Connettiti a NewsCinema!

CineComics

Aspettando Logan, 8 personaggi dei fumetti in età avanzata

Pubblicato

:

Quanto pensi di potere essere operativo a 60 anni? O a 80? O 180? Supereroi e cattivi invecchiano col tempo che passa nonostante non smettano mai di combattere. Nonostante tutte le loro capacità, non possono di certo sconfiggere il tempo. E, in attesa del nuovo Logan, la versione anziana dell’amato Wolverine, interpretato per l’ultima volta da Hugh Jackman, diamo un’occhiata ad alcuni personaggi preferiti dei fumetti che invecchiano davanti ai nostri occhi, ma continuano a conquistare il pubblico.

Old Snake: Metal Gear Solid 4

Metal Gear

Solid Snake è la spia per antonomasia; il più furtivo degli uomini invisibili. L’uomo con la bandana, i proiettili infiniti e le ginocchia più resistenti al mondo, senza distinzione d’età. Hideo Kojima, nella sua infinita saggezza, sentiva come se fosse il momento di rallentare la storia di Mr. Snake dal quarto gioco della serie Solid. Come può farlo? Attraverso un rapido invecchiamento. A causa del virus Fox Die, della clonazione ed altri elementi della trama, Solid Snake diventa vecchio, il vecchio uomo di Metal Gear Solid 4. Migliora con l’età? Sì e no. Snake avanti con gli anni si è ammalato, ha una brutta tosse, ma non ha perso la sua agilità e la capacità di appendersi alle sporgenze. Ci sono molte scene di David (il suo vero nome) che si arrende agli effetti dell’età, ma quando torna in azione è sempre una super spia. Le meccaniche del gioco lo hanno mantenuto giovane nelle mani dei giocatori. L’invecchiamento è molto evidente nella culminante epica scazzottata tra Old Snake e Old Ocelot/Old Snake Liquid. Questa è l’epopea degli scontri condita con colpi di tosse, affanni e profondi respiri.

Il Joker: The Dark Knight Returns

Old Joker

Oh Joker…come ti amiamo. Perenne giogo di Batman, ha per anni sofferto al fianco del Cavaliere Oscuro. Cosa succede ai folli quando invecchiano? Sembra che diventino più folli. Nella sua vecchiaia Joker ha una determinazione d’acciaio. Quando nel fumetto Il Cavaliere Oscuro –  Il Ritorno fu rilasciato (qui puoi acquistare l’intera collezione dei fumetti), ci fu presentato un Joker più anziano, più mitigato. Residente in un istituto psichiatrico, apparentemente in stato comatoso, Joker era morto per il mondo. Ciò fin quando non gli è giunta voce che Batman ha mostrato le sue belle orecchie a punta ancora una volta. E’ un vecchio pazzo? Oh sì. Doppio sì. Triplo sì. È molto più maniacale e disposto ad uccidere. E non solo col suo gas esilarante o qualche gag omicida, ma con un vero e proprio omicidio sparando in volto alla vittima.

Lo scontro tra Joker e Batman è qualcosa di spettacolare, specialmente per vedere come Mr. J. si impegna a rendere lo scontro finale memorabile. La sua età avanzata non rallenta la sua follia neanche un po’, come quando porta la sua anima gemella in fondo al Tunnel dell’Amore. Anche se questo segna la fine del Principe del Crimine, Joker assicura a Batman che non dimenticherà mai il suo nome. Sono sicuro che se avesse avuto il tempo, avrebbe scolpito il suo nome sul simbolo del pipistrello stampato sul petto di Batman. Come nota a margine, Joker aveva un aspetto abbastanza giovanile per la sua età. Probabilmente ridere è un ottimo elisir di giovinezza.

Bruce Wayne: Batman Beyond

Batman

Sarebbe troppo facile scegliere uno qualsiasi tra le varie versioni di Batman anziano, e chiudere questa sezione dicendo: Lui è Batman. Ma non va bene. Perché quando Batman invecchia è raramente un Batman inferiore rispetto alle versioni precedenti. Batman Beyond ci introduce invece ad una versione super vecchia di Bruce Wayne. Egli è fragile e non è più in grado di aggirarsi per Gotham come ai vecchi tempi. Si può anche notare il momento esatto in cui si capisce che non è più in grado di combattere. Nessun trucco super tecnologico della Bat-tuta può mantenere vivo e agile il suo vecchio corpo. E’ ancora il simbolo della notte? Affatto.

È in uno stato così avanzato che deve passare il suo cappuccio al giovane Terry McGinnis. Sono sicuro che in tanti avete pensato che si trattasse di uno dei tanti Robin, ma in questo universo sono tutti scomparsi. In età avanzata, Bruce è rintanato nella Torre di Guardia e con la sua voce guida in lontananza il giovane McGinnis per trasformarlo in un Batman perfetto. Devo dire che anche in tarda età Bruce Wayne non si arrende al crimine, ma cambia solo la sua tattica.

Cranky Kong: Donkey Kong Series

4

Percorriamo tutta la strada che ci porta al retro-gaming. La Mecca di tutti i classici arcade. Donkey Kong, dove tutto è cominciato gente. Mario e DK si combattono per una lady di nome Pauline. Non è la più moderna delle storie, ma erano i primi anni ’80. Avanti veloce verso Donkey Kong Country, dove è stata reintrodotta la scimmia col cravattino più amata di sempre. Uno dei suoi alleati è un veterano di nome Cranky Kong (qui puoi acquistare l’action figure di Cranky Kong). Con nostra grande sorpresa Cranky è in realtà l’originale Dokey Kong. Mentre il tempo ha favorito Mario, Dk è terribilmente invecchiato. E’ ancora operativo? Mentre il suo ruolo è cambiato, riesce comunque ad offrire saggi consigli al nuovo DK. Sembra che negli anni successivi i suoi giorni trascorsi a lanciare barili gli siano serviti per aggiornarsi e tornare come un vero proprio esperto della storia dei videogiochi.

Freccia Verde: The Dark Knight Returns

3

The Dark Knight Returns è pieno zeppo di vecchi eroi. Uno dei più amati è sicuramente l’Arciere di Smeraldo, Freccia Verde. Il passare degli anni non ha proprio giovato ad Oliver Queen in questa linea temporale. Gli manca un braccio e sembra essere un elemento essenziale per la sua attività da arciere. Comunque Oliver non è il tipo che si tira indietro di fronte ad una sfida. E’ come Katniss o Occhio di Falco? Ollie non lascia che la vecchiaia o l’arto mancante prendano il sopravvento. In caso di difficoltà, usa i tuoi denti. Nel tentativo di Batman di dare una lezione a Superman, Ollie volontariamente lo aiuta. È sorprendentemente efficacie, infatti lancia una freccia di kryptonite dalla sua bocca, permettendo a Batman di avere il sopravvento.

Clementine: The Walking Dead

clementine-950x633

Ammettiamolo, Clem era una straordinaria bambina del mondo digitale. Si sentiva il suo dolore quando fu messa in una situazione di grossa difficoltà. Come si può vedere una bambina così piccola attraversare l’apocalisse zombie e non farsi venire una stretta al cuore? The Walking Dead stagione 2 by TellTale Games ti mette nei panni di una versione precedente e più triste di Clementine, dando uno sguardo a come è un bambino di fronte la fine del mondo. Migliora con l’età? La piccola Clem è ancora un importante personaggio che mostra come un bambino piccolo possa essere deformato dal dolore, mentre è ancora attaccato alle cose che gli hanno dato gioia in passato. Il suo status di sopravvisuta in una landa desolata ha acquistato sempre maggiore efficacia in un paio di anni dall’uscita del primo gioco. Tanto, infatti, che gli adulti tendono a preferire la sua opinione piuttosto che la loro.

Steve Rogers: Il nuovo Captain America

old captain america

Come si fa a far invecchiare Captain America che già è anziano? Dopo essere stato congelato nel 1940 e scongelato nel presente, Steve Rogers è la versione Marvel di Han Solo ibernato nella carbonite. Dopo avere perso le sue abilità di super soldato, Steve passò il testimone di Captain America a Sam Wilson. Senza il siero da super soldato che gli scorre nelle vene, Steve ha cominciato ad invecchiare. Con i capelli grigi e brizzolati, Steve Rogers non era più il muscoloso combattente per la libertà di una volta. Ancora operativo? La vecchiaia non lo ha comunque distrutto del tutto. Infatti dopo avere perso i suoi poteri, Steve ha assunto il titolo di comandante Steve Rogers, direttore operativo degli Avengers.

Logan: Il vecchio Wolverine

Logan

Wolverine è vecchio da quando è stato reintrodotto in The Incredible Hulk n° 181. Secondo la leggenda Logan è nato nel 1886, avendo un’età di circa 130 anni nei fumetti di oggi. La serie Old Man Logan si svolge 50 anni nel futuro, quindi Wolverine ha ben 180 anni. E’ efficace come in giovane età? La risposta è un sonoro si. A quanto pare Wolverine è stato completamente e assolutamente potente fin dalla nascita. Il tempo sembra non avere alcun effetto su quell’uomo. Se non altro, ciò ha fatto di lui un assassino ancora megliore. In Old Man Logan n°1 , James (vero nome di Logan) viaggia indietro nel tempo in qualche modo e si vendica di un criminale di basso livello che terrorizza il futuro. Nessun preambolo. Nessuna spiegazione, solo un omicidio. Questo non è molto eroico, ma è molto da Logan.

Siamo tutti d’accordo che, indipendentemente dall’età, questi eroi saranno sempre in riga per fare ciò che è giusto. Dovremmo essere tutti così audaci da scagliare frecce con le dita dei piedi a 60 anni o più. Questo è veramente l’unico modo di sopravvivere.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CineComics

Supergirl, il costume originale del 1984 all’asta su Catawiki

Pubblicato

:

supergirl

Il costume originale di Supergirl indossato dall’attrice Helen Slater nel film del 1984 ‘Supergirl’ è all’asta su Catawiki, la piattaforma online per oggetti speciali. È stato il primo film di supereroi in lingua inglese che ha avuto nel ruolo di protagonista una donna. Indossando questo costume, Slater si è fatta strada nel mondo del cinema ed è stata nominata al Saturn Award come migliore attrice nel ruolo di Supergirl. Lo scorso anno i costumi “flying” sono stati venduti in un’asta ad Hollywood per più di $ 20.000. Il costume completo di Supergirl, con l’iconico mantello rosso, l’inconfondibile logo ‘S’ inciso sul giubbotto blu e la gonna rossa, sarà all’asta dal 1° al 22 novembre 2019. La base d’asta sarà di 2.500 euro.

Il primo film di Supereroi con protagonista una donna

Uscito nel 1984, Supergirl è iconico non solo per la tematica ma anche per essere un precursore del genere. Tematicamente, il film è basato sull’omonimo personaggio della DC Comics ed è servito come spin-off della serie cinematografica Superman. Diretto da Jeannot Szwarc e scritto da David Odell, il cast includeva attori famosi tra cui Faye Dunaway, Mia Farrow, Peter O’Toole, Marc McClure, e altri ancora.

0 4

0 3

Gli abiti da supereroe nella cultura popolare

I supereroi femminili stanno guadagnando sempre più attenzione e gradimento col passare dei giorni. Personaggi come Catwoman, Wonder Woman, Captain Marvel ecc. sono sempre state apprezzate dal grande pubblico. Eventi come Halloween dimostrano che le persone di tutto il mondo amano ancora vestirsi come i loro supereroi preferiti. Indossare un costume da Supergirl ha un significato più profondo della semplice apparenza; è una dichiarazione. Il merchandising di Superman è diventato particolarmente popolare tra i giovani amanti del fumetto con potere d’acquisto. Potremmo non essere in grado di vedere Superman o Supergirl volare nel cielo, ma il logo “S”, è uno segno molto familiare perché presente in una vasta gamma di prodotti, dalle magliette alle cover dei computer portatili.

L’esperto di Catawiki di merchandising di film, memorabilia&arredi scenici Luud Smits: “Anche se per il film sono stati realizzati diversi costumi, si ritiene che questo sia stato usato per le scene all’aperto. Invito la gente a dare un’occhiata al nostro sito e vedere le immagini dettagliate di questo oggetto da collezione. I supereroi femminili sono più popolari che mai, quindi siamo entusiasti di presentarlo ai nostri offerenti su Catawiki“.

Continua a leggere

CineComics

Il ritorno di Thor: chi avrà la meglio, le speranze dei fan o il cambiamento di Waititi?

Pubblicato

:

Thor

“Sarà più grande, più rumoroso e burrascoso” ha dichiarato Taika Waititi in una intervista con Wired per Thor: Love and Thunder.
L’impronta più bizzarra che il regista vuole dare al film, accompagnata dall’entrata in scena di Nathalie Portman nel ruolo di Jane Foster, che questa volta raccoglierà Mjolnir come The Mighty Thor, ispirato all’arco di fumetti di Jason Aaron, lascia con il fiato in sospeso i fan della Marvel.

Non è ben chiara l’impronta che il regista darà al film, ma ha ben chiarito in un’intervista che la volontà dei seguaci del Dio del Tuono non sarà una linea guida fondamentale su cui si baserà il film. Il ritorno dei personaggi cambierà le carte in tavola per sorprendere il pubblico. Thor: Ragnarok è riuscito a sconvolgere il franchise di Thor in vari modi e ha permesso al personaggio di avere uno dei migliori trampolini di lancio nella storia Avengers: Infinity War, discostandosi fin troppo anche dalle varie critiche che remavano a favore di una visione troppo identica tra i vari film. Ed è proprio su quest’ottica che girano intorno le speranze e le aspettative degli spettatori, puntando sulla capacità del regista di sorprenderci con gli stessi personaggi, ma anche con qualcosa in più.

Continua a leggere

CineComics

Spider-Man: Far From Home è il film Marvel più vicino alla concezione del cinema Pixar

Pubblicato

:

Spider-Man: Far From Home, seguito dell’apprezzato primo film stand-alone dell’uomo ragno di Tom Holland, è forse il film del Marvel Cinematic Universe che più assomiglia, nei toni e nelle tematiche trattate, ad un film Pixar. Molto si deve alla scelta del villain, il Mysterio interpretato da Jake Gyllenhaal: un nemico che non sfigurerebbe in un film de Gli Incredibili, che utilizza l’inganno, l’illusione e la messa in scena (in poche parole: il cinema) per ottenere il potere sul suo pubblico di sudditi-spettatori. È grazie alla sua presenza se il secondo film diretto da Jon Watts, proprio come un’opera Pixar, ha la capacità di riflettere sull’industria del cinema di oggi, di avere una componente di “auto-analisi” (da sempre presente nei film Pixar, che hanno spesso al centro delle proprie storie l’audiovisivo, attraverso il quale i personaggi scoprono le cose o risolvono dei misteri) molto più marcata rispetto a qualsiasi altro film dell’universo cinematografico di casa Marvel.

Come già per Homecoming, anche questo secondo episodio segue i classici paradigmi da “teen movie” americano (i primi amori, le amicizie, i professori, i compagni di classe odiosi). Sorprendentemente, è proprio quando maneggia la materia “teen” che Spider-Man: Far From Home si rivela vincente, grazie anche alla sceneggiatura di Chris McKenna ed Eric Sommers. Non c’è una battuta fuori posto o una tempistica sbagliata nelle interazioni fra i giovani protagonisti di un film che si rivela in grado di arrivare alla risata in maniere sempre diverse (la brutta presentazione animata iniziale è un piccolo gioiello di comicità). È invece proprio sulla metà “supereroistica”, quella che richiederebbe un certo pathos ed una certa abilità nel comunicare il peso delle scelte che si compiono, che il cine-comic di Jon Watts comincia a scricchiolare.

Nonostante i grandi passi in avanti fatti sul piano dell’azione rispetto ad Homecoming, il suo seguito manca di quella inventiva che è invece lo standard delle produzioni Marvel che, soprattutto in Infinity War e in Endgame, hanno codificato l’importanza di far muovere i propri personaggi sullo schermo in un certo modo (nelle grandi battaglie, sono i loro gesti a determinare il loro peso nel gruppo). I drammi e i grandi dubbi che dovrebbero assillare Peter Parker sono brevemente espressi attraverso fugaci passaggi di sceneggiatura e mai davvero resi su schermo (il suo legame con Tony Stark è velocemente sintetizzato in alcune scene, che sembrano comunque non essere sufficienti a trasmettere la portata di quella perdita). Se quindi il pretesto della vacanza europea è perfetto per mettere in scena le dinamiche adolescenziali del film, non lo è altrettanto per rendere credibile lo scontro che anima il film. E se il villain Mysterio permette a Jon Watts di lavorare su concetti semplici (l’illusione, la “società dello spettacolo”) in maniera sempre sofisticata, declinandoli in modi sempre più complessi, mai diretti, ma lavorando sulle immagini (come, di nuovo, avviene in un film Pixar), le sue motivazioni non sono abbastanza solide per giustificarne le azioni. 

Il grande pregio e il grande difetto di Spider-Man: Far From Home coincidono. L’uomo ragno di Jon Watts salva il mondo, ma mentre lo fa sta in realtà pensando a come tornare nel più breve tempo possibile dalla sua MJ, a come giustificare un’ennesima, lunga, assenza ai suoi professori. E con lui, anche lo spettatore. È questa la testimonianza migliore di quanto il film lavori bene sulla componente “teen”, scherzando e creando un vero clima da gita scolastica, tralasciando forse eccessivamente quella supereroistica, affidata quasi completamente al carisma del suo villain.  

Spider-Man: Far From Home è il film Marvel più vicino alla concezione del cinema Pixar
3.8 Punteggio
Pro
Grande alchimia fra gli attori, villain in grado di aprire il film a nuovi meccanismi
Contro
Manca il pathos
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Novembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Dicembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X