Connect with us

Cinema

Venezia 76, Igort presenta 5 è il numero perfetto: “Non chiamatelo cinefumetto”

Published

on

Dopo la prima nazionale, che avverrà questo pomeriggio a Venezia 76, il primo film da regista del fumettista Igort, 5 è il numero perfetto, sarà in tutte le sale italiane. “Il film ha vissuto una lunga fase di purgatorio”, ha spiegato l’autore dell’opera durante la conferenza stampa organizzata per il festival. “Fin dagli anni ’90, quando ancora stavo disegnando il libro in Giappone, mi contattarono diversi produttori interessati a rendere questa storia un film, dall’Italia ma anche da oltre oceano. Nel film troverete delle assonanze con la cultura asiatica, con quel modo di narrare e di raccontare le storie. È stato un lavoro corale, che ha messo insieme giovani talenti del cinema italiano e titani come Buccirosso e Servillo”. I due attori napoletani hanno infatti prestato il loro corpo (letteralmente, considerando le “modificazioni” che hanno dovuto subire per i loro ruoli) a questo atipico noir partenopeo che si ispira al cinema italiano così come a quello orientale. “È stato fatto un lavoro sul colore che proviene dalla tradizione pittorica del nostro Paese, da quella tradizione di cui c’è da andare orgogliosi”, ha spiegato Igort. “Ma il film è anche un omaggio al cinema italiano, che per me è la quintessenza del cinema moderno, che è stato inventato da registi come Antonioni e Fellini. Quella visione di cinema poi è rimbalzata in Asia per essere studiata da altri, come Wong Kar-wai e Zhang Yimou. Ho avuto il piacere di pranzare con John Woo e abbiamo parlato tutto il tempo di Sergio Leone. È l’immagine che deve farsi racconto. Il mio film non è cinefumetto, ma cinema”.

“È tutta colpa di Toni. Da quando ci siamo conosciuti, io e Toni ci siamo riconosciuti. Amiamo delle cose in comune e abbiamo dei numi tutelari culturali in comune”, ha proseguito il regista. È stato lo stesso Toni Servillo, infatti, a spingere affinché il film fosse affidato alla regia dell’autore della graphic novel originale. “Io ho sempre insistito che fosse Igort a passare dal tavolo da disegno dietro la macchina da presa perché pensavo che fosse lui la persona più giusta per conservare il cuore del racconto dal libro al cinema”, ha spiegato Servillo. “Il mio personaggio, nella gabbia di un killer in pensione, quindi spietato, nasconde la fragilità di un uomo che deve fare i conti con il bilancio della sua vita, anche rinnegando cose che giudica sbagliate”. 

“I tre attori principali hanno tre modi diversi di recitare ed è stato molto interessante vederli al lavoro. La cosa interessante del cinema è questa attesa dell’incidente. Un incidente che prima o poi deve arrivare, ce lo si aspetta, e dal quale generalmente nascono meraviglie. La sfida era anche quella di prendere tre degli autori più bravi d’Europa e fargli fare quel tipo di scene che avevo in mente e che avevo messo su carta anni prima. Mettere in silhouette degli attori di questo tipo non è una scelta facile”, ha spiegato Igort. Una scelta su cui è caduta l’ironia di Carlo Buccirosso, co-protagonista del film. “Io il film lo vedo alle 17, quindi mi riservo di ringraziarti dopo aver visto i tagli che hai fatto”, ha scherzato l’attore rivolgendosi al regista. “Spero tu non abbia abusato troppo con le silhouette”.

È stata infine Valeria Golino, anche lei nel film, a spiegare le differenze di metodo fra lei e i suoi due colleghi: “Quando parla di incidenti, Igort si riferisce a me perché solo a me possono succedere. Carlo e Toni sono due macchine da guerra. Non sbagliano mai una scena”. Una “infallibilità”, quella attribuita dalla Golino, su cui ha scherzato Servillo: “Valerio Mastandrea diceva che lavorare con me era come lavorare con la Digos. Ma in realtà ho un modo tutto mio di nascondere le incertezze”.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Backstage e Curiosità

Uncharted: un video delle scene di stunt più spettacolari del film

Published

on

Il 17 Febbraio arriva al cinema Uncharted, il film ispirato all’omonimo videogioco diretto da Ruben Fleischer con Tom Holland. Qui sotto potete gustarvi un video speciale che porta dietro le quinte del film con intervista a Tom Holland e immagini delle scene di stunt più spettacolari realizzate durante le riprese.

Uncharted, la sinossi del film

Basato su una delle serie di videogiochi più vendute e acclamate dalla critica, Uncharted presenta al pubblico il giovane e furbo Nathan Drake (Tom Holland) nella sua prima avventura alla ricerca del tesoro con l’arguto partner Victor “Sully” Sullivan (Mark Wahlberg). In un’epica avventura piena di azione che attraversa il mondo intero, i due protagonisti partono alla pericolosa ricerca del “più grande tesoro mai trovato”, inseguendo indizi che potrebbero condurli al fratello di Nathan, scomparso da tempo.

Iscriviti al nostro canale YouTube cliccando qui: MadRog Cinema

Continue Reading

Cinema

Bob’s Burgers – Il film: Il primo trailer italiano è arrivato!

Published

on

Bob’s Burgers – Il Film, la nuova avventura d’animazione comedy per il grande schermo, basata sull’omonima sitcom animata per la TV pluripremiata agli Emmy® e agli Annie® Award, arriverà il 25 maggio nelle sale italiane.

Bob’s Burgers – Il Film è diretto da Bernard Derriman e co-diretto da Loren Bouchard. La sceneggiatura è firmata da Loren Bouchard e Nora Smith. Il film è prodotto da Loren Bouchard, Nora Smith e Janelle Momary.

Bob’s Burgers: la sinossi ufficiale

La storia ha inizio quando una conduttura dell’acqua rotta crea un’enorme voragine proprio di fronte a Bob’s Burgers, bloccando l’ingresso per un tempo indefinito e rovinando i piani dei Belcher per l’estate.

Mentre Bob e Linda faticano per tenere a galla l’attività, i ragazzi cercano di risolvere un mistero che potrebbe salvare il ristorante di famiglia. Quando i pericoli aumentano, i Belcher si aiutano a vicenda per trovare la speranza e lottano per tornare al loro posto dietro al bancone.

Iscriviti al nostro canale youtube: MadRog Cinema

Continue Reading

Cinema

Addio a Gaspard Ulliel | l’attore francese morto a 37 anni in un tragico incidente

Published

on

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto all’età di 37 anni a causa di un incidente sciistico avvenuto sulle piste di Rosières, nell’Alta Loira. La notizia, che ha sconvolto il mondo del cinema, è stata confermata dalla sua famiglia attraverso un comunicato alla Agence France-Presse.

Fatale incidente sciistico per Gaspard Ulliel

Stando a quanto si apprende dalle prime, frammentarie, ricostruzioni, l’incidente sarebbe avvenuto nella giornata di ieri, martedì 18 gennaio, poco prima delle 16. Immediati, ma purtroppo inutili, i soccorsi dopo l’incidente. L’attore era stato subito trasportato in elicottero presso l’ospedale universitario di Grenoble dopo lo scontro con un altro sciatore. Stando alle testimonianze e allo stesso rapporto della gendarmeria, le condizioni dell’attore erano apparse subito critiche. 

Gaspard Ulliel è uno dei volti più noti del cinema francese, scelto da Xavier Dolan per lo struggente ruolo di Louis-Jean in È solo la fine del mondo, quello di uno scrittore malato terminale che decide di tornare nel suo paese natale e rivedere la propria famiglia dopo dodici anni di lontananza con l’intenzione di dire loro addio. L’interpretazione nel film di Dolan gli valse il premio César (il corrispettivo francese del David di Donatello) come miglior attore protagonista (dopo averlo vinto nel 2005 come migliore giovane promessa maschile con il film Una lunga domenica di passioni). Ulliel ha anche impersonato un giovane Hannibal Lecter nel film del 2007 diretto da Peter Webber.

Da poco aveva terminato le riprese della serie Marvel dedicata al personaggio di Moon Knight, in cui ha ricoperto il ruolo dell’antagonista: Midnight Man. Sarà pertanto la prima opera postuma dell’attore francese ad essere distribuita a marzo su Disney+.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari