L’emittente non le ha potuto perdonare quell’uscita così offensiva e ha provveduto a cancellare dalla programmazione la sitcom in cui era protagonista. E’ davvero un brutto momento per Roseanne Barr, 65enne attrice e conduttrice televisiva statunitense, che è finita al centro di una marea di polemiche in seguito ad un suo tweet carico di insulti razzisti.

Roseanne Barr, tweet razzista: sitcom cancellata

roseanne barr

Roseanne Barr si è detta amaramente pentita di quanto fatto e ha voluto scusarsi pubblicamente per quel gesto così sconsiderato. Intervistata dal rabbino Boteach, la Barr si è resa conto della gravità del suo tweet e si dice pronta a fare di tutto per rimediare.

Ma l’emittente ha già annullato la sitcom e l’ha esclusa anche dallo spinoff della serie, programmato per il prossimo autunno, che si chiamerà “The Connors” dal nome della famiglia protagonista della serie.

L’attrice ha offeso Valerie Jarrett, ex braccio destro di Obama

A scatenare una reazione così dura è stato, come detto, un tweet dell’attrice 65enne, che se l’è presa con Valerie Jarrett, braccio destro dell’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. La Barr ha paragonato la Jarrett ad una scimmia: un epiteto che ha sollevato critiche e indignazione da parte dell’opinione pubblica. “Mi scuso con tutti coloro che si sono sentiti offesi, non intendevo ciò che ho lasciato intendere“, ha detto la Barr, che ha poi aggiunto di non sapere che la Jarrett fosse di colore e che si trovava sotto l’effetto di sonniferi al momento del tweet.

Scuse che non hanno evidentemente intenerito l’emittente Abc, che ha deciso di annullare la sitcom dopo nove episodi nonostante gli ascolti altissimi: “Roseanne“, infatti, era una sorta di reboot della fortunata sitcom degli anni ’90, “Pappa e Ciccia“, che vedeva protagonista proprio la Barr. Un successo talmente travolgente da ottenere addirittura i complimenti dell’attuale presidente USA, Donald Trump.