A quindici giorni dalla release di Ghost in the Shell, abbiamo visto dodici minuti del film tratto dal manga di Masamune Shirow.

Diretto da Rupert Sanders e interpretato da Scarlett Johansson, Juliette Binoche, Michael Pitt e Takeshi Kitano, Ghost in the Shell racconta la storia di Major (Scarlett Johansson), l’agente della Sezione Nove trasformata dalla distopica società del XXI secolo in un cyborg.

Dotata di un cervello umano e di un corpo robotico, Major affronta una minaccia che trascende la sua reale identità

ghost in the shell

Scarlett Johansson è un’eroina dotata di un corpo robotico

La genesi di Major

Durante la presentazione stampa abbiamo assistito a tre sequenze della pellicola di Sanders. Nella prima il progetto 2571 viene avviato. Un momento topico che ridefinisce su pellicola la genesi dell’eroina di Masamune Shirow.

Dallo scheletro robotico al corpo sinuoso di Major, Ghost in the Shell riporta in vita l’agente della sezione nove in un trionfo di membrane e liquidi amniotici. Un corpo di latte che implode e sfiorisce per lasciare emergere la straordinaria Amazzone incarnata da Scarlett Johansson.

Accompagnato dalle musiche elettroniche di Clint Mansell, il prologo di Ghost in the Shell introduce le sensuali atmosfere della pellicola.

ghost in the shell

Major indaga sul suo passato in Ghost in the Shell

Chi è Major?

Nella seconda sequenza Major si risveglia dopo l’operazione che l’ha trasformata in uno shell sintetico. Una voce la invita a respirare. È Ouelet, la scienziata interpretata dal premio Oscar Juliette Binoche, che rivela perché ha deciso di operarla dopo un terribile incidente.

È sopravvissuto solo il cervello”, afferma Ouelet. Ma se per alcuni Major è la prima del suo genere, per altri è un’arma. Qual’è la verità?

Eroica e indistruttibile, Major è la nuova eroina del cinema di genere

Major in azione

Nella terza e ultima sequenza, Major dimostra le sue capacità di organismo robotico. In una cornice futuristica che traspone il respiro distopico dell’anime, l’agente entra in azione per fermare dei robot armati di mitragliatrici. Protetta da uno scudo invisibile, Major si lancia nel vuoto in un tripudio di slow motion. La sua entrata a effetto, anticipata nel trailer ufficiale, eleva Scarlett Johansson tra le eroine della settima arte. Un ruolo che, dopo il successo della Vedova Nera di The Avengers e Lucy di Luc Besson, la consacra la nuova action girl del cinema contemporaneo.

Dalle prime immagini c’è di tutto in Ghost in the Shell. Uno sci-fi che, rispettando lo spirito di Shirow, strizza l’occhio a Total Recall – Atto di forza, Matrix e Metropolis.

Rupert Sanders, l’autore del discreto ma non esaltante Biancaneve e il cacciatore, ha colto lo spirito adrenalinico e conturbante dell’anime. Dalle geishe robotiche al look stravagante di Takeshi Kitano, Ghost in the Shell è un trip mentale. Un trionfo di immagini patinate e guizzi pop che si prepara ad avviare un franchise di successo.

L’unica speranza è di ritrovare nei successivi centodieci minuti di Ghost in the Shell il coraggio di questo footage. Un assaggio di uno sci-fi che ha le carte in regola per rivoluzionare il cinema di genere.

Ghost in the Shell verrà distribuito dalla Universal Pictures nei cinema italiani il 30 marzo 2017.

Ghost in the Shell Trailer