Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

Fear the Walking Dead, Tommaso Arnaldi recensisce la quarta stagione

Pubblicato

:

Per la rubrica Tandem di NewsCinema, l’attore romano Tommaso Arnaldi ha scelto di scrivere la sua opinione su Fear the Walking Dead, la serie spin-off del successo planetario The Walking Dead in onda su FOX. In particolare Arnaldi si è soffermato sulla quarta stagione della serie, creata da Robert Kirkman e Dave Erickson, che segue le vicende di una famiglia allargata alle prese con la fine della civiltà in seguito ad una brutale apocalisse zombie.

Fear the Walking Dead, la quarta stagione secondo Tommaso Arnaldi

Morti viventi, Walkers, Infetti o, più semplicemente: Zombie. La parola tabù che non viene mai nominata nelle serie della AMC torna a essere centrale in questa nuova stagione di FTWD. Dopo tre anni in cui l’unica variante tra questo spin-off e la serie originale è stata l’analisi delle differenze etniche dei vari gruppi, finalmente si arriva a un punto di svolta. Con la fine del conflitto tra Rick e Negan (in The Walking Dead) e il conseguente annuncio dell’abbandono della serie da parte di Andrew Licoln, l’attenzione degli sceneggiatori si sposta sul fratello considerato “più debole”. Cambia la sigla, cambiano i protagonisti e cambia il modo in cui la storia viene raccontata: lo spettatore ha la possibilità di scegliere chi sostenere tra due gruppi di protagonisti completamente diversi.

Una scena della serie tv Fear the Walking Dead

A più di un anno di distanza dall’esplosione della diga che concludeva la terza stagione, ritroviamo Madison (Kim Dickens) a capo di una piccola comunità insediatasi all’interno di un campo da Baseball. La donna ha finalmente deciso cosa fare della sua nuova vita: sarà lei a ricostruire il Santuario (perdonatemi, è stato più forte di me.) dove avrà inizio un nuovo mondo, fatto di accoglienza e speranza… Inutile dire che quest’utopia non durerà a lungo.

Morgan (Lennie James) ha perso di nuovo sé stesso. Dopo aver salutato i compagni di tante avventure, decide di mettersi in marcia, raggiungendo a piedi la costa opposta degli Stati Uniti d’America, dove, inevitabilmente, dovrà affrontare la famiglia Clark, o almeno, quello che ne resta. I due gruppi s’incrociano, ed era ora. Basterebbe quest’anticipazione per mettersi a guardare la season 4 di Fear The Walking Dead ma AMC dimostra di saper leggere, interpretare, e spiazzare i propri telespettatori, come solo una grande azienda sa fare.

Ci sarebbe veramente tanto da dire sulla trama, sulla narrazione che procede su due linee temporali che si differenziano per fotografia, dialoghi e tanto altro, ma ogni parola rischierebbe di rivelare qualcosa e di spegnere un entusiasmo ritrovato dopo tanti anni. Da sottolineare, per concludere il tutto e far venire l’acquolina in bocca, l’introduzione di un nuovo personaggio, forse uno dei più belli all’interno dell’universo “Walking Dead”: cinturone da cowboy, Colt d’argento tirata a lucido e una mira infallibile, fa il suo ingresso in scena il pistolero dal cuore d’oro John Dorie (interpretato da un immenso Garret Dillahunt).

Morsi, fuoco, pallottole e una riflessione sul bene e sul male: Fear The Walking Dead, in questi primi otto episodi, ha superato di gran lunga l’originale.

Il film horror Hybris

Chi è Tommaso Arnaldi

Tommaso Arnaldi lo abbiamo visto al cinema nel film horror made in Italy Hybris, ma anche nella commedia Colpi di Fortuna al fianco di Christian De Sica. Gli appassionati del piccolo schermo lo ricordano come parte del cast della fiction I Liceali, I Cesaroni o Ris Roma 2, mentre per le nuove generazioni che non perdono nemmeno una web series Arnaldi è protagonista di MAMANERO al fianco di Pino Insegno. L’attore, inoltre, è molto attivo a teatro, anche in qualità di sceneggiatore. OPSIS, l’opera che ha scritto recentemente,  è arrivata in semifinale al concorso shortLAB organizzato da Massimiliano Bruno e ha vinto ConCorto 2018.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serie tv

The Walking Dead, Danai Gurira dice addio a Michonne

Pubblicato

:

danai guria

Hollywood Reporter ha riportato la notizia che Danai Gurira, la star che interpreta Michonne nella serie tv apocalittica AMC The Walking Dead, ha presentato le dimissioni dopo sette stagioni.

Gurira ha firmato un nuovo accordo per apparire in maniera più limitata nella decima stagione confermata di recente, quindi la vedremo solo in una manciata di episodi prima che esca definitivamente da uno dei franchise di punta della rete e passare agli imminenti spin-off del film della trilogia con Andrew Lincoln nel ruolo principale di Rick Grimes. Il personaggio dell’attrice quarantenne è stato romanticamente legato a Grimes dalla sesta stagione. La seconda metà di The Walking Dead 9 vede i nostri gruppi di sopravvissuti, sia vecchi che nuovi, che continuano a gestire l’impatto degli eventi che hanno avuto luogo durante i sei anni trascorsi. Dalla scomparsa di Rick, molti di questi personaggi sono diventati estranei l’uno per l’altro e, in qualche modo, estranei a se stessi.

Le regole e le modalità di sopravvivenza del gruppo non garantiscono più la loro sicurezza. Una nuova minaccia ha attraversato le loro strade, e scoprono presto che è diversa da qualsiasi minaccia che hanno incontrato o subito. Il gruppo inizierà a mettere in discussione ciò che pensa di vedere. Ciò che può sembrare normale in questo mondo post-apocalittico potrebbe essere in realtà più inquietante e terrificante di quando è scoppiata l’apocalisse. Tutto ciò che è certo è che la posta in gioco è alta e numerosa. La serie vede come protagonisti Norman Reedus (Blade II), Gurira (Black Panther, Avengers: Infinity War), Melissa McBride, Alanna Masterson, Josh McDermitt, Christian Serratos, Seth Gilliam, Ross Marquand, Austin Amelio, Tom Payne, Khary Payton e Jeffrey Dean Morgan.

Basato sulla serie di fumetti di Robert Kirkman e pubblicato da Image Comics, The Walking Dead regna come dramma numero uno in televisione tra gli adulti 18-49 nelle ultime sei stagioni.

Continua a leggere

News

The Good Fight, il primo trailer della terza stagione

Pubblicato

:

the good fight 3

CBS All Access ha pubblicato il primo trailer ufficiale di The Good Fight 3, con il nostro primo sguardo al personaggio di Michael Sheen, Roland Blum. Nella terza stagione Diane Lockhart (Baranski) cerca di capire se è possibile resistere a un’amministrazione pazza senza impazzire, mentre Adrian Boseman (Lindo) e Liz Reddick-Lawrence (McDonald) lottano con un nuovo mondo. Nel frattempo, Lucca Quinn (Jumbo) bilancia un nuovo bambino con un nuovo amore, e Maia Rindell (Leslie) trova un nuovo Mefistofele in Roland Blum (Sheen), un avvocato tipo Roy Cohn che è la corruzione incarnata.

La serie The Good Wife dai creatori Robert e Michelle King, vede la partecipazione di Christine Baranski, Cush Jumbo, Rose Leslie, Audra McDonald, Sarah Steele, Justin Bartha, Michael Boatman, Nyambi Nyambi e Delroy Lindo con Michael Sheen nella terza stagione. Ridley Scott, David W. Zucker, Liz Glotzer e Brooke Kennedy sono anche produttori esecutivi. La serie è prodotta da CBS Television Studios in associazione con Scott Free Productions e King Size Productions. La serie è distribuita in tutto il mondo da CBS Studios International.

Continua a leggere

News

Your Honor, la nuova serie Showtime con Bryan Cranston

Pubblicato

:

your honor

Hollywood Reporter ha annunciato che il sei volte vincitore di Emmy Bryan Cranston (Breaking Bad) tornerà in televisione per il thriller politico Showtime Your Honor. La serie tv di 10 episodi dai creatori di The Good Fight Robert e Michelle King e dallo showrunner Peter Moffat (The Night Of), è stata originariamente ordinata nell’ottobre 2017 ed è destinata a esplorare i vari livelli della società di New Orleans. Cranston sarà un giudice rispettato che si impegna in un gioco di menzogne, inganni e scelte impossibili in seguito a un coinvolgimento di suo figlio in un mordi e fuggi.

Peter, Michelle e Robert hanno realizzato un thriller originale con una suspense straziante, emozione cruda e complessità morale“, ha detto il presidente di Showtime Gary Levine. “E siamo semplicemente estasiati dal fatto che Bryan Cranston, uno dei migliori attori del pianeta, condivida il nostro entusiasmo e abbia accettato di essere il protagonista. Non vedo l’ora di girare Your Honor e mostrarlo al mondo!”

Cranston è legato alla produzione esecutiva della serie a fianco dei Kings e Moffat, che scriverà più episodi tra cui il pilota, e la produzione è prevista per la prima di quest’anno a New Orleans. Moffat ha lavorato in precedenza principalmente per la televisione inglese, con la prima stagione della sua acclamata serie crime, Criminal Justice, in fase di sviluppo per il pubblico americano nella forma del thriller HBO The Night Of, che è stato nominato per 12 Emmy e ne ha vinti cinque, tra cui Eccezionale Attore principale in una serie limitata o film per Riz Ahmed (Venom).

Cranston si è fatto un nome in televisione per oltre due decenni con ruoli minori su Seinfeld e The King of Queens prima di diventare famoso con l’acclamata sitcom del 2000 Malcolm in the Middle e tornare con il film drammatico del 2008 Breaking Bad, che gli è valso quattro Emmy per la sua interpretazione da protagonista ed è considerato da molti uno dei più grandi serie di tutti i tempi.

Continua a leggere

Film in uscita

Febbraio, 2019

21Feb00:00Copia Originale

Film in uscita Mese Prossimo

Marzo

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X