Il pubblico amante dell’iconico franchise è rimasto molto impressionato dall’aspetto della rivisitazione della storia avvenuta per opera di Rupert SandersGhost in the Shell è uscito in Giappone pochi giorni fa, e la versione di Hollywood sta riscuotendo molti più consensi nella terra del manga originale e anime di quanto abbia fatto negli Stati Uniti. Nel frattempo una nuova aggiunta al franchise giapponese è stata annunciata il giorno stesso.

Rupert Sanders in merito all’ immagine iconica del franchise manga / anime sta ricevendo diversi elogi da parte del pubblico giapponese per il suo aspetto, ma meno complimenti per la narrazione. Il film attualmente ha una valutazione di 3,5 stelle su Yahoo Japan Film, con quattro stelle per la sua grafica e tre per la sua storia.

Questo riflette la visione di Tomoki Hirano, un grande fan del manga originale e anime, che aveva appena visto la versione hollywoodiana presso il complesso Toho Cinema a Shinjuku, al centro di Tokyo. “Sembrava davvero cool e mi è piaciuto molto. Non hanno solo cercato di copiare l’originale, ma si sono avvicinati alla storia originale, creando un approccio migliore” ha detto a The Hollywood Reporter.

“Essendo una produzione di Hollywood, avrebbero potuto usare un budget di tutte le dimensioni possibile per creare delle immagini di quella qualità” ha aggiunto Hirano.

La maggior parte dei film giapponesi più importanti non costano un decimo dei budget di $ 110 milioni rispetto alle produzioni della DreamWorks e Paramount. Hirano, come la maggior parte fan giapponesi, non aveva alcun problema con il casting di Scarlett Johansson“Lei è perfetta. Iniziai ad amarla in The Avengers, e per questo ho voluto lei per questo ruolo” ha detto Hirano“Se avessero fatto una versione live-action giapponese, avrebbero probabilmente gettato uno stupido idolo [magari una componente di una girl band].”

Tuttavia è rimasto meno colpito dal fallimento dell’immagine utile per affrontare le complesse questioni di identità nel manga e anime. “Questa è stata la base della storia originale – dove risiede l’anima? Ha influenzato un film come The Matrix, ma non ha ottenuto ulteriore riscontro in questo film” ha detto Hirano.

Yuki, un giovane impiegato che ha visto il film nello stesso cinema, ha trovato più stile che sostanza: “Sembra incredibile. Penso che sia stata la qualità visiva migliore che avrebbero potuto fare in una versione live-action” ha detto.” La storia è però un po’ superficiale, perchè non ha approfondito i temi dell’ anime. È una versione hollywoodiana ed è quello che ci si aspetta”.

Yuki ha detto che non aveva letto il manga originale, ma comunque ha affermato che la Johansson è stata “probabilmente la scelta migliore” per interpretare il personaggio principale. “Ho sentito persone negli Stati Uniti che hanno voluto un’attrice asiatica per ricoprire il suo ruolo” ha detto. “Volete sapere se una protagonista asiatico – americana fosse stata la scelta giusta? Onestamente sarebbe stata quella peggiore, qualcuno di un altro paese asiatico che finge di essere giapponese.”