Connettiti a NewsCinema!

Horror Mania

Top 10: i mostri più spaventosi di Guillermo del Toro

Pubblicato

:

Insightedition.com ha appena pubblicato un nuovo libro dal titolo Guillermo del Toro: At Home With Monsters che prende in considerazione le varie bestie, creature, mutanti e orchi nate dalla mente del famoso regista che oscilla spesso dal fantasy all’horror. L’uscita del libro coincide con l’attuale mostra in un museo delle due collezioni a LACMA (Los Angeles), mentre su Netflix è arrivata la serie tv animata Trollhunters prodotta da Del Toro.

Guillermo del Toro ha sempre detto di sentirsi più a suo agio sul set di un film se è prevista l’apparizione di un mostro, e il libro prende in considerazione non solo i mostri legati alle sue opere, ma anche quelli riguardanti il folklore, la letteratura e la pittura. Questo libro mostra alcune sculture e alcuni dipinti che possiamo trovare in casa del regista, capaci di infiammare l’immaginazione degli appassionati. Quindi eccovi la classifica dei 10 migliori mostri di Guillermo del Toro.

10. Knifehead – Pacific Rim

C’erano così tanti kaiju da scegliere, ma noi abbiamo un debole per Knifehead. Ricorda un incrocio tra i vecchi villain Gamera, Gyaos e Guiron.

9. Sammael – Hellboy

Per essere un costume da mostro, Sammael The Desolate One (conosciuto anche come Signore delle Ombre, Portatore di Pestilenza e Segugio della Resurrezione) ha un look molto particolare. La sua struttura fisica e la capacità di trasformarsi in altre due versioni di sé stesso quando muore, lo rendono un temibile avversario per Hellboy.

8. Elementale della foresta – Hellboy 2

Notevole, non solo per le sue dimensioni, ma anche per le sue particolari capacità. Quando Hellboy decide di ucciderlo,noi lo sentiamo come una sconfitta piuttosto che una vittoria,un colpo di scena inaspettato per quello che doveva essere un normale film di supereroi.

7. Margaret – Crimson Peak

Margaret McDermott la seconda ex moglie di Sir. Thomas Sharpe tornata dalla morte non per terrorizzare Edit Cushing, ma per avvertirla dei modi assassini di Tommy. Il suo viso scavato (realizzato con un complesso make-up) la rende unica negli annali dei film di fantasmi.

6. Behemoth – Hellboy

Questo demone che scoppia fuori dal corpo di Rasputin nel finale del primo Hellboy potrebbe assomigliare il più possibile al Cthullhu dello scrittore H.P Lovercaft.

5. L’Angelo della Morte – Hellboy 2

Con alcune somiglianze con Il Labirinto del Fauno,questo mostro rappresenta un evoluzione nel campo del design delle maschere e Doug Jones è l’attore intrappolato all’interno di uno dei make-up più elaborati di sempre. Il volto incrinato lo rende sicuramente affascinante, ma i bulbi oculari sulle ali da pennuto lo rendono realmente unico.

4. Il Fauno – Il Labirinto del Fauno

Questo personaggio è ricordato come uno dei più rappresentativi della carriera di del Toro, e il film è sicuramente un capolavoro. Anche se questo personaggio è considerato diabolico,in realtà dentro di sé vuole il meglio per Ofelia (Ivana Baquero). Doug Jones incarna perfettamente questa dicotomia,dando vita al famoso personaggio della fiaba.

3. I Reapers – Blade II

In questa pellicola Guillermo del Toro ha voluto prendere un essere molto conosciuto nel mondo del cinema e della letteratura,ovvero il vampiro, e ha voluto dargli una nuova fisionomia e nuove caratteristiche. Questi,infatti, a causa di un virus non patisce le stesse debolezze dei vampiri, tranne l’esposizione alla luce.

2. Santi – La Spina del Diavolo

Personaggio spettrale dal volto pallido di porcellana incrinata all’altezza della tempia,segno indelebile della ferita procuratasi in piscina quando è morto,sicuramente uno dei personaggi più iconici di del Toro.

1. L’uomo pallido – Il Labirinto del Fauno

Questo personaggio inquietante prende vita dalle più profonde oscurità del subconscio di del Toro, ed è un capolavoro,dalla particolare fisionomia della sua pelle,agli occhi che si trovano nelle sue mani…perfetto.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

The Howling, Andy Muschietti dirige il remake del classico horror

Pubblicato

:

the howling

Durante la moderazione di un panel con il cast del prossimo horror Underwater, il regista Andy Muschietti (IT, IT Capitolo Due, Ma ma) ha confermato che collaborerà con Netflix per un adattamento di The Howling (uscito in Italia come L’Ululato).

L’anno scorso durante l’evento ScareDiego di WB al Comic-Con di San Diego, il regista ha rivelato che se avesse avuto la possibilità di rifare un altro film horror sarebbe il classico del 1981 The Howling. Il film originale è stato diretto da Joe Dante e segue una giornalista televisiva che viene inviata in una località remota dopo una terribile esperienza di pre-morte con un serial killer. Tuttavia le cose peggiorano quando scopre che i residenti risultano essere lupi mannari.

Il libro che ha ispirato il film del 1981 che Muschietti adatterà è stato scritto nel 1977 da Gary Brandner. Nel romanzo il personaggio principale, Karyn Beatty, subisce un attacco traumatico e ha un esaurimento nervoso. Per riprendersi, va in una piccola città tra le montagne, solo per scoprire che gli abitanti non sono come sembrano. Il film differiva un po’ dal libro e, sebbene non siano stati ancora confermati i dettagli sulla direzione che Muschietti prenderà con il progetto appena annunciato, è probabile che il regista si attenga soprattutto al materiale originale.

 

Continua a leggere

Cinema

Il regista di Doctor Sleep ha un’idea per il remake di Nightmare

Pubblicato

:

nightmare

Il tanto amato franchise creato da Wes Craven è alla ricerca di nuove idee per un futuro capitolo di Nightmare Mike Flanagan ha colto la palla al balzo. Il regista  del film Doctor Sleep si è mostrato fin da subito interessato alla questione, condividendo sul proprio account Twitter  l’articolo di Bloody Disgusting  con un commento “Fammi partecipare coach, ho un’idea!” .

Da questo apparentemente innocuo commento sono nate tante teorie e cospirazioni sulla direzione che il franchise di Craven prenderà nel futuro. Quasi sicuramente Flanagan non sarà l’unico film-maker che prenderà posto tra troupe. Il primo film uscì nelle sale dei cinema nel 1984 e ancora oggi viene catalogato come uno dei film cult. Nel cast troviamo Robert Englund  che interpretava Krueger, Heather Langenkamp, Amanda Wyss, Nick Corri e  Johnny Depp.

Leggi anche: 15 idee regalo di Natale per i fan del cinema horror

Robert Englund lo troviamo nel cast anche nei film successivi.  Tra i più importanti ricordiamo Nightmare 2 – La rivincita, Nightmare 3 – I guerrieri del sogno, Nightmare 4 – Il non risveglio, Nightmare 5 – Il mito, Nightmare 6 – La fine, Nightmare – Nuovo incubo e Freddy vs. Jason.  Attraverso le ultime dichiarazioni, addirittura Wes Craven avrebbe avrebbe in mente di creare un progetto che prevede una serie televisiva.

 

Continua a leggere

Cinema

The Grudge, il trailer italiano del terrificante horror di Nicolas Pesce

Pubblicato

:

ju on the grudge movie

Reboot che vuole essere un ponte tra l’originale e spaventosissimo Ju-on e l’altrettanto orrorifico The Grudge, è il nuovo film della saga horror che così giunge al quarto capitolo mantenendo il titolo The Grudge. Questa volta alla regia troviamo Nicolas Pesce, mentre il cast è particolarmente ricco con Andrea Riseborough e John Cho, più Elizabeth Folan Gilpin.

Nel cast anche la presenza di una vera icona del cinema horror americano come Lin Shaye: classe 1943, era presente nel primo Nightmare, ma anche in Critters, in Amityville – A New Generation. Più recentemente in film come Tales of HalloweenOuija e poi Ouija – L’origine del male, e tanti altri. Al centro della vicenda, questa volta una madre single e detective della polizia interpretata dalla Riseborough che si trova ad indagare, coinvolta da un agente immobiliare (John Cho) sulle presenze di una casa che sembra abitata da un fantasma in cerca di vendetta. Ma le indagini si ampliano trovando connessioni con diversi fatti di sangue e il mostro sembra poter svincolarsi dai limiti dell’abitazione dove era confinato. Quindi ci sono alcuni passaggi canonici, di “genere”, come la casa dalla foggia antica e dai rumori sinistri, una doccia del protagonista, questa volta maschile, che non può che finire male, e persino un bambino in pericolo e minacciato dall’oscura presenza.

Il film si annuncia più grintoso, più oscuro e più realistico rispetto ai precedenti. Ma quello che probabilmente conta di più è che il nuovo The Grudge mantiene inalterati gli stessi principi alla base della saga, ossia che le morti violente lasciano nei luoghi dove sono avvenute come delle porte, degli spiriti arrabbiati e appunto rancorosi, in cerca di vendetta. Non è da trascurare il fatto che il regista qui sceneggiatore insieme a Jeff Buhler (co-sceneggiatore del recentissimo remake di Pet Sematary) si inserisce sul solco del primo film della saga occidentale, quello del 2004 e in pratica ne vuol rappresentare una sorta di remake e continuo insieme riuscendo però a connettersi con il demone giapponese che terrorizzava in Ju-on.

Dal produttore Sam Raimi, il reboot di un classico dell’horror, il Ju-On: The Grudge di Takashi Shimizu. Diretto da Nicolas Pesce, The Grudge con Andrea Riseborough, Demián Bichir, John Cho, Betty Gilpin con Lin Shaye e Jacki Weaver.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Gennaio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Febbraio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X