La buona uscita

Sinossi

La buona uscita è la storia grottesca e “feroce” della giovane borghesia napoletana, ricca e strafottente, cinica e asociale. Un mondo solitario e narciso che consuma cibo e piaceri senza alcuna relazione umana con il resto delle persone. Anzi usa le persone. L’unica che sembra accorgersi dell’aridità che la circonda è Lucrezia Sembiante, una professoressa di 50 anni ninfomane che sebbene terrorizzata dalla vecchiaia e dalla solitudine, dopo l’ultimo incontro con lo storico “amico di letto” Marco Macaluso, cerca di ribellarsi. Questa scelta la costringerà ad affrontare con maggior violenza la natura delle sue paure e delle sue scelte.

Recensione

La buona uscita, il cinico disincanto della Napoli bene

Articoli sul Film

La buona uscita, intervista al regista Enrico Iannaccone: "Vi presento la mia commedia strana"

Trailer

Al Cinema

  • TROVA
  • Nelle Vicinanze