“Non gli vado bene”: Flavio Insinna tagliato fuori | Piano B

Flavio Insinna non gli va bene
Flavio Insinna – “Fonte: ANSA Foto” – Newscinema.it

Flavio Insinna lancia bandiera bianca, non va bene com’è lui e quindi lo tagliano fuori. Il conduttore c’è rimasto male, in quanto non è stato capito e magari si è solo spiegato male, chi può dirlo?

Non va bene com’è fatto Flavio Insinna, per questo è stato tagliato fuori. Il conduttore non sa precisamente come uscire da tutta questa situazione, la soluzione era arrivata ma lui non l’ha abbracciata e quindi adesso si trova interdetto.

I suoi fedeli fan ci sono rimasti male tanto quanto lui, in quanto non si aspettavano un trattamento del genere verso il loro beniamino. Poi diciamocelo chiaro e tondo, Insinna può piacere o meno, ma nel suo lavoro ci sa fare. Come finirà questa storia non si sa ancora.

Flavio Insinna, non vai bene!

Flavio Insinna, a distanza di mesi, è tornato sul discorso, Eredità e ha lanciato una piccola, a detta di molti follower, stoccata verso il suo sostituto, Pino Insegno, il quale aveva parlato di meritocrazia, come metro di giudizio, per la scelta del nuovo conduttore. Ovviamente, Flavio un po’ punto dalle sue parole si sarà sentito, è impossibile il contrario in realtà, per questo in maniera sempre molto garbata, l’attore di teatro ha detto:

“L’Eredità è stata una cavalcata fantastica…E con la Rai sento un forte senso di appartenenza…Vado fiero delle cose fatte, c’è sempre da dire grazie alla vita, finché dura ma non ne faccio una malattia. Non sono un cassintegrato della Whirpool. E come insegnava Salce, non esistono geni incompresi ma cretini capiti… I problemi di lavoro seri purtroppo sono ben altri. Dunque, buona vita a noi, alla Eredità e alla Rai!”.

Battuta infelice a parte, in quanto i lavoratori della Whirpool e di tutte le altre aziende nella stessa loro situazione, non avranno gradito il paragone, per il resto, Insinna è stato super diplomatico ma anche super diretto.

Flavio insinna dice no a La 7
Flavio Insinna resta fedele alla Rai – “Fonte: ANSA Foto” – Newscinema.it

Addio piano B?

Flavio Insinna ha inoltre svelato quali sono i suoi piani futuri e per il momento, è parso di capire che non farà niente, nel senso che ha rifiutato la proposta di La 7, perché ama troppo lavorare in Rai, anche se, almeno per il momento è l’emittente statale a non volerlo. Ecco che cosa ha dichiarato in merito Flavio:

“Ringrazio La7 che mi voleva, ma non ho mai amato quei giocatori che, dopo dieci anni in una squadra, vanno a giocare in un’altra e parlano male di quella di prima. Ho un senso di appartenenza alla Rai anche se non ho mai avuto esclusive perché a me basta una stretta di mano… Le cose arrivano se non le insegui. Per ora mi godo il momento…Il cinema? Dico sempre che il teatro lo puoi fare, per la tv fai i provini come io faccio ancora, ma il cinema ti sceglie. Luciano Salce diceva che non esistono geni incompresi, ma solo cretini capiti. Sarebbe sciocco e gretto dire che il cinema non mi ha capito. Mi ha capito ma non gli vado bene. E, se non viene, non me ne faccio una malattia. Con tutto quello che ho avuto e che ho, posso solo ringraziare”.