Un nome, una leggenda ed ora anche un documentario. Si intitola proprio De Palma l’opera portata da Noah Baumbach e Jake Paltrow alla 72° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Un’opera che ripercorre con classe ed eleganza l’intera filmografia del grande Brian De Palma, dagli esordi con piccoli cortometraggi con l’ancora sconosciuto Robert De Niro ai film diventati veri e propri capisaldi del cinema mondiale come Carrie, Blow Out, Scarface e tanti altri: “Mi hanno proposto questo progetto in modo informale, sono andato nel loro soggiorno ed hanno iniziato a farmi domande – ha raccontato De Palma, giunto al Lido anche per ritirare il premio Jaeger-LeCoultre – questa esperienza mi ha ricordato il periodo in cui con altri registi ed amici parlavamo di cinema. Sono molto felice di rivivere con Jake e Noah quel cameratismo tra cineasti che tanto mi mancava”. Dopo oltre 40 ore di conversazioni nasce così De Palma, un documentario che, in modo fluido e lineare, svela i retroscena di opere che ci hanno fatto sognare nel corso degli ultimi cinquanta anni di cinema.

palma

Scopriamo così come De Palma ha sviluppato le incredibili sparatorie di Scarface, la macchinosa sequenza de Gli Intoccabili, l’intrigante plot di Blow Out e la spettacolare tecnica di split screen di Vestito per uccidere, ripresa successivamente anche per il thriller Passion: “Le mie idee sono visive, riesco a vederle nella mia mente come una immagine. Ho avuto idee che ho anche riutilizzato. Ad esempio da un discorso con un tecnico del suono é nato Blow Out”. Un’altra caratteristica vincente di questo documentario é la voce unica di Brian De Palma. A differenza di altre opere simili Paltrow e Baumbach concentrano l’attenzione su De Palma raccontato da De Palma, eliminando le voci di registi e attori che hanno avuto il privilegio di lavorare con lui: “Chi potrebbe mai condividere lo schermo con Brian? Nessuno ! – raccontano i due registi – Fare una retrospettiva non avrebbe avuto senso, volevamo sentire Brian raccontare la sua storia. Eravamo interessati al suo punto di vista di regista e volevamo capire le sue scelte stilistiche”.

palma2

Un aspetto fondamentale della filmografia di De Palma é anche la seducente musica che la caratterizza. Dopo aver lavorato in Le due sorelle e Complesso di colpa con Bernard Hermann, lo storico compositore di Psycho, De Palma ha iniziato a collaborare con Pino Donaggio: “Conosco Pino da molti anni. Ci siamo conosciuti a Venezia e abbiamo sviluppato un’amicizia molto forte. Il mio italiano non era buono e neanche il suo inglese, ma siamo riusciti a capirci. È nato così un rapporto magico. Ho lavorato con grandi compositori ma Pino è l’unico autore in grado di creare la musica perfetta per i miei thriller sensuali“. Ma la carriera di un autore creativo e senza freni come De Palma è stata anche costellata di difficoltà produttive, emerse in gran parte durante la lavorazione del documentario targato HBO su Joe Patierno: “Ho vissuto una pessima esperienza con la HBO. Mi hanno inviato così tante note e osservazioni che alla fine ho abbandonato il progetto. La tv é composta solo da sceneggiatori e produttori, sono loro che gestiscono gli shows. Il regista si limita a fare quello che gli viene chiesto“. L’immagine che emerge così dall’intrigante documentario di Paltrow e Baumbach é quella di un autore rivoluzionario e folle che ha fatto dell’ironia l’arma per sopravvivere nel magico mondo di Hollywood: “Se lavorate in questo settore munitevi di senso dell’umorismo. Quando fate un film la reazione del pubblico e della critica è sempre opposta a quello che immaginate. Pensate che un film verrà odiato ed invece diventerà un cult e viceversa. È importante credere in se stessi ed avere costanza, persistenza, talento e anche fortuna“. Doti che Jack Paltrow e Noah Baumbach hanno dimostrato di avere nella realizzazione di De Palma, un documentario che ci permette di entrare nella mente di uno dei più geniali registi e sceneggiatori della storia del cinema.