata.

14. Tutti dobbiamo evolvere

Quella scena in cui la dottoressa Sattler piange mangiando un gelato con Hammond, o quella in cui il dottor Grant getta l’artiglio di velociraptor oltre l’albero affermando che anch’egli deve evolversi, abbiamo imparato tutti qualcosa riguardo alla perdita e all’adattamento.

15. I bambini sono okay

Al sicuro sull’elicottero di salvataggio, mentre osserva i dinosauri volanti e sorride a Lex e Timmy, Alan Grant comprende che non sono poi così male… Un momento. E’ proprio questa l’intera lezione? Che i bambini sono buoni? Che lui e Ellie Sattler dovrebbero pensare a crearsi la propria genetica prole appena ritornati nel Montana? Nulla riguardo al caos, o al femminismo, o all’etica scientifica? Beh, resta comunque un film straordinario.

CineBizarre

Bohemian Rhapsody dietro le quinte: il libro fotografico ufficiale del film

Pubblicato

:

bohemian rhapsody

Il libro ufficiale dell’epico film Bohemian Rhapsody della Twentieth Century Fox, racconta l’affascinante viaggio di Freddie Mercury e dei Queen attraverso il film e contiene centinaia di scatti fotografici sul set e dietro le quinte, che ritraggono i membri della band e del loro entourage, tra cui Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor, John Deacon, Jim Beach, Paul Prenter, Mary Austin, John Reid e altri ancora. Questi incredibili personaggi sono riprodotti nei minimi dettagli per il grande schermo. La nostra redattrice Letizia Rogolino vi mostra il libro e vi offre qualche dettaglio in più nel video qui sotto.

L’autore Owen Williams illustra come la storia, gli eventi, i materiali di scena e i costumi sono stati sviluppati per questo film eccezionale, facendo di questo libro una bellissima testimonianza dell’indimenticabile esperienza cinematografica che è Bohemian Rhapsody. Una lettura avvincente e significativa, un imperdibile souvenir per i fan dei Queen, la loro musica e gli spettatori che hanno condiviso l’esperienza cinematografica indimenticabile che è Bohemian Rhapsody. Il film è stato il più visto in Italia nel 2018 e si è aggiudicato due statuette ai Golden Globes 2019, quella di miglior film drammatico e miglior attore in un film drammatico a Rami Malek. Il film ha ottenuto anche 7 candidature e vinto 2 BAFTA.

Agli Oscar 2019 Bohemian Rhapsody vince quattro statuette: miglior attore protagonista a Rami Malek, miglior montaggio, miglior montaggio sonoro e miglior sonoro. Per acquistare una copia di questo libro basta cliccare qui.bohemian rhapsody libro

Continua a leggere

CineBizarre

5 escape room nel mondo da provare una volta nella vita

Pubblicato

:

escape room

Il nuovo film di Adam Robitel, Escape Room, sta per arrivare nelle sale italiane. Il film, che ha i propri modelli di riferimento in Saw, Final Destination e The Cube, è un horror godibile e dal buon ritmo, in grado di creare una propria mitologia partendo da una già esistente: quella delle escape room, attrazioni ludiche diffuse da tempo in tutto il mondo, nelle quali si viene rinchiusi in una stanza e si ha un certo tempo per uscirne risolvendo una serie di giochi o indovinelli. Robitel sfrutta questo fenomeno per creare un film non particolarmente profondo, ma sufficientemente furbo per poter essere il primo episodio di un futuro franchise. Nell’attesa di rinchiuderci nella escape room cinematografica ideata dal regista di Insidious – L’ultima chiave, scopriamo quali sono le escape room più apprezzate in giro per il mondo.

The Basement

the basement escape room

Questa escape room a tema orrorifico è considerata la migliore fra quelle presenti negli Stati Uniti grazie alla sua qualità cinematografica che deve molto ad Hollywood. I giocatori di The Basement sono le vittime di uno spietato cannibale immaginario dal nome Edward R. Tandy, che li tiene prigionieri nello scantinato della sua abitazione. L’obiettivo è quindi quello di scappare dalla propria cella prima che il killer ritorni dopo 45 minuti. Ognuna delle quattro stanze rappresenta un piano diverso della casa che i giocatori devono esplorare per sfuggire alle grinfie di Tandy. In alcune stanze ci sono anche degli attori in carne ed ossa e il tasso di successo si attesta su di un misero 12,5%.

Sherlocked

The Mr. X Puzzle House

Vincitrice del Golden Lock-in Award come una delle migliori escape room del mondo, Sherlocked ha due sedi nei Paesi Bassi. Quella più famosa è certamente “il Vault”, che offre ai giocatori 90 minuti di enigmi da risolvere per cercare di rubare un oggetto misterioso da una cassaforte apparentemente inespugnabile. Il gioco fa anche uso di attori reali e ciò che lo distingue da tanti altri simili è il suo focus sul lato avventuroso dell’esperienza. Anche questa, come la precedente, è considerata una delle escape room più impegnative. Imperdibile per chiunque abbia sognato, almeno una volta nella vita, di possedere le abilità dei ladri più astuti, quelli in grado di rubare qualsiasi cosa riuscendo sempre a farla franca.

The Mr. X Puzzle House

mr x

The Mr. X Puzzle House di Shanghai è un’esperienza composta da cinque stanze, ognuna delle quali comprendente una serie di diabolici enigmi ed intermezzi drammatici tra una sfida e la successiva. A differenza di altre escape room, nelle cinque stanze che compongono questa esperienza non è prevista nessuna spiegazione preliminare. Si è completamente soli, senza cellulari, senza accendini, senza cibo e senza bevande. Il personale ti osserva dall’esterno, nel caso tu dovessi desiderare di uscire. È un gioco che si può vincere facendo affidamento solo sul proprio intelletto. Sessanta minuti di tempo per uscire dalla stanza.

Escape Hunt

the escape hunt experience

Prendendo in prestito alcuni spunti dal più grande detective del mondo, ovvero Sherlock Holmes, l’Escape Hunt di Parigi offre due scenari in stile vittoriano che rievocano un’atmosfera di tempi ormai andati. Puoi scegliere se inseguire un borseggiatore inafferrabile in un intricato dedalo di strade sotterranee o cercare invece di rintracciare Louise, una ballerina famosa che è scomparsa poco prima di uno spettacolo cruciale per la sua carriera. In entrambi gli scenari si hanno a disposizione sessanta minuti per risolvere il caso. Le camere sono molto dettagliate e decorate con numerosi soprammobili e oggetti di scena per farti sentire davvero un po’ come se fossi Sherlock Holmes.

Roomscape

roomescape stockholm 8

La Roomscape di Stoccolma è una delle escape room più grandi esistenti. L’esperienza si compone di sette narrazioni separate, ciascuna con il suo tema distinto, puzzle ed enigmi originali. Che tu stia salvando il mondo da un’apocalisse zombie, fuggendo da una prigione di massima sicurezza, faticando per preservare l’ultima invenzione di Tesla o combattendo un terrificante scontro con il Killer dello Zodiaco, il tempo è sempre lo stesso: sessanta minuti. C’è uno scenario per ogni gusto, ma nulla impedisce di tentarli tutti e sette di fila.

Continua a leggere

CineBizarre

Vola su Hogwarts con Hagrid: scopri la nuova attrazione degli Universal Studios di Orlando

Pubblicato

:

Hagrid's Magical Creatures Motorbike Adventure

Universal Orlando ha annunciato che sta per aggiungere una nuova attrazione come parte del suo coinvolgente mondo di The Wizarding World of Harry Potter. Vital Thrills riporta infatti è in arrivo Hagrid’s Magical Creatures Motorbike Adventure che sarà disponibile a partire dal 13 giugno 2019.

Questo nuovissimo gioco consente di unirsi all’amabile gigante buono Hagrid per volare nel parco oltre il castello di Hogwarts in un incredibile giro sulle montagne russe che si tuffa nei sentieri di alcune delle creature magiche più rare di Hogwarts. The Wizarding World of Harry Potter è stato inaugurato nel 2010 con Hogsmeade, che segna il momento in cui Universal Orlando Resort ha portato alla vita per la prima volta la meraviglia e l’avventura di Harry Potter. L’espansione del fenomeno globale è proseguita nel 2014 con il lancio di The Wizarding World di Harry Potter – Diagon Alley negli Universal Studios Florida, che ha permesso agli ospiti di vivere momenti ancora più straordinari dal mondo in continua espansione di magia e burrobirra di Harry Potter.

Come bonus aggiuntivo, l’Express di Hogwarts collega entrambe le attrazioni, offrendo agli ospiti l’opportunità di salire sul treno iconico e rivivere il viaggio indimenticabile di Harry. In tal modo Universal Orlando ha creato la prima esperienza multi-parco a livello centrale al mondo.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Settembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Ottobre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X