Connettiti a NewsCinema!

Interviste

Helen Mirren a Roma: “La mia doppia vita, attrice e contadina salentina”

Pubblicato

:

Si è tenuta questa mattina all’hotel Bernini di Roma, la conferenza stampa di presentazione di Woman in Gold. Diretto da Simon Curtis ed interpretato da Helen Mirren, Ryan Reynolds, Daniel Brühl e Katie Holmes, Woman in Gold racconta l’emozionante storia vera di Maria Altmann (Helen Mirren), una donna che scopre, attraverso una serie di lettere della sorella, che il celebre quadro ‘Ritratto di Adele Blochbabuer I’ di Gustav Klimt era originariamente appartenuto alla sua famiglia. Aiutata dal giovane avvocato Randy Schoenberg (Ryan Reynolds), Maria intraprende così una dura battaglia legale per riavere ciò che le è stato indebitamente portato via. Potete trovare qui sotto le dichiarazioni del regista Simon Curtis e dell’interprete Helen Mirren:

woman in gold centro

Quale è il suo rapporto con l’Italia?

Helen Mirren: In Italia mi sento a casa. Amo la cultura italiana e adoro passare il mio tempo in Salento a produrre con le mie oltre 400 piante di melograno un succo che è un vero toccasana per la salute. La mia vita da “contadina salentina” è molto importante per me.

Che cosa pensa di un momento buio della nostra storia come la Seconda Guerra Mondiale e come ha affrontato il personaggio di Maria Altmann?

Helen Mirren: Sono cresciuta in Europa. Quello che posso dire è che è stato veramente un momento terribile. È impossibile comprendere quello che hanno fatto a molte persone in quegli anni. Questo film ci aiuta a ricordare quello che è avvenuto. Girare Woman in Gold mi ha fatto comprendere quello che ha passato la generazione dei miei genitori. Ho anche pensato molto alla mia bisnonna e alle mie prozie che, durante la Rivoluzione d’Ottobre, hanno dovuto lasciare tutte le loro proprietà in Russia per vivere in una piccola stanza. Ma il mio obiettivo più grande è stato assorbire i ricordi di Maria, quello che ha vissuto. Ho letto il libro “Ascesa e Caduta del Terzo Reich” per rendere le sue memorie vive nella mia testa.

Perché ha deciso di realizzare questo film?

Simon Curtis: Attraverso questo film ho cercato di raccontare quello che ci succede quando siamo costretti ad abbandonare la nostra famiglia. Volevo che le persone ricordassero quanto è accaduto. Anche oggi potremmo avere molti di quei terribili problemi. È importante non scordare mai che questa orribile realtà non è successa molti anni fa.

Avete potuto mai utilizzare il quadro originale per le riprese?

Simon Curtis: Non abbiamo mai potuto usare l’originale perché era impossibile trasferirlo a Londra per le riprese. La copia era comunque realizzata molto bene e, dopo l’uscita del film, si è registrato un ingente aumento dei visitatori.

Come ha scelto il cast del film?


Simon Curtis: Sono stato molto fortunato. Ho sempre voluto dirigere Helen Mirren e lavorare con Ryan Reynolds. Tra di loro è nata subito una forte alchimia. Mi sento molto grato per aver lavorato con questo cast.

I quadri possono essere considerati gli ultimi prigionieri politici della guerra?

Simon Curtis: Alla fine della seconda guerra mondiale i costi in termini di esseri umani erano così elevati che nessuno si sognava di parlare di Arte. Dopo molti anni si è cominciato a parlare della restituzione di queste opere d’arte. Infatti anche Maria, dopo aver vissuto cinquanta anni in California, pensava fosse tardi per combattere una battaglia di questo genere.

Quale è il suo rapporto con l’età che avanza e con i ruoli che sceglie?

Helen Mirren: Amiamo tutti la bellezza e la gioventù, ma abbiamo solo due scelte, vivere ed invecchiare o morire giovani. L’idea di morire giovani non mi piace perché la vita è straordinaria. Credo sia importante essere sempre pronti ed interessati ad accogliere tutto ciò che è nuovo, come la tecnologia. Ad esempio mi sento molto grata di avere il Gps. Ma, battute a parte, è importare incoraggiare i giovani ad essere idealisti. Come attrice penso sia importante impegnarsi per i cambiare i ruoli cinematografici che una donna può affrontare. Ad esempio  Greta Garbo pensava di ritirarsi a soli 38 anni, mentre oggi, attrici come Nicole Kidman, Cate Blanchett e Jennifer Aniston hanno raggiunto l’apice della carriera proprio dopo quella età. La situazione si è evoluta molto rispetto al passato.

Se Maria fosse vissuta in Italia, avrebbe ricevuto il quadro?

Helen Mirren: Il sistema giudiziario italiano è sicuramente molto complesso, ma ha affrontato sfide importanti come quella contro la mafia. Quello che posso dire è che uno straniero per vivere qui deve avere una grande pazienza. Dopotutto l’Italia è talmente bella che ne vale la pena.

La Eagle Pictures distribuirà Woman in Gold in tutti i cinema italiani il prossimo 15 ottobre.

Classe 1988, nato con l'idea del cinema come momento magico, cresciuto con la prassi di vedere (almeno) un film a sera, abituato a digerire qualsiasi tipo di opera (commedia, splatter, dramma, horror) sin dai primissimi anni di età, propenso a scavare nei meandri più nascosti per trovare sconosciute opere horror da torcersi le budella... appassionato, commerciale, anti-commerciale, romantico, seriofilo, burtoniano...disponibile davanti e dietro le quinte e disposto per tutti voi ad intervistare le più grandi celebrità italiane e internazionali... questo è Carlo Andriani ovvero: IO.

Cinema

X-Men: Dark Phoenix, intervista a Michael Fassbender e Nicholas Hoult

Pubblicato

:

x men dark phoenix quando spoiler non problema v4 42931

X-Men: Dark Phoenix (puoi leggere qui la nostra recensione) l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel, arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20thCentury Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain. In occasione dell’uscita nelle sale cinematografiche italiane a partire da domani, potete scoprire di più su alcuni dei personaggi principali del film sui mutanti.

Nella prima intervista l’attore Michael Fassbender parlerà del suo ruolo nei panni di Magneto.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

La seconda intervista riguarda l’attore Nicholas Hoult nel ruolo della Bestia.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro. Ed infine la terza intervista vede come protagonista proprio Jean Grey, la Dark Phoenix, interpretata da Sophie Turner, reduce dal successo de Il Trono di Spade.

Continua a leggere

Cinema

X Men: Dark Phoenix, l’attrice Sophie Turner racconta la sua fenice oscura (video)

Pubblicato

:

X Men Dark Phoenix

Manca sempre meno all’uscita nelle sale cinematografiche del film X-Men: Dark Phoenix, l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel. Il film arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20th Century Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro.

Continua a leggere

Cinema

Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, le video interviste al regista e all’eroe Oberai

Pubblicato

:

attacco a mumbai

Il film Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio  uscito nelle sale il 30 aprile 2019, distribuito da ITALIAN INTERNATIONAL FILM – società controllata da Lucisano Media Group – e M2 Pictures il thriller drammatico Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, diretto da Anthony Maras e interpretato da Dev Patel, attore inglese già nominato ai Premi Oscar per Lion, Armie Hammer (Chiamami col tuo nome; Mine), Jason Isaacs (saga di Harry Potter) e Nazanin Boniadi (Counterpart; Homeland).

Il film ricostruisce gli attacchi terroristici che hanno scosso Mumbai nel 2008, gettando nel caos la città più popolosa dell’India. Oltre a luoghi di ritrovo e alle stazioni, i terroristi hanno colpito anche il leggendario Taj Mahal Palace Hotel, preso di mira in quanto simbolo del progresso e dell’apertura dell’India moderna. In occasione dell’uscita nei cinema italiani, sono state rilasciate due interviste esclusive al regista Anthony Maras e allo chef Hemant Oberai, l’eroe degli attacchi terroristici del 2008. Per poter ascoltare i racconti di questi due uomini strettamente legati a questa pellicola emozionante e da vedere tutta d’un fiato, cliccate play.

Leggi anche: Chi è Armie Hammer, il nuovo sex symbol di Hollywood?

La prima clip riguarda l’intervista allo chef Oberai.

La seconda clip invece è l’intervista al regista Maras:

Nel novembre del 2008 un gruppo di terroristi mette in atto una serie di devastanti attentati in tutta Mumbai. Per tre giorni gli attentatori assediano anche il Taj Mahal Palace Hotel tenendo in ostaggio oltre 500 persone tra ospiti e dipendenti. Mentre il mondo è testimone impotente dell’attacco attraverso i media, il rinomato chef dell’hotel e un umile cameriere rischiano la vita per portare in salvo gli ospiti della struttura, una giovane coppia tenta disperatamente di proteggere il proprio bambino, mentre un freddo miliardario sembra essere interessato solo a salvare se stesso.

Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio è un thriller avvincente e pieno di suspense basato su storie vere di umanità, eroismo e sopravvivenza, che porta il pubblico nel cuore degli eventi. Storie di persone comuni e di ogni estrazione sociale, che hanno trovato il coraggio di far prevalere la propria umanità sulla violenza.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Settembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Ottobre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X