Connettiti a NewsCinema!
beetlejuice beetlejuice

Cinema

#iorestoacasa con NewsCinema | 5 film divertenti da vedere in streaming

Pubblicato

:

In questo periodo dove restare a casa è l’unica cosa sensata da fare, per via della quarantena imposta dalla situazione d’emergenza che sta vivendo il nostro Paese, le piattaforme di streaming si stanno rivelando fondamentali per aiutare a trascorrere il tempo tra le quattro mura domestiche. Per l’occasione abbiamo selezionato cinque commedie con le quali svagarsi in questo periodo complicato, disponibili o nel catalogo di Netflix o in quello di Prime Video, perché ridere e divertirsi non è mai stato così necessario come ora.

#iorestoacasa con Hot Fuzz (Prime Video)

hot fuzz

Hot Fuzz

Nicholas Angel è un agente di polizia infallibile, tanto da attirare l’invidia e il rancore dei suoi colleghi della sezione londinese. Per evitare malumori nel corpo, i superiori organizzano un escamotage e lo promuovono a sergente con lo scopo di mandarlo a prestare servizio nella cittadina di Stanford, considerata come il luogo più sicuro di tutta l’Inghilterra. La comunità infatti non sa cosa sia il crimine da anni e gli stessi agenti sul posto, impreparati a gestire qualsiasi situazione, non vedono di buon occhio il nuovo arrivato. Ma quando una serie di inquietanti delitti comincia poco dopo che Nicholas si è insediato, solo lui potrà trovare il colpevole e riportare la tranquillità.

La Trilogia del cornetto di Edgar Wright, iniziata con L’alba dei morti dementi (2004) e conclusasi con La fine del mondo (2013), è tra i cult del cinema comico del nuovo millennio. Hot Fuzz, secondo capitolo della saga, prende di mira in forma parodica il cinema blockbuster di scuola Michael Bay, e offre gag e citazioni in serie a sfondo thriller / acton / poliziesco nel corso delle due ore di visione, con la solida coppia formata da Simon Pegg e Nick Frost che regala ancora una volta risate senza sosta.

#iorestoacasa con Instant Family (Prime Video)

Pete ed Ellie, marito e moglie, sono divisi sulla possibile adozione di un bambino ma, in seguito alle insistenze della donna, la coppia decide infine per il sì. I coniugi visitano una struttura – orfanotrofio dove poter conoscere i vari bambini orfani o abbandonati a loro stessi e qui vengono colpiti dalla ribelle Lizzie, una quattordicenne che si trova lì insieme ai fratelli più piccoli: la folta prole è stata costretta a quella situazione d’emergenza in quanto la madre si trova in prigione. Pete ed Ellie decidono così di chiedere l’affido di tutti e tre, con conseguenze inaspettate.

Pur al netto di alcune ingenuità e di una parziale retorica sentimentalista che emerge in certi passaggi, Instant Family – come suggerisce già il titolo – è un film perfetto per tutta la famiglia, con emozioni facili e genuine che si accompagnano ad una serie di gag e battute a prova di grandi e piccini. La simpatia del cast, con la giovane attrice – popstar Isabela Moner a reggere magnificamente il gioco ai navigati Mark Wahlberg e Rose Byrne, è un motivo ulteriore per approcciarsi alla visione.

Leggi anche: Ridere con la musica: le commedie musicali americane

#iorestoacasa con Shrek (Netflix)

shrek

Shrek

Il crudele Lord Farquaad emana un edito che costringe tutti le figure delle fiabe classiche ad abbandonare le loro dimore e trasferirsi nei pressi di una zona paludosa. Proprio qui vive il burbero e solitario orco Shrek che viene colto alla sprovvista dalla marea di personaggi che ora bussano alla sua porta. Per cercare di tornare alla sua quieta e pacifica esistenza, Shrek stringe un accordo con il nobile: se riuscirà a portare in salvo una bella principessa, segregata in un castello sorvegliato da uno spaventoso drago, Farquaad riporterà tutto alla normalità. Ma la donzella da salvare è vittima di una maledizione che complicherà inevitabilmente le cose…

Pensando anche ai più piccoli abbiamo deciso di inserire il primo capitolo della storica saga Dreamworks, un film che ha fatto la storia del moderno cinema d’animazione reinventando le fiabe classiche in un’ottica parodica e citazionista che strizza l’occhio anche al pubblico adulto. Le incredibili avventure di Shrek, Fiona e Ciuchino, a cui si aggiungerà nel corso degli episodi anche il gatto con gli stivali, sono tra i modi migliori per trascorrere questo periodo di reclusione forzata insieme alla propria famiglia, soprattutto se con pargoli a fianco.

#iorestoacasa con Beetlejuice – Spiritello porcello (Netflix)

Adam e Barbara, coppia sposata e senza figli, è vittima di un incidente mortale mentre si trovava nella villa di campagna. Marito e moglie diventano così spettri e decidono di far ritorno nella loro casa, scoprendo come l’immobile sia ora stato acquistato dalla famiglia Deetz – padre, la figlia di questi e la matrigna – nuova compagna dell’uomo. La ragazza riesce incredibilmente a vedere Adam e Barbara e a parlare con loro, stringendo un affiatato legame. Allo stesso tempo però i due fantasmi vogliono riappropriarsi delle proprie mura domestiche e ingaggiano il bio-esorcista (uno spettro specializzato nello scacciare gli umani per dare sollievo ai propri simili) Beetlejuice affinché liberi la dimora delle viventi presenze indesiderate, scoprendo troppo tardi l’errore commesso.

Tim Burton firma un’irriverente commedia gotica che gioca col black humour e un grottesco all’acqua di rosa per generare un sano e atipico divertimento a tema spiritico. Inserito dall’American Film Institute tra le cento commedie migliori di sempre, Beetlejuice adopera soluzioni originali e lo sguardo visionario del regista fa il resto, con l’ottimo cast nel quale spiccano il folle ghoul di Michael Keaton e la gothic teen di Winona Ryder.

#iorestoacasa con Midnight in Paris (Netflix)

midnight in paris

Midnight in Paris

Gil, sceneggiatore di successo, si trova in vacanza a Parigi con la fidanzata nella speranza di trovare l’ispirazione per concludere il suo primo romanzo. Mentre si trova a passeggiare da solo, l’uomo accetta il passaggio su una vettura d’epoca e si ritrova magicamente negli anni ’20, palcoscenico ambientale perfetto per il libro che voleva scrivere. Dopo l’iniziale sbigottimento Gil si adatta alla situazione, finendo per incontrare personalità di spicco dell’epoca, ma al calare della notte si trova nuovamente nel presente. Il protagonista però non si arrende e scopre che può tornare quando vuole in quel suggestivo passato, semplicemente salendo sulla stessa auto: da viaggiatore del tempo, si innamora – ricambiato – della bella Adriana, con la quale vivrà altre incredibili avventure.

Un film di Woody Allen non poteva mancare tra i nostri consigli e per l’occasione abbiamo scelto questa raffinata commedia del 2011 dove il regista affida il suo classico, nevrotico, personaggio al più giovane alter-ego interpretato da un ottimo Owen Wilson, perfetto negli stralunati e sognanti panni di Gil. Una commedia raffinata ed elegante, con una notevole cura per scenografie, costumi e musiche, nella quale spicca la luminosa bellezza di Marion Cotillard.

Appassionato di cinema fin dalla più tenera età, cresciuto coi classici hollywoodiani e indagato, con il trascorrere degli anni, nella realtà cinematografiche più sconosciute e di nicchia. Amante della Settima arte senza limiti di luogo o di tempo, sono attivo nel settore della critica di settore da quasi quindici anni, dopo una precedente esperienza nell'ambito di quella musicale.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Figli | La recensione del film disponibile su Amazon Prime Video

Pubblicato

:

figli

La vita di Nicola e Sara procede a gonfie vele: marito e moglie, hanno una bambina di sei anni ed entrambi un lavoro sicuro. La quiete familiare viene scossa quando Sara scopre di essere incinta di un secondo figlio e nonostante le iniziali rassicurazioni l’arrivo del nuovo nato rivoluziona drasticamente l’ambaradan domestico. Notti insonni, la crescente gelosia della sorella maggiore e una reciproca crisi di nervi rischia di condurre la coppia ad un punto di non ritorno e a niente valgono i consigli di amici e specialisti. I genitori dovranno cercare così di comprendere cosa non funzioni più nel loro rapporto e il modo di gestire la sempre più complessa situazione tra le quattro mura di casa prima che sia troppo tardi.

Figli – Tra il dire e il fare…

paola cortellesi e valerio mastandrea

Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea

Dopo Mamma o Papà (2017), Paola Cortellesi è nuovamente al centro di una commedia incentrata sulla tematica genitoriale, seppur in questo caso con un approccio più in linea con i tempi incerti che sta attraversando il nostro stato sociale, soprattutto per ciò che concerne i ceti medio-bassi. Disponibile in esclusiva nel catalogo di Amazon Prime Video, Figli parte da uno spunto forse non originalissimo ma discretamente sfruttato dal punto di vista narrativo, con una varietà di atmosfere e soluzioni inedite per lo spesso monocorde panorama nostrano sull’argomento. Il secondo lavoro dietro la macchina da presa di Giuseppe Bonito, subentrato in corsa dopo la morte del regista e sceneggiatore Mattia Torre (autore anche del monologo alla base del tutto), è fresco e frizzante in diverse occasioni, con una lucidità di intenti solo parzialmente smussata da qualche congenita ingenuità tipica del cinema italiano contemporaneo.

Leggi anche: Festa della mamma | 5 film da vedere

Figli – Accordi e disaccordi

valerio mastandrea

Valerio Mastandrea

Ed ecco allora dialoghi e battute prese pari passo da post e articoli diffusi sui social network e diatribe tra generazioni antitetiche: soluzioni furbe ma efficaci nel far colpo su uno spettatore non troppo smaliziato, che poi è anche il principale target di riferimento dell’operazione. La storia è divisa in otto capitoli che percorrono le varie fasi della crisi di coppia, tra flashback, situazioni surreali e gag a contornare il substrato drammatico caratterizzante il lento disgregarsi del tessuto coniugale e l’ora e mezzo di visione è la durata giusta, evitando tempi morti e inutili ridondanze.

Se in fase di sceneggiatura si trova quindi un’ispirata cernita su cosa mostrare e cosa no, stilisticamente Figli mette in campo una certa personalità, con sequenze su schermo bianco dal sapore onirico / metaforico riflettenti sull’eterogeneità delle diverse crisi di coppia e figure divine o nefaste a comparire in un paio di passaggi quali provvidenziali ammonitori dei protagonisti. Protagonisti che trovano ideale supporto dalle complementari performance della citata Cortellesi e di Valerio Mastandrea, abili pur al netto di qualche caduta di tono a imprimere sfumature ai relativi alter-ego. Perché se l’operazione non racconta nullo di effettivamente nuovo, le suggestioni dolce-amare e gli spunti di riflessione più verosimili della media la rendono una sorta di gradevole entità aliena nello spesso prevedibile ripetersi del filone.

Figli | La recensione del film disponibile su Amazon Prime Video
3 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continua a leggere

Cinema

Clint Eastwood | I 90 anni di una leggenda

Pubblicato

:

clint eastwood

Compirà lo storico traguardo soltanto domenica 31, ma non è mai troppo presto per celebrare il novantesimo compleanno di una personalità che ha segnato indelebilmente la Settima Arte, sia dietro che davanti la macchina da presa. Nella speranza che possa seguire le orme del compianto collega portoghese Manoel de Oliveira, il cui ultimo progetto prima della morte venne diretto alla veneranda età di 106 anni, ripercorriamo insieme le tappe più significative di un volto simbolo del cinema, capace di reinventarsi continuamente in una carriera iniziata, citando Sergio Leone, con solo due espressioni – una con il cappello e una senza cappello.

Clint Eastwood | Gli inizi

per un pugno di dollari

Per un pugno di dollari

Ed è proprio al grande maestro italiano che Clint deve la sua fama iniziale, quando venne scelto per il ruolo di protagonista nel film simbolo del filone spaghetti western, ossia l’immortale Per un pugno di dollari (1964). Prima del “remake” non autorizzato del grande classico di Akira Kurosawa La sfida del samurai (1961), il Nostro era conosciuto esclusivamente dal pubblico d’Oltreoceano: dopo alcuni parti da comprimario, il suo primo ruolo importante è quello di main character nella serie western Gli uomini della prateria – andata in onda per otto stagioni – e proprio il suo portamento per la figura del cowboy risulterà un elemento chiave della sua intera carriera. La trilogia del dollaro consacra Eastwood a star di risonanza mondiale e da lì sarà tutto in discesa.

Clint Eastwood | La fama

ispettore callaghan il caso scorpio è tuo

Ispettore Callaghan il caso Scorpio è tuo

Ancora star di frontiera nel solido Impiccalo più in alto (1968) e nello stesso anno è protagonista di L’uomo dalla cravatta di cuoio – inizio di un altro fortunato sodalizio con un regista di culto come Don Siegel – e co-star al fianco di Richard Burton del memorabile war/spy movie Dove osano le aquile. I cachet aumentano notevolmente e l’attore realizza un suo grande sogno, quello di avviare una compagnia di produzione ossia la Malpaso Production, attiva con successo tutt’oggi. Dopo il western leggero, in cui divise il set con la grande Shirley MacLaine, Gli avvoltoi hanno fame – diretto nuovamente da Siegel – gli anni ’70 segnano l’inizio della fortunata saga dell’ispettore Callaghan: cinque titoli che confermano la sua immagine di vendicatore duro e puro, senza compromessi, pur al netto di qualche critica dalle frange più pacifiste dell’opinione pubblica che criticavano l’esaltazione di un personaggio reazionario.

Quel decennio segna anche il debutto dietro la macchina da presa, prima con il misconosciuto Brivido nella notte (1971) e poi con il solido western Lo straniero senza nome (1973), dove palesa influenze proprio dal cinema di Leone e Siegel. Altre prove registiche degne di nota del periodo sono Assassinio sull’Eiger (1975) e Il texano dagli occhi di ghiaccio (1976) è ormai Clint è apprezzato e affermato da entrambi i lati della camera, mentre nel 1979 prende parte ad un sempiterno cult quale Fuga da Alcatraz (1979).

Leggi anche: Al Pacino | La leggenda del cinema compie 80 anni

Clint Eastwood | Gli anni ’80

i ponti di madison county

I ponti di Madison County

Gli eighties gli regalano inizialmente meno soddisfazioni, ma grazie a Callaghan torna sulla breccia e con due film solitamente poco considerati come Corda tesa (1984) e Per piacere… non salvarmi più la vita (1984) torna nei favori del pubblico, che lo premia anche per la sua nuova regia ossia Il cavaliere dal viso pallido (1985), ennesimo e vincente ritorno al western, e per il dissacrante Gunny (1986), anche questo da lui diretto. La parallela carriera d’autore gli porta fortuna alla fine del decennio, quando vince il Golden Globe come miglior regista per il biografico Bird (1988). Un preludio a quanto avverrà pochi anni dopo, quando con il magnifico e dolente western Gli spietati (1992) agguanta ben quattro premi Oscar – tra cui miglior film e regia – su nove nomination. Nell’immediato futuro alterna i due “mestieri”, prendendo parte o realizzando progetti di successo critico e commerciale come Nel centro del mirino (1993) e lo struggente Un mondo perfetto (1993), per dirigere e interpretare poi un grande classico come I ponti di Madison County (1995) al fianco di Meryl Streep.

Clint Eastwood | Dal 2000 in poi

gran torino

Gran Torino

Il nuovo millennio gli consegna il Leone d’oro alla carriera e altre soddisfazioni come le sei nomination agli Oscar per Mystic River (ma in questo caso Clint rimarrà a bocca asciutta). Poco male, perché nel 2005 si rifarà con le quattro statuette per Million Dollar Baby – film e regia incluse. L’Eastwood regista è ormai un fiume in piena e da lì a breve firma un dittico bellico dallo sguardo inedito, raccontando la battaglia di Iwo Jima da due diversi punti di vista in titoli distinti, tra i quali spicca quello in ottica giapponese: Lettere da Iwo Jima (2006) è un’opera coraggiosa e intensa, recitata in lingua nipponica nella sua versione originale. Due anni dopo il Nostro annuncia il primo ritiro dalle scene nelle vesti di attore, coincidente con l’interpretazione in Gran Torino (2008) – magistrale, provvisoria, chiusura di una carriera con un’uscita di scena delle grandi occasioni.

Come tutti sappiamo Clint ha poi cambiato idea, prima prestandosi al mediocre dramma familiare Di nuovo in gioco (2012) e poi nel più recente Il corriere – The mule (2018), ad oggi sua ultima performance davanti allo schermo. Da regista invece continua a sfornare film su film, passando da titoli eccellenti come Changeling (2008), Invictus (2009) e l’ultimo Richard Jewell (2019) ad altri minori quali Hereafter (2010) e Ore 15:17 – Attacco al treno (2018), tenendo comunque sempre alta la sua idea di cinema e di vita. Perché pur da repubblicano incallito, Eastwood non ha mai smesso di mettere in risalto luci e ombre di un Paese con uno stile e relativo approccio risultante un unicum nel panorama mondiale, sospeso tra il classico e la modernità di un uomo – perfetta, instancabile, crasi tra due epoche.

Continua a leggere

Cinema

Amazon Prime Video | I film in esclusiva più attesi di giugno 2020

Pubblicato

:

amazon prime video giugno 2020

Dopo lo speciale relativo ai film originali Netflix in arrivo a giugno, ci concentriamo ora sui titoli in esclusiva che faranno la loro comparsa nel prossimo mese sul catalogo di Amazon Prime Video. Due titoli italiani, un raffinato giallo old-school, il ritorno di un amato personaggio comico e il nuovo corso di un’iconica saga horror sono tra le proposte che ci attendono nel corso delle prossime settimane, scopriamole insieme nel dettaglio.

L’amore a domicilio

lamore a domicilio

L’amore a domicilio

Il protagonista Renato è stato sempre restio ad impegnarsi in relazioni sentimentali serie, timoroso delle conseguenze insite in una vera storia d’amore. Ma il suo approccio sembra destinato a cambiare dopo l’incontro con la bella Anna, incontrata casualmente. La ragazza si trova agli arresti domiciliari e la forzata reclusione di lei fa ritenere a Renato di poter gestire la situazione senza troppe complicazioni. Ma le cose non andranno come previsto…

Il secondo lungometraggio di Emiliano Corapi, a otto anni dall’esordio con Sulla strada di casa (2011), è una commedia romantica potente contare su una sceneggiatura più ispirata della media e su un cast “in palla” capitanato da Miriam Leone e Simone Liberati.

Cena con Delitto: Knives Out

cena con delitto knives out

Cena con delitto – Knives out

Un giallo in piena tradizione classica, che guarda ai colpi di scena alla Agatha Christie con un approccio moderno. La misteriosa morte di un anziano capofamiglia, possedente una fortuna, e l’eredità contesa dai vari figli dell’uomo lascia campo libero ad un gioco di tradimenti e sospetti, con inaspettate verità pronte a venire a galla in un susseguirsi di colpi di scena.

Il regista Rian Johnson è abile a nascondere le carte e a suggerire false piste e la regia veloce e scattante evita tempi morti in una sceneggiatura calibrata alla perfezione, ulteriormente impreziosita dalle magnifiche scelte del cast all-star, comprendente nomi del calibro di Daniel Craig, Chris Evans, Ana de Armas, Jamie Lee Curtis, Michael Shannon, Don Johnson, Toni Collette, Lakeith Stanfield, Katherine Langford, Jaeden Martell e Christopher Plummer.

Johnny English Strikes Again

johnny english strikes again

Johnny English strikes again

Svestiti i panni di Mr. Bean, Rowan Atkinson torna invece a vestire quelli di un altro personaggio cult della sua carriera, quell’improbabile agente segreto già interpretato per due volte nel 2003 e nel 2011. In quest’occasione la spia deve affrontare una situazione imprevista dopo che ad un summit internazionale un attacco da parte di hacker ha reso pubbliche le identità di ogni agente segreto di Sua Maestà. Johnny, da tempo in pensione, deve ritornare in servizio, trovandosi alle prese con un mondo tecnologico a lui sconosciuto e incrociando la strada con una sexy collega russa per affrontare un nemico guru del digitale.

Formula che vince non si cambia e Atkinson si approccia al suo alter-ego “action” con una mentalità vecchia scuola, equivocante proprio sui contrasti tra passato e presente non solo a livello di stile ma anche nella gestione delle gag. Un divertimento semplice e spensierato impreziosito dall’efficace cast di contorno, comprendente Ben Miller, Olga Kurylenko, Jake Lacy ed Emma Thompson.

Leggi anche: Amazon Prime Video | 5 film novità da non perdere a Maggio 2020

Il Ladro Di Giorni

il ladro di giorni

Il ladro di giorni

L’undicenne Salvo non vede da quattro anni il padre Vincenzo, dal giorno che venne arrestato nella natia Puglia dai carabinieri. Il ragazzino, affidato agli zii in Trentino, riceve la visita del genitore, che ha finito di scontare la sua condanna, ma fa fatica a riconoscerlo. Vincenzo propone allora al figlio d fare un viaggio verso sud, un’occasione per rinsaldare il loro legame e andare alla riscoperta non solo di loro stessi ma anche delle loro origini.

Un viaggio on the road per riflettere sul rapporto tra un padre e un figlio da tempo distanti e quasi estranei non è certo nuovo al cinema di genere, ma Il ladro di giorni – terzo lungometraggio del regista e sceneggiatore Guido Lombardi e tratto da un suo omonimo romanzo – si propone di unire atmosfere tensive e melanconiche con una particolare attenzione alle ambientazioni del nostro BelPaese. A guidare il cast Riccardo Scamarcio e il giovanissimo Augusto Zazzaro.

Halloween

halloween

Halloween

Da lungo tempo Laurie Strode si sta preparando per affrontare il ritorno della sua atavica nemesi, quel Michael Myers che ha compiuto un crudele massacro la notte di Halloween del 1978. La donna ha condotto da allora una vita di totale solitudine, imponendola anche alla figlia Karen, al fine di proteggersi dallo spietato assassino, e quando questi durante un trasferimento riesce ad eludere la sorveglianza e fuggire, Laurie farà affidamento sulle ingegnose contromosse create nell’arco degli anni all’interno della sua casa nel bosco.

Sequel diretto dell’originale di John Carpenter, ignorante tutti i seguiti realizzati, il nuovo Halloween di David Gordon Green è un gradito ritorno alle atmosfere dell’originale, qui coabitanti con le modernità del filone ma ancorate a quell’idea di slasher duro e puro consona al prototipo. Con un sequel già annunciato, il franchise horror e tornato in grande stile e determinato a restare e lasciare il segno nel moderno panorama horror.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Giugno, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Luglio

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X