Connettiti a NewsCinema!
Captain Marvel Captain Marvel

CineComics

Captain Marvel, 15 cose da sapere sul fumetto originale

Pubblicato

:

Il debutto di Carol Danvers nel fumetto Marvel Super-Heroes # 13 del 1968  – più comunemente conosciuta come Capitan Marvel – ha contribuito a renderla uno dei personaggi più importanti della Marvel, conquistando il cuore di molti lettori con la sua determinazione e l’impressionante serie di super poteri. Piena di forza e simbolo di un  buon eroismo vecchio stile, è diventata una presenza luminosa nell’Universo Marvel, in grado di affrontare praticamente tutto ciò che le si palesa sul suo cammino. Detto ciò, data la lunga storia di Carol, circa 50 anni di fumetti, allo stesso tempo risulta anche come il personaggio che ha avuto più momenti bui.

Durante la sua permanenza sia come Marvel che come Captain Marvel, Carol Danvers è riuscita a superare costantemente l’oscurità inesorabile della sua vita, lavorando sui suoi problemi con pura determinazione e auto-consapevolezza. In occasione dell’uscita del film Captain Marvel, abbiamo pensato fosse interessante scoprire 15 curiosità di questo personaggio.

15. In parte Kree

Sebbene possa sembrare molto umana, chi non ha familiarità con Carol Danvers potrebbe essere sorpreso di apprendere che in realtà è in parte Kree – ma non nel modo in cui si potrebbe pensare. Nata come umana, le avventure di Carol con Mar-Vell alla fine hanno portato il suo DNA a fondersi con il suo, dopo che la coppia è stata investita  dall’esplosione di un dispositivo “Psyche-Magnetron”. Geneticamente parlando, questo rende Carol sia umana che Kree, dando al futuro Captain Marvel il suo set iniziale di super poteri. In effetti i legami genetici del personaggio con il Kree, probabilmente, hanno qualcosa a che fare con il ritorno di Ronan l’accusatore e Phil Coulson – quest’ultimo è stato recentemente legato a un’avventura nei viaggi nel tempo in  Agents of SHIELD  – nel prossimo film Captain Marvel.

14. Dalla parte ‘sbagliata’ di entrambe le guerre civili

Il principale problema con entrambe le grandi storie di Civil War della Marvel è che, nonostante la loro intenzione di creare una battaglia etica interessante e divisiva, i cosiddetti “cattivi” di ogni conflitto sono sempre chiari sin dall’inizio. Sfortunatamente, Carol Danvers sembra non essere al corrente di questa consuetudine, sia durante la prima e sia nella seconda guerra civile. Combattendo dalla parte di Tony Stark nella prima guerra, l’intento di Carol era quello di ridurre i danni collaterali causati dai superumani – anche attraverso l’autoritario Superhuman Registration Act – ed era in qualche modo comprensibile il suo volere. La seconda guerra civile, tuttavia, ha fatto sembrare Carol molto, molto peggio. Sperando di far rispettare un rapporto di minoranza in un sistema che consentisse di trattare potenziali criminali prima ancora che commettessero un crimine, Captain Marvel non uscì dalla storia in maniera positiva, nonostante avesse le migliori intenzioni. Come se non bastasse, in molti la incolpavano per aver causato la morte di diversi personaggi chiave in tutto il conflitto.

13. Il suo personaggio è stato eliminato dalla serie Jessica Jones

Oltre ad avere un cameo tagliato in Avengers: Age of Ultron , Captain Marvel è stata tagliata in un ruolo molto più grande in Jessica Jones per Netflix. Inizialmente destinata ad apparire accanto a Jessica come la sua migliore amica e confidente superpotente, il personaggio è stato infine rimosso dal progetto a favore di Trish Walker con Rachael Taylor. La showrunner Melissa Rosenberg in seguito ha rivelato che la possibilità di vedere Carol Danvers sul grande schermo possa aver contribuito alla sua rimozione dallo show, preferendo quindi un personaggio meno sviluppato come quello di Trish.

12 personalità split personality ms marvel

12. Una doppia personalità

Dopo l’esplosione di Psiche e Magnetron che ha dato a Carol Danvers i suoi superpoteri, il personaggio ha mantenuto un grave danno al cervello per parecchio tempo. Soffrendo di frequenti blackout, l’identità di Carol si è danneggiata, tanto da causare due entità distinte, Carol Danvers e la Sig.ra Marvel, scatenando il caos nella vita dei civili e dei supereroi. Trasformandosi nel suo alter ego con i superpoteri, ogni volta che il suo settimo senso avvertiva un pericolo imminente, ci voleva un po’ di tempo prima che Carol si rendesse conto che lei era la signora Marvel. Carol non aveva ricordi come la signora Marvel e di conseguenza, lei non aveva ricordi della sua vita umana come Carol Danvers. Tuttavia, dopo aver appreso della sua vita segreta come una supereroina, le due personalità alla fine si sarebbero unite, dando a Carol Danvers piena libertà su entrambi gli aspetti della sua vita.

11. Poteri rubati

Dopo un intenso confronto tra la signora Marvel e Rogue sul Golden Gate Bridge, Rogue ha usato la sua abilità mutante per assorbire i poteri del suo avversario – solo per rendersi conto quanto avrebbe potuto spingersi oltre. Assorbendo troppo potere di Carol, Rogue ha acquisito permanentemente alcune delle capacità, oltre ai suoi ricordi e alla sua personalità, causando un grande lavoro per la sua salute mentale. Allo stesso tempo, Carol viene salvata da Spider-Woman, dall’attacco che la lascia sprovvista di poteri e con i ricordi completamente cancellati. Per fortuna, il Professor X riesce a ripristinare la sua mente, anche se la sua connessione emotiva con il passato resta quasi del tutto interrotta. Oltre a questo i poteri di Carol restano assenti per un bel po’ di tempo dopo l’incidente, segnando una grande svolta nella storia del personaggio.

10. Ha avuto una storia con Rhodey

Essendo romanticamente legato a diversi personaggi Marvel nel corso degli anni, tra cui Wonder Man e Spider-Man, la relazione più recente – e forse più appropriata – di Carol Danvers è con War Machine, aka James Rhodes. Sulla carta i due erano una coppia perfetta. Entrambi funzionari militari di alto rango che capivano la responsabilità di essere un supereroe, ma la loro relazione fu tragicamente interrotta nelle pagine della seconda Guerra Civile. Dopo aver usato le abilità precognitive di Ulisse per tendere un’imboscata a Thanos in rapido avvicinamento, Captain Marvel e War Machine si unirono agli Ultimate nella lotta che seguì. Durante la schermaglia, non solo She-Hulk è finita in coma, ma Rhodey è stato picchiato a morte da Thanos, traumatizzando sia Carol che Tony Stark.

9. Un esperimento ha raddoppiato la sua potenza

In seguito all’assorbimento permanente dei suoi poteri da parte del mutante Rogue, Carol ha trascorso un po’ di tempo con gli X-Men, assistendoli in una serie di missioni di supporto. Durante questo periodo, Carol e gli X-Men vennero in contatto con i Brood, una razza brutale di esseri alieni parassiti. Catturando Carol, i Brood rimasero affascinati dall’esclusivo trucco genetico dell’ibrido umano Kree, eseguendo su di lei numerosi esperimenti tortuosi. Questo sbloccò il vero potenziale nei geni della signora Marvel e, dopo essere stata collegata a un fenomeno cosmico noto come un buco bianco, garantì i suoi poteri quasi divini, rimpicciolendo quelli della sig.ra Marvel. Con questi poteri, Carol prese il nome di Binary, e sebbene i suoi nuovi poteri finirono per sparire, riuscì a mantenere anche alcuni dei suoi poteri cosmici in modo permanente – rendendo la signora Marvel ancora più potente di quanto non fosse già.

8. La carriera da redattrice

Dopo la sfortunata partenza di Carol dalla sua carriera alla NASA, l’eroe high-flying si è presto aggiudicata un nuovo lavoro stando al fianco di J. Jonah Jameson al Daily Bugle. Impiegata come redattrice del Woman Magazine  – una sussidiaria del Daily Bugle creata per salvare i numeri in calo della carta – non ci volle molto perché Danvers e Jameson si facessero a pezzi. Mentre Jameson insisteva nel riempire la rivista con consigli dietetici, ricette e altri pezzi superficiali, Carol si rifiutò di seguire la visione di Jameson, scegliendo di esplorare questioni femminili più importanti. Nonostante la reputazione di Jameson è segnata per aver sparato a Peter Parker, senza averlo mai davvero licenziato, sembra che fosse serio nel lasciar andare Carol, sostituendola con un nuovo editore a causa delle diverse idee per la rivista.

house of m 7

7. La vita parallela a “Casa di M”

Non è un segreto che Carol Danvers abbia avuto una vita difficile nel corso della sua carriera da super eroina, ma il fatto che lei riesca a tirare sempre su la testa nonostante gli ostacoli incontrati sulla sua strada, dice molto del suo personaggio. Determinata a proteggere il pubblico a qualunque costo, Carol ha anche il forte desiderio di essere amata e rispettata dai civili che protegge. Questo è esattamente ciò che ottiene durante la storia di “House of M”, in cui Scarlet Witch altera drasticamente la realtà stessa, creando un mondo in cui molti degli eroi della Terra stanno vivendo i propri sogni personali. Tra questi eroi c’è Captain Marvel, diventata l’eroina più riconosciuta e amata del pianeta. Tuttavia, quando alla fine la realtà viene ripristinata, Carol è affranta dalla battuta d’arresto, ma alla fine riesce a servirsi di quell’esperienza per trasformarsi nella migliore versione di se stessa.

6. Ha scritto un articolo contro la NASA

Dopo i suoi anni formativi come membro della US Air Force, il passo successivo nella carriera di Carol Danvers superò di gran lunga le sue aspettative. Diventa la responsabile della sicurezza per la NASA. Danvers venne incaricata di seguire i movimenti dell’impero di Kree, cercando di scoprire di più sul guerriero Kree e sull’eventuale amico di Carol, Mar-Vell. Dopo aver stretto amicizia con quest’ultimo durante le loro avventure, Carol alla fine si imbatte nel dispositivo di Psiche e Magnetron che rendendola giovane eroina con i super poteri, i cui effetti collaterali includevano blackout persistenti. Naturalmente, questo – combinato con il suo fallimento nel riportare Mar-Vell alla NASA – ha messo a dura prova il suo ruolo di direttore della sicurezza, portando addirittura Carol a dimettersi. In seguito, Carol ha scritto un articolo rivelatore sulla NASA richiamando una  notevole attenzione, portandola a prendere parte alla redazione del Daily Bugle.

5. Ha avuto una crisi di identità

Sebbene molti supereroi assumono diversi mantelli nel corso delle loro rispettive storie, molto spesso hanno un’identità iconica che diventa sinonimo del loro personaggio. Carol Danvers è un’eccezione a questa regola. Inizialmente famosa per la sua identità civile, nelle pagine di Marvel Super-Heroes , diventa presto la sig.ra Marvel per diversi decenni – tanto da restare come uno dei titoli più riconosciuti del personaggio. Negli ultimi anni, tuttavia, Carol ha assunto il ruolo di Capitan Marvel – in omaggio al suo ex mentore – che probabilmente diventerà il soprannome più strettamente legato al personaggio grazie al film Captain Marvel del MCU . Oltre a questo, Carol è stata anche Binary – la versione di se stessa a energia cosmica – e Warbirds in uno dei periodi più bui del personaggio.

4. La fine della signora Marvel

È diventato come un rito di passaggio per i supereroi essere uccisi e riportati in vita in modo sempre più contorto, e questo riguarda anche Carol Danvers. Esiliata nel Limbo del controverso Avengers # 200, ci vuole del tempo prima che Carol possa ritornare. Poco dopo, Rogue assorbe in modo permanente i poteri e la personalità della signora Marvel. Durante la successiva lotta di Rogue con il controllo della presenza di Carol nella sua mente e nel suo corpo, una versione fisica della signora Marvel viene espulsa dalla sua forma fisica – sebbene la scaramuccia tra Rogue e Carol venga rapidamente interrotta quando Magneto uccide questa nella versione di Carol. In particolare, tuttavia, la signora Marvel viene assassinata nella trama del “Regno Oscuro”, dopo che Norman Osborn recluta Ghazi Rashid per ucciderla – il risultato finale finisce con la scomparsa della sig.ra Marvel prima dell’esplosione di energia.

3. Ha fatto parte di diverse squadre

Come civile, Carol sembra sempre avere un lavoro incredibilmente importante o altro, sia che lavori per l’Air Force, la NASA, la CIA o SHIELD. Tuttavia, come supereroe, Carol è ancora più impegnata, essendo un membro di spicco dei Vendicatori e delle sue varie squadre di spin-off tra cui i Nuovi Vendicatori, i Potenti Vendicatori e A-Force. Serve anche come membro fondatore degli Ultimate, mentre agisce come il leader del programma Alpha Flight Space. Nonostante non fosse un mutante, Carol guadagnò anche un posto temporaneo sugli X-Men, assistendo la squadra durante la sua guarigione. Per completare il tutto, Carol è stata associata agli Starjammers, ai Defenders, agli Excalibur e si è unita ai Guardiani della Galassia per un breve periodo.

2. Dipendenza da alcol

Nella storia della signora Marvel ci sono diversi momenti bui. Il personaggio in questione è stato sottoposto a una serie di tragedie in rapida successione – che includevano la morte brutale del suo fidanzato per mano di Mistica, il suo rapimento e il successivo lavaggio del cervello, torture, come  il suo depotenziamento ad opera di Rogue oltre alla perdita dei poteri acquisiti nei panni di Binary. In seguito a tutto ciò, Carol si unì agli Avengers come Warbird, durante i quali sviluppò una sfortunata – seppur comprensibile – dipendenza dall’alcol. Con la sua decisione di non dar voce alla sua sofferenza pesando pesantemente su di lei, il suo alcolismo ha avuto un impatto negativo sul suo lavoro di supereroe, e alla fine Carol è stata costretta a lasciare i Vendicatori. Tuttavia, con l’aiuto dell’altro alcolizzato Tony Stark riuscì a riportarla sulla strada giusta, facendo tornare Carol più forte che mai.

1. Il difficile fumetto numero 200 di Avengers

Ricordata come una delle storie più toste dei Vendicatori mai raccontate, il famigerato Avengers # 200 inizia con la signora Marvel che scopre improvvisamente e inaspettatamente di essere incinta. Come si è scoperto, la signora Marvel era stata rapita da un essere extra dimensionale di nome Marcus, che poi l’aveva intrappolata nel Limbo. Sottoposta a lavaggio del cervello e costretta a innamorarsi di Marcus, Carol era stata ingravidata dalla sua essenza contro la sua volontà, e rimandata sulla Terra per dare alla luce il suo violentatore. La storia ha suscitato notevoli critiche e indignazione per la sua liberazione grazie ai temi troppo oscuri del fumetto, così come alla noncuranza con cui sono stati affrontati gli eventi traumatizzanti della storia. Tra i molti detrattori della storia c’era nientemeno che il famoso scrittore Chris Claremont, il quale tentò di annullare la storia nell’Annuario # 10 dei Vendicatori – anche se ormai il danno era già stato fatto.

Consigliati dalla redazione

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

CineComics

Marvel Stories: L’Armatura – Il Martello – Lo Scudo, il saggio di Giuseppe Benincasa

Pubblicato

:

marvel

Finalmente disponibile in versione cartacea il saggio Marvel Stories: L’Armatura – Il Martello – Lo Scudo di Giuseppe Benincasa, già autore della guida non ufficiale completa agli Easter Egg di Ready Player One, dal titolo I Predatori degli easter egg di Ready Player One – il film. Il saggio è già al primo posto dei bestsellers di Amazon! Il saggio Marvel Stories: L’Armatura – Il Martello – Lo Scudo è un viaggio alla scoperta del genere e della definizione di cinecomic, attraverso l’analisi dei tre supereroi cardine dei primi 11 anni del Marvel Cinematic Universe. Le trilogie di Iron Man, Thor e Captain America sono analizzate e approfondite, al fine di evidenziare psicologie ed emotività, collegate alle scelte di sceneggiatura e di regia, che vanno oltre la semplice dicitura di “genere cinecomic”.

L’autore è Giuseppe Benincasa, nato a Palermo nel 1977 ha iniziato a scrivere di cinema durante gli anni del liceo, dove curava anche il giornale della scuola.
Appassionato da sempre di fumetti e cinema, ha successivamente co-fondato il sito di informazione cinematografica e televisiva Widemovie.it, ha lavorato alla promozione social di film per le maggiori case di distribuzione cinematografiche (Disney, Warner Bros., Universal Pictures, etc etc), è entrato a far parte della redazione del sito LaScimmiaPensa.com e di quella del sito Mondo FOX. Giuseppe è da qualche anno membro della giuria dell’International Online Web Fest, dove visiona cortometraggi e web series provenienti da tutto il globo.

Potete trovare la versione KINDLE al seguente link: https://amzn.to/2Wv5fxK
Potete trovare la versione CARTACEA al seguente link: https://amzn.to/2WtU2xn

Continua a leggere

CineComics

X-Men: Dark Phoenix, la spiegazione del finale senza scene post credits

Pubblicato

:

X-Men: Dark Phoenix, il nuovo lungometraggio dedicato agli X-Men, conclusione di un franchise cinematografico cominciato ormai ben 19 anni fa, si è concluso tornando al suo esordio (qui potete leggere la nostra recensione del film). La scena che conclude il cinecomic diretto da Simon Kinberg vede infatti protagonisti il Prof. X (James McAvoy) e Magneto (Michael Fassbender), in una sequenza calma ma emozionante, attraverso la quale traspaiono anche i sentimenti dei due attori principali, che hanno girato quella scena proprio durante gli ultimi giorni di lavorazione, quando stavano per dire addio per sempre ai loro rispettivi ruoli.

L’ultima scena di Dark Phoenix è quindi un riferimento a quando Charles Xavier ed Erik Lehnsherr si incontrarono decenni prima in First Class, il film in cui Xavier offrì al suo nuovo amico una casa nella sua X-mansion. Alla fine di Dark Phoenix, i ruoli sono invertiti, con Magneto che offre a Xavier una casa sulla sua isola di Genosha. Charles non accetta esplicitamente l’offerta, lasciando il suo destino in qualche modo aperto, ma accetta di giocare una (ultima?) partita a scacchi. Però Dark Phoenix è anche (e soprattutto) un film sul personaggio di Jean Gray. Come si conclude la sua vicenda?

Da qui in avanti: SPOILER!

Al termine di Dark Phoenix, Jean Gray usa il suo immenso potere per salvare i suoi amici e il pianeta da Vuk, sopravvissuto di una razza aliena che era stata spazzata via dalla Forza della Fenice, che sperava di usare il suo potere per creare una nuova casa per i suoi simili. Per cercare di eliminare l’alieno affamato di potere, Jean Grey apparentemente si sacrifica nel tentativo di annientarlo. Combinando i suoi poteri con i poteri cosmici che nel frattempo ha assorbito, aggiungendo a questi la forza delle sue emozioni, la protagonista riesce a sconfiggere il villain.

Come faccia Jean Grey ad accumulare tanto potere per sconfiggere Vuk non è ben spiegato, perché Dark Phoenix è forse il solo cine-fumetto che all’azione e ai combattimenti predilige i sentimenti e le relazioni fra i diversi personaggi. Una scelta che senza dubbio dona originalità ad un genere sempre più schiacciato sull’azione e sugli scontri adrenalinici, ma che sottrae pathos alle vicende descritte nel film. La Xavier’s School for Gifted Youngsters viene quindi rinominata per rendere onore al sacrificio di Jean (esiste un precedente fumettistico per questo, quando a dirigere l’istituto c’era Wolverine).

Stando a quanto dichiarato da James McAvoy, il finale di Dark Phoenix è stato cambiato attraverso successivi reshoot a causa della sua somiglianza con la conclusione di un altro film di supereroi di recente uscita. Se McAvoy non ha voluto dire di quale film si trattasse, la maggior parte dei fan ha pensato immediatamente a Captain Marvel, che si conclude proprio con la protagonista che salva il mondo da un’invasione aliena dopo aver preso pienamente possesso dei suoi “poteri cosmici”. Come per Carol Danvers, il momento eroico di Jean Gray arriva con la consapevolezza che le sue emozioni non sono qualcosa che la trattiene o la rende debole, ma piuttosto una fonte di grande potere.

Come tanti di voi avranno notato, non c’è alcuna scena post-credits in Dark Phoenix. Lo stesso regista ha dichiarato di non aver mai preso in considerazione l’idea di inserirne una. “Direi che questo film è in molti modi un cugino di Logan, altro film senza scene dopo i titoli di coda, perché anche questo è il capitolo finale di una saga tentacolare”, spiega Kinberg. “Quel film aveva una crudezza e un’intimità che abbiamo cercato di catturare anche in Dark Phoenix”. Qui la video recensione del film!|

Continua a leggere

CineComics

X-Men: Dark Phoenix, la recensione del film senza spoiler

Pubblicato

:

x men

Troppo spesso i cinecomics sono giudicati secondo parametri fin troppo esigenti, dimenticando che si è di fronte a film che, prima di tutto, devono essere di puro intrattenimento. X-Men: Dark Phoenix è una di quelle avventure coinvolgenti, divertenti ed emozionanti che all’uscita dal cinema ti fanno esclamare: “Che spasso!” ed è giusto così. Senza perdere tempo ad analizzarlo come se si trattasse di Schlinder’s List o Apocalypse Now, ma godendo degli effetti speciali spettacolari e necessari a raccontare una storia intrigante dall’anima dark.

Dopo l’epica conclusione di Avengers: Endgame, il 6 Giugno arriva al cinema il capitolo finale della saga degli X-Men. Diretto da Simon Kinberg, questo nuovo film ritrova i protagonisti della serie prequel iniziata nel 2011 con X-Men: L’Inizio a cui sono seguiti X-Men: Giorni di un Futuro Passato e X-Men: Apocalypse. Siamo nei primi anni ’90 e la giovane Jean Gray, interpretata da Sophie Turner (e prima da Famke Janssen) non si sente più padrona di se stessa dopo un incidente nello spazio profondo per una missione in soccorso degli astronauti NASA Challenger. Il suo destino diventa la forza trainante del film, dal momento che i suoi poteri sembrano amplificati e il professor Charles Xavier (James McAvoy) cerca di aiutarla e tenere sotto controllo la situazione, anche se non è affatto un gioco da ragazzi. Intanto Raven (Jennifer Lawrence) è in conflitto con quest’ultimo per il suo apparente egoismo e una sospetta sconsideratezza, forse a causa della sua collaborazione con l’establishment politico di Washington. 

x men dark phoenix

Jean è consumata gradualmente da un’entità cosmica oscura che l’ha quasi uccisa, ma è anche responsabile delle sue nuove incredibili capacità che la rendono onnipotente. In lei cominciano a convivere il bene e il male, lasciando spazio in breve tempo alla “fenice oscura” da cui gli X-Men e tutto il mondo devono difendersi in un’epica resa dei conti. All’inizio del film capiamo che è lei la responsabile della morte dei suoi genitori e, nonostante i tentativi di Xavier di proteggere Jean da questi ricordi dolorosi, il passato torna a bussare alla porta alimentando il suo senso di smarrimento e di inadeguatezza che esplodono letteralmente sulla scena in uno spettacolo pirotecnico ben guidato da una regia canonica, ma attenta al dettaglio. Ben vengano i cliché se usati nel modo giusto.

Leggi anche: Sophie Turner, il successo da Game of Thrones a X-Men

Interessante il sottotesto femminista di X-Men: Dark Phoenix che risulta estremamente attuale. Le mutanti femminili salvano spesso la situazione, fino alla proposta di Raven di modificare il nome del gruppo di eroi in X-Women. Si respira in tutto il film un forte pink power che trova riscontro anche nella scelta della villain, interpretata da una favolosa e algida Jessica Chastain. Questa presenza intimidatoria dai capelli platino e uno sguardo glaciale guida una razza aliena aggressiva e mutaforme, completando un cast stellare che comprende anche Michael Fassbender, Nicholas Hoult, Tye Sheridan ed Ewan Peters.

xmen2

Salti temporali, azione, relazioni personali delicate ed effetti speciali con una valenza narrativa e mai invasivi, rendono X-Men: Dark Phoenix un film di fantascienza drammatico ed elettrizzante, seppur con qualche imperfezione. Tuttavia, dopo il debole e confusionario X-Men: Apocalisse, il franchise sembra essere tornato sul binario giusto, in tempo per una conclusione che eviterà probabilmente ripetizioni e ulteriori passi falsi in futuro.

La video recensione

X-Men: Dark Phoenix, la recensione del film senza spoiler
3.5 Punteggio
Riepilogo Recensione
Avventura esplosiva e spettacolare che conclude la saga prequel degli X-Men all'insegna del pink power e di una protagonista carismatica in continua lotta tra bene e male. Jessica Chastain come villain imperdibile!
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Giugno, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Luglio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X