Connettiti a NewsCinema!

CineComics

The Avengers, 10 cose che potresti non sapere sul team Marvel

Pubblicato

:

C’è da attendere ancora un anno prima dell’arrivo sul grande schermo del terzo capitolo cinematografico dedicato agli Avengers. Il film intitolato Infinity War – primo capitolo di una doppia avventura per gli eroi Marvel – sarà distribuito solo nel 2018. Se al cinema i personaggi nati dalla penna di Stan Lee sono un vero fenomeno di costume, l’universo dei fumetti continua a vivere di vita propria. È passato molto tempo dal 10 settembre del 1963, quando è stato realizzato il primo albo dedicato ai Vendicatori.

Il numero che riuniva sotto lo stesso tetto Iron Man, Thor, Hulk, Ant-Man e Wasp, uniti per combattere il mitico Loki, è ormai una vera rarità. Dopo oltre mezzo secolo di storia, più di 500 albi pubblicati, tanti scontri epocali ed inimmaginabili cross-over, gli Avengers sono ancora la punta di diamante della Marvel, una vera e propria garanzia. Ma al di là di tutto siete sicuri di conoscere tutti i segreti e le curiosità più bizzarre sul mondo dei Vendicatori? Abbiamo selezionato per voi 10 curiosità.

1. Captain America non faceva parte del team all’inizio

Diversamente da quello che si crede, l’eroe nazionalista della Marvel è entrato a far parte della squadra solo dal quarto numero. Infatti originariamente il gruppo degli Avengers era costruito solo da 4 personaggi, e durante una missione per puro caso, si imbattono in Steve Rogers. Il personaggio, intrappolato fra i ghiacci dell’Antartico, fu dichiarato successivamente membro fondatore della squadra. Il resto è storia.

Avengers

2. Senza Daredevil non sarebbe stato possibile realizzare il numero 1 degli Avengers (strano ma vero)

Si dice che proprio a causa di un ritardo sulla stampa del primo numero di Daredevil, Stan Lee cominciò a ragionare sulla nascita del gruppo dei Vendicatori.  Si voleva creare una risposta alla DC Comics (ovvero alla Justice League). In questo modo  Kirby e Lee credevano che non ci sarebbero stati troppi problemi nel realizzare una storia credibile e di grande impatto; il primo numero si concretizzò molto frettolosamente, tanto è vero che solo nelle seguenti pubblicazioni sono state fatte alcune correzioni.

3. The Wasp è stata la prima a chiamare il gruppo The Avengers

Dopo che i 5 personaggi hanno deciso di collaborare insieme, il gruppo aveva bisogno di un nome. Sembra che sia stata proprio The Wasp a pensare a The Avengers. “Deve essere qualcosa di colorato” disse il personaggio. Da quel momento in poi la squadra prese il nome che poi, successivamente, è diventato un vero marchio di fabbrica.

4. La composizione della squadra ha subito molto cambiamenti

Alla luce di buon riscontro da parte del pubblico, il team più volte è stato sottoposto ad un vero restyling. Dopo la temporanea uscita di scena di Hulk, sappiamo che dal numero 4 è entrato a far parte degli Avengers il mitico Captain America, Bruce Banner è tornato solo dal numero 16. La squadra ha ospitato anche Scarlett Witch, Occhio di Falco e Quicksilver, i quali originariamente non erano dei veri e propri supereroi. Tutto questo ha influito sicuramente a far salire l’indice di gradimento dei Vendicatori.

Hulk

5. Il marchio di fabbrica The Avengers risale al 1970

Solo pochi anni dopo il suo debutto, l’editore ha reso The Avengers un marchio di fabbrica regolarmente registrato. Il tutto è avvenuto nel 1970, quando ormai il successo aveva superato le più rosee aspettative. Ci sono state beghe legali nel 2012 quando i Vendicatori sono approdati sul grande schermo dato che, in Inghilterra, pare esisteva prima del 1963 una serie di spionaggio che si chiamava proprio The Avengers. Le dispute legale sono comunque terminate nel migliore dei modi.

6. Il primo numero del fumetto è stato pubblicato in contemporanea con il debutto degli X-Men

Nel 1963 gli Avengers non era la prima squadra di supereroi che arrivava nelle edicole statunitensi. Nello stesso periodo anche gli X-Men debuttavano nel mercato fumettistico americano, anche loro nel 1963. È stato un percorso lungo e fruttifero, tanto è vero che poi le due squadre, nel corso del tempo, hanno unito le forze per un bene comune.

7. L’amico di Hulk ed il maggiordomo di Tony Stark sono diventati Avengers onorari

Non solo supereroi dal grande appeal, ma la squadra degli Avengers può contare su alcuni membri onorari che più volte hanno aiutato i super-eroi ad affrontare svariate situazione. Impossibile non menzionare Jarvis, il maggiordomo di Tony Stark (diventata un’entità compiuterizzata nei film), e Rick Jones. Lui era un caro amico di Bruce Banner il quale è stato salvato da un’esplosione di raggi gamma.

8. All’inizio nessuno del team era felice di far parte degli Avengers

Non è tutto oro quello che luccica. La squadra ha dovuto superare non pochi problemi di coesione, almeno all’inizio, ma soprattutto l’integrazione di altri personaggi non è stata del tutto facile. È accaduto ad esempio con Spider-Man e Daredevil che hanno sempre rifiutato di entrare a far parte del team perché volevo combattere la criminalità senza allontanarsi da casa. Solo negli ultimi anni c’è stata, da parte loro, un’inversione di tendenza.

Tony Stark / Iron Man

9. Fu creato anche uno spin-off (capitanato da Occhio di Falco)

Il progetto Avengers nasce proprio per fronteggiare una minaccia che il singolo personaggio da solo non può sconfiggere. Ma cosa succede se in contemporanea, un altro villain, mette in serio pericolo l’umanità? Questo era l’incipit di West Coast Avengers, uno spin-off della serie madre che ha debuttato nel 1984 con alcuni membri che erano apparsi nel team dei Vendicatori (Occhio di Falco era il leader). Loro militavano a Los Angeles. Questo non è stato certo l’unico esperimento di allargare il raggio di azione; negli anni ’90 è nato ad esempio Secret Avengers e New Avengers ma in sostanza, non sono mai stati concepiti come spin-off ufficiali del marchio.

10. Nel 1984 c’è stato un cross-over con il David Letterman show (ovvero: quando la realtà supera la finzione)

Si è successo veramente! Il risultato è stata una storia monotematica che ha visto alcuni membri della squadra partecipare allo storico talk show, solo per cadere in un’imboscata del cattivo di turno. Un’incursione questa unica e rara.

 

 

Carlo è un trent’enne con un cuore che batte per il cinema, le serie TV, i romanzi fantasy e la musica anni ’90. È un Maveliano D.O.C. ed è #TeamCap per scelta. Si è laureato in Giurisprudenza ma non è un avvocato, sogna di vivere a Londra e di intervistare David Tennant.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CineComics

Venom, la recensione del film Marvel con un folle e irresistibile Tom Hardy

Pubblicato

:

Eddie Brock è un giornalista di inchiesta che vive e lavora a San Francisco. Testardo, curioso e determinato si ribella al sistema, portando avanti le sue idee e un modo di lavorare alquanto istintivo, non preoccupandosi delle conseguenze. Quando inizia a indagare sullo scandalo che coinvolge la Life Foundation, guidata da un imprenditore egocentrico e senza scrupoli, un’intervista troppo invadente gli rovina la vita, privandolo della fidanzata Anne e del suo futuro. La sua rivincita arriva però grazie a un contatto imprevisto con un’entità aliena, conosciuta come “simbionte”, che prende il controllo del suo corpo, donandogli dei superpoteri.

Ruben Fleischer, regista di Benvenuti a Zombieland e Gangster Squad, dirige Venom, il nuovo film Marvel al cinema dal 4 Ottobre, dedicato al personaggio noto come la nemesi di Spider-man. Qualcuno ricorderà Topher Grace alle prese con questo parassita alieno in Spider-man 3, ma in questa nuova versione cinematografica è Tom Hardy l’intrigante e folle protagonista. La sceneggiatura scritta da Jeff Pinkner & Scott Rosenberg e Kelly Marcel si concentra proprio su di lui, rendendolo il punto di forza di un film che rispetta le tradizionali regole di un prodotto Marvel, regalando tuttavia alcune idee originali. Fin dalle prime scene, infatti, si avverte una dimensione fortemente dark in cui prende forma un horror thriller inquietante e coraggioso. Ma parliamo pur sempre di un film Marvel, destinato in gran parte a un pubblico giovane, quindi viene chiamata in causa l’ironia per sdrammatizzare alcuni momenti troppo forti dal punto di vista visivo e contenutistico, per far tornare il film sui binari del mainstream.

Tom Hardy in una scena di Venom

Venom non è Alien o Predator, nonostante espliciti riferimenti. E non deve esserlo. Nato sulle pagine dei fumetti intorno alla fine degli anni 80, Venom non è una creatura nata dalla mente di Stephen King o di maestri horror come George A. Romero e John Carpenter, pertanto il mix di avventura, azione e romanticismo che ha scelto di proporre Fleischer funziona e offre due ore di puro intrattenimento. Tom Hardy si trova perfettamente a suo agio nei panni di un protagonista schizofrenico che deve gestire più personalità. Vittima di un animato confronto alla Dr. Jekyll e Mr. Hyde, il personaggio di Eddie Brock è testimone di un film che combina un curioso appuntamento tra psicologia e fantascienza, lasciando ampio spazio all’adrenalina di inseguimenti acrobatici realizzati con un montaggio serrato e scontri corpo a corpo creativi, violenti e in continuo movimento per la città.

Tuttavia, tra le caratteristiche discutibili di Venom c’è Michelle Williams che sembra un’intrusa nel cast, presentando il suo personaggio con distacco e confermando la scelta sbagliata della Marvel di averla coinvolta in un progetto di questo tipo. Ma anche Riz Ahmed, nei panni del villain principale, non dimostra degnamente l’indole negativa e la personalità corrotta propria di un antagonista, contrapposto ad una presenza come Hardy.

I fumetti originali in cui Venom è presente restano sullo sfondo, ma la rivisitazione di Fleischer sceglie l’infedeltà alla pagina scritta per proporre un blockbuster spassoso che tiene incollati allo schermo. La sopravvivenza della razza umana, l’esaurimento delle risorse del pianeta, sicuramente non fanno parte di una trama originale, soprattutto quando si parla di un film di supereroi. Ma, come il resto dei film Marvel, l’importante è lo stile con cui si propone una storia già sentita. Venom ha dei difetti ed è lontano dalla perfezione, ma non è da condannare come vintage, scontato e arrugginito, poichè ha una sua identità suggestiva e graffiante che lascia il segno.

Venom, la recensione del film Marvel con un folle e irresistibile Tom Hardy
3.4 Punteggio
Pro
Scene d'azione mozzafiato, Tom Hardy in parte, Atmosfera dark
Contro
Trama poco originale, Michelle Williams fuori parte, villain poco incisivo
Riepilogo Recensione
Venom è un film di puro intrattenimento, che rispetta le regole Marvel ma stupisce per una dimensione dark e horror che coinvolge lo spettatore fin dall'inizio. Tom Hardy perfettamente in parte, mentre Michelle Williams come sua compagna e Riz Ahmed come villain risultano deboli.
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continua a leggere

CineComics

Venom: rivelata la lista dei pezzi della colonna sonora

Pubblicato

:

venom-soundtrack

Venom debutterà nei cinema il prossimo 4 ottobre e la Sony ha rivelato la lista dei brani che compongono la colonna sonora e la data di uscita.

Venom: la colonna sonora

La colonna sonora del film Venom sarà in commercio dal prossimo 5 ottobre e conterrà la musica originale composta dall’artista nominato ai Grammy Ludwig Goransson che ha precedentemente lavorato a film come Black Panther e Creed

Ecco la copertina del CD che si potrà acquistare dal 5 ottobre nei negozi fisici e online.

Venom Colonna Sonora

Ed ecco la lista dei pezzi che la compongono

1. Space Exploration
2. Symbiotes Arrive
3. First Contact
4. Eddie’s Blues
5. Run, Eddie, Run
6. What’s Wrong with Me
7. Panic at the Bistro
8. Humans…Such Poor Design
9. Self Defense
10. Pedal to the Metal
11. Eyes, Lungs, Pancreas
12. You Want Up?
13. Venom Rampage
14. Annie, I’m Scared
15. Parasite
16. Unexpected Ally
17. Battle on the Launch Pad
18. You Belong with Us

Venom: il film

Il settore della produzione è stato affidato a Avi Arad Matt Tolmach insieme ad Amy Pascal, con Palak Patel e Eric Fineman che supervisionano per la Columbia Pictures.

Il film è diretto da Ruben Fleischer ( Zombieland , Gangster Squad ) e scritto da Scott Rosenberg ( Pain & Gain ,  Jumanji ) e Jeff Pinkner ( The Amazing Spider-Man 2 ).

Il film non avrà nessuna censura, potrà essere visto da tutti. La sua durata è fissata per un’ora e cinquantadue minuti. Non ci sarà Spider-Man ma gli studios hanno aperto a una possibile reunion per un futuro prossimo. Probabilmente quando Spider-Man avrà terminato l’accordo con i Marvel Studios.

Venom – Una scena del film

Venom nei fumetti

La prima volta che compare Venom nei fumetti è con un costume alieno indossato da Spider-Man in  Marvel s’ The Amazing Spider-Man # 252, nel 1984, è stato diversi anni prima che Peter Parker si fondesse con il fotografo Eddie Brock, dando vita all’antieroe conosciuto come Venom. Da allora, il personaggio è apparso in una varietà di forme diverse e legato a diversi ospiti. Nell’Universo Marvel “Ultimate”, la tuta ha un’origine più terrestre, creata dai genitori dello scienziato di Parker e Brock nel tentativo di curare il cancro. Più recentemente, il simbionte di Venom si è spostato tra Mac Gargan (alias The Scorpion) e il vecchio rivale di Peter Parker, Flash Thompson.

Fonte: comicbook.com

Continua a leggere

CineComics

X-Men Dark Phoenix: Primo Trailer Italiano

Pubblicato

:

Xmen

Era stato annunciato ieri con un teaser poster e puntuale oggi è arrivato il primo trailer di X-Men Dark Phoenix diretto da Simon Kinberg al suo primo film da regista.

X-Men Dark Phoenix al cinema nel 2019

X-Men Dark Phoenix è il settimo film della saga degli X-Men iniziata da Bryan Singer nel 2000 e proseguita con successo da X-Men 2, X-Men conflitto finale, X-Men – L’inizio, X-Men Giorni di un futuro passato, X-Men Apocalisse. La saga ha avuto diversi spin-off come quelli dedicati a Wolverine: X-Men Le origini Wolverine, Wolverine L’immortale e Logan – The Wolverine. Quelli dedicati al personaggio di Deadpool con Deadpool e Deadpool 2. Per il futuro sono previsti i film dedicati ai Nuovi Mutanti (New Mutants), Gambit e X-Force. X-Men Dark Phoenix è probabilmente l’ultimo della saga prodotto dalla 20th Century Fox dato che si è concluso il passaggio alla Disney e i mutanti saranno presi in gestione dai Marvel Studios.

Queso il teaser poster che annuncia la data di uscita americana, ovvero quella di San Valentino 2019

X-Men Dark Phoenix Poster

X-Men Dark Phoenix Poster

X-Men Dark Phoenix: il film

X-Men Dark Phoenix si svolgerà 10 anni dopo X-Men Apocalisse. Dopo che una missione di salvataggio nello spazio andrà storta un flusso solare risveglierà in Jean Grey la sua parte oscura: la Fenice Nera.

La regia e la sceneggiatura de film è affidata a Simon Kinberg che ha scritto i precedenti film della saga degli X-Men e adesso esordisce alla regia. Kingber si ritrova a dirigere un cast di assoluto livello tra cui: Jessica Chastain nei panni del Villain “Smith”, Nicholas Hoult nei panni di Bestia, Alexandra Shipp nelle vesti di Storm, Kodi Smit-McPhee nei panni di Nightcrawler, Evan Peters nei panni di Quicksilver. Il Professor Xavier sarà interpretato da James McAvoy, Magneto da Michael Fassbender, Mystique da Jennifer Lawrence, Cyclops da Tye Sheridan (Ready Player One), e ovviamente Jean Grey sarà Sophie Turner.

Continua a leggere

Facebook

Film in uscita

Ottobre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Popolari

X