Connettiti a NewsCinema!

Interviste

Diego Abatantuono presenta Belli di papà: “Chiedete ai miei figli se sono stato un bravo padre”

Pubblicato

:

Si è tenuta questa mattina al cinema Adriano la conferenza stampa della nuova divertente commedia della Colorado Film: Belli di papà. Diretta da Guido Chiesa e interpretata da Diego Abatantuono, Andrea Pisani, Matilde Gioli, Francesco di Raimondo, Marco Zingaro, Barbara Tabita, Antonio Catania e Francesco Facchinetti, Belli di papà racconta la storia di Vincenzo (Diego Abatantuono), un imprenditore di successo afflitto da un grande cruccio, i suoi tre figli; Matteo (Andrea Pisani), Chiara (Matilde Gioli) e Andrea (Francesco di Raimondo) sono infatti tre giovani ventenni che, ignari di qualsiasi responsabilità, vivono una vita piena di agi e vizi. Toccherà a Vincenzo fingere la bancarotta per costringerli a fare qualcosa che non hanno mai fatto prima, lavorare. Potete trovare qui sotto le dichiarazioni del produttore Maurizio Totti, del regista Guido Chiesa e degli interpreti Diego Abatantuono, Andrea Pisani, Matilde Gioli, Francesco di Raimondo, Marco Zingaro, Barbara Tabita e Francesco Facchinetti:

belli di papà centro

Quale è il vostro rapporto con la commedia?

Guido Chiesa: Ho lavorato con la Colorado Film per la serie tv Quo Vadis, Baby. Quando mi hanno chiamato abbiamo analizzato una serie di titoli e questo era il più adatto per me. Non ho mai avuto niente contro la commedia. Ho lavorato con Jim Jarmusch che utilizza spesso nei suoi film un registro comico.

Diego Abatantuono: Amo il cinema che viene bene. Le commedie di Scola, Monicelli, Risi, Sordi, Gassmann e Tognazzi, pur essendo inarrivabili, sono dei punti di riferimento. Mi sono trovato molto bene su questo set.

Come è stato debuttare nel ruolo di attore?

Francesco Facchinetti: È stata una grandissima esperienza. Sono cresciuto con i film di Diego. A tredici anni, dopo aver visto Attila, mi sono recuperato tutta la sua filmografia. È stato emozionante trovarmelo accanto. Poi la spiritualità e la poesia sono due aspetti molto forti nel cinema. In un momento storico in cui i conduttori sono mestieranti, l’attore è ancora un lavoro ricco di magia.

Quali sono le differenze tra Belli di papà e il film Nosotros los nobles a cui è ispirato?

Guido Chiesa: Il film messicano è più vicino alle soap-opera che a un prodotto cinematografico vero e proprio. Molte modifiche le ha fatte il produttore stesso, Maurizio Totti, che ha deciso di ambientare il film al sud. Inoltre le parti drammatiche sono state molto alleggerite.

Come ha scelto il cast del film?


Maurizio Totti: Il cinema italiano viene spesso criticato. Noi ci divertiamo tentando di fare qualcosa di nuovo. Quando ad esempio facciamo un casting scegliamo le persone più giuste per i ruoli. Nel precedente film abbiamo puntato su Ornella Vanoni, questa volta su Francesco Facchinetti. È importante lavorare con le persone giuste.

Si rispecchia in Vincenzo?

Diego Abatantuono: Solitamente interpreto personaggi molto diversi da me. Il padre del film è stato molto assente mentre io, in quaranta anni di cinema, ho sempre cercato di portare la mia famiglia con me. Il genitore è un ruolo difficile e fare figli è un’avventura. La cosa più importante è sempre cercare di fare qualcosa per cambiare. Poi, se volete proprio sapere se sono stato un bravo padre, chiedetelo ai miei figli.

Che cosa pensate dei ragazzi di oggi?

Guido Chiesa: Gli adulti devono chiedere scusa per il moralismo con cui i giovani vengono sempre criticati. Sento oggi le stesse parole che si dicevano trenta anni fa. In un discorso di un faraone di tremila anni fa ho trovato le stesse identiche espressioni contro i giovani. Il moralismo non serve a niente. Se i giovani sono così è per i modelli sbagliati che hanno avuto.

Matilde Gioli: Sono ottimista. Tutti definiscono la nostra generazione come pigra ma abbiamo tanta voglia di fare. Il sistema italiano è poco incentivante ed è dura riuscire a emergere. Sono molto felice del messaggio positivo del film.

Francesco di Raimondo: Ho incontrato tanti ragazzi che si danno da fare e tanti che sono effettivamente pigri. Non dobbiamo stigmatizzare i ruoli perché c’è comunque una diversità tra le persone.

Andrea Pisani: È il secondo film che faccio e sono molto contento che inizino ad esserci finalmente dei volti nuovi nel cinema. Fino a quattro anni fa era impossibile vedere un ragazzo come tanti al cinema. Internet ha reso possibile passare da una semplice cameretta al grande schermo.

Nel film sono presenti molti Youtubers. Come li ha scovati?

Guido Chiesa: Ho conosciuto il mondo Youtube grazie ai miei figli e alla Colorado. Alcuni Youtubers fanno piccoli film professionali da soli e ottengono milioni di visualizzazioni. Hanno veramente talento.

Che cosa vi ha spinto a prendere parte a questo film?

Barbara Tabita: Adoro lavorare con Diego Abatantuono. Inoltre con Guido abbiamo sviluppato a fondo il personaggio facendo attenzione al dialetto e alle molteplici sfumature che lo contraddistinguono. Siamo riusciti a vivere sul set quel divario generazionale che separa due mondi che riescono comunque a dialogare tra di loro.

Marco Zingaro: Questa è la mia prima esperienza cinematografica. Sono pugliese ed è la prima volta che lavoro in Puglia. Abbiamo girato il film ad Avetrana e abbiamo incontrato tante persone pronte a tutto per sostenerci. Il progetto è venuto bene perché è stato costruito su fondamenta solide.

La Medusa Film distribuirà Belli di papà in tutti i cinema il prossimo 29 ottobre.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Can Yaman

Ginta si racconta tra desideri, consigli e divertenti aneddoti su Can Yaman

Pubblicato

:

gintacopertina meteoweek

“Donne, donne, oltre alle gambe c’è di più” cantavano Jo Squillo e Sabrina Salerno al Festival di Sanremo del 1991 . Leggendo il curriculum di Ginta Kubiliute Rachel, conosciuta dal pubblico solo come Ginta, questa frase sembra essere stata scritta per lei. Le esperienze collezionate in Italia e soprattutto all’estero nel campo della moda e della musica parlano per lei, dimostrando che oltre a essere bellissima è anche piena di contenuti. È il caso di dire che il detto popolare “è bella ma non balla” con lei viene completamente sfatato, perché non solo balla, ma canta, suona e nel tempo libero segue la sua passione per l’architettura.

Nata a Kaunas in Lituania ma cresciuta in Svizzera, a Lugano, la pop star internazionale conosciuta per brani come Mais oui mais non e Shanghai, giusto per citarne due, ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo a soli 12 anni, come testimonial del noto brand Lee Jeans. Ovviamente una bellezza come la sua non poteva passare inosservata, soprattutto nei concorsi di bellezza ai quali partecipa e vince, come Miss Teen Svizzera e Miss Muretto nel 2002, diventando la più giovane vincitrice della storia del concorso.

Quando la passione si trasforma in lavoro…

La bella Ginta impegnata a studiare ben 6 lingue quali, italiano, francese, inglese, lituano, russo e tedesco, inizia a coltivare una passione che riuscirà a trasformare in lavoro: la musica. Da questo momento in poi, la sua carriera da musicista e cantante prende il volo in tutto il mondo, arrivando a collaborare anche con programmi importanti, come la versione inglese del talent show X Factor. Il pubblico negli ultimi tempi ha avuto modo di vederla e sentirla cantare nel programma di successo su Canale 5, All Together Now condotto da Michelle Hunziker e J-AX.
Ginta 
con oltre 204 mila follower su Instagram lo scorso mese ha pubblicato una foto in compagnia di due volti noti agli amici di NewsCinema: Andrea Carpinteri e l’attore turco Can Yaman . Scopriamo insieme cosa ci ha raccontato la brava e bella Ginta divisa tra lavoro, passioni e aneddoti su Can Yaman.

1 5b4717465c728

Ginta

L’intervista a Ginta

Leggendo il tuo curriculum davvero sorprendente, la prima cosa che stupisce è il fatto che conosci perfettamente ben sei lingue. Dato il tuo spiccato talento nel riuscire a parlare così tanti idiomi, ce n’è uno che avresti sempre voluto imparare ma al quale hai momentaneamente rinunciato per mancanza di tempo libero?

– Assolutamente si, perché non si smette mai di imparare. Una lingua che sto studiando attualmente in maniera molto leggera è lo spagnolo. Ci metto davvero poco ad imparare lingue nuove, perché interpreto le parole come sonorità. In questo momento, non mi sono fiondata a studiare lo spagnolo con tutta me stessa perché una lingua ha bisogno di tanta pratica per essere tenuta viva. In questo momento i miei progetti sono incentrati soprattutto in Francia e Italia, non avrei modo di praticarla sufficientemente. È una lingua che mi pento di non aver studiato prima, l’avrei forse preferita al tedesco, che non ho mai avuto davvero modo di usare nella mia carriera.

Ascoltando brani come il tuo ultimo successo Shanghai, Mais oui mais non e Cet air la, come mai hai scelto di cantare prevalentemente in francese?

– Il francese a dire la verità non è soltanto una lingua, ma anche un’atmosfera. Dato che sono musicista e cerco sempre di far arrivare delle emozioni alle persone che ascoltano la mia musica, il francese rappresenta ciò che sento di raccontare. Ascoltare un brano è come far partecipare una persona nella trama di un film. Il francese in questo senso per me ne è la colonna sonora perfetta. Ogni lingua nel canto ha una vocalità e un’espressione completamente diverse. Per esempio, in italiano la mia voce sembra più pungente, in francese più sensuale, in inglese più energica. In effetti, quando registro nelle diverse lingue a volte, facendo sentire i provini in Sony Music, a volte non riescono a riconoscermi per quanto la voce e la maniera di interpretare cambiano. Un cantante può trovare davvero tantissime sfaccettature nuove provando a cantare in una lingua diversa. Il francese in questo periodo della mia vita mi rappresenta tantissimo ed è ciò che voglio esprimere a chi mi ascolta.Nulla toglie però all’inglese, che sto sperimentando per i prossimi brani…

Piccolo consiglio: prima di continuare a leggere l’intervista cliccate su ‘play’ e ascoltate il brano Shangaï ….

;

Prima regola: volersi bene, sempre!

La scorsa settimana sei stata protagonista di una diretta sul profilo Instagram di Andrea Carpinteri nella quale vi siete cimentati in una sessione di allenamento fisico da poter fare in casa, viste le misure restrittive imposte dal governo per evitare che i contagiati dal coronavirus possano aumentare. Qual è il rapporto con il tuo corpo e soprattutto vorresti dare dei consigli da seguire alle tue fan?

– Trovo che in periodi come questo bisognerebbe prendersi un pochino più cura di sé stesse e amarsi di più. Per me questo amore si traduce nello stile di vita sano –  mangiare bene e attività sportiva. Lo sporto per me un’abitudine, più che una costrizione – fa stare bene non solo fisicamente, ma col rilascio di endorfine ( ormoni della felicità) anche mentalmente. Questo equilibrio è fondamentale. Inoltre, l’attività cardio è importantissima anche per la musica, che richiede anche una certa preparazione atletica. Per esempio se devo fare un concerto di un’ora, dovrei essere allenata per almeno il doppio, quindi due ore di corsa per non perdere il fiato a metà concerto. Ti ripeto, è diventata proprio uno stile di vita perché sono abbastanza pigra. Nel senso che se non ho un’abitudine, rischio di non fare le cose. La costanza di fare sport tutti i giorni, comunque mi è rimasta da quando ero una teenager e che mi porto dietro da sempre. Tra me e me, è un appuntamento fisso giornaliero, ma alla fine se finisco per allenarmi 5 volte alla settimana, va benissimo lo stesso. Mi limito a fare esercizi semplici e mirati. Se pensate che lo sport sia un’imposizione, una cosa faticosa e fatta forzatamente, cambiate subito!

Come hai detto in diverse occasioni hai debuttato a 12 anni come modella, oggi sei un’artista di fama internazionale. Se avessi l’opportunità di fare un salto temporale nel passato, cosa diresti alla Ginta di 12 anni?

– Sicuramente le direi di farsi meno problemi mentali. Perché alla fine come ogni ragazza, crescendo mi sono portata dietro anche le mie insicurezze, le mie piccole ombre da combattere, i miei piccoli mostri che mi tormentavano sempre. Le direi di fare tutto in maniera più rilassata, perché tanto le cose accadono.

I prossimi progetti per il futuro e gli aneddoti con Can Yaman a Milano

Puoi dirci qualcosa in merito al tuo futuro professionale? E quando il pubblico avrà modo di vederti nuovamente in tv?

– Per quanto riguarda la televisione, non so dire esattamente quando potranno vedermi, data la situazione che stiamo vivendo tutti, quindi ci sono tantissime incertezze nel mondo dello spettacolo. Però posso dirti che sicuramente faccio quello che si può e ti anticipo che tra due settimane verrà pubblicato il mio nuovo singolo che invito tutti ad ascoltare e a vedere sul mio canale ufficiale YouTube.

whatsapp image 2020 03 25 at 01.19.51

Can Yaman, Ginta e Andrea Carpinteri durante il party della MTSZ Style

Lo scorso febbraio, esattamente un mese fa, insieme ad Andrea Carpinteri siete stati ospiti di un party esclusivo della MTSZ Style durante la Milano Fashion Week. In questa occasione ha preso parte l’attore turco Can Yaman. Ti andrebbe di condividere un ricordo, un aneddoto o un momento divertente che avete vissuto insieme durante quell’occasione?

– Can è una persona adorabile in tutti i sensi. È un ragazzo dolcissimo, divertente, ha un senso dell’umorismo spiccato e soprattutto ha un’umiltà unica. Andrea è come se fosse un fratello per me, siamo cresciuti insieme ed è stato veramente un weekend magico. Di aneddoti ce ne sono tantissimi, come le fan che si buttano per terra e che lui va a soccorrere, a chi gli lancia la bambina in braccio per fare la foto, scene veramente da film. Secondo me andrebbe fatta una soap opera o una commedia romantica proprio sulla vita di Can. Sicuramente è stata una delle ultime uscite che abbiamo fatto tutti, sia in Italia, in Svizzera, in Francia e anche in Turchia, perché poi la situazione ci ha portato un pochino a dividerci. Fatto sta, che io ce lo vedo benissimo nella televisione italiana, e voi?

Continua a leggere

Can Yaman

Andrea Carpinteri ci svela i nuovi progetti in tv e l’amicizia con Can Yaman

Pubblicato

:

53f615e7 168f 41e6 984f 3dcf8868e46a

Nato in Svizzera da genitori italiani, il carismatico Andrea, dopo essersi laureato in Scienze della Comunicazione, come tutti i ragazzi che vogliono dar voce alle proprie passioni, ha iniziato a studiare recitazione all’Accademia Beatrice Bracco e al Teatro Brancaccio di Roma sotto la guida del maestro Nicola Donno. Dopo una parentesi teatrale all’insegna del teatro pirandelliano, Carpinteri capisce che è il momento di dare una svolta alla propria carriera di attore, bussando alle porte del cinema italiano. Il suo desiderio riesce a concretizzarsi nel giro di pochissimo tempo, quando viene scelto dal grande Maestro Pupi Avati per ben due film, Gli amici del bar Margherita (2009) e Il cuore grande delle ragazze (2011). Questa non sarà la sua unica esperienza sul grande schermo, perché lo scrittore e regista Federico Moccia lo sceglierà per interpretare il ruolo di Markus nel film Universitari (2011).

Il “secondo” amore non si scorda mai

Dopo queste esperienze arriva il momento di conquistare anche il piccolo schermo prendendo parte in molte fiction Rai di grande successo come Il commissario Rex di Marco Serafini e Don Fabio e Che Dio ci aiuti 2 diretta Francesco Vicario. Secondo voi, un ragazzo talentuoso come Andrea avrebbe potuto percorrere solo queste due strade nella vita? Ovviamente no! Ecco che arriva il debutto in veste di conduttore televisivo accanto a una delle signore della televisione italiana Alda D’ Eusanio nelle trasmissione Vite da copertina. Negli ultimi mesi, Andrea è stato più volte protagonista di molti post sui social network, in occasione dei viaggi di lavoro in Italia dell’ attore turco Can Yaman. Per scoprire qualcosa in più su questo ragazzo che tutte le mamme vorrebbero come figlio, ecco cosa ci ha raccontato in questa intervista che definirei ‘cuore aperto’.

andrea2

L’intervista ad Andrea Carpinteri

Ciao Andrea, sui social e in pubblico appari bello, simpatico e dal sorriso contagioso. Sei davvero così perfetto come ti vedono le tue fan, oppure anche tu hai dei momenti ‘no’ come tutti? 

– “Sono tutto meno che perfetto, anzi ho molti momenti di sconforto nella mia vita ma sono una persona positiva e quindi vedo sempre il bicchiere mezzo pieno. Credo che le persone che mi seguono lo hanno capito perché spesso, anche attraverso i miei social condivido dei momenti “no”. Mi piace condividerli perché ricevo tantissimi consigli utili per superare quei momenti.”

Qualche giorno fa attraverso i social sei stato attaccato da qualche utente per aver postato una foto vicino a un tuo amico, nonostante le disposizioni del governo di mantenere le distanze a causa del coronavirus. Prontamente ti sei scusato e hai invitato tutti a prestare la massima attenzione in merito a questo periodo davvero difficile per l’Italia e il mondo intero. C’è qualcosa che vorresti dire ai tanti giovani ( e non solo) che ti seguono? 

– “Hai ragione, qualche giorno fa mi trovavo a casa del mio migliore amico, dopo una storia su Instagram  sono stato attaccato più che altro per una battuta che è stata fatta da un altro amico presente in casa che diceva di avere il vaccino al virus e lo diceva bevendo un alcolico. È stata una battuta fuori luogo e ho preferito scusarmi invece di eliminarla. Sono un ragazzo che si assume sempre le proprie responsabilità nel bene e nel male. Appena sono state date le nuove disposizioni ho immediatamente ubbidito e ora non esco di casa e quello che vorrei dire a tutti è di rispettare le regole.”

Se dovessi descriverti con 3 aggettivi quali sceglieresti?

“Sensibile, pauroso, vero.”

Laureato in comunicazione, attore di molte fiction di successo, conduttore televisivo della trasmissione Vite da copertina accanto ad Alda D’Eusanio e ultimo ( in ordine cronologico), ti sei cimentato nella tua prima esperienza come regista di un videoclip musicale. C’è qualcosa che non sai fare? Ma soprattutto, in quale di questi quattro ambiti credi che il tuo talento venga espresso maggiormente?

– “Mi piace mettermi in gioco e sono fortunato perché trovo spesso persone che mi danno questa opportunità. In realtà è un’evoluzione. Ho iniziato recitando in alcune fiction per poi capire che non era la mia strada e ho dovuto sperimentare per capire il mio percorso. Credo di essere molto bravo nel lavoro dietro le quinte.”

Tra le tante e vaste esperienze che hai avuto modo di fare in questi anni, c’è un sogno che hai dovuto lasciare momentaneamente nel cassetto? E se sì, per quale motivo?

– “Inizialmente lasciare il mondo della recitazione l’ho vissuto come una sconfitta perché dopo aver studiato dover ammettere che non era quella mia strada mi ha creato sofferenza. Oggi forse tornerei a recitare con più leggerezza e senza troppe pretese perché rimane una delle mie più grandi passioni.”

andrecan

Andrea Carpinteri e Can Yaman durante la Milano Fashion Week al party del brand MTSZ Style

Molto presto avremmo modo di vederlo in tv…

Ultimamente sul tuo profilo Instagram sei apparso in molte storie circondato dalle tantissime fan dell’attore turco Can Yaman. La sua popolarità scoppiata in Italia la scorsa estate ha letteralmente stregato il pubblico di tutte le età grazie alla sua simpatia, bellezza e talento. Senza farti domande ‘scomode’ – riguardo la possibilità di poterlo vedere nuovamente in Italia passata la crisi del coronavirus – puoi regalare a tutti i nostri lettori (soprattutto lettrici) un aneddoto vissuto insieme durante uno dei suoi viaggi nel nostro Paese?

– “Posso dirti che Can ama l’Italia come ha sempre ammesso quindi sono convinto che appena sarà possibile tornerà. Non c’è un aneddoto in particolare perché sia a Roma (per registrare una puntata del programma televisivo C’è Posta per Te) e poi ho avuto la conferma durante il weekend a Milano, (come ospite internazionale di Live Non è la D’Urso) Can è un ragazzo estremante intelligente, divertente , profondo, generoso ha forti valori legati alla famiglia e all’ amicizia oltre a essere un professionista nel suo lavoro. Ogni momento passato con lui e con il suo agente Cuneyt sono stati bellissimi. Capisco perché ha tante fan che lo seguono e sono davvero grato del fatto che tramite lui ho conosciuto tantissime donne meravigliose.”

Prima di lasciarci, un’ultima domanda: cosa ti riserverà il futuro? In quale occasione avremmo modo di vederti nuovamente all’opera?

“Come hai accennato tu prima ora sto lavorando ad un progetto con Federicofashionstyle e Roberta Serafini. Ho scritto e diretto il loro primo videoclip musicale, preparatevi perché sarà il tormentone della estate!!! Mentre in tv mi vedrete molto presto su canale 5 nel programma All together now con Michelle Hunziker e J-AX. È un programma che amo molto perché ho lavorato alle prime due edizioni come redattore. Poi è arrivata l’opportunità di stare davanti alle telecamere e per questo devo ringraziare il regista Roberto Cenci e l’autrice tv Francesca Cenci.

Continua a leggere

Cinema

Le Mans ’66, James Mangold parla del suo nuovo film a Roma

Pubblicato

:

le mans 66

Il regista James Mangold (Walk The Line, Logan – The Wolverine) ha presentato  a Roma il suo ultimo film Le Mans ’66, ambientato nel mondo delle corse automobilistiche al tempo della spietata concorrenza tra Ford e Ferrari, e ispirato alla vera storia dell’amicizia tra Carroll Shelby e Ken Miles, rispettivamente interpretati dai due formidabili attori Matt Damon e Christian Bale. Alla presenza della stampa, e insieme a Remo Girone (che nel film interpreta Enzo Ferrari) il regista Mangold ha spiegato com’è nato questo film e cos’è per lui il cinema.

Signor Mangold, le volevo chiedere se è vero che da un grande storyteller (narratore di storie) derivano grandi responsabilità? 

J. Mangold: in verità io non so se sono un grande storyteller, ma di sicuro so di prendermi le mie responsabilità facendo film. La cosa più semplice che mi viene da dire è che in effetti spesso i film che vediamo possono essere noiosi o non appassionanti, e quindi dal momento che io amo fare film, se avessi mai davvero pensato di far annoiare le persone o di “addormentarle” lascerei proprio perdere il mestiere di regista.

Signor Girone, che indicazioni ha ricevuto sul set da James Mangold?

R. Girone: James Mangold è un grande direttore di attori e io credo che mi abbia insegnato molte cose. Lui ha un occhio molto attento e si accorge subito se un attore dà l’impressione di recitare e se lavora solo in favore della macchina da presa senza essere veramente calato nel personaggio. 

Leggi anche: 5 film di Matt Damon da rivedere

D: Questo film è una metafora del filmmaking moderno, o della società moderna? Le corporation da un lato e dall’altro il talento e l’arte?

Certamente io mi rivedo molto in Shelby e Miles e in tutto questo ambiente anche se per il cinema non è esattamente la stessa cosa. Da una parte è pur vero che per fare film devi avere soldi, idee, sponsor, e devi convincere le persone della realtà dei tuoi sogni. Lo sforzo, in generale, che dobbiamo fare tutti in questo mondo per realizzare le nostre idee è quello di convincere, e quindi se la domanda è sì o no, la mia risposta è sì! Poi c’è anche da dire che lo sport negli anni in cui è ambientato il film era senz’altro un qualcosa di più puro, innocente, adesso invece è molto più simile a una corporazione, una questione di profitti e interessi, ed è un sistema che è molto peggiorato negli anni. Anche nel cinema senza dubbio devi trovare un equilibrio tra arte e commercio, ma è il motivo anche per cui amo fare film, ed è sempre una scelta quella di entrare nell’arena o meno.

ford v ferrari 758x426

D: Com’è stato lavorare con due superstar come Matt Damon e Christian Bale?

J. Mangold: Come sa anche Remo, Matt e Christian sono due attori davvero “facili”, nel senso che hanno la testa sulle spalle e amano il loro mestiere, amano recitare. E non si considerano delle grandi superstar ma quando sono sul set si considerano semplicemente degli attori al lavoro, e poi io non sono molto paziente con chi non approccia il mestiere di attore in questo modo. In questo film ci sono davvero tanti grandi attori e in ogni caso io sul set mi sento sempre un po’ il papà di tutti loro e non posso spendere tutto il mio tempo solo con due attori, ho bisogno che ci sia un team e che collabori. Matt e Christian sono esattamente così, sono generosi, sempre disponibili con i loro colleghi. Io li conosco entrambi da oltre vent’anni e quindi mi è sembrato davvero come se stessi girando un film con degli amici.

D: Remo, in questo film Enzo Ferrari è visto un po’ come l’uomo da battere. Com’è stato interpretare questo personaggio che per il nostro Paese ha rappresentato davvero tanti successi?

R. Girone: É stato davvero bello interpretare Enzo perché si tratta di un personaggio conosciuto universalmente oltre che di un uomo di fondamentale importanza per la storia italiana. Sul set tutte le macchine sono a grandezza naturale, ricostruite, ed erano tutte portate da un team di tecnici che non mi conoscevano come attore, ma quando hanno visto che io ero quello che faceva Ferrari hanno tutti voluto fare una foto con me. 

D: Quanto è stato importante la ricerca di materiale per il film?

J. Mangold: Beh in un film come questo si tratta di uno sforzo monumentale di ricerca. Avevamo un intero team di persone a fare ricerche perché bisognava raccogliere davvero tante informazioni. Non solo libri e lettere ma anche documentari da visionare, materiale d’archivio, e c’erano davvero tante registrazioni interessanti di eventi, foto, film. Abbiamo visionato tutto e devo dire che per quanto mi riguarda gli elementi più intimi dei personaggi sono sempre quelli che mi interessano di più. E c’è un aneddoto relativo a una scena e al rapporto con Miles e suo figlio Peter: la scena in cui sta tramontando il sole e loro sono all’aeroporto e Miles descrive il suo punto di vista, la sua filosofia in merito alle corse e a tutto quel mondo. Ecco, quel dialogo è stato diciamo tratto da un’intervista radiofonica di Ken Miles che noi abbiamo poi inserito nella sceneggiatura. In quel dialogo è spiegato bene quello che Miles concepiva come una sorta di “matrimonio” che deve instaurarsi tra il pilota e la macchina da corsa, in maniera da capire nei minimi dettagli e nelle sfumature fin dove una macchina può spingersi o meno, guidando con la consapevolezza di quei limiti. 

le mans 66 excl e1559543540526

R. Girone: Oggi per un attore è anche un po’ più facile reperire informazioni perché grazie a internet si possono trovare tante cose. Io per esempio ho visto le interviste di Enzo Biagi a Ferrari, i video degli amici e dei collaboratori che parlano di lui. Documentarsi oggi come attore è senz’altro più a portata di mano e ti permette di accedere a tanti dettagli ed elementi che magari prima era davvero difficile avere. 

D: Quanto conta il lavoro estetico e di fotografia in questo film?

J. Mangold: Io e il mio direttore della fotografia Phedon Papamichael abbiamo un rapporto davvero stretto. Ci conosciamo da tanto tempo e la cosa che più ci unisce è il fatto che quando siamo su un set entrambi cerchiamo l’interiorità dei personaggi, la loro vita intima e più profonda. Io vedo il mio lavoro in maniera molto semplice e questo da un lato mi aiuta anche a realizzare film più complessi.  D’altronde, secondo me l’effetto più speciale che si può ottenere in un film è quello di riuscire a fotografare il volto umano e carpirne i pensieri, i sentimenti, percepirne le emozioni. Il mio obiettivo ultimo è quello di fare film che poi la gente ricorda. E infatti i film che io amo di più non sono quelli più costosi o spettacolari ma quelli che riescono a farmi sentire qualcosa, suscitarmi qualche emozione. E in fondo la cosa che accomuna me e Phedon è il fatto che siamo sulla stesa linea d’onda, entrambi cerchiamo nell’immagine quel pensiero umano capace di catturare e restituire l’emozione in un film.  

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Aprile, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Maggio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X