Connect with us
Book Club Book Club

Cinema

Book Club, la commedia romantica over 60 con Jane Fonda e Diane Keaton

Published

on

Bill Holderman e Erin Simms, rispettivamente regista e sceneggiatrice di Book Club – Tutto può succedere, hanno entrambi 42 anni. Eppure il loro film, una commedia romantica sulla sessualità over 60 (e in alcuni casi anche over 70), sembra provare un perverso piacere nel vessare i personaggi più giovani, siano essi importanti nel racconto o semplici comparse. Quando gli attempati protagonisti hanno un po’ di tempo libero, fra una relazione e l’altra, non perdono occasione per mortificare tutti quelli che non appartengono alla loro generazione, coprendoli di ridicolo. Anzi, la decisione di “movimentare” di nuovo la loro vita sentimentale nasce dalla lettura del romanzo Cinquanta sfumature di grigio. Un libro recente, che ha avuto grande successo tra i lettori quarantenni che, però, sono irrimediabilmente spenti e quindi incapaci (almeno questo è quello che sembra voler dire il film) di uscire dalla loro depressione.

Il film di Holderman, con un cast di dive e divi di altri tempi che negli anni ’80 avrebbe fatto la gioia di qualsiasi produttore (Mary Steenburgen, Jane Fonda, Candice Bergen e Diane Keaton, ma anche Richard Dreyfuss, Craig T. Nelson, Andy Garcia e Don Johnson), mette in scena un mondo in cui gli anziani sono i protagonisti assoluti. Un mondo fatto di ricchezze impensabili per quasi tutti quelli più giovani di loro e di interni così lussuosi da sembrare finti.

Book Club

Book Club

Book Club: la versione attempata di Sex and the City 

Proprio questa ossessione verso il glamour, i vestiti e la moda, sembra ricordare quella che già animava le protagoniste di Sex and the City. Come nella famosa serie statunitense, anche le protagoniste di Book Club si divertono a darsi consigli sull’abbigliamento e a confidarsi tutti i dettagli delle loro avventure amorose. Quello di Holderman è un film commercialmente molto furbo, che nasce dalla cultura pop (E.L. James, l’autrice della trilogia Cinquanta sfumature, compare persino in un cameo) e sguazza abilmente in quel terreno da commedia sentimentale nel quale, fino a qualche anno fa, crescevano insperati successi al botteghino (ma anche stavolta il responso del pubblico, almeno quello americano, sembra essere positivo, dato che un sequel è già in programma).

Peccato che il film faccia di tutto per ricondurre le sue protagoniste ad archetipi femminili già visti e rivisti (e che negli ultimi anni sono stati fortunatamente accantonati per lasciar spazio ad una visione della donna al cinema più complessa e stratificata). Così anche l’inscalfibile regalità di Jane Fonda, l’esuberanza stilistica di Diane Keaton, l’ironia sferzante di Candice Bergen e la giocosità di Mary Steenburgen, sembrano tratti superflui, echi di un passato cinematografico che questo film non è in grado di evocare, né tantomeno di riproporre.

Book Club, la commedia romantica over 60 con Jane Fonda e Diane Keaton
50 Punteggio
Pro
Il carisma delle attrici emerge in alcune scene
Contro
Sceneggiatura banale, legato a modelli cinematografici femminili ormai superati
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Cinema

The Social Network | Sorkin lavorerebbe al sequel ad una sola condizione

Published

on

the social network aaron sorkin

Aaron Sorkin è tornato a parlare della possibilità di un sequel di The Social Network, il celebre biopic diretto nel 2010 da David Fincher, che racconta la nascita di Facebook ad opera di Mark Zuckerberg durante il suo soggiorno ad Harvard e che proprio di recente ha festeggiato i dieci anni dall’uscita in sala. 

Un sequel di The Social Network?

Il film, considerato da molte riviste specializzate uno dei migliori dell’ultimo decennio, spiccava anche grazie alla sceneggiatura perfetta di Sorkin (che per il suo lavoro vinse l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale). Lo script si basava sulla biografia “The Accidental Billionaires” di Ben Mezrich: nel film, in particolare, Sorkin si concentrava sulle controversie legali nate tra i co-fondatori del celebre social network in seguito alla sua inaugurazione e al suo conseguente successo. 

La condizioni di Sorkin

In una recente intervista con Josh Horowitz, Aaron Sorkin ha parlato della possibilità di un sequel di The Social Network, anticipando che sia lui che il produttore Scott Rudin sarebbero entusiasti all’idea di realizzare un nuovo film. Tuttavia, lo sceneggiatore premio Oscar ha specificato che un sequel vedrà davvero la luce soltanto se David Fincher accettasse di tornare alla regia. “Mi piacerebbe vedere un sequel. E anche Rudin vorrebbe vederlo”, ha spiegato Sorkin. “Credo che anche il pubblico voglia vederlo, perché quello che abbiamo scoperto è il lato oscuro di Facebook. Voglio scrivere quel film? Sì, lo voglio. Ma lo scriverei soltanto se David accettasse di dirigerlo. Anche se Billy Wilder tornasse in vita e volesse dirigere il film, io accetterei comunque soltanto se fosse coinvolto anche David”.

L’attesa per Fincher

Ma Aaron Sorkin non è l’unico a volere un sequel di The Social Network. Già diverso tempo fa, Jesse Eisenberg, che fu nominato come miglior attore protagonista agli Oscar grazie alla sua interpretazione di Zuckerberg, aveva dichiarato a IndieWire che era disposto a tornare per un sequel del film e stava solo aspettando che arrivasse la telefonata da Fincher.

Continue Reading

Cinema

I migliori ruoli di Luca Marinelli prima di Diabolik

Published

on

trust marinelli

È stato finalmente pubblicato il teaser trailer di Diabolik, il film, diretto dai Manetti Bros. e dedicato al celebre personaggio dei fumetti creato negli anni Sessanta e protagonista delle storie della casa editrice Astorina. Nel film, la cui uscita è prevista per il 31 dicembre, Luca Marinelli sarà il re del crimine, Miriam Leone sarà Eva Kant e Valerio Mastandrea sarà l’ispettore Ginko. Ma quello di Diabolik è solo l’ultimo dei personaggi memorabili interpretati dall’attore romano. Ecco quali sono i ruoli migliori della sua carriera.

Martin Eden – Pietro Marcello 

1561630618184 0620x0435 0x0x0x0 1573337031483

L’adattamento cinematografico di Martin Eden diretto da Pietro Marcello trasla la narrazione dalla California a Napoli, cambiando radicalmente il contesto nel quale la storia scritta da Jack London si evolve. L’Italia non ha la cultura della marineria che invece c’è in America, quel mito della prima metà del ‘900 per cui imbarcarsi voleva dire vivere davvero. Andare per mare non era solo una necessità (per la guerra o per esigenza economica) ma un modo di esprimere la propria libertà e di conoscere il mondo. Marinelli è bravissimo nel mettere in scena il cambiamento di Eden, che nel film è più radicale rispetto al romanzo di London dal momento che Marcello lo rimarca attraverso ellissi narrative (che di fatto rimuovono il progressivo mutamento di sensibilità) e modificazioni nelle immagini.

Trust – Danny Boyle

Luca Marinelli un credit internazionale lo aveva già prima di comparire nel film The Old Guard al fianco di Charlize Theron per Netflix. Aveva infatti un bel ruolo in Trust, la serie di Danny Boyle sul rapimento Getty. Chi l’ha vista sa che non solo non era un ruolo piccolo (interpretava uno dei rapitori calabresi) ma era probabilmente il migliore della serie. Marinelli che fa Marinelli, distribuisce a piene mani coolness all’americana, lavora di fino su dialetto e movimenti, crea un personaggio che si crede molto fico ed ha sia i tratti arroganti del bandito sia quelli umani.

Una questione privata – Fratelli Taviani

unnamed

I fratelli Taviani si confrontano con il capolavoro di Fenoglio. Luca Marinelli interpreta il partigiano Milton nel momento in cui fa ritorno alla villa dove ha conosciuto l’amata Fulvia. Il ragazzo sospetta che fra lei e il suo migliore amico Giorgio, anche lui combattente, possa essere nata una storia d’amore. Milton intraprende così un viaggio attraverso la nebbia delle Langhe per ricevere un chiarimento da Giorgio. Un percorso di conoscenza di se stesso reso in maniera magnifica su schermo attraverso il rumore delle foglie sotto le scarpe e il fruscio del vento.

Lo chiamavano Jeeg Robot – Gabriele Mainetti

marinelli jeegrobot

Lo Zingaro, ormai celebre villain interpretato da Marinelli nel film Lo chiamavano Jeeg Robot, è diventato nel giro di pochissimo tempo un personaggio amatissimo dai fan, merito della scrittura e della meravigliosa caratterizzazione datagli da un attore in stato di grazia. Marinelli, per interpretare lo Zingaro, si ispirò ad uno dei più grandi classici del cinema americano, Il Silenzio degli Innocenti. Marinelli prese infatti ispirazione dal personaggio di Buffalo Bill, lo spietato killer che scuoiava le sue giovani vittime per costruirsi un abito di pelle di donna, per dare al suo Fabio Cannizzaro quel tocco in più che lo ha reso indimenticabile.

Non essere cattivo – Claudio Caligari

121948893 a70fcd1e 66ba 4161 b508 e119e23e0a60

È il film che ha lanciato definitivamente Luca Marinelli e Alessandro Borghi. Il film si svolge ad Ostia, nel 1995. Vittorio e Cesare sono due giovani delle borgate romane, si conoscono da sempre e non sono semplici amici, ma il loro rapporto è più vicino a quello che unisce due fratelli. Entrambi si dedicano coi loro conoscenti a varie attività illegali nonché al consumo e allo spaccio di stupefacenti, rifiutando la vita da operai e cercando nella droga una via di fuga dai problemi della vita: Cesare, in particolare, vive con la madre e con la nipote Debora, figlia della sorella deceduta a causa dell’Aids e malata lei stessa. Una sera Vittorio, dopo aver assunto una importante quantità di stupefacenti e in preda alle allucinazioni, decide di cambiare vita, trovando lavoro in un cantiere e cercando di coinvolgere anche Cesare in modo da salvarlo da se stesso.

Continue Reading

Cinema

Soul | Il nuovo film Pixar è una scintilla di luce che scalda il cuore

Published

on

Soul recensione

Dopo averci regalato gioielli ricchi di emozioni come Inside Out, Monsters & Co e Up, Pete Docter dirige Soul, il nuovo film Disney Pixar che ha avuto la sfortuna di venire alla luce in piena pandemia, conteso tra piccolo e grande schermo. Film di apertura della 15° edizione della Festa del Cinema di Roma Soul racconta la storia di Joe Gardner, un musicista jazz che ha messo da parte il suo sogno di guadagnarsi da vivere con il suo talento e insegna musica in una scuola pubblica in attesa della sua grande occasione.

Ma se il momento giusto arrivasse quando ormai è troppo tardi per goderselo? Sulle note di un’avvolgente e suggestiva colonna sonora jazz, Soul si conferma uno dei migliori film Pixar degli ultimi anni, con una storia che danza costantemente tra realismo e magia parlando a un pubblico di diverse generazioni. Si avverte da subito una eco a Inside Out nella struttura psicologica e spirituale della sceneggiatura che invece di analizzare le emozioni si concentra sulla personalità e le aspirazioni di un individuo. Il nostro carattere è già deciso prima di nascere? La passione che plasma la nostra vita la scopriamo facendo una serie di esperienze o ci è donata prima di vedere la luce?

soul pixar 1

Leggi anche: Pixar | 5 film che ci hanno fatto crescere, sognare e insegnato tanto

Mentre i più piccoli rimarranno meravigliati dalla grafica colorata e un’animazione curata nel minimo dettagli come ogni altro film Pixar, i più grandi si emozioneranno e saranno invitati a riflettere su concetti molto profondi, intimi e personali. Soul è un film in cui è facile immedesimarsi, che ruota intorno all’idea del tempo fugace che spesso non sfruttiamo come dovremmo, rimandando decisioni o azioni. “Chi ha tempo non aspetti tempo” recita un antico proverbio. E Joe, il protagonista di questa storia ci aiuta a comprendere profondamente questa visione della vita all’insegna del “carpe diem”.

Una ricchezza ulteriore di Docter che si nota anche in questo suo ultimo film è tuttavia, la sua strepitosa immaginazione, capace di costruire mondi alternativi ricchi di riferimenti culturali. Oltre a Joe anche i vari personaggi che entrano nella sua vita e non-vita sono ironici, educativi e originali ognuno a modo suo, arricchendo la trama di varie sfumature. Soul è semplicemente una scintilla di luce che scalda il cuore di chi lo sguarda, ma sarebbe un peccato non vivere l’esperienza sul grande schermo. Speriamo bene.

Book Club, la commedia romantica over 60 con Jane Fonda e Diane Keaton
50 Punteggio
Pro
Il carisma delle attrici emerge in alcune scene
Contro
Sceneggiatura banale, legato a modelli cinematografici femminili ormai superati
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari