Connettiti a NewsCinema!
dscf8565 modifica dscf8565 modifica

Cinema

Io non ho mai, la recensione del cortometraggio di Michele Saia

Pubblicato

:

L’opera prima di Michele Saia, cortometraggio dal titolo Io non ho mai, è innanzitutto un racconto di fisici giovanili e corpi che si muovono nello spazio. Rispettando la tradizione dei film per ragazzi avviata di Rob Reiner, anche il protagonista del corto di Saia dovrà fuggire da altri ragazzi che lo vogliono acchiappare, dovrà saltare, cadere e correre per mettersi al riparo. Sarà lui ad insegnare suo fratello più grande, un ragazzone imponente e grosso ma affetto da ritardo mentale, ad andare in bici nonostante la contrarietà della loro madre. Anche in questo caso, quindi, l’emancipazione passerà attraverso l’utilizzo del proprio corpo, la capacità di coordinazione e l’attività fisica.

È come se il corpo fosse lo strumento attraverso il quale i ragazzini esprimono le loro aspirazioni e i loro sentimenti. Non a caso, quindi, anche la ragazza di cui il protagonista è innamorato sarà caratterizzata innanzitutto da un segno sul viso e questo “difetto” estetico ne determinerà la personalità. Ancora una volta è il corpo che viene prima di tutto il resto. La conosceremo prima attraverso la sua faccia e solo successivamente attraverso le sue parole e le sue intenzioni. 

dscf8696

Saia, laureato con lode in grafica d’arte e progettazione, sembra ragionare come un regista di cartoni animati. Grazie alla precisa e dettagliata progettazione delle inquadrature, basata sull’utilizzo dello storyboard, ogni scena di Io non ho mai sembra avere alla base un’idea visiva prima ancora che di scrittura. Il modo in cui la macchina da presa si avvicina ai personaggi, invadendo la loro intimità, per poi allontanarsi, come a volerli osservare da lontano senza intromettersi nelle vicende, suggeriscono una consapevolezza ben precisa di voler narrare innanzitutto attraverso le immagini e solo successivamente attraverso i dialoghi e le azioni. Saia utilizza quindi tutti gli elementi propri del mezzo cinematografico per compiere una intelligente sintesi di ciò che vuole veicolare attraverso il racconto.

Così ad esempio il sound design, utilizzato brillantemente per interferire con il realismo delle scene, per suggerire la presenza di qualcosa che non possiamo vedere o per amplificare ed estremizzare i rumori dell’ambiente in cui si svolge l’azione, sembra quasi mettere in discussione la veridicità di ciò che stiamo osservando. Si tratta di un’avventura reale o del ricordo nostalgico, per definizione “manomesso”, di un evento verificatosi nel passato? Questa aleatorietà del racconto, questa vaghezza ricercata, sottolineata dal fatto di non aver dato un nome al ragazzo di cui si narra, contribuisce all’astrazione della vicenda specifica che viene messa in scena e aiuta a rendere universale la condizione di un giovane protagonista alla ricerca di un proprio posto nel mondo e di un modo “giusto” di relazionarsi con gli altri (ma anche con se stesso).

Saia riesce a fare tutto questo senza rinunciare alla ricercatezza formale e al gusto estetico (il “rifugio” dei due ragazzi è un piccolo gioiello andersoniano) e allo stesso tempo riuscendo a trasmettere un genuino senso di avventura, conferendo dinamismo alle scene attraverso i momenti degli attori e quelli della macchina da presa. I protagonisti di Io non ho mai veicolano attraverso la loro presenza scenica le loro ansie e i loro desideri più sopiti. Ogni loro gesto, anche quello apparentemente meno spiegabile, ci rivela qualcosa di loro che prima non sapevamo. E il “vagabondaggio” del giovane protagonista avviene in uno spazio molto più ampio e indefinito di quanto possa essere quello di un piccolo paese di provincia. Un territorio inesplorato ancora da conquistare, un passo alla volta. Da soli o, preferibilmente, assieme alle persone giuste. 

IO NON HO MAI – trailer – from Michele Saia on Vimeo.

Photo Credit: Barbara Tucci e Gianluca Scerni

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Edoardo Leo e Stefano Accorsi incontrano il pubblico il 22 Dicembre all’UCI Porta di Roma

Pubblicato

:

97425 ppl

Il 22 dicembre alle 18:30 a UCI Porta di Roma il cast di La Dea Fortuna saluterà il pubblico presente in sala per la proiezione del film, diretto da Ferzan Ozpetek e interpretato da Stefano Accorsi, Edoardo Leo e Jasmine Trinca. Distribuito da Warner Bros. Pictures, il lungometraggio racconta la storia di Arturo e Alessandro, una coppia in crisi unita però da un profondo affetto. Riuscirà l’arrivo dei due bambini di Annamaria, la migliore amica di Alessandro, a riportare la speranza?

È possibile acquistare i biglietti presso le casse di UCI Porta di Roma, tramite App gratuita di UCI Cinemas per dispositivi Apple e Android e sul sito www.ucicinemas.it. I biglietti paper-less acquistati tramite App e i biglietti elettronici acquistati tramite sito danno la possibilità di evitare la fila alle casse con –FILA+FILM. Il pubblico può comunque acquistare i biglietti anche tramite il call center (892.960) e le biglietterie automatiche self-service presenti sul posto.

Continua a leggere

CineKids

Baby Yoda, 10 idee regalo disponibili su Amazon

Pubblicato

:

crocheted baby yoda fb4

Da quando è andato in onda il primo episodio della serie The Mandalorian su Disney + tutti sono impazziti per Baby Yoda, personaggio sul quale sono state fatte numerose ipotesi. Chi è esattamente? In un recente articolo vi abbiamo dato tutte le informazioni possibili su questa creatura adorabile, protagonista di meme e gif che ogni giorno invadono i social.

Ma, visto che il Natale è ormai alle porte, abbiamo pensato di dare un’occhiata sul web per consigliarvi alcuni gadget a tema disponibili su Amazon. Buono shopping!

Continua a leggere

Cinema

Disegnare il cinema, masterclass con lo storyboard artist di Pinocchio

Pubblicato

:

storyboard pinocchio

Il 19° Glocal Film Festival (12 – 16 marzo 2020 al Cinema Massimo MNC, Torino), organizzato dall’Associazione Piemonte Movie, propone, come in ogni edizione, occasioni formative e incontri con i professionisti del campo dell’industria cinematografica. Dopo aver esplorato la sceneggiatura con Nicola Guaglianone, la regia con Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, il rapporto tra regista e attore con Francesco Ghiaccio e Marco D’Amore e la distribuzione del cortometraggio con Lights On è la volta dell’arte dello storyboard cinematografico.

La Masterclass sarà tenuta da Giuseppe Liotti, autore degli storyboard del prossimo Pinocchio di Matteo Garrone, in uscita nelle sale il 19 dicembre. Lo storyboard artist, che ha realizzato sempre per Garrone anche le tavole di Reality e Dogman, oltre che quelle di Terraferma di Emanuele Crialese e 6 Underground di Michael Bay, sarà protagonista dell’intensa due-giorni che coinvolgerà i partecipanti nel workshop di sabato 14 e domenica 15 marzo negli spazi del CSC Animazione di Torino (via Cagliari, 42).

0 1

Verranno affrontati temi quali: lo storyboard – cos’è, cenni storici, a cosa serve e quando si usa; tecnica e stili di storyboard; dalla parola all’immagine – lo storyboard e la sceneggiatura; elementi di grammatica cinematografica. Le lezioni saranno integrate da aneddoti tratti dall’esperienza lavorativa di Liotti, con visione ed analisi di sequenze filmiche e relativi storyboard. Per i partecipanti sarà possibile inoltre assistere gratuitamente alla proiezione di uno dei film trattati nel corso, proiettato all’interno del programma del 19° Glocal Film Festival.

Programma Masterclass Disegnare il cinema – Lo storyboard cinematografico con Giuseppe Liotti:

Sabato 14 marzo, 11.00/13.00 – 14.00/18.00
Domenica 15 marzo, 10.00/13.00 – 14.00/17.00
Luogo: CSC Animazione – via Cagliari, 42 – Torino
Costo: 150€, 120€ tariffa early bird
Iscrizioni: entro il 13 marzo 2020, early bird entro il 31 gennaio 2020

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Dicembre, 2019

18Dic00:00Star Wars: L'ascesa di Skywalker

19Dic00:00La Dea Fortuna

19Dic00:00Pinocchio

19Dic00:00Last Christmas

24Dic00:00The Farewell - Una bugia buona

25Dic00:00Jumanji: The Next Level

Film in uscita Mese Prossimo

Gennaio

09Gen00:00Piccole Donne

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X