Connect with us

Festival

Berlino 2015: Love & Mercy, la reclusione di Brian Wilson dei Beach Boys

Published

on

Alla 65° edizione del Festival di Berlino 2015 è stato presentato in anteprima il biopic Love & Mercy diretto da Bill Pohlad, produttore dei recenti successi 12 Anni Schiavo e Wild. Il cinema internazionale ha realizzato negli ultimi anni film biografici che raccontano la vita di un artista della musica da un punto di vista diverso. Basti pensare al recente Jimi – All is By My Side o l’originale Io Non sono Qui di Todd Haynes sulla figura di Bob Dylan. Come in questi ultimi, Pohlad mette da parte la solita ricetta di sesso, droga e rock ‘n roll, per concentrare l’attenzione sulla storia personale travagliata del protagonista, Brian Wilson, co-fondatore dei Beach Boys.

TRAMA LOVE & MERCY

Paul Dano ha passato ben sei mesi a studiare canto e pianoforte per interpretare l’anima artistica e creativa della famosa band americana degli anni ’60, Brian Wilson. Dopo i primi anni di successo spensierato, passando gran parte delle giornate con gli amici  sulla spiaggia e alle numerose feste a bordo piscina, Brian viene stravolto da una serie di disturbi mentali che sconfinano nella paranoia e nella schizofrenia, fino a fargli perdere la strada e rinchiudendolo in solitudine nel suo mondo abitato da voci e suoni improvvisi. Love & Mercy si sofferma in particolare su due momenti della vita dell’artista: la comparsa dei primi segni della sua malattia mentre lavora all’album Pet Sounds, e l’incontro con Melinda (Elizabeth Banks), che poi diventa la sua seconda moglie, salvandolo dallo psichiatra manipolatore Eugene Landy, interpretato da Paul Giamatti.

RECENSIONE

Love & Mercy recensione

Si riconosce da subito lo stile di Oren Moverman, che nel 2007 ha firmato la sceneggiatura del film biografico Io Non Sono Qui. Infatti anche in Love & Mercy egli si muove lontano dall’autodistruzione sconsiderata delle rockstar, presentando non una mente creativa dipendente dalla droga e dall’alcool e intento a continui atti di masochismo, ma un genio fragile, che non riesce a combattere da solo i fantasmi di un passato doloroso e violento. Nonostante il suo innato talento per la musica, Brian è un incompreso e cade vittima del Dr. Eugene Landy, che si approfitta della sua condizione mentale per dominarlo e muoverlo come un burattino, per poter gestire il suo patrimonio economico. Brian ha bisogno di aiuto per poter avere una speranza di ritrovare l’amore e abbracciare nuovamente la sua vita, e Melinda si rivela la sua unica speranza. Una donna testarda e innamorata, che Elizabeth Banks porta sullo schermo in modo perfetto, con dolcezza e sentimento, lasciando da parte quei ruoli più appuntiti e ironici nei quali l’abbiamo vista fino ad oggi. Paul Dano conferma ancora una volta il suo talento, affiancato da John Cusak che interpreta il Brian Wilson adulto, che lotta per uscire dalla sua condizione di reclusione.

Il regista rende la musica vera protagonista del film, raccontando una storia personale difficile che viaggia su due binari temporali diversi. Se la sceneggiatura è lineare e coinvolgente, la regia è poco convenzionale e coraggiosa, e regala fin dalla prima inquadratura un’emozione retrò che tocca le corde emotive giuste per far vivere allo spettatore la condizione intensa del protagonista. Ad uno stile di ripresa moderno, Pohlad unisce scene girate come la vecchia amata pellicola, donando al film un aspetto estetico originale e intrigante. Love & Mercy è un film che emoziona e permette di conoscere la storia di un protagonista della musica internazionale che ha composto canzoni rimaste nella storia, con le quali tante generazioni sono cresciute fino ad oggi. Una storia drammatica, una storia d’amore e una vena thriller che tengono vivo il ritmo del film, anche grazie alla colonna sonora imperdibile.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Festival

Bis ans Ende der Nacht: trama, cast e trailer del film

Published

on

Bis ans Ende der Nacht newscinema

Una scena di Bis ans Ende der Nacht – Newscinema.it

Al prossimo Festival del Cinema di Berlino saranno presentati numerosi film provenienti da tutto il mondo, tra cui dalla stessa Germania. Ecco qualche informazione su Bis ans Ende der Nacht.

Tra circa due settimane, il 16 febbraio 2023, inizierà la 73esima edizione del Festival del Cinema di Berlino. In gara ci sono film che provengono da tutto il mondo, tra cui anche diversi che arrivano dall’Italia.

Ma che cosa ha presentato, invece, la Germania? Presenterà Bis ans Ende der Nacht, film poliziesco con parti romantiche e drammatiche. Il titolo in italiano può essere tradotto come “Fino alla fine della notte“.

Bis ans Ende der Nacht, la trama

Bis ans Ende der Nacht è diretto da Christoph Hochhäusler e affronta un tema ormai diventato universale nella storia dell’uomo: il conflitto di interessi. Il film è classificato come poliziesco e drammatico, ma presenta anche una certa componente romantica.

Parla, infatti, di Robert, poliziotto omosessuale che, per catturare uno spietato trafficante di droga, finge una relazione sentimentale con Leni, transessuale. Tuttavia, presto, com’era prevedibile, realtà e finzione si intrecciano e Robert non riesce più a capire quali siano i suoi veri sentimenti. Dovrà fare presto chiarezza nella sua mente se intende davvero completare con successo la sua missione.

Bis ans Ende der Nacht newscinema

Una scena di Bis ans Ende der Nacht – Newscinema.it

Bis and Ende der Nacht, il cast

Nel cast del film spiccano tra tutti Timocin Ziegler e Thea Ehre che interpretano i due protagonisti, Robert e Leni. Completano il gruppo altri noti attori tedeschi, tra cui Michael Sideris, Aenne Schwartz (Nadja), Ioana Iacob (Nicole), Sahin Eryilmaz (Armin), Martin Horn (Dezernatsleiter) e Rosa Enskat (Monika). Il film è stato girato interamente in Germania, prodotto da Heimatfilm e dura 120 minuti.

Continue Reading

Festival

Oscar 2023: il caso Andrea Riseborough | Candidatura a rischio?

Published

on

Andrea Riseborough in To Leslie (fonte: IMDB)

Andrea Riseborough in To Leslie (fonte: IMDB)

L’Academy ha ufficialmente aperto “una revisione delle procedure della campagna attorno ai candidati agli Oscar di quest’anno, per verificare che nessuna linea guida sia stata violata”. In altre parole? Vogliono capire se la nomination di Andrea Riseborough sia stata o meno ottenuta legalmente. Ecco cosa è successo.

Non c’è edizione degli Oscar senza polemica. Quella di quest’anno è nata attorno alla candidatura, totalmente inaspettata, di Andrea Riseborough per il film To Leslie nella categoria di miglior attrice protagonista.

Un film indipendente, a bassissimo budget, che è riuscito a piazzarsi tra i candidati al premio cinematografico più esclusivo del mondo. Tutto regolare? L’Academy vuole vederci chiaro.

Una scena di To Leslie (fonte: IMDB)

Una scena di To Leslie (fonte: IMDB)

Sebbene l’Academy non abbia menzionato direttamente la Riseborough, una dichiarazione dell’organizzazione ha alluso alla controversa nomination: “L’obiettivo dell’Academy è garantire che il concorso sia condotto in modo equo ed etico, e ci impegniamo a garantire un processo di premiazione inclusivo. Stiamo conducendo una revisione delle procedure della campagna per le nomination di quest’anno, per assicurarci che non siano state violate le linee guida e per informarci se sia necessario modificare le linee guida in una nuova era di social media e comunicazione digitale”.

Alla base delle indagini c’è l’accusa di aver violato alcune delle regole che caratterizzano la campagna di promozione per le candidature: le case cinematografiche e i produttori, infatti, non possono contattare direttamente i votanti dell’Academy per consigliare chi votare e non possono utilizzare i social per parlare di altri candidati allo stesso premio. Alcuni credono che sia esattamente quello che è successo con la candidatura di Andrea Riseborough.

È abbastanza assurdo, se ci pensate. Ogni anno gli studios spendono milioni di dollari per inondare i membri dell’Academy di cesti regalo o per organizzare pranzi regali finalizzati alla sponsorizzazione di questo o quell’altro film. Tuttavia, quando un film indipendente, con pochissimo budget a disposizione per la pubblicità, trova un modo più economico per sponsorizzare il proprio, tutti cominciano a gridare allo scandalo.

Andrea Riseborough “infastidisce” l’Academy

Ad alcuni membri dell’Academy non è andato già il fatto che Andrea Riseborough abbia ottenuto una nomination grazie al passaparola e non con la solita (e costosissima) campagna di lobbying.

Ma un’indagine su questo caso è davvero credibile, considerando che negli anni passati non è stata usata questa stessa energia per approfondire le condotte di altri grandi studios accusati di aver letteralmente “comprato” gli Oscar. Un esempio su tutti? Harvey Weinstein.

Andrea Riseborough in To Leslie (fonte: IMDB)

Andrea Riseborough in To Leslie (fonte: IMDB)

Molte voci si sono levate a sostegno dell’attrice, a partire da Brandon Cronenberg, figlio di David, che l’ha diretta nel suo esordio alla regia, Possessor.

Ma particolarmente aspra è stata la reazione, alla possibilità di una clamorosa marcia indietro da parte dell’Academy, di Christina Ricci, attraverso un post sul suo profilo Instagram.

Sembra esilarante che la ‘nomination a sorpresa’ (il che significa che non sono state spese tonnellate di denaro per posizionare questa attrice) di una performance legittimamente brillante venga accolta con un’indagine” ha scritto l’attrice. Difficile darle torto.

Continue Reading

Festival

Berlinale 2023 | i film più attesi della 73° edizione del festival

Published

on

Una scena del film Ingeborg Bachmann – Journey into the Desert (fonte: Berlinale)

Una scena del film Ingeborg Bachmann – Journey into the Desert (fonte: Berlinale)

Tutto pronto per la 73esima edizione del Festival di Berlino, al via dal 16 al 26 febbraio 2023. Scopriamo insieme quali sono i titoli più attesi del festival tedesco.

Una scaletta molto internazionale e d’essai, con una forte attenzione al cinema a sfondo sociale e politico. È ciò che ci attende nel programma della 73esima edizione del Festival internazionale del cinema di Berlin messo a punto dalla direttrice esecutiva Mariette Rissenbeek e dal direttore artistico Carlo Chatrian.

Una scena del film Infinity Pool (fonte: IMDB)

La 73esima edizione prenderà il via dal 16 al 26 febbraio 2023 e si aprirà con la prima mondiale di She Came to Me di Rebecca Miller, una commedia romantica interpretata da Peter Dinklage, Marisa Tomei, Joanna Kulig, Brian d’Arcy James e Anne Hathaway. Ma quali sono i film più attesi del festival? Scopriamoli insieme.

Infinity Pool

Il nuovo, malatissimo, film di Brandon Cronenberg, figlio del grande autore canadese David, è stato già acclamato dalla stampa americana dopo il debutto degli scorsi giorni al Sundance Film Festival. Il film, con protagonisti Alexander Skarsgård e Mia Goth, sarà presentato in anteprima al pubblico europeo durante il festival di Berlino.

Ingeborg Bachmann – Journey into the Desert

Ingeborg Bachmann è stata una scrittrice radicale che ha vissuto e amato senza compromessi. Il film racconta la vita dell’autrice tra Berlino, Zurigo e Roma, del suo rapporto con Max Frisch, del suo viaggio in Egitto e della scrittura delle sue opere più famose. Ad interpretare l’autrice nel film di Margarethe von Trotta sarà Vicky Krieps, una delle attrici più in voga del momento.

Superpower

Superpower, il nuovo documentario di Sean Penn e Aaron Kaufman sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky e sull’invasione russa dell’Ucraina verrà presentato in anteprima e fuori concorso a Berlino. Penn è stato in Ucraina negli scorsi mesi per le riprese del film e per conversare personalmente con il presidente Zelensky.

Sean Penn con Volodymyr Zelensky (fonte: Ansa)

Sean Penn con Volodymyr Zelensky (fonte: Ansa)

Talk to Me

Un gruppo di giovani amici scopre come evocare i demoni facendo uso di un’antica mano imbalsamata, finché uno di loro si spinge un troppo oltre, aprendo così le porte per il mondo degli spiriti. Si tratta di uno degli horror rivelazione di questa ultima edizione del Sundance Film Festival, subito acquistato per la distribuzione da A24, la casa cinematografica più “cool” nel panorama del cinema dell’orrore.

In water

Hong Sang-soo, maestro del minimalismo narrativo spesso paragonato a Eric Rohmer, è uno dei capostipiti del nuovo cinema coreano, affiancato ad altri grandi nomi del movimento (forse più conosciuti anche in Italia) come Kim Ki-duk, Park Chan-wook e Lee Chang-dong.

Il suo nuovo film, in water, debutterà in anteprima mondiale a Berlino, dove solo lo scorso anno aveva ricevuto il Gran Premio della Giuria. Ogni suo film, nonostante la prolificità dell’autore, è un piccolo-grande evento.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari