Connettiti a NewsCinema!

Netflix

13 Reasons why, 5 motivi per vedere il teen drama di Netflix

Pubblicato

:

Poteva il kolosso dello streaming americano non pensare di produrre una serie tv dedicata ai giovani di oggi? Assolutamente no. 13 Reasons Why arriva su Netflix dal 31 Marzo ed è il primo teen drama prodotto per il mercato globale dal canale telematico di grande influenza nella cultura pop moderna.

Ispirato all’omonimo libro scritto dall’ex bibliotecario Jay Asher (disponibile anche qui in Italia), la serie rappresenta una ventata di aria fresca per il genere teen dato che, per la prima volta, si affrontano tematiche forti con un fare deciso e senza peli sulla lingua. Si fotografano vizi e virtù della gioventù di oggi, una generazione che vuole crescere troppo in fretta e che è in cerca di emozioni forti. Infatti, grazie alla libertà di narrativa di Netflix, si può scavare  a fondo nei meandri di una gioventù disgraziata e schiava dei social.

13 Reasons Why vede come protagonista Clay Jensen, outsider di poche parole, che un bel giorno riceve un pacco contenente 13 nastri registrati da Hanna Baker, compagna di classe morta suicida qualche tempo prima. Attraverso questi 13 nastri, si spiegano i motivi che hanno spinto la giovane a compiere questo gesto; 13 storie agghiaccianti, 13 persone coinvolte direttamente o indirettamente, 13 musicassette che sconvolgono la vita di Clay e l’apparente tranquillità di un piccolo liceo di provincia. Come (quasi) tutti i prodotti originali devoluti da Netflix, anche 13 Reasons Why, è una serie che va assaporata e digerita per poterla apprezzare nella sua interezza. I motivi fondamentali? Noi ne abbiamo trovati ben 5.

5. Il potere del web e la forza di un racconto fresco e deciso

Si sa che internet è il luogo virtuale per eccellenza che ha cambiato le nostre abitudini giornaliere. E se Netflix ha cambiato il modo in cui si fruisce l’arte televisiva di oggi, perché non cercare di veicolare un disagio della società moderna attraverso la forza del web? L’impatto che 13 Reasons Why sta ottenendo, è insito proprio in questo binomio: permettere alla gioventù moderna, che già vive a contatto con il mondo del cyberespazio, di utilizzare le caratteristiche dell’universo telematico (velocità ed agilità nel trovare informazioni), per portare all’attenzione una storia forte, anticonvenzionale ma di grande impatto emozionale.

La finzione narrativa incontra la realtà dei fatti, il web che si fa portavoce di un malessere comune, una strategia perfetta, un espediente unico nel suo genere che permette sia a giovani che meno giovani, di avvicinarsi ai veri problemi di una gioventù sconsiderata e senza una linea guida.

4. Il bullismo in tutte le sue sfaccettature

Raccontare un disagio sociale che ha scatenato un folle gesto (vedi il suicido di Hanna Baker) è sicuramente un interessante spunto narrativo. Nelle 13 audiocassette che il giovane ed ingenuo Clay ascolterà, si illustrano storie di un amore malato e perverso, storie di egoismo, una gara di polarità senza eguali che ha finito per corrompere l’animo di una ragazza di per se già molto travagliato.

Il fenomeno del bullismo che occupa anche a grandi titoli i fatti di cronaca italiana, diventa (suo malgrado) il leitmotiv di 13 Reasons Why, una tematica che viene approfondita, che viene scandita attraverso i dubbi e la rabbia della giovane Hanna, una tematica dalla infinite sfaccettature che qui si presenta nella sua accezione più problematica.

3. Una serie tv ‘old fashion’

Al di là dei temi d’interesse comune, 13 Reasons why è anche una chiara e ben mirata operazione revival. E’ una celebrazione della modernità, questo è vero, ma la serie di Netflix volge anche e soprattutto uno sguardo al passato. Non solo tornano sulla scena le leggendarie mangiacassette e auto d’epoca rimesse a nuovo, ma si odono sapori ed umori che si sono persi nel tempo, come i menage familiari, i rapporti mordi e fuggi, quei baci scambiati all’ombra di un cipresso, quei jeans attillati e quelle acconciature un po’ voluminose che stanno tornando in auge. La serie è quindi un viaggio fra il passato e presente della nostra società.

2. Nessun personaggio positivo

Niente pare essere sfuggito all’occhio indagatore di Hanna Baker. La storia di odio e vendetta tratteggiata dalla giovane ragazza, mette in luce un folto gruppo di ragazzi perennemente insicuri, sempre in cerca di qualcosa di più, con la voglia di vivere forte emozioni ed incuranti del rispetto. Nonostante si prova una certa empatia con i personaggi della vicenda, ci accorgiamo che non c’è nessun personaggio in cui identificarsi, ognuno di loro ha uno scheletro nell’armadio, un torbido segreto da nascondere. E questa caratteristica rende lo sviluppo della storia un qualcosa di altamente coinvolgente ed emozionante.

1. 13 Reason Why (insieme a Riverdale) è il teen drama definitivo

Ogni generazione ha una serie tv in cui identificarsi, ma quando i tempi cambiano, quando gli usi e costumi di una società mutano troppo in fretta, come si può indirizzare il giovane di oggi verso la cosa giusta da fare? Questo è il vero punto di partenza della serie di Netflix, il drama giovanile che mancava alla tv di oggi, un mix di mistero, fatti di cronaca e disagio sociale, la serie tv definitiva che insieme a Riverdale, serie dell’americana The CW, si fa portavoce di tutta la cultura pop moderna. Si evincono molti vizi e pochi virtù di una generazione che – rispetto al passato – ha perso valori, umori e sentimenti, una generazione che oramai non ha più un leader a cui ispirarsi.

 

Carlo è un trent’enne con un cuore che batte per il cinema, le serie TV, i romanzi fantasy e la musica anni ’90. È un Maveliano D.O.C. ed è #TeamCap per scelta. Si è laureato in Giurisprudenza ma non è un avvocato, sogna di vivere a Londra e di intervistare David Tennant.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Triple Frontier, il trailer del film Netflix con Oscar Isaac e Ben Affleck

Pubblicato

:

triple frontier

Disponibile su Netflix il film Triple Frontier, diretto da J.C. Chandor e scritto da Mark Boal con un cast di vere star che include Ben Affleck, Oscar Isaac, Charlie Hunnam, Garrett Hedlund, Pedro Pascal e Adria Arjona. Potete vedere il trailer di Triple Frontier nel player qui sopra.

Un gruppo di ex agenti delle forze speciali si riuniscono per pianificare una rapina in una zona multi-confine scarsamente popolata del Sud America. Per la prima volta nella loro prestigiosa carriera, questi non celebrati eroi intraprendono la pericolosa missione per loro stessi invece che per il proprio paese. Ma quando gli eventi prendono una piega inaspettata e minacciano di andare fuori controllo, le loro abilità, la loro lealtà e la loro morale vengono spinte verso un punto di rottura in un’epica battaglia per la sopravvivenza. Diretto dal candidato all’Oscar® J.C. Chandor (Margin Call, All Is Lost, A Most Violent Year) e co-scritto da Chandor insieme al vincitore dell’Academy Award® Mark Boal (The Hurt Locker, Zero Dark Thirty).

Continua a leggere

Cinema

Non è Romantico?: Rebel Wilson intrappolata in una commedia romantica

Pubblicato

:

non è romantico?

Tu vuoi essere innamorata in un film” diceva a Meg Ryan la sua migliore amica Betsy, interpretata da Valerie Wright, nel film di Norah Ephron Insonna d’Amore. Da sempre le commedie romantiche alimentano le fantasie, ma anche le aspettative di una relazione sentimentale. Questo ha ispirato il regista Todd Strauss-Schulson per il suo film Non è Romantico?, disponibile su Netflix dal mese di Marzo 2019.

Rebel Wilson è Natalie, un architetto di talento che non ha il coraggio di far valere il proprio lavoro. Tutti si approfittano della sua personalità debole, nonostante il suo ruolo rivelante all’interno dell’ufficio. Odia profondamente le commedie romantiche, mentre la sua assistente e migliore amica passa le giornate davanti al computer a divorare film da lieto fine. Però un giorno, sulla banchina della metro, Natalie viene rapinata e, in seguito a una colluttazione, finisce per sbattere la testa contro un pilone di acciaio. Si risveglia in ospedale e New York sembra essersi trasformata in un luogo sereno, accogliente e profumato di fiori, dove la gente è estremamente gentile e positiva. Ma soprattutto i vari esseri maschili affascinanti che Natalie incontra sembrano essere tutti pazzi di lei, pieni di attenzioni e sexy. Il suo peggiore incubo sembra essere diventato realtà: è intrappolata in una commedia romantica che lei ha sempre considerato “tossica e inverosimile“.

commedia netflix

Sulla scia del film Come ti divento Bella con Amy Schumer o del fiabesco Come D’Incanto con Amy Adams, Non è Romantico? mescola realtà e fantasia per un’avventura surreale ricca di scene esilaranti e con una sceneggiatura a tratti geniale che fa ridere con intelligenza. “Non faranno mai film su di noi perché in caso dovrebbero cospargere di prozac i popcorn” dice la mamma alla Natalie adolescente nella intro del film, prima di ritrovarla adulta senza alcuna fiducia in se stessa e negli altri. Il suo collega Josh (Adam Devine) la guarda ogni giorno da un angolo dell’ufficio e non nasconde un interesse verso di lei, ma Natalie è troppo distratta dal piangersi addosso e non riesce a capire che anche lei può vivere la favola, se solo riuscisse ad aprirsi al mondo.

rom

Sfruttando l’ironia di Rebel Wilson che abbiamo già apprezzato in altre commedie leggere come Single ma non Troppo, Le Amiche della Sposa e Pitch Perfect, il regista confeziona una commedia frivola e divertente che, tuttavia, fa riflettere sull’importanza della fiducia in se stessi e rivela le basi reali degli ingredienti vincenti di film come Pretty Woman, Notting Hill, Il matrimonio del mio migliore amico. Il destino, gli incontri fortuiti, le coincidenze che profumano di magia, le corse a rallentatore per impedire la fine di un amore o riprendersi una persona importante dopo eventi che l’hanno allontanata, mentre abiti colorati e costosi sfilano sullo schermo e i consigli dell’amico gay caricaturale sono sempre risolutivi.

Non è Romantico? si prende in giro da solo, ma con stile e ironia. Non mancano momenti di puro musical che stupiscono la protagonista: “Come facevano a sapere la coreografia?” prima che una voce narrante imprevista riflette sulle sue azioni e sulle sue emozioni. E poi Liam Hemsworth che canta, balla e suona il sax è davvero imperdibile. Ve lo consigliamo per qualche ora spensierata.

Non è Romantico – TRAILER

Continua a leggere

Netflix

Turn Up Charlie, Idris Elba diventa Dj per Netflix

Pubblicato

:

turn up charlie

Il nuovo trailer di Turn Up Charlie è online e puoi vederlo nel player qui sopra. L’imminente serie tv in onda su Netflix vede la partecipazione di Idris Elba (Star Trek Beyond) nei panni di Charlie, un DJ in difficoltà e uno scapolo inguaribile. A Charlie viene concessa un’ultima possibilità di successo quando, a malincuore, diventa una tata maschio, o meglio “manny”, per la figlia del suo famoso nipote, il suo migliore amico Gabby.

Turn Up Charlie ritrova nel cast anche Frankie Hervey nei panni di Gabby, Piper Perabo (Coyote Ugly, Looper) nei panni di Sara e J.J. Feild (Professor Marston and the Wonder Women) come David. Inoltre, Angela Griffin, Guz Khan, Jocelyn Jee Esein, Jade Anouka, Cameron King e Dustin Demri-Burns sono stati scritturati come guest star.

La serie è co-creata da Elba e Gary Reich che serviranno entrambi come produttori esecutivi insieme a Tristram Shapeero, Martin Joyce e Ana Garanito. Brown Eyed Boy Productions di Reich e Green Door Pictures di Elba saranno co-produttori. Sia Shapeero che Matt Lipsey dirigeranno la nuova commedia. La prima stagione di Turn Up Charlie sarà su Netflix a partire dal 15 marzo.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Marzo, 2019

21Mar00:00A un Metro da Te

21Mar00:00Il professore e il pazzo

21Mar00:00Instant Family

21Mar00:00La Conseguenza

21Mar00:00Peppermint - L'Angelo della Vendetta

21Mar00:00Peterloo

21Mar00:00Il Venerabile W.

21Mar00:00Scappo a Casa

Film in uscita Mese Prossimo

Aprile

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X