Negli anni ’80 fece impazzire un’intera generazione di ragazze con i suoi Duran Duran. Ora Simon Le Bon ha quasi 60 anni (li compirà il prossimo 27 ottobre, ndr) e continua la sua attività di frontman della band: tuttavia, il celebre cantante dovrà rispondere di un’accusa molto pesante, che risale addirittura a 23 anni fa.

“Simon Le Bon mi ha molestata davanti a tutti”

simon le bon

Lei si chiama Shereen Hariri, e nel 1995 lavorava in un negozio di dischi a Los Angeles. La donna ha deciso di raccontare su Facebook cosa accadde quando un giorno di quell’anno vennero i Duran Duran per tenere un firmacopie. Stando al resoconto di Shereen Hariri, il leader della band le avrebbe toccato il sedere e sfiorato i genitali, non curandosi della presenza di numerosi fotografi e anche diverse centinaia di fans.

Qualcuno le ha chiesto il perchè non avesse reagito subito alle molestie di Simon Le Bon. “Avevo paura di muovermi, avevo paura delle conseguenze, ed ero molto arrabbiata che lui facesse una cosa del genere. Si comportava con assoluta sicurezza e disinvoltura“, ha replicato la presunta vittima, che poi ha spiegato anche perchè ha aspettato così tanto prima di rendere pubblica questa storia.

La replica del cantante: “Tutto falso, non lo farei mai”

Ho deciso che era arrivato il momento – ha aggiunto Shereen, che non presenterà denuncia – Non volevo più tenere per me questo segreto. Voglio che tutti sappiano quello che mi ha fatto quell’uomo“.

La risposta di Simon Le Bon non si è fatta attendere. Il frontman dei Duran Duran spedisce al mittente le accuse di molestie: “Il comportamento di cui mi accusa la signora Hariri sarebbe stato per me inappropriato e inaccettabile allora, come lo è oggi. L’accusa è, semplicemente, falsa – afferma il cantante – Quando la signora Hariri mi ha contattato alcuni mesi fa, le ho proposto di incontrarci di persona per chiarirci. Invece lei ha deciso di pubblicizzare la vicenda. Sono sempre stato una persona capace di ammettere i propri sbagli e di scusarsi per i propri errori. Ma non posso scusarmi per qualcosa che non ho fatto“.