La scuola di cinema documentario intitolata a Cesare Zavattini, apre i suoi battenti oggi, 14 novembre, avviando un processo dinamico e una progettazione permanente. Zavattini, oltre ad essere uno dei massimi esponenti del neorealismo, è stato il più importante teorico del cinema documentario e il ricercatore di un “cinema altro”, più libero e creativo. Egli credeva che lo studio dell’audiovisivo dovesse iniziare fin dall’età infantile, per poi culminare in forme laboratoriali di ricerca e sperimentazione ed è proprio in questa prospettiva che collaborò alla fondazione dell’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico, che oggi sostiene e promuove la scuola. Il progetto, che la scuola Cesare Zavattini vuole realizzare, si distingue da altre iniziative formative presenti a Roma e nel resto d’Italia, perché si specializza nella formazione giovanile verso tutte le forme del film documentario, puntando ad una professionalità che offra ampie prospettive di collocazione nel mercato del lavoro, che mai come adesso richiede sempre di più specializzazione e interdisciplinarietà.

La progettazione permanente, che caratterizza la scuola Cesare Zavattini, si apre alla ricerca di tutte le sinergie possibili con altre Istituzioni, a partire da quelle universitarie, che in passato hanno stretto significativi rapporti di collaborazione con l’Archivio dell’ Audiovisivo.

Per ulteriori informazioni cliccate su www.scuolazavattini.it o inviate una mail a info@scuolazavattini.it.