In occasione della presentazione del suo ultimo lavoro, nell’ambito del Festival Internazionale del Film di Roma, abbiamo intervistato la giovane regista romana, Antonella Cecora, che insieme a Simone Damiani, l’autore di riprese e montaggio, hanno realizzato il documentario “I Giovani al CineComando“. Inchiesta tra i giovani dai 18 ai 30 anni, in cui i protagonisti sono proprio gli intervistati, che ci raccontano le loro idee sul cinema, sulla cultura, sulla TV. Un insieme di volti eterogeneo, fresco e democratico, incorniciato nel contesto del Festival di Roma del 2010, l’anno in cui per la prima volta nella storia del cinema italiano, tutti i lavoratori dello spettacolo occupano il tappeto rosso per protestare contro i tagli della cultura.

 

L’idea ti è venuta prima o dopo di sapere della manifestazione “Tutti a Casa” del 28 ottobre 2010?

L’idea di partenza era fare un documentario d’inchiesta sui giovani.Ho lavorato per vari mesi a diverse idee e formule. Poi il movimento tutti a casa e la manifestazione sul Red Carpet mi ha dato uno spunto interessante. Il montaggio  è stato un ulteriore momento di  riscrittura ed alla fine mi è sembrato che il flusso di volti e voci fosse il modo più diretto.

Cosa è cambiato da un anno a questa parte?

I giovani che lavorano nel cinema hanno preso coscienza del proprio ruolo e dei propri bisogni ma le condizioni di lavoro sono ancora più difficili sia dal punto di vista produttivo che distributivo

Come hai preso questa grande risonanza mediatica che sta ricevendo il tuo documentario?

Mi ha sorpreso, era del tutto inattesa!Sono felice soprattutto per il mio obiettivo: fare ascoltare i giovani.

Quanto avete impegnato insieme a Simone Damiani per realizzare il documentario?

Abbiamo fatto le riprese dal primo all’ultimo giorno della festa internazionale del film dello scorso anno,Andavamo lì verso le 11 di mattina e andavamo via verso le 23 di sera! Poi c’è stato un gran lavoro di montaggio.

Quanto materiale avete raccolto?

Abbiamo piů di 10 ore di girato.Tantissimi giovani dai 18 ai 30 anni.Purtroppo avevamo una bellissima intervista ad un gruppo di ragazze di 18 anni che dicevano cose interessanti ma  il microfono non ha funzionato…

Dove potremo trovare il tuo documentario, finito il Festival di Roma?

Noi e la marechiarofilm speriamo venga preso in TV. Vorremmo tanto che la televisione desse spazio ai giovani,ai loro volti e alle loro opinioni. Se ciò non accadrà torneremo in streaming gratuito che trovo sia una bellissima soluzione. Mi piace molto l’idea che tutti possano vederlo gratuitamente da casa!


Prevedi un seguito per “i Giovani al CineComando”?

Ammetto che mi sto appassionando molto ai documentari d’inchiesta..per cui…tutto può essere!

Progetti futuri?

Beh come ogni regista, spero di fare un film!Per ora sto lavorando al soggetto…

Trailer I giovani al CineComando from marechiarofilm