Connettiti a NewsCinema!

News

Un Natale al Sud conferenza stampa: “Non è un cinepanettone, è un film di Natale”

Pubblicato

:

A Roma presso la Casa del Cinema a Villa Borghese, si è tenuta la conferenza stampa del nuovo cinepanettone, anche se così non amano definirlo, Un Natale al Sud dal 1 dicembre nei cinema. A presentarlo in sala è giunto tutto il cast, o quasi. Unici assenti il comico Biagio Izzo, la bravissima Debora Villa e la giovane attrice Giulia Penna. Il primo film diretto da Federico Marsicano, racconta la storia di due youtubers, Riccardo Dose e Simone Paciello, che hanno iniziato una relazione virtuale con due bellissime ragazze.

I genitori Peppino e Bianca, rispettivamente Massimo Boldi e Debora Villa per Riccardo e Ambrogio e Celeste, Biagio Izzo con Barbara Tabita, per Simone, vedendo i figli continuare a relazionarsi con le loro fidanzate, rispettivamente Giulia nel ruolo di Giulia Penna e Ludovica nel ruolo di Ludovica Bizzaglia solo con un cellulare, decidono di prendere parte ad una vacanza organizzata dalla chat di incontri Cupido 2.0 e superare il limite tecnologico. I testimonial di questo evento sono Eva, interpretata dalla bellissima Anna Tatangelo e Leo, un sosia perfetto di Gianluca Vacchi, interpretato da Paolo Conticini. In contemporanea, si sviluppa la storia di Enzo Salvi e Loredana De Nardis, entrambi iscritti sulla chat, decidono di prendere parte a questa vacanza, alla ricerca dell’amore. Tra le neo attrici che hanno preso parte al film, anche la “bonas” di Avanti un altro, Paola Caruso e la sua risata inconfondibile, nel ruolo di Andrea, una ballerina di burlesque.

15240215_10211273264976181_1164431942_n

Perchè la gente dovrebbe vedere questo film?

Massimo Boldi: Non è un cinepanettone, perchè esce circa 15 giorni prima. Direi che è un film di Natale. Questi sono film, sempre molto graditi al pubblico e poi questa è una storia nuova, moderna, attuale e con un ottimo cast.

Prima la musica, poi l’esperienza in televisione come conduttrice ed ora sei arrivata al cinema con un abbigliamento un po’ succinto, cosa ne pensi di tutto questo?

Anna Tatangelo: La priorità nella mia vita è la musica, ma questa prima volta su un set cinematografico è stata una bellissima esperienza. Nel film sono svestita perchè quando abbiamo girato era estate, non si va in giro coperti e non c’era nulla di volgare. Mi auguro che questo sia il primo di una lunga serie di film.

Hai preso nuovamente parte ad un film natalizio, come hai fatto a dar vita al personaggio di Leo, così fissato con i social?

Paolo Conticini: Dopo il successo di Matrimonio al Sud, è stato riproposto lo stesso cast con l’aggiunta di alcuni attori, come i ragazzi. Mi sono cimentato in un  uomo di 40 anni che gioca sui social, e mi sono dovuto informare per cercare una chiave di lettura adatta al personaggio e non pensavo di trovare dei quarantenni fissati con i social. Ma poi ho scoperto che ce ne sono tantissimi ed ho deciso di ispirarmi a Gianluca Vacchi, anche se sono una copia molto povera rispetto all’originale. Comunque è stato un piacere lavorare con Anna Tatangelo, e spero di poterlo fare ancora perchè ha le carte in tavola per poter recitare ancora.

Che potete dirci dei vostri personaggi per farli conoscere maggiormente al pubblico?

Barbara Tabita: Celeste è una donna comune del sud, una 40enne che ha a che fare con i social solo perchè il figlio lo fa come lavoro, aiutando i genitori con i soldi che guadagna attraverso i video. Sposata con un fannullone, Biagio Izzo, intraprende una relazione clandestina solo virtuale con un imprenditore per evadere un po’ dalla monotonia.

Federico Marsicano: Ho lavorato con Massimo per trasformarlo, tanto che dopo averlo visto per la prima volta lo abbiamo definito un film “comico-sentimentale”. Abbiamo fatto un grande lavoro con i giovani e il mondo degli youtubers. Dalla prima visione, le risate più grosse sono state per Enzo Salvi, il cui personaggio abbiamo cercato di rinnovarlo.

Enzo Salvi: Questo è il 12° film di Natale al quale partecipo, ormai siamo una famiglia ed abbiamo fatto un bel lavoro. Andare a vedere Un Natale al Sud, è un modo per evadere dalla crisi che affligge il Paese e per far fare una risata agli italiani.

Gianluca Mech: Per me è stato divertentissimo prendere parte al film. Inizialmente è stato strano, ma per un imprenditore è giusto investire nel cinema, per il prodotto e per il pubblico. Investire nel cinema italiano è molto importante, è un modo per non far perdere la sua identità cinematografica. Il cinema per me è una vera passione.

Simone Paciello: Questa è la mia prima esperienza cinematografica ed è stata bellissima. Ci hanno messo in condizione di poter essere noi stessi, dopo il flop di Game Therapy, avvenuto perchè non abbiamo rappresentato chi siamo veramente. Siamo stati in grado di superare tutti gli ostacoli lavorando insieme.

Riccardo Dose: Prima di tutto vorrei dire “grazie” per questa esperienza. Mi ricordo che il primo giorno di set ero agitatissimo ma Massimo è riuscito a tranquillizzarmi, consigliandomi come comportarmi. Spero non sia l’ultima esperienza al cinema, perchè è un modo che mi affascina molto.

Ludovica Bizzaglia: Anche io ero agitata, però siamo stati in grado di raccontare il distacco generazionale tra noi ragazzi e gli adulti con il sorriso e con leggerezza. In questo modo abbiamo abbattuto ogni tipo di barriera imposta da internet.

Paola Caruso: Ringrazio Massimo e Fabio Boldi per avermi dato questa opportunità, per la prima volta al cinema. Quando arrivai sul set mi ricordo che ero davvero agitata e non sapevo cosa fare. Infatti per tranquillizzarmi di più, il primo ciak è stata la scena dello spogliarello. Ottimo!

Bonaria Decorato: Io sono una ragazza molto timida e trovarmi sul set non è stato semplice. Come Paola anche io ho avuto un primo ciak traumatico: il salto sul letto addosso a Biagio Izzo.

15281184_10211273265536195_803779367_n

Da sinistra verso destra: Carlo Rossella, Massimo Boldi, Anna Tatangelo, Paolo Conticini, Paola Caruso, Gianluca Mech, Loredana De Nardis e Bonaria Decorato.

In quarantanni di carriera negli anni, sono cambiati i cinepanettoni? Sono migliorati o peggiorati?

Massimo Boldi: Dai primi cinepanettoni è cambiato tutto. Negli anni ’80 si raccontava un modo di vivere che era pieno di soldi, di lusso. Ora è cambiato, ma in peggio senza però toccare la comicità che, anzi è migliorata notevolmente. I nostri film che in molti definiscono volgari da tutti, abbiamo cercato di modificarli. Ormai sono passati 10 anni da quando ho smesso di lavorare con De Laurentiis e Christian De Sica, ed abbiamo fatto solo matrimoni. Ora facciamo film per i bambini e sono apprezzati da tutta la famiglia. Mi chiedono quando farò un film drammatico, non penso di farlo un’altra volta.

Per te è stata più emozionante la prima volta a Sanremo o il primo ciak sul set?

Anna Tatangelo: Sanremo spaventa, ed è stata l’emozione più grande della mia vita. Avevo 15 anni ed ora sto per compierne 30. Questa esperienza cinematografica ha messo in mostra la mia componente comica, che non viene fuori cantando. Quando sali sul palco, canti la tua canzone per 4 minuti e poi ti fanno 4 domande, 2 delle quali sulla tua vita privata.

Da bambina oltre al canto, sognavi anche di recitare? La scena in lingerie è una citazione della Loren?

Anna Tatangelo: Ho sempre visto Sofia Loren come un’icona di stile e di eleganza. Dopo questa esperienza la guarderò diversamente e vorrei continuare a lavorare in questo mondo. La difficoltà del successo non è farlo ma continuare a mantenerlo. Tornando alla domanda iniziale, non è mai stato il mio sogno, quello di recitare.

La tua famiglia ha visto il film?

Anna Tatangelo: Ho parlato davvero pochissimo del film a casa. Non lo hanno ancora visto, anche perchè ho un ricordo di quando ero piccola di una frase che mia madre mi disse ad uno dei concorsi ai quali partecipavo. Vedendo i miei genitori non applaudirmi mai, una volta le chiesi il perchè. La sua risposta fu semplice:” se ti faccio l’applauso io è scontato, sono tua mamma, l’unico che conta è quello che ti fa la gente che non ti conosce”.

Per Massimo ed Anna, quanto conta per voi internet?

Massimo Boldi: Ah, io smanetto con il cellulare e faccio solo casini.

Anna Tatangelo: Massimo risponde a tutti su Twitter. Io uso i social più famosi e trovo che siano degli ottimi mezzi di comunicazione, soprattutto per dire cose importanti come messaggi contro l’anoressia e la violenza sulle donne collaborando con Michelle Hunziker. Comunque ci sarà sempre qualcuno che avrà da ridire.

Sono volute le citazioni della sedia a rotelle è ispirata a quella de I Mostri, e lo spogliarello di Paola a quello del film 9 settimane e 1/2?

Federico Marsicano: La scena dello spogliarello è stata copiata volutamente, identica all’originale. Mentre la scena della sedia a rotelle, è stata puramente un caso.

Abbiamo visto dei ragazzi molto timidi ed impacciati nel relazionarsi con le proprie ragazze, ma voi youtubers nella vita reale siete davvero così?

Simone Paciello: Io per colpa della mia timidezza ne ho fatte di figuracce. Il web è una corazza che ti da agio di conoscere altre persone. Se fossi nato 40 anni fa, sarei morto vergine. Il web mi ha aiutato molto a relazionarmi con le ragazze. Però, in particolar modo per le ragazze, fate molta attenzione a chi incontrate. A me è capitato di parlare con una ragazza che pensavo avesse 15 anni, ma in realtà poi ho scoperto che si trattava di un 40enne.

I giovani vi hanno aiutato con il mondo dei social?

Paolo Conticini: Personalmente mi hanno rimbambito, a cercare di capire come funzionasse questo mondo social.

Ludovica Bizzaglia: Però è pur vero che una volta ci ha chiamato alle 2 di notte per capire come pubblicare i video sul proprio account. Per questo motivo, durante le riprese abbiamo deciso di lanciare un hashtag durante le riprese, #TeamConticini, su Instagram, il quale lo ha aiutato a far crescere i suoi followers.

 

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Tenet | Il nuovissimo trailer del film di Christopher Nolan

Pubblicato

:

tenet

Man mano che ci avviciniamo alla data prevista per l’uscita del film a luglio 2020, i fan stanno ancora cercando nuovi dettagli sul misterioso thriller d’azione di Christopher Nolan, Tenet, e ora Warner Bros. ha reso noto un nuovo trailer ce potete vedere nel player qui sopra.

Tenet | Il nuovo attesissimo trailer è arrivato

Tenet è un thriller internazionale di spionaggio girato in sette paesi. John David Washington (BlacKkKlansman) recita, con un cast di supporto che include Robert Pattinson (Good Time), Elizabeth Debicki (Widows), Dimple Kapadia (Fugly), Aaron Taylor-Johnson (Avengers: Age of Ultron), Michael Caine (The Dark Knight Rises) e Kenneth Branagh (Dunkerque).

Il film è scritto da Nolan e utilizzerà una miscela di film IMAX e 70mm, che è qualcosa per cui è diventato famoso.

Tenet | Il nuovo film di Christopher Nolan

Il regista ha avuto un impatto nel 2001 con il suo film indipendente Memento. Il suo prossimo film, Insomnia, fu anche un successo modesto, ma non è stato fino a quando Batman Begins è uscito nei cinema nel 2005 che Nolan è diventato una forza al botteghino a pieno titolo. The Prestige è stato l’ultimo film di Nolan a incassare meno di $ 200 milioni in tutto il mondo. Altri suoi film includono The Dark Knight, The Dark Knight Rises, Inception, Interstellar e Dunkirk.

Nolan sta producendo Tenet insieme alla sua compagna Emma Thomas ed è attualmente in programma per un rilascio del 17 luglio.

Continua a leggere

Cinema

Il Diavolo veste Prada | 5 curiosità sul film romantic glamour

Pubblicato

:

il diavolo veste prada

Un moderno classico di inizio millennio, capace col suo animo glamour di attirarsi le attenzioni del grande pubblico, che lo ha premiato in massa garantendo un incasso worldwide superiore ai 300 milioni di dollari. Il diavolo veste Prada, adattamento dell’omonimo best-seller di Lauren Weisberger, ha accompagnato lo spettatore nel mondo della moda e nelle dinamiche in esso precostituite, con un taglio da commedia frizzante e un copioso numero di guest-star tra cui il celebre stilista Valentino.

In una trasposizione dominata dall’istrionismo di Meryl Streep e dalla genuina spontaneità della frizzante Anne Hathaway, sono diverse le curiosità che ne hanno caratterizzato la genesi e la relativa produzione: scopriamone alcune insieme.

Il Diavolo veste Prada | Dalla realtà alla finzione

meryl streep

Meryl Streep

L’odioso, ma non poi così tanto, personaggio di Miranda Priestly interpretato dalla Streep – che risulta una sorta di villain/spauracchio del racconto – si basa su una figura reale, ossia la direttrice della popolare rivista Vogue Anna Wintour. La scrittrice del romanzo, Lauren Weisberger, ha infatti lavorato a inizio carriera come sua assistente e ha preso spunto dall’esperienza personale nella stesura del libro. La Wintour non l’avrebbe presa proprio benissimo e secondo alcune voci ha minacciato diversi fashion designer affinché non apparissero in forma di cameo nel film, pena il ban dal magazine di sua proprietà. La diretta interessata ha negato le accuse ma sia Vogue che altri giornali “vicini” non hanno parlato né del romanzo sulle loro pagine.

Leggi anche: 10 donne toste e determinate al cinema

Il Diavolo veste Prada | Questione di tempistiche

La sceneggiatura originale era stata messa in cantiere prima che il romanzo fosse pubblicato, con ben quattro autori a cimentarsi gomito a gomito nell’ideazione dello script: inizialmente la storia aveva un carattere dal taglio più demenziale e pop, sulla scia di quanto aveva fatto Ben Stiller solo qualche anno prima con il cult Zoolander (2001). Difficile immaginare a cosa saremmo andati incontro – probabilmente non saremmo oggi qui a parlarne – fatto sta che in seguito al grande successo dell’opera cartacea i produttori hanno optato per un netto cambio di rotta e trasformato la storia in un’epopea personale alla ricerca dell’eccellenza professionale e sull’antitetico rapporto tra carriera e vita privata.

Leggi anche: I 70 anni di Meryl Streep, l’attrice che è stata tutto ciò che poteva essere

Il Diavolo veste Prada | Amore e odio

anne hathaway

Anne Hathaway

Spesso si sa i rapporti sul set tra gli attori sono dominati anche dalle logiche interpersonali coinvolgenti i loro personaggi: non sono poche le star che durante le riprese sono diventate un tutt’uno con il loro alter-ego: basti pensare alla metamorfosi totale di Jim Carrey per Man on the moon (1999) vista nel documentario Jim & Andy: The Great Beyond (2017). E anche in quest’occasione Meryl Streep deve aver seguito una simile logica. Il primo giorno la celebrata attrice si è complimentata con Anne HathawayCredo tu sia perfetta per il ruolo, sono felicissima di lavorare con te. Ma questa è l’ultima cosa carina che ti dirò“. E così è stato.

Il Diavolo veste Prada | Un vestiario da sogno

Lo stile era fondamentale per un film ambientato nel mondo della moda e serviva perciò un budget copioso per l’acquisto dei vestiti. La costumista Patricia Field aveva però a disposizione “solo” 100mila dollari, troppo poco per le ambizioni della produzione, e ha optato così per il noleggio degli abiti. Grazie a questo escamotage, il valore dei vestiti presenti nel corso dei cento minuti di visione raggiunge la più ragguardevole cifra di un milione. Perché a volte, anche ad Hollywood, bisogna fare di necessità virtù…

Il Diavolo veste Prada | Scelte di casting

Come al solito con un film di grande successo ed entrato nel cuore del grande pubblico è difficile immaginarsi personaggi amati con altre sembianze rispetto agli interpreti effettivamente scelti. Ma anche in quest’occasione sia i panni di Miranda e Andy avrebbero potuto essere indossati da attrici diverse: per la prima si erano vociferati i nomi di Kim Basinger ed Helen Mirren mentre per la seconda era in lizza la bella Rachel McAdams. Sappiamo tutti com’è poi andata a finire…

Continua a leggere

Cinema

Hercules | 5 cose che non dovrebbero mancare nel live action

Pubblicato

:

hercules

Non è un segreto che le trasposizioni live-action dei film animati Disney raggiungano un pubblico molto vasto, grazie a titoli provenienti dal periodo di rinascita dello studio d’animazione, che continuano a riscuotere un grande successo presso i fan. Solo nel 2019, sia Il Re Leone che Aladdin si sono classificati tra i 10 migliori incassi dell’anno, mentre il Mulan di Niki Caro è una delle uscite più attese per la prossima estate. È ormai chiaro che sarà Hercules il prossimo classico a ricevere questo trattamento (Per acquistare il dvd del classico d’animazione clicca qui).

Hercules | Remake, work in progress

Ciò che contraddistingue il film d’animazione del 1997 è che, nonostante non goda della stessa considerazione in cui sono tenuti altri titoli del periodo della rinascita Disney, è nondimeno un cartone fortemente nostalgico per la generazione che è cresciuta con esso.

L’annuncio è che saranno Joe e Anthony Russo, reduci dal successo di Avengers: Endgame, a produrre il live-action mentre David Callaham (Zombieland – Doppio colpo, Wonder Woman 1984, Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings) si sta occupando della sceneggiatura. Anthony Russo ci racconta come stanno affrontando il remake: “Dal nostro punto di vista di narratori, fare una traduzione letterale del film di partenza non risulterebbe convincente. Ci siamo già comportati in questo modo con i nostri film Marvel. Non facciamo traduzioni letterali dei fumetti perché pensiamo che chi desideri quella storia esatta può leggerla alla fonte. Quello che facciamo noi è offrire una storia differente. Credo che creeremo qualcosa che è nelle corde dell’originale e ispirato ad esso, ma portando sul banco di lavoro anche nuovi elementi”.

Ok, quindi Hercules non sarà il remake letterale del cartone animato originale, e questo rappresenta di certo un risvolto stimolante per la produzione. Tuttavia ci sono alcuni aspetti del classico del 1997 che il progetto Disney in fase di sviluppo dovrebbe assolutamente includere.

Leggi anche: Aladdin 2, Cinque domande sul sequel live-action

Hercules | Un live-action in forma di musical

themuses

Insieme alle loro prime dichiarazioni in merito all’approccio del remake, i Russo hanno espresso qualche perplessità in merito al ruolo che la musica potrebbe giocare nella versione live-action. Per ora i produttori si sono limitati a confermare che avrà uno spazio importante nel film, resta il fatto che quando il pubblico va al cinema a vedere Hercules desidera ritrovare sul grande schermo i numeri musicali a cui è affezionato. “Posso farcela”, “Ti vada o no”, le esibizioni delle Muse, questi sono gli elementi di vivacità che distinguono l’Hercules Disney dalle altre trasposizioni che non hanno avuto la stessa fortuna presso il pubblico, comprese quelle con protagonisti Dwayne Johnson e Kellan Lutz, decisamente dimenticabili.

Leggi anche: la recensione di Hercules – La leggenda ha inizio

Hercules | Un Monte Olimpo vibrante di colori

650e3dbab759e99987d895f58253184f

Oltre alla necessità di mantenere la centralità dell’elemento musicale, il live-action di Hercules dovrebbe modellare la sua estetica visiva sull’originale. I film recenti sulla mitologia greca hanno optato per un design dai colori più cupi e realistici, Disney dovrebbe invece affidarsi ad una tavolozza più ampia e vibrante. Un elemento particolarmente riuscito del film originale è la scelta di dipingere con toni brillanti e variopinti la vita di Zeus sul Monte Olimpo, in netto contrasto con l’Oltretomba di Ade e la città di Tebe. Un immaginario di questo tipo definirebbe univocamente i mondi di Hercules, senza tralasciare il fatto che questa rappresentazione paradisiaca del Monte Olimpo sul grande schermo sarebbe semplicemente mozzafiato.

Hercules | Rivogliamo il Filottete di Danny DeVito

Non appena il live-action è stato annunciato, i fan si sono precipitati di gran fretta sui social per dichiarare il loro amore per Filottete (meglio conosciuto come Fil) e per la sua voce originale, che appartiene a Danny DeVito. Il pubblico chiaramente percepisce una sorta di appartenenza tra il personaggio e il suo interprete, simile a quella che lega Robin Williams al Genio di Aladdin.

Per la trasposizione di quest’ultimo ci si è affidati all’estro versatile di Will Smith, ma Danny DeVito potrebbe senza ombra di dubbio essere la scelta immediata per l’Hercules in arrivo. Ancora impegnato come regular nella serie tv C’è sempre il sole a Philadelphia, DeVito potrebbe riprendere il suo ruolo e catturare lo spirito originale del personaggio, una figura fondamentale del film d’animazione da esplorare e sviluppare nel live-action.

Leggi anche: Dumbo, tutto quello che c’è da sapere sul film di Tim Burton

Hercules | Il ruolo di Megara

hercules ariana vorrebbe interpretare meg live action disney v4 440137 1280x720 1

Nell’universo Disney la creazione di Megara ha rappresentato una sfida e un elemento di profonda innovazione verso l’introduzione di personaggi femminili più complessi rispetto alle Principesse tradizionali. L’unicità di Megara è strettamente connessa all’atteggiamento cinico (impensabile fino ad allora per un carattere femminile) del suo personaggio: vittima di una scottante delusione in amore, è costretta a stringere un patto con Ade per fuggire da una brutta situazione. Verrà redenta dal sentimento che sboccia per Hercules, che la porta a credere di nuovo nell’amore e a fidarsi ancora del prossimo. Una bella parabola per una protagonista femminile Disney, che dovrebbe essere mantenuta e indagata più a fondo nel live-action.

Leggi anche: Disney+, cinque live-action da rivedere

Hercules | Ancora più mito

Rivedendo Hercules si ha la sensazione che il film d’animazione originale affronti svariati elementi legati all’epica classica in modo piuttosto veloce, per far sì che la durata si mantenga entro l’ora e mezzo. Nel corso del film lo spettatore incontra solo brevemente gli dei che vivono sul Monte Olimpo e si avvicina in modo fugace alla cultura dell’Antica Grecia. Il viaggio nell’intrigante Oltretomba dura solo pochi minuti e anche il momento dello scontro del protagonista con i Titani ha un tempo limitato sullo schermo. L’aspetto vincente di questo progetto live-action potrebbe consistere nella creazione di un’epica in tre atti, non solo densa d’azione, ma infusa di mitologia greca, che il pubblico potrebbe esplorare proprio mentre Hercules apprende delle sue radici divine.

Nel complesso, è particolarmente entusiasmante la scelta di Disney di portare in live-action un classico d’animazione come Hercules, capace di disegnare un immaginario a cui tanti spettatori sono profondamente legati, e che consente molteplici connessioni e possibilità di esplorazione. E già si parla dei remake di Robin Hood e Lilo & Stitch, in progetto per Disney+.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Maggio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Giugno

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X