Dopo aver annunciato come suo prossimo lungometraggio In May, Steven Spielberg ha deciso di non dirigere il prossimo film American Sniper. Sia lui che la DreamWorks si sono separati dal progetto, anche se la Warner Bros. è rimasta a bordo. Il film sarà basato sul libro di memorie dell’agente Navy SEAL Chris Kyle (scritto con Scott McEwen e Jim DeFelice), uscito l’anno scorso e ufficialmente descritto come segue:

Lui è il più micidiale cecchino americano chiamato “The Devil” dai nemici e “The Legend” dai fratelli Navy SEAL. Dal 1999 al 2009, US Navy SEAL Chris Kyle ha registrato la carriera del cecchino che ha ucciso di più nella storia militare  degli Stati Uniti. Il Pentagono ha confermato ufficialmente più di 150 uccisioni fatte da Kyle (il record americano precedente era 109), ma si è rifiutato di verificare il numero totale sorprendente per questo libro. Gli insorti iracheni temevano Kyle con il nome di Al-Shaitan (“il diavolo”) e avevano messo una taglia sulla sua testa. Kyle ha guadagnato uno status leggendario tra i suoi compagni di SEALS, Marines e tra i soldati dell’esercito degli Stati Uniti,per la sua mortale precisione dai tetti e altre posizioni stealth.

Nativo del Texas che ha imparato a sparare nell’ infanzia durante le battute di caccia con suo padre, Kyle dopo il 9/11, è stato spinto in prima linea nella Guerra del Terrore, e ben presto ha trovato la sua vocazione come cecchino di livello mondiale. A Falluja, dove ha registrato un record personale di 2.100 yarde colpi per uccidere, Kyle ha sfidato il fuoco pesante per salvare un gruppo di marines intrappolati in strada, a Ramadi, e fissò i ribelli con la pistola in un corpo a corpo. Kyle parla onestamente del dolore della guerra, di essere stato colpito due volte e di aver vissuto la tragica morte di due amici cari. A questo punto resta da vedere chi dirigerà il film.

Enhanced by Zemanta