Connettiti a NewsCinema!

News

Zachary Quinto ricorda Leonard Nimoy: “Era come un padre per me!”

Pubblicato

:

star-compressed

Ho incontrato Leonard Nimoy nel 2007 in occasione della conferenza stampa al Comic-Con di San Diego, dove è stato annunciato che avrei preso il ruolo di Spock. Ero davvero entusiasta di incontrarlo e non avrei mai immaginato che i nostri incontri per parlare sul personaggio sarebbe evoluti in una profonda amicizia” ha raccontato Zachary Quinto alla rivista The Guardian, riflettendo sulla recente scomparsa del celebre interprete di Star Trek.

zachary-quinto-leonard-nimoy-was-like-a-father-to-meIn un certo senso era grato di poter condividere questo personaggio con qualcun altro, perché era qualcosa che aveva sperimentato singolarmente per tanti anni. Non ho mai sentito che stava cercando di istruirmi. Lui era lì solo per rispondere a qualsiasi domanda avessi avuto. Era molto favorevole alla mia presenza per interpretare il nuovo Spock. Ma alla fine il nostro rapporto aveva ben poco a che fare con Spock. E’ stato un trampolino di lancio per arrivare a conoscersi a un livello molto più profondo” – ha continuato il giovane attore – “La prima cosa di cui ho davvero preso atto è il suo senso dell’umorismo. Lo ha usato per disarmare le persone. Coloro che avevano certe aspettative sono stati spesso sorpresi da quanto fosse divertente. Era un uomo saggio, ma non ha mai preso nulla troppo sul serio, pur essendo un uomo molto serio“. “Era in grado di trovare un equilibrio nei rapporti con le persone, soprattutto i fan, che ho davvero ammirato. Ha ispirato e influenzato un’ intera generazione a causa di questo ruolo. E’ stato in grado di far sentire i fans davvero collegati con lui. Eppure ha coltivato anche una sorta di distanza che lo preservava. Leonard ha vissuto la sua vita in modo così bello e con tanta grazia. Era una persona molto onorevole, e la sua vita rifletteva questo. Ho perso mio padre in tenera età, e Leonard è venuto ad occupare uno spazio nella mia vita come una figura paterna. Ho avuto questa persona che ho potuto guardare con tale rispetto“. Molti ricorderanno il cameo di Nimoy nel recente film di Star Trek, di cui vi proponiamo la clip di seguito.


Guardo la vita ha vissuto e aspiro a quel livello di adempimento. Anche il modo in cui è morto è stato con tanta dignità e amore, con la famiglia al suo fianco. E’ stato incredibilmente triste per me perderlo, ma il mio dolore è compensato dalla gratitudine per averlo avuto nella mia vita. Sono una persona migliore per questo. Quando ho annunciato pubblicamente di essere gay, l’abbraccio di Leonard è stato incondizionato. Abbiamo parlato di spesso in quel periodo della mia vita e dopo. Era favorevole e incoraggiante. Ha incontrato il mio ragazzo, e abbiamo cenato insieme. Quello che ho ammirato di più era che ha vissuto la sua vita pienamente, per tutto il tempo. Anche quando la malattia polmonare ostruttiva cronica lo ha rallentato, non ha mai lasciato che quelle restrizioni riducessero la sua capacità di divertirsi” ha raccontato Zachary Quinto, ricordando poi i tristi momenti quando ha saputo della scomparsa dell’attore.

Quando ho ricevuto la brutta notizia ero a Monaco per le prove di un film. Ho twittato che il mio cuore era spezzato citando Amleto: “Possano i voli degli angeli cantare a te al tuo riposo.” Poi sono salito su un aereo e sono tornato a Los Angeles per il suo funerale. Sono così grato di aver potuto partecipare e di essere lì con la sua famiglia. Mi manca terribilmente, ma volevo festeggiare il fatto di averlo potuto conoscere“.

Fonte: TheGuardian

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Austin Butler sarà Elvis Presley nel film diretto da Baz Luhrmann

Pubblicato

:

austin butler

Warner Bros. Pictures ha annunciato che, dopo una lunga ricerca, Baz Luhrmann ha scelto Austin Butler per interpretare Elvis Aaron Presley nel suo imminente lungometraggio sulla vita della leggenda.

Toby Emmerich, Presidente di Warner Bros. Pictures Group ne ha dato la notizia. Nel film, il regista candidato all’Oscar Luhrmann (“Il grande Gatsby”, “Moulin Rouge!”) esplorerà la vita e la musica di Presley, attraverso la lente del suo enigmatico manager, Colonnello Tom Parker, interpretato dal due volte  premio Oscar Tom Hanks (“Forrest Gump”, “Philadelphia”). La storia approfondirà la loro complessa relazione di oltre 20 anni, dall’ascesa alla fama di Presley fino alla sua celebrità senza precedenti, sullo sfondo di un panorama culturale in evoluzione e della perdita di innocenza in America.

Luhrmann ha dichiarato: “Non potevo realizzare questo film senza il giusto cast, e abbiamo cercato a lungo un attore con la capacità di evocare il singolare movimento naturale e le qualità vocali di questa impareggiabile star, ma anche la vulnerabilità interiore dell’artista. Durante tutto il processo di casting, ho avuto l’ onore di incontrare una vasta gamma di talenti. Avevo sentito parlare di Austin Butler, del suo ruolo di spicco al fianco di Denzel Washington in The Iceman Cometh a Broadway, e in seguito a vari test sullo schermo e laboratori di musica e performance, sapevo inequivocabilmente di aver trovato un artista che potesse incarnare lo spirito di una delle figure musicali più iconiche al mondo”.

Butler ha debuttato a Broadway nel 2018 con Washington in The Iceman Cometh di Eugene O’Neill, per la regia di George C. Wolfe, e ha ricevuto ottime critiche per il suo ritratto del “ragazzo perduto” Don Parritt. A breve apparirà al fianco di Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie in C’era una volta a Hollywood di Quentin Tarantino. Butler, che ha anche molti crediti televisivi, è attualmente nei cinema insieme a Bill Murray e Adam Driver in I morti non muoiono di Jim Jarmusch.

Luhrmann dirigerà il film da una sceneggiatura scritta da lui stesso e Craig Pearce. La produzione è sempre di Luhrmann insieme alla pluri-vincitrice dell’Oscar Catherine Martin (“Il grande Gatsby”, “Moulin Rouge!”) – che ricoprirà anche il ruolo di scenografa e costumista del film – Gail Berman, Patrick McCormick e Schuyler Weiss. Andrew Mittman sarà il produttore esecutivo.

Le riprese principali inizieranno all’inizio del prossimo anno nel Queensland, in Australia, con il sostegno del governo del Queensland, Screen Queensland, e del programma Australian Government’s Producer Offset. Il film sarà distribuito in tutto il mondo da Warner Bros. Pictures.

Continua a leggere

Cinema

Chiara Ferragni si unisce allo show Making the Cut targato Amazon Original

Pubblicato

:

ferr

La celebre imprenditrice del mondo digital Chiara Ferragni, imprenditrice, designer e star della moda, si unirà ai famosi giudici della nuova competizione di moda, presentata e prodotta da Heidi Klum e Tim Gunn, che arriverà in esclusiva su Amazon Prime Video nel 2020.
Amazon Prime Video annuncia che la nota imprenditrice, star del mondo della moda e influencer Chiara Ferragni si è unita alla nuova competizione di moda Making the Cut, come nuovo elemento del panel di giudici. L’annuncio viene fatto in concomitanza con le riprese a Tokyo di questa appassionante sfida, presentata da Heidi Klum e Tim Gunn, che toccherà alcuni dei luoghi più iconici della moda nel mondo.

Making the Cut sará disponibile in esclusiva su Amazon Prime Video nel 2020 in più di 200 paesi. Chiara Ferragni si inserisce così nella squadra dei giudici e ospiti già precedentemente annunciata tra cui si annoverano: la top model Naomi Campbell, l’icona di stile Nicole Richie, la ex Editor-in-Chief di Vogue Paris Carine Roitfeld, e lo stilista Joseph Altuzarra.

Making The Cut vede in gara 12 talentuosi imprenditori e designer del mondo della moda, provenienti da tutto il mondo, per portare i loro promettenti brand allo step successivo: diventare un fenomeno globale. I look che verranno mostrati durante Making the Cut saranno acquistabili su Amazon e il vincitore della competizione riceverà un milione di dollari da investire nel proprio marchio. Chiara Ferragni è conosciuta per il suo blog, The Blonde Salad, è la fondatrice e CEO della talent agency TBS Crew Srl e del marchio di ready-to-wear venduto in tutto il mondo Chiara Ferragni Collection. Cover model di successo, è comparsa in oltre 100 riviste internazionali di moda e Forbes l’ha incoronata influencer #1 del mondo della moda.

Making the Cut annovera come produttori esecutivi Sara Rea, Page Feldman, Heidi Klum, Tim Gunn, e Jennifer Love Ed è prodotta da SKR Productions.

Continua a leggere

News

L’Italia e il suo commissario Montalbano dicono “addio” allo scrittore Andrea Camilleri

Pubblicato

:

andrea camilleri morto

È un triste giorno per il mondo della letteratura italiana. All’età di 93 anni si è spento all’ospedale Santo Spirito in Roma, lo scrittore, sceneggiatore, regista, insegnante di italiano e drammaturgo Andrea Camilleri. Celebre non solo per i suoi numerosi romanzi di successo, tra i suoi fiori all’occhiello vanno citati i racconti incentrati sul personaggio del Commissario Montalbano, reso ancor più celebre nella fiction Rai da Luca Zingaretti.

Da tempo malato, le condizioni di salute dello scrittore siciliano si erano aggravate nell’ultimo mese a seguito di una caduta che gli procurò la rottura del femore. Leggendo le varie testimonianze di amici e colleghi che hanno avuto l’onore di condividere parte della vita di Camilleri, lo ricordano sempre con una sigaretta in bocca, vizio che non lo ha particolarmente aiutato in ambito salutare.

Andrea Camilleri è stato – e continuerà ad essere – uno di quei pochi scrittori in grado di avvicinare alla lettura soprattutto i giovani, ormai assuefatti dagli smartphone. La sua carriera nata a metà degli anni ’40 lo vede cimentarsi nella scrittura di romanzi ambientati nella sua amata ma affaticata Sicilia. Insieme alla carriera di scrittore, inizia a lavorare come regista teatrale tanto da venir accettato come unico allievo di regia all’Accademia Nazionale d’arte drammatica. Tra i suoi maggiori riconoscimenti, va senza dubbio citato il primato di aver portato Samuel Beckett in Italia con lo spettacolo Finale di partita al Teatro dei Satiri a Roma (1958). Dopo esser entrato tra le braccia di “mamma Rai”, diventa professore al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma e successivamente docente di regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica a Roma. Dal 1959 sono diverse le produzioni Rai alle quali prende parte, come Le inchieste del commissario Maigret interpretato da Gino Cervi.

zingaretti

Il post su Instagram di Luca Zingaretti dedicato ad Andrea Camilleri

Dopo aver dedicato buona parte della sua vita alla scrittura, con storie ambientate nella splendida ma inventata Vigata (sempre in Sicilia), nel 1994 scrive il primo romanzo poliziesco La forma dell’acqua, dando vita al personaggio del commissario Montalbano. Il successo di questa collana di libri viene accentuata grazie all’omonima fiction Rai interpretata da Luca Zingaretti. Nel corso degli anni 2000 si trova a collaborare con attori, registi e musicisti italiani quali Daniele Silvestri che lo coinvolge nel brano Lo scotch dove racconta una storia accaduta in un treno.

Il momento più difficile per lo scrittore siciliano ci fu nel 2016 a causa della cecità. Giunto alla stesura del suo centesimo libro dal titolo L’altro capo del film, si trovò costretto a dettare il testo alla sua assistente Valentina Alferj, nota per saper scrivere in “viagtese”, come dice lui.

Nel 2006 Camilleri affidò all’editore Sellerio il finale della storia di Montalbano, a patto che venisse pubblicato solo dopo la sua morte. Diciamo la verità, che non avremmo mai voluto sapere la fine di questo racconto vista la clausola voluta proprio dallo scrittore.

Dover dire addio ad un grande uomo di cultura come era Andrea Camilleri, sebbene abbia lasciato questa chicca da svelare solo dopo la sua dipartita, lascia l’amaro in bocca, per un uomo che nella vita non si è mai arreso ed è sempre andato avanti a testa alta. I funerali si terranno in forma privata e non sarà prevista alcuna camera ardente aperta al pubblico, per salutare questo grande uomo di cultura e di vita.

Maestro che la terra ti sia lieve.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Luglio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X