Connect with us

Approfondimenti horror

15 direttori della fotografia da incubo

Published

on

Il fascino e lo stile di un film vengono spesso attribuiti al regista ma un ruolo ugualmente rilevante lo ricopre il direttore della fotografia. Ve li immaginate Velluto Blu e Rosemary’s Baby senza il contributo di Frederick Elmes e William A. Fraker? La fotografia è spesso la chiave del successo di un film e gli horror non fanno eccezione. Ecco 15 direttori della fotografia che hanno reso cult alcuni capolavori del cinema horror:

maxresdefault 15) Velluto Blu: Frederick Elmes ha sviluppato lo psicotico look da incubo del capolavoro di David Lynch. La scena in cui Ben fa il playback di In Dreams di Roy Orbison è ancora oggi una delle sequenze più terrorizzanti del cinema di genere.

skin

14) Under the Skin: Nonostante lo sci-fi di Jonathan Glazer sia piaciuto a pochi, nessuno si è permesso di criticare l’estetica di David Landin. Le sequenze nella nebbia e nella pioggia tolgono il fiato dello spettatore.

DP15

13) Rosemary’s Baby: Uno dei punti di forza del celebre horror di Roman Polanski è la fotografia di William A. Fraker che rende Rosemary’s Baby un vero e proprio incubo a occhi aperti da vedere e rivedere…

DP14-768x256

12) Stati di allucinazione: Il terrificante e psichedelico horror di Ken Russell è “speciale” anche per il tocco di Jordan Cronenweth, il direttore della fotografia di Blade Runner e The Touch of Satan. Cronenweth, interpretando la folle genialità di Russell, ha dato vita a visioni ancora oggi inquietanti.

DP13-768x318

11) Lo Squalo: Vi ricordate la spettacolare sequenza in cui il focus passa attraverso i vetri di un edificio e sfocia nell’oceano? Se la risposta è sì, è doveroso sapere che il merito non è solo di Steven Spielberg ma di Bill Butler, lo straordinario direttore della fotografia de Lo Squalo.

lupi

10) In compagnia dei lupi: Il punto di forza di questo piccolo cult non è la regia di Neil Jordan ma la fotografia di Bryan Loftus che rende intensa e misteriosa la pellicola.

DP11-768x323

9) Miriam si sveglia a mezzanotte: Stephen Goldblatt (Outland e Arma Letale) ha curato la fotografia del film di Tony Scott con Susan Sarandon e Catherine Deneuve; un’opera che presenta un meraviglioso stile horror gotico e alcune sequenze a dir poco indimenticabili.

psycho

8) Psycho: Non possiamo scrivere una lista di questo genere senza citare il cult di Alfred Hitchcock. John L. Russell, il direttore della fotografia, ha creato con Psycho un manuale di istruzione per il cinema di genere.

DP9

7) L’esorcista: La sequenza che vede Padre Merrin davanti alla statua di Pazuzu mentre i cani lottano sullo sfondo è uno dei momenti più alti del cinema horror. Ecco perché non potevamo non citare nella nostra classifica il direttore della fotografia Owen Roizman che ha creato con William Friedkin l’atmosfera de L’esorcista.

Req-768x435

6) Requiem for a Dream: Nonostante non sia un horror, il film di Darren Aronofsky è una delle opere più terrificanti di tutti i tempi. Matthew Libatique ha costruito una esperienza ricca di splendide location e sorprendenti climax di terrore.

DP7-768x412

5) Il silenzio degli innocenti: Il cult di Jonathan Demme è celebre per lo stile unico e inconfondibile di Tak Fujimoto, il direttore della fotografia che ci ha regalato sequenze indimenticabili come quelle al Baltimore State Hospital.

DP6-768x3264) Alien: La fotografia del film di Ridley Scott è a dir poco spettacolare. I lenti movimenti di camera per i corridoi della Nostromo e il gocciolare dell’acqua sono piccole perle del lavoro di Derek Vanlit, il direttore della fotografia di uno dei migliori sci-fi della storia del cinema.

anticristo

3) Antichrist: Anthony Dod Mantle porta lo spettatore nelle viscere dell’inferno nel film di Lars Von Trier, un cult caratterizzato da un’atmosfera visiva particolare, inquietanti movimenti di camera e una fotografia in grado di rendere i boschi profondamente oscuri.

seven

2) Seven: La fotografia di Darius Khondji è talmente potente da essere quasi un personaggio del cult di David Fincher. Ma citarla nel dettaglio è impossibile perché ci sono talmente tante sequenze indimenticabili che non basterebbero mille parole per descriverle tutte. Il merito è di Khondji che ha dato a Seven l’estetica che lo contraddistingue.

ShiningDP-768x432

1) Shining: Il lungo piano sequenza che vede il piccolo Danny guidare il triciclo tra i corridoi dell’Overlook Hotel è sufficiente per incoronare la numero uno della nostra lista. Oltre a Stanley Kubrick il merito del successo di Shining è del direttore della fotografia John Alcott che ha reso unica e irripetibile l’atmosfera del film.

Fonte: ShockTillYouDrop

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

1 Comment

1 Comment

  1. C.Ferraro

    30 Marzo 2016 at 19:12

    Male non citare Mario Bava, che sapeva usava il colore come forma di espressione. Direttore della fotografia prima ancora che regista, vedi il suo I tre volti del terrore e lo stesso Inferno di Dario Argento…quando è la fotografia a fare il film!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Approfondimenti horror

10 migliori film horror (dove i bravi ragazzi vincono effettivamente)

Published

on

horrorcopertina newscinema compressed

È abbastanza raro vedere una storia felice in un film horror, per il semplice fatto che viene rovinata la tensione e la suspance. Contrariamente a questa affermazione, i prossimi 10 film che troverete nella lista, spiccano i ‘buoni’ esaltando il modo con il quale hanno saputo sconfiggere il male.

Un film dell’orrore implacabile con un lieto fine spesso provoca una grave sensazione stridente e lo spettatore potrebbe non acquistare il finale a causa dello scontro tonale. Capita però, che ci siano numerosi film dell’orrore con lieto fine, quelli in cui i ‘bravi ragazzi ‘ riescono a trionfare sul male.

cillian murphy in 28 days later newscinema compressed

28 Giorni Dopo (2002)

Quando è stato rilasciato nel 2002, 28 giorni dopo è stato pubblicizzato come il film più spaventoso degli ultimi anni. La maggior parte di ciò ha a che fare con i suoi terrificanti zombi veloci e il tono implacabilmente cupo. Tuttavia, ha un lieto fine; tre dei quattro membri principali del cast sopravvivono e l’infezione muore naturalmente quando gli infetti muoiono di fame, permettendo al paese di tornare alla normalità … a patto di ignorare il sequel. Detto questo, il finale originale era molto più tragico e deprimente, ma il regista Danny Boyle lo ha cambiato dopo le proiezioni di test negative.

childs play newscinema compressed

Un Gioco Da Ragazzi (1988)

Chucky è ora un’icona del film horror , ma la sua storia è stata quasi conclusa in Child’s Play . È del tutto possibile ignorare l’esistenza dei sequel e godersi questo classico slasher come un film horror unico e fatto. La fine del film vede Andy, Karen e Mike che combattono contro Chucky nell’appartamento di Karen. Lo bruciano e gli sparano, ma non serve a niente finché Mike alla fine lo uccide sparandogli al cuore. Il film finisce e tutti gli eroi sopravvivono indenni. Forse Andy sarà psicologicamente sfregiato a causa degli eventi traumatici del film, ma almeno è vivo!

Leggi anche: The Lair sarà il prossimo horror sotterraneo di Neil Marshall

silenziodegliinnocenti newscinema compressed

Il Silenzio Degli Innocenti (1991)

Per la maggior parte, Il Silenzio Degli Innocenti contiene un lieto fine con i bravi ragazzi che vincono. Clarice finisce per trovare e uccidere Buffalo Bill, e salva la povera Catherine Martin dal pozzo. Trova anche pace mentale e serenità, poiché “gli agnelli hanno smesso di urlare”.

L’unico problema che rimane in sospeso è Hannibal Lecter . Lo psicopatico squilibrato scappa dalla prigione, uccide numerose persone, incluso un civile innocente, e fugge su un’isola remota per vivere in pace e anonimato dove pianifica di avere un vecchio amico per cena …

sidney in scream newscinema compressed

Scream (1996)

Scream ha meravigliosamente sovvertito i tropi del genere slasher e si è concluso con la sopravvivenza di molti del cast principale. A parte il povero Tatum, tutti i membri del cast principale sono sopravvissuti, inclusi Sidney, Dewey, Gale e persino Randy. Non solo, ma Sidney salva suo padre da Billy e Stu, che uccide da sola da sola.

Come Child’s Play , è del tutto possibile guardare Scream come un film a sé stante, poiché non ci sono questioni in sospeso mentre scorrono i titoli di coda. In molti modi, è il film slasher perfetto.

aliens newt xenomorph in water newscinema compressed 1

Aliens (1986)

Forse Aliens è più un film d’azione che un horror, ma contiene ancora molti elementi orribili. Di nuovo, gran parte del cast principale sopravvive al calvario, almeno a tutti quelli a cui teniamo, a parte il povero Hudson. Ripley combatte con la regina e finisce per espellerla nello spazio. Anche se Bishop è stato strappato a metà, è ancora immagazzinato nella capsula di salvataggio per il viaggio di ritorno sulla Terra insieme a Ripley, Newt e Hicks. Il piccolo nucleo familiare sopravvive … a patto di ignorare gli eventi di Alien 3 . Ma, d’altra parte, praticamente tutti lo fanno comunque .

Leggi anche: Freaky | il trailer e la data di uscita della commedia horror diretta da Christopher Landon

get out 2017 newscinema compressed

Get Out (2017)

Get Out è stato il successo a sorpresa del 2017 e contiene un lieto fine con il bravo ragazzo sopravvissuto. Dopo essere stato imprigionato nel seminterrato, Chris fugge e uccide Jeremy, Dean e Missy. Rose viene accudita dal giardiniere appena liberato, Walter, e Chris viene salvato da Rod.

Il bravo ragazzo tecnicamente ha vinto, ma a quale costo? Apparentemente non ha più nulla per cui vivere – aveva detto a Rose prima che lei era tutto ciò che aveva – e quasi certamente sarà ricercato almeno per un serio interrogatorio nel massacro di Armitage.

green room the aint rights newscinema compressed

Green Room (2015)

Green Room segue una sfortunata band punk che è stata testimone di un omicidio e viene successivamente cacciata da un gruppo di neonazisti. È un bel film, e certamente non per gli schizzinosi . Mentre la maggior parte della band muore per mano degli skinhead, il bassista, Pat, sopravvive con Amber.

Riescono a uccidere tutti gli skinhead tranne Gabe, che procede a chiamare la polizia. Il destino di Pat e Amber rimane ambiguo, poiché aspettano semplicemente sul lato della strada che arrivi la polizia. Ma sono sopravvissuti e hanno sconfitto i loro aggressori.

vacancy 2007 newscinema compressed

Vacancy (2007)

È raro che i film straight slasher finiscano con la vittoria dell’eroe, ma Vacancy è una delle rare eccezioni. Questo film vede Luke Wilson e Kate Beckinsale nei panni di una coppia litigiosa, quasi divorziata, che vive in uno squallido motel dopo essere tornata da una famiglia.

Presto scoprono che il motel è un terreno per omicidi, e questi omicidi vengono trasformati in film snuff. Sia David che Amy riescono a sopravvivere agli eventi della notte e ad uccidere tutti i loro aggressori, fornendo al film uno stranamente soddisfacente e lieto fine.

Leggi anche: L’Esorcista | Morgan Creek realizzerà un reboot del film horror anni ’70

hush 2016 newscinema compressed

Silence (2016)

Silence è solo uno dei tanti grandi film horror diretti da Mike Flanagan, che si sta rapidamente affermando come uno dei nomi principali dell’horror moderno. Il film è guidato dalla sua vera moglie, Kate Siegel, che interpreta una donna sorda di nome Maddie.

Maddie è braccata da un uomo nella sua remota casa nel bosco. Alla fine, Maddie prende finalmente il sopravvento immergendo un cavatappi nel collo dell’uomo, uccidendolo. Telefona alla polizia e il film finisce quando arrivano.

the exorcist newscinema compressed

L’esorcista (1973)

L’esorcista è ampiamente pubblicizzato come uno dei film più spaventosi mai realizzati , eppure, nonostante ciò, ha un lieto fine. Le cose ovviamente non finiscono bene per i sacerdoti, poiché Merrin muore per un attacco di cuore e un Karras appena posseduto si suicida coraggiosamente saltando fuori dalla finestra e portando il demone con sé.

Regan viene liberata e sembra non ricordare gli eventi della sua possessione, e Chris riprende sua figlia. Partono per il futuro, contenti del riuscito esorcismo.

Continue Reading

Approfondimenti horror

Halloween Kills | Cosa sappiamo sul nuovo film della saga

Published

on

3 7

Due anni fa la saga con protagonista Michael Myers è definitivamente rinata su grande schermo, con l’Halloween diretto da David Gordon Green che si è intelligentemente proposto quale sequel diretto di Halloween – La notte delle streghe (1978), il primo – storico – capitolo firmato da John Carpenter.

Ora lo stesso regista è pronto a tornare anche per questo atteso secondo episodio del nuovo corso, la cui uscita è prevista per l’ottobre di quest’anno, che vedrà ancora una volta protagonista l’iconico personaggio di Laurie Strode, interpretata come sempre da Jamie Lee Curtis. Il franchise dovrebbe vedere la parola fine con il già annunciato Halloween Ends che, secondo le previsioni, vedrà la luce delle sale esattamente un anno dopo nel 2021.

Una serie di ritorni

Michael Myers nell’Halloween 2018

La prima conferma relativa ad Halloween Kills ed Halloween Ends è stata quella di Jamie Lee Curtis, ma anche Judy Greer e Andy Matichak sono pronte a riprendere i loro ruoli nei pani di Karen ed Allyson, così come il Michael Myers originale, Nick Castle, e lo stuntman James Jude Courtney condivideranno di nuovo la maschera del villain. La sceneggiatura sarà ancora una volta frutto dell’impegno del regista David Gordon Green e di Danny McBride, ai quali si affiancherà in quest’occasione Scott Teems, e in fase di produzione vediamo il “solito” Jason Blum con Malek Akkad e Bill Block. Il creatore della saga John Carpenter firmerà nuovamente la colonna sonora.

Dove eravamo rimasti

Halloween ha di fatto cancellato tutte le evoluzioni narrative dei vari sequel, ricollegandosi direttamente alla pellicola originaria degli anni ’70. La fuga di Michael Myers, detenuto per quarantanni in un ospedale psichiatrico, durante un trasferimento in un’altra struttura, preparava il campo al confronto con Laurie, ormai indurita dalla vita e dagli eventi passati e abitante in una cabina nei boschi, ricca di sorprese e trappole in vista del potenziale ritorno di Michael.

Il film si concludeva con Laurie, la figlia Karen e la nipote Allyson, ad osservare la casa in fiamme in cui la leggendaria nemesi avrebbe dovuto morire carbonizzata, ma un grottesco sospiro dopo i titoli di coda faceva ovviamente presagire come questa fosse in realtà sopravvissuta. Su quanto verrà raccontato nei due sequel vi è ancora il riserbo più assoluto e non ci sono informazioni ufficiale: alcune teorie dei fan riguardano il passato di Laurie, altre ancora la presunta identità del nuovo killer e infine c’è chi pensa come Allyson stessa possa cedere alla follia, ma rimangono ad oggi semplici speculazioni alle quali è meglio non dare troppo peso.

Leggi anche: Halloween, la videorecensione del film horror

Qualche indizio

Jamie Lee Curtis è di nuovo Laurie Strode

Lo sceneggiatore Danny McBride ha rivelato a Collider che i nuovi film avranno una “forte, differente linea narrativa“, suggerendo che la storia potrebbe non seguire direttamente quella del precedente film. Nella stessa intervista, il regista David Gordon Green ha poi aggiunto “a questo punto Michael Myers è diventato un tipico mostro del cinema classico, ma la saga avrà una fine“.

In ogni caso dovremmo avere una spiegazione chiara di come il personaggio semplicemente non sia in grado di morire. In un’altra dichiarazione McBride ha continuato “è una storia che ha un inizio, un centro e una fine… il centro è puro caos e l’epilogo è davvero soddisfacente“, lasciando presagire grandi emozioni e sorprese per gli appassionati del franchise. Jamie Lee Curtis, sempre a Collider, ha rivelato che “i sequel esploreranno non solo i traumi della famiglia Strode, ma anche quello degli abitanti di Haddonfield che sono sopravvissuti alla furia di Michael“.

Reazioni che fanno ben sperare

Non è raro che i film di genere effettuino dei test screening in anteprima già in fase di post-produzione, in modo che registi e produttori possano determinare se e cosa possa essere modificato prima dell’uscita nelle sale. Nel gennaio di quest’anno Halloween Kills è stato mostrato a duecento fortunati spettatori e le prime reazioni sono state più che positive, con commenti come “genuinamente impressionante” e “sorprendentemente ricco di emozioni“.

Dark Universe Horror riporta in particolare “Michael Myers è ultraviolento e brutale, i flashback sono incredibilmente ben fatti, il film è come un Halloween sotto acido che vi farà impazzire, citazionista e originale al contempo“. L’utente di Reddit TrickyDude98 ha scritto invece “Ci troviamo davanti ad un sequel impressionante, è la prima volta che un test screening di Halloween funziona alla grande. Il 1978 è tornato nel feeling, nella colonna sonora e nell’attitudine“. Se il buongiorno si vede dal mattino, i fan del franchise possono dormire sonni tranquilli.

Continue Reading

Approfondimenti horror

The Grudge | l’evoluzione della saga horror che ancora ci terrorizza

Published

on

the grudge

“Quando una persona muore in preda ad una rabbia feroce nasce una maledizione. La maledizione si concentra in quel luogo di morte. Coloro che ne entreranno in contatto saranno travolti dalla sua furia”

Un urlo strozzato nel silenzio, un corpo contorto dal dolore, una maledizione senza fine. Nel 2000 Takashi Shimizu crea The Grudge, l’iconica saga horror che, per oltre due decadi, immerge il pubblico mondiale nella morsa spietata di Kayako Saeki. 

In occasione dell’uscita nei cinema italiani dell’omonimo remake scritto e diretto da Nicolas Pesce e interpretato da Andrea Riseborough, ripercorriamo l’origine e l’evoluzione della maledizione di The Grudge. 

the grudge

The Grudge: tra corti e film per la tv

I cult horror che sperimentano nuove strade infestano il cinema di genere con infiniti remake che ne ripetono la formula del successo. L’incubo di Kayako Saeki inizia nel 1998 quando il giovane e semisconosciuto Takashi Shimizu realizza i cortometraggi Katasumi e 4444444444 che anticipano le disturbanti atmosfere di The Grudge. 

Lo stile e le inquietudini dei corti conquistano Kiyoshi Kurosawa che spinge Shimizu a realizzare Gakkô no kaidan G, film tv a basso budget che racchiude quattro corti horror tra cui Katasumi e 4444444444. Nel 2000 il franchise evolve in Ju-on: The Grudge, la storia di un insegnante che indaga sulla misteriosa scomparsa di uno studente, e in Ju-On: Rancore 2 che espande la storyline dei pochi sopravvissuti alla sete di vendetta di Kayako.

L’incubo disturbante di Takashi Shimizu conquista il mercato cinematografico giapponese che gli dà la chance di portare la maledizione di Kayako Saeki sul grande schermo.

the grudge

The Grudge: il primo incubo non si scorda mai

Dopo il successo dei cortometraggi e dei film tv, Takashi Shimizu porta la leggenda di Kayako al cinema mantenendo intatte la struttura episodica e la formula della ghost story. 

Ju-on – The Grudge inserisce gli spiriti di Kayako e Toshio in una trama che attinge gli elementi horror dai capitoli precedenti: la protagonista è una giovane donna che entra in una casa infestata da una maledizione. Ma la saga continua: in Ju-on 2 – La maledizione, Kayako cerca di tornare in vita sfruttando la gravidanza di una donna segnata dalla maledizione. Il franchise evolve nella trama, nello stile e negli effetti speciali ma le inquietudini restano le stesse degli incubi originali. 

Nel frattempo il salto qualitativo del franchise conquista Sam Raimi che affida il remake statunitense proprio al suo creatore. 

the grudge

The Grudge: la trilogia americana

Nel 2004 debutta nei cinema mondiali The Grudge, il remake diretto da Takashi Shimizu e interpretato da Sarah Michelle Gellar, Clea DuVall e Bill Pullman. Un reboot che, mantenendo intatti il fascino e l’ambientazione orientali, consacra uno dei rari horror superiori, per incubi e suggestioni, all’originale.

Forte di un budget di dieci milioni di dollari, Shimizu racconta la storia di Karen (Sarah Michelle Gellar), un’assistente sociale che, tra bambini inquietanti e mandibole strappate, diffonde la più terrificante delle maledizioni. Incassando oltre cento milioni di dollari worldwide, il remake di Shimizu apre le porte a The Grudge 2 che, seguendo la scia dei vari Ju-on, introduce nuovi personaggi nel disturbante universo di Kayako. 

La protagonista del sequel è Aubrey (Amber Tamblyn), la sorella di Karen che, tentando (invano) di riportare l’eroina originale a casa, diffonde la maledizione tra Tokyo e Chicago. Tra le urla di dolore di Kayako e le spettrali apparizioni di Toshio, The Grudge 2 non raggiunge i numeri del capitolo precedente relegando il terzo film al direct to video.

Diretto dall’esperto di effetti speciali Toby Wilkins, The Grudge 3 non aggiunge nulla alla saga horror nata dalle suggestioni di The Ring. Non a caso sarà proprio Samara Morgan a sfidare Kayako Saeki in uno degli scontri più improbabili del cinema di genere. 

the grudge

La battaglia dei demoni, il crossover che non ti aspetti

Nella creazione dell’universo horror di The Grudge, Takashi Shimizu si ispira a The Ring, il classico horror di Hideo Nakata.

Seguendo la scia di Freddy vs. Jason, il bizzarro crossover di Nightmare e Venerdì 13 firmato da Ronny Yu, Samara Morgan e Kayako Saeki si scontrano nella Battaglia dei demoni, lo spin-off di The Ring e The Grudge. Fortemente richiesto dai fan, il film di Kôji Shiraishi porta sullo schermo la storia della teenager Yuri Kurahashi che, guardando la vhs di Samara nella casa di Kayako, scatena il più improbabile dei match.

Lontano dalle atmosfere originali, La battaglia dei demoni è un omaggio alle due saghe tanto folle e improbabile quanto irresistibilmente divertente. 

Leggi ancheFreddy vs Jason compie 15 anni: 5 motivi per rivedere lo scult di Ronny Yu

the grudge

The Grudge: il ritorno di Kayako

A sedici anni dal remake con Sarah Michelle Gellar, il 27 febbraio esce nei cinema italiani The Grudge, il reboot che collega la saga giapponese al franchise americano. Ancora una volta non si tratta di un sequel vero e proprio ma di un nuovo capitolo dell’universo di Shimizu.

Dietro la macchina da presa c’è Nicolas Pesce, giovane cineasta che ha debuttato con l’apprezzato The Eyes of My Mother, l’inquietante horror presentato al Sundance Film Festival del 2016. Prodotto ancora una volta da Sam Raimi e interpretato da Andrea Riseborough, John Cho e Lin Shaye, The Grudge racconta la storia di una detective della polizia che indaga su una casa infestata.

Un reboot che, ripetendo la formula horror di Takashi Shimizu, dimostra l’inesauribile terrore di uno dei babau più terrificanti del cinema mondiale. Un incubo che, come la maledizione di Kayako Saeki, non finirà mai…

The Grudge verrà distribuito da Warner Bros. Italia nei cinema italiani il 27 febbraio 2020.

Trailer

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari