Connettiti a NewsCinema!

Cinema

Il Festival del Cinema Europeo apre con Il Golem, fra “restauro” e “attualizzazione”

Pubblicato

:

Festival del Cinema Europeo

La 20esima edizione del Festival del Cinema Europeo si è aperta con la proiezione di uno dei classici della cinematografia espressionista tedesca: Il Golem – Come venne al mondo (1920) di Paul Wegener, in una nuova versione restaurata e proposta al pubblico con la sonorizzazione dal vivo attraverso la musica originale (commissionata dalla Biennale) del Maestro Admir Shkurtaj. L’evento era già stato proposto nei medesimi termini come quello di pre-apertura della 75esima edizione del Festival di Venezia, ma riproporlo nuovamente a Lecce ha un suo significato specifico. Shkurtaj, infatti, poliedrico musicista albanese, vive in Salento da più di due decenni e ha composto e registrato la sua colonna sonora per Il Golem proprio a Lecce.

La nuova colonna sonora, eseguita dal vivo dalla Mesimèr Ensemble, segue un approccio moderno: non si limita ad essere un “commento” alle scene, come spesso avviene nel cinema muto, ma cerca di emulare attraverso il suono le atmosfere espressioniste del film, utilizzando anche effetti sintetizzati che dialogano con le note del violoncello e i vocalizzi del soprano. Sorprendentemente, questa nuova sonorizzazione sembra inserirsi in una operazione non tanto di “restauro” di un film che è sempre stato “schiacciato” dal peso di opere ad esso coeve (come quelle di Robert Wiene e Murnau), ma di “attualizzazione”. La versione restaurata de Il Golem, che vira sulle tonalità del blu, ciano, verde e baige, è a tutti gli effetti “cinema digitale”, che utilizza le moderne tecnologie per rinvigorire un film che forse non ha l’audacia formale di altri capolavori della Repubblica di Weimar, ma che assume tutta un’altra forza in questa nuova versione (anche la scena, ormai celebre, del rabbino che mostra al pubblico il passato proiettandolo come fosse un film nel film, ne guadagna in efficacia). 

Restaurare Il Golem è stata un’operazione tutt’altro che semplice e sono stati necessari oltre due anni per ultimare il lavoro. Il film, che narra di un leggendario mostro d’argilla creato dal rabbino Benjamin Yehuda Loew per aiutare gli ebrei del ghetto di Praga, è l’unico della trilogia realizzata da Wegener su questo mito ad essere pervenuto sino a noi. Adesso il film gode di un rinnovato splendore. Dalle “nuove” immagini è infatti possibile apprezzare in maniera ancora maggiore le soluzioni visive più interessanti: l’utilizzo della polvere di mica macinata, che fu sparsa per tutto il set con lo scopo di ottenere l’effetto della luce al crepuscolo, ma anche le sovrimpressioni eseguite direttamente “in macchina” al momento delle riprese o l’utilizzo delle luci nel solco della lezione di Max Reinhardt. Le scenografie de Il Golem, ideate dall’architetto Hans Poelzig, fatte di edifici gotici e case dalle cuspidi aguzze, simili nella forma ai cappelli a punta indossati dagli ebrei nel film, vivono grazie a trovate brillanti, come quella degli interni dalle “architetture antropomorfe”.

Il Festival del Cinema Europeo ha deciso quindi di riprendere l’intuizione felice di Antonio Barbera (quella di fare delle preaperture del suo Festival di Venezia degli eventi di sofisticata cinefilia, senza che questi risultino anacronistici o chiusi in se stessi) e di ripensare il significato ultimo di queste operazioni: non celebrazione aprioristica del passato, ma occasione per proporre una nuova visione su opere ormai “storicizzate” che le renda di nuovo fruibili e attuali. Riproporre questi film non è una scelta dettata dalla nostalgia di un cinema che non c’è più, ma da una concezione moderna della cinefilia come scienza seria e filologicamente rigorosa, eppure sempre calata nel contesto attuale. 

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Seven, spiegazione e teorie sul finale del film di David Fincher

Pubblicato

:

seven film

Seven è considerato da molti il film più compiuto di David Fincher. Non solo il cupo thriller del 1995  è un manifesto della sua poetica anti-hollywoodiana, ma Fincher utilizza ogni trucco cinematografico a sua disposizione per mantenere il pubblico incollato alla sedia, mentre lentamente trascina lo spettatore in un mondo senza scampo. Forse la ragione per cui Seven è ancora così amato sta proprio nella sua feroce conclusione, il cui fulcro è una misteriosa scatola che il villain consegna ai due protagonisti del film.  Ma perché Seven ha resistito così bene alla prova del tempo? Perché il suo finale è ancora oggi ricordato con angoscia e timore? Ma soprattutto, è sempre stata quella la versione prevista? Prima di rispondere a queste domande, rispolveriamo la memoria.

Il finale definitivo

Dopo essere stati sempre un passo indietro rispetto a John Doe (interpretato magistralmente da Kevin Spacey) per tutto il film, il detective David Mills (un caustico Brad Pitt) e il tenente investigativo William Somerset (un saggio e perfetto Morgan Freeman) pensano di avercela fatta quando Doe promette loro di confessare i suoi omicidi. Somerset e Mills conducono il criminale in una remota area desertica e, una volta lì, un furgone delle consegne si avvicina. Somerset si incammina verso il furgone lasciando Mills a sorvegliare Doe, che spiega al detective, con una certa soddisfazione, che quel giorno si è recato proprio a casa sua per prendere la testa della moglie incinta, Tracy (Gwyneth Paltrow). Somerset, quindi, apre il pacco recuperato dal furgone delle consegne e scopre la testa decapitata di Tracy al suo interno. Mills reagisce immediatamente e spara al serial killer, definendo il finale più cupo al cinema dai tempi di Chinatown.

seven brad pitt

Brad Pitt in Seven

Ma perché Doe ha commesso il suo ultimo atroce omicidio e lo ha rivelato in quel modo? Perché faceva tutto parte del suo piano principale, cioè quello di collegare ciascuno dei suoi omicidi ai sette peccati capitali. Per tutto il film, i peccati della lussuria (la prostituta), ingordigia (l’uomo obeso), avidità (l’avvocato), indolenza (lo spacciatore) e orgoglio (il modello), vengono “vendicati” dagli omicidi di John Doe, che nel finale completa il suo piano con i peccati dell’ira e dell’invidia. Doe spiega a Mills di aver cercato di vivere la sua vita in maniera normale, di essere felicemente sposato e innamorato di una bella donna. Ma ammette di aver fallito, commettendo il crimine di “invidia” e decapitando Tracy. Mills non è in grado di contenere se stesso e spara a Doe in preda alla ferocia (David Fincher fa comparire il volto Tracy in un fotogramma, poco prima che Mills uccida Doe, per mostrare la natura istintiva del gesto). Non a caso l’appartamento di Doe è il 5A (l’ira è il quinto peccato capitale), mentre Mills spara sei volte (l’invidia è il sesto peccato).

Leggi anche: Dexter è finito, 5 motivi per cui ci manca l’oscuro passeggero

Tuttavia, Seven non finisce in maniera totalmente aspra. Questo perché Somerset annuncia che rinuncerà al suo trasferimento per rimanere vicino a Mills. Le ultime parole che sentiamo, infatti, sono quelle di Somerset che, parafrasando Ernest Hemingway, dichiara: “Il mondo è un bel posto e vale la pena di lottare per esso. Condivido la seconda parte”. Quell’epilogo non era ciò che aveva in mente Fincher. Il regista ha infatti combattuto a lungo e duramente con lo studio di produzione per concludere Seven senza alcuna nota di speranza. Perdendo.

Le versioni alternative

Il finale di Seven è infatti cambiato diverse volte prima che si arrivasse a quello definitivo. Il progetto stuzzicò l’interesse di David Fincher solo dopo che la New Line inviò accidentalmente al regista la bozza originale contenente la scena della testa nella scatola. “Accidentalmente” perché in realtà lo studio aveva inizialmente rifiutato quella versione, comprando la sceneggiatura solo dopo l’intervento di Kevin Andrew Walker, che aveva invece previsto una conclusione più tradizionale, orientata all’azione. Si dice che il produttore Arnold Kopelson abbia fatto riscrivere la sceneggiatura a Walker in modo che Mills e Somerset intraprendessero una corsa per salvare la vita di Tracy negli ultimi minuti del film. Sfortunatamente ulteriori dettagli sul ruolo di Tracy in questa versione non sono noti, ma è noto che Pitt, Freeman e Fincher respinsero immediatamente la bozza, minacciando di abbandonare il progetto se non fosse stata cambiata.

Leggi anche: Kevin Spacey, 5 ruoli comedy da ricordare

Ma è chiaro dallo sforzo con cui hanno cercato di cambiarlo, che i produttori di Seven non sono mai stati felici del finale concordato, arrivando a prevedere anche una sequenza in cui Somerset decideva di uccidere John Doe per salvare Mills. In quella versione,  Somerset, dopo aver scoperto la testa, dichiarava di volersene tirare fuori, sparando a John Doe per impedire che il piano del suo nemico si realizzasse. Il finale piaceva a Mogan Freeman (perché Mills avrebbe comunque avuto una vita) ma poco a Brad Pitt. Un finale di prova per Seven (molto simile a quello definitivo) fu rapidamente girato dopo aver aggiunto allo storyboard la sequenza dell’uccisione di Doe per mano di Somerset, ma la reazione del pubblico fu talmente forte che i produttori abbandonarono l’idea di filmare la versione alternativa che avevano già inserito nello storyboard.

seven kevin spacey

Kevin Spacey in Seven

Ma qual era la versione del finale che davvero voleva David Fincher? L’idea del regista americano era quella di modificare il momento in cui Somerset pronuncia la citazione di Hemingway. Fincher spiega nel suo “commentary” contenuto nel dvd, che aveva programmato di “andare a nero” dopo che Mills sparava a Doe. Avrebbe quindi voluto alcuni secondi di oscurità e silenzio nei cinema, prima dell’apparizione dei titoli di coda. Sfortunatamente le proiezioni in anteprima non rispettarono il volere di Fincher: le luci si accesero immediatamente al termine del film, smorzando l’effetto del brutale assassinio di John Doe. Fincher cedette quindi alla pressione dello studio per fornire una “coda” e aggiungere la citazione di Hemingway, disprezzata dal regista e considerata una “scappatoia” da Freeman e Pitt.

Continua a leggere

Biografie

Chris Hemsworth, dalle soap opera ai fumetti il passo è breve

Pubblicato

:

Chris hemsworth

thorChris Hemsworth nasce nel 1983 a Melbourne, figlio di Leonie (un’insegnante di inglese) e di Craig (che lavora nell’ambito dei servizi sociali). La famiglia, costituita anche dai due fratelli Luke e Liam, si trasferisce ben presto a Phillip Island dove il giovane Chris, dopo aver terminato gli studi, comincia a lavorare nell’ambito dello spettacolo.

Come è facilmente intuibile, all’inizio si tratta di piccole parti: nel 2002 il ragazzo partecipa in serie televisive come Ginevra Jones, Neighbours e Marshall Law principalmente ricoprendo ruoli secondari. L’opportunità di mettersi in mostra però, non tarda ad arrivare e, due anni più tardi, Chris riesce a entrare nel cast della soap opera Home and Away, dove interpreta il personaggio di Kim Hyde per ben 171 episodi.

Chris Hemsworth: dalla tv a supereroe

Dopo l’importante esperienza con Home and Away, il giovane attore ricopre una piccola ma significativa parte in Star Trek di J.J. Abrams, dove veste i panni di George Kirk (padre del celebre capitano). Nello stesso periodo Chris trova spazio anche in pellicole come Una perfetta via di fuga di David Twohy e Cash Game con Sean Bean. Considerato dalla stampa come un attore emergente, la definitiva consacrazione arriva nel 2009, anno in cui ricopre il ruolo di protagonista nel film Thor di Kenneth Branagh. Il personaggio, frutto di una trasposizione cinematografica dei fumetti Marvel, diventa un ruolo “abituale” per Chris che appare nuovamente in tali vesti nelle pellicole The Avengers (2012), Thor: The Dark World (2013), Avengers: Age of Ultron (2015), Thor: Ragnarok (2017) e Avengers: Infinity War (2018) e Avengers: Endgame (2019).

Leggi anche: 10 cose da sapere su Chris Hemsworth

thor film

Chris Hemsworth in Thor

Nonostante il successo travolgente, l’attore australiano riesce nel difficile compito di non legarsi esclusivamente al personaggio di Thor. Tra i tanti ruoli di rilievo coperti figurano quello del cacciatore in Biancaneve e il cacciatore (2012) e in Il cacciatore e la regina di ghiaccio (2016), ma soprattutto Rush (2013), dove offre una convincente interpretazione del pilota inglese James Hunt. Nella pellicola di Ron Howard Le origini di Moby Dick (2015), veste i panni del primo ufficiale Owen Chase, per poi ritagliarsi un ruolo anche nel reboot di Ghostbusters (2015) diretto da Paul Feig.

Per tutte le ultime notizie su Chris Hemsworth clicca qui.

Continua a leggere

Cinema

Joel Edgerton si unisce al cast del film The Underground Railroad

Pubblicato

:

the king

Variety ha portato la notizia che l’imminente serie di Amazon The Underground Railroad del regista premio Oscar Barry JenkinsMoonlight ) ha ampliato il suo cast aggiungendo un’altra stella del firmamento di Hollywood. Si tratta dell’attore Joel Edgerton diventato celebre con il film drammatico Boy Erased.

Lo scrittore, regista e attore di 44 anni ha firmato per interpretare il ruolo di Ridgeway, uno schiavo fuggitivo. Edgerton si unisce a un cast che comprende già Thuso MbeduLiberty ), Chase W. DillonFirst Wives Club ) e Aaron PierreKrypton ). L’attesissima serie, basata sull’omonimo romanzo del Pulitzer di Colson Whitehead, sarà composta da 11 episodi e segue la vicenda di Cora, una schiava in una piantagione di cotone in Georgia, reietta anche tra i suoi compagni africani e in continua lotta durante l’età adulta quando incontra Cesare, un uomo arrivato recentemente dalla Virginia che la informa della Underground Railroad, ispirando entrambi a correre il rischio e a fuggire verso la libertà.

Le serie limitate illustreranno il viaggio di Cora mentre fa un’offerta disperata per la libertà nel Sud antebellico. Dopo essere fuggita dalla sua piantagione della Georgia per la rumorosa Underground Railroad, Cora scopre non una semplice metafora, ma una vera e propria ferrovia piena di ingegneri e conduttori e una rete segreta di piste e tunnel sotto il suolo meridionale.

Edgerton ha goduto di un’ondata di successo indie negli ultimi cinque anni dopo il suo debutto alla regia con il thriller psicologico 2015  The Gift , che ha recitato nel film biografico Whitey Bulger  Black Mass, il mistero fantascientifico Midnight Special , il film biografico romantico Loving e il film horror  It Comes at Night. Jenkins dirigerà e scriverà tutti gli 11 episodi della serie. La Pastel Productions di Jenkins sarà produttrice esecutiva accanto a Plan B Entertainment di Brad Pitt, che ha anche prodotto il film drammatico vincente all’Oscar Moonlight di Jenkins . Per ora non è stata fissata alcuna data di rilascio per The Underground Railroad. Unico dato certo è che verrà trasmessa in esclusiva su Amazon Prime Video.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Aprile, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Maggio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X