Connettiti a NewsCinema!

Gossip Cinema

5 star che non sanno promuovere i loro film

Pubblicato

:

Promuovere un film può essere noioso. Ebbene sì, i tour di promozione mettono spesso a dura prova gli attori con viaggi in giro per il mondo, domande scomode e fan pronti a tutto per un autografo. Ma ci sono anche quelle star che, consapevolmente o non, rovinano la promozione dei loro stessi film. A tal proposito non possiamo non citare il tour di Batman v Superman: Dawn of Justice che ha visto Henry Cavill alle prese con affermazioni poco felici: “Non recito per l’arte ma per i soldi. Adoro la prima classe”. Nonostante sia apprezzabile la sincerità, non è proprio il tipo di dichiarazioni che le major si augurano durante la promozione di un’opera. In ogni caso c’è anche chi ha fatto di peggio! Ecco quindi le 5 star che è meglio non promuovano i loro film:

Bruce.Willis5) Bruce Willis: Il divo di Die Hard è tanto simpatico nei film quanto odioso nella vita reale. Almeno così lo ha definito Kevin Smith durante il discorso di ringraziamento al cast e alla crew di Poliziotti fuori – Due sbirri a piede libero: “Ringrazio chiunque abbia lavorato al film tranne Bruce Willis che è un idiota”. Il John McClane cinematografico ha infatti deriso il film durante il party di presentazione alla stampa e costretto lo stesso Smith a considerarlo “il più infelice degli esseri umani”. E non è tutto! Durante la presentazione di Red 2 Willis è apparso scontroso e ostile: “Questo non è recitare, la parte divertente è finita. Stiamo solo vendendo il film. Sto faticando per rimanere sveglio durante l’intervista”.

Basilisk stare … Tommy Lee Jones. Photograph: Robert Gauthier/Contour by Getty Images4) Tommy Lee Jones: Quando hanno chiesto a Melissa Rivers la persona meno piacevole da intervistare la risposta è stata: “Senza dubbio, Tommy Lee Jones. Non voleva essere lì, era infelice“. Effettivamente, durante la presentazione di Men in Black 3, Jones ha dato una serie di risposte monosillabi ai giornalisti e, in alcuni casi, si è limitato a lanciare occhiatacce. Ma Tommy Lee Jones non è ostile solo con la stampa ma con tutti: Anthony Breznican di Entertainment Weekly lo ha definito “uno dei più paurosi uomini di Hollywood“. Ve lo sareste mai aspettato dall’agente K?

jesse-eisenberg_612x380_03) Jesse Eisenberg: Se il Lex Luthor di Batman v Superman ha avuto la nomination all’Oscar per il ruolo dello scontroso Mark Zuckerberg in The Social Network un motivo c’è e non parliamo dell’indiscutibile talento. In una intervista del 2013 per Univison Eisenberg non ha preso bene l’impreparazione di Romina Pugh, una reporter che si è permessa di chiamare Morgan Freeman solo Freeman: “Sei in un team di baseball con lui? Se devi piangere non farlo ora ma dopo l’intervista. Altrimenti sembrerà che sia io il responsabile”. E non è tutto! Quando la giornalista si è presentata, Eisenberg ha esordito con un “Non ti ho mai sentita nominare perché non ti ho mai voluta trovare. Speravo di rimanere solo. Anzi, sei ancora qui?”. Un vero villain…

ford

2) Harrison Ford: Il divo di Star Wars ha rilasciato tante indimenticabili interviste nel corso della sua carriera ma, secondo alcune indiscrezioni, la sua simpatia potrebbe essere solo una finzione. Durante la presentazione di Il buongiorno del mattino Ford è apparso brusco e distaccato: “Si, probabilmente farò un nuovo Indiana Jones. Ora avete il vostro scoop”. Una esperienza rimarcata da Luis Gomez di The Chicago Tribune che ha definito l’intervista con lo scontroso Ford “un rito di passaggio per i giornalisti di intrattenimento”. E c’è anche chi, come Ellen Degeneres, ha offerto 1,000 dollari in carità per ogni risposta dell’attore statunitense.

bob thornton1) Billy Bob Thornton: Nel 2009 Thornton, durante l’apparizione su Q TV per la promozione del disco con i The Boxmasters, non ha gradito l’attenzione del reporter Ghomeshi sulla sua carriera di attore: “Pensi che questo sia solo un hobby? Lo chiederesti a Tom Petty? Avevamo detto di non parlare del mio primo amore. Capisco che il tuo primo amore sia la musica. Beh, il mio primo amore è una pupa di nome Lisa Cohn”. Billy Bob Thornton è così uno di quei rari casi in cui l’attore è coerente con i personaggi bruschi, distaccati e anche un pizzico antipatici che vediamo sul grande schermo.

Se ti interessa questo argomento leggi anche:

10 film per cui i registi hanno chiesto scusa 

5 coppie di Hollywood che nascondono un segreto

Jennifer Lawrence, 5 amori non corrisposti

 

 

Classe 1988, nato con l'idea del cinema come momento magico, cresciuto con la prassi di vedere (almeno) un film a sera, abituato a digerire qualsiasi tipo di opera (commedia, splatter, dramma, horror) sin dai primissimi anni di età, propenso a scavare nei meandri più nascosti per trovare sconosciute opere horror da torcersi le budella... appassionato, commerciale, anti-commerciale, romantico, seriofilo, burtoniano...disponibile davanti e dietro le quinte e disposto per tutti voi ad intervistare le più grandi celebrità italiane e internazionali... questo è Carlo Andriani ovvero: IO.

2 Commenti

2 Comments

  1. Veramente

    31 marzo 2016 at 10:30

    Veramente Thornton non stava promuovendo un film, stava appunto promuovendo un DISCO, quindi non vedo proprio cosa c’entri in questa classifica…per la cronaca, inoltre, il tipo che lo stava intervistando è accusato di violenza sessuale su diverse ragazze, per cui penso che la reazione di Thornton, chissà, magari era un modo per far intuire ai radioascoltatori in adorazione di tale personaggio (allora praticamente idolatrato) che in fondo non era tutto questo mito, forse piuttosto un pezzo di….E se ti informi un po’ meglio, sapresti che Thornton è uno degli attori più stimati da parte di chi ci ha lavorato insieme, gentile e simpaticissimo. Per la cronaca.

  2. Franca

    31 marzo 2016 at 14:53

    Ma Ghomeshi, l’intervistatore di Thornton, non è quello che è stato poi accusato di violenza sessuale su un numero grandissimo di ragazze (mi pare più di 20…)? Forse Thornton, inquadrando il personaggio, l’ha semplicemente trattato come si meritava…

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Caso Harvey Weinstein: cruciale la testimonianza dell’attrice Gwyneth Paltrow 

Pubblicato

:

paltrow 1

Gwyneth Paltrow è stata nominata come figura chiave nella storia del New York Times che per prima ha sporto una serie di accuse di molestie sessuali contro Harvey Weinstein e ha portato al licenziamento del produttore cinematografico dalla sua stessa compagnia e al conseguente procedimento giudiziario.

In un nuovo libro intitolato She Said: Breaking the Sexual Wassment Story That Helped Ignite a Movement di Jodi Kantor e Megan Twohey – i reporter del New York Times la cui storia il 5 ottobre 2017 ha scatenato la caduta di Weinstein – riporta che Paltrow sia stata “spaventata di andare a denunciare, ma poi è diventata ben presto una testimone cruciale, condividendo il suo racconto di molestie sessuali e cercando di reclutare altre attrici per farle parlare”.  In un’apparizione al Today Show , Kantor e Twohey hanno dichiarato: “Gwyneth [Paltrow] è stata in realtà una delle prime persone a mettersi al telefono, ed è stata determinata ad aiutare questa indagine anche quando Harvey Weinstein si è presentato a una festa da lei e fu costretta a nascondersi in bagno [mentre parlava con i giornalisti]. “

Paltrow, che ha recitato in numerosi film sostenuti da Weinstein tra cui Shakespeare in Love, è stata successivamente citata da Kantor e Rachel Abrams , accusando Weinstein di molestie sessuali. “Ero una bambina, ero pietrificata”. Dopo Brad Pitt, all’epoca suo fidanzato, decise di affrontare Weinstein, e disse: “Pensavo che mi avrebbe licenziata”.

sec 13840141

Weinstein, che sarà presto processato per stupro e abuso sessuale, nega tutte le accuse di attività sessuale non consensuale. In una dichiarazione a Deadline , un rappresentante di Weinstein ha messo in dubbio l’affermazione della Paltrow secondo cui “è in gioco il suo lavoro”“Gwyneth Paltrow proviene dalla regalità di Hollywood … Suo padre era un grande produttore, sua madre un’attrice famosa, suo padrino è Steven Spielberg. Non aveva bisogno di fare film con Harvey Weinstein; lo voleva, e ha vinto i premi più importanti ed è stata l’attrice femminile più pagata per quasi un decennio, con Weinstein.”

Kantor e Twohey descrivono anche le attività dell’avvocato di alto profilo Lisa Bloom, che ha agito per conto di Weinstein. Un memo che Bloom ha scritto nel 2016 è citato nel libro. Il memo di Bloom ha delineato un piano per minare le accuse di Rose McGowan , citando la sua esperienza come rappresentante delle vittime. In un’intervista a Variety, McGowan ha dichiarato: “Ciò che queste persone hanno fatto alla mia posizione nel mondo è stato sistematico – è stato malvagio …” La Bloom si è scusata con i social media , scrivendo: “Mentre soffro, imparo molto di più dai miei errori che dai miei successi. A coloro che hanno perso le mie scuse del 2017, e in particolare alle donne: mi dispiace. ”

Continua a leggere

Cinema

Il figlio di Luke Perry parla della morte del padre per la prima volta

Pubblicato

:

jack perry luke perry 1551910570

Il figlio di Luke Perry ha rilasciato una dichiarazione su quanto fosse stato importante e significativo per il suo defunto padre recitare al suo fianco nell’atteso film C’era una volta…a Hollywood, all’apice della sua carriera. Jack Perry da Chris Jericho – audio che potete sentire anche nel player qui sotto – la settimana scorsa ha esternato alcuni pensieri dettagliati sul padre, per la prima volta da quando la star della serie tv anni ’90, Beverly Hills 90210 è morta poco tempo fa a causa di un ictus.

Jack – che ha recentemente firmato un accordo come wrestler professionista con All Wrestling Elite, ha ricordato come il padre fosse irremovibile nei confronti di Jack circa la possibilità di entrare a far parte del 9° film diretto da Quentin Tarantino.

Luke si era unito al cast insieme a Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie. Il film ambientato negli anni ’60 racconta la storia di Sharon Tate, la vittima più famosa di Charles Manson. Jack ha rivelato che Luke quando è riuscito ad ottenere il ruolo nel film di Tarantino, è stato il momento clou della sua carriera. Lavorando fianco a fianco per Jack rappresentava la ciliegina su una torta bellissima. Sfortunatamente, due giorni dopo Luke è morto e Jack ha scritto un sentito omaggio nei confronti del padre, per tutto il sostegno ricevuto su ogni cosa e anche sul mondo del wrestling.

Continua a leggere

Gossip Cinema

Amber Heard accusa Johnny Depp di tentato omicidio

Pubblicato

:

Amber Heard

Amber Heard ha raccontato di essere stata minacciata quotidianamente durante gli anni di abusi subiti da parte del suo ex marito, Johnny Depp. A quanto pare sono stati presentati nuovi documenti processuali in risposta alla sua causa per diffamazione da 50 milioni di dollari contro di lei.

L’attrice si riferiva più volte a Depp come “il Mostro” nella documentazione della corte e affermava che non avrebbe ricordato l’abuso dovuto all’uso eccessivo di alcol e droghe, come riportato da Page Six . Nel loro appartamento di Los Angeles nel dicembre 2015, l’ex star dei film Pirati dei Caraibi afferrò la Heard per i capelli e la gola, schiaffeggiandola in faccia e urlandole: “Ti ucciderò, mi hai sentito?”. Poi l’avrebbe trascinata su un letto cominciando a darle dei pugni in testa, fino a rompere il telaio del letto.

“Per un po’ non ho potuto urlare o respirare. Temevo che Johnny fosse in uno stato annebbiato e inconsapevole del danno che stava facendo, e che potesse davvero uccidermi ” ha detto la HeardHeard e Depp hanno iniziato a frequentarsi nel 2012, e un anno dopo l’attrice ha ricordato di aver subito maltrattamenti sotto l’abuso di droghe e alcol da parte del marito. “Johnny spesso non ricordava la sua condotta delirante e violenta dopo essere uscito dal suo stato di ubriachezza e di droga…Amavo Johnny, avevo creduto alle sue molteplici promesse che avrebbe potuto e sarebbe migliorato. Mi sbagliavo.”

Nel maggio 2014 l’attrice ha affermato che Depp ha iniziato a bere pesantemente, le ha gettato oggetti e le ha riservato diversi insulti verbali su un volo privato. Ma non solo. Le diede un calcio nella schiena facendola cadere a terra, e svenne in bagno per il resto del volo. Depp più tardi si scusò via SMS, dicendo che non ricordava cosa fosse successo. Il suo assistente ha anche inviato un messaggio a Heard, dicendo “È un ragazzo un po’ perso. E ha bisogno di tutto l’aiuto che può ottenere. ” Heard e Depp si sono sposati nel febbraio 2015, ma un mese dopo è andato per tre giorni in overdose da extasy, quando invece avrebbe dovuto essere sobrio.

deppmain

“Johnny mi ha detto che non gli avevo proibito esplicitamente di prendere l’extasy. L’argomento si è acceso e Johnny mi ha spinto, mi ha schiaffeggiato e mi ha spinto a terra prima di ritirarmi in una camera da letto chiusa a chiave “, ha detto Heard.

Presumibilmente, Depp ha ripreso a bere e abusare della sua ex moglie per tutti e tre i giorni. La gettò attraverso un tavolo da ping-pong, la soffocò e scrisse messaggi con sangue e olio sulle pareti prima di essere ricoverata in ospedale. “Fino ad oggi, ho ancora cicatrici sulle mie braccia e sui miei piedi da questo incidente”, ha detto la bellissima attrice. Dopo l’ennesima aggressione, che ha visto Depp lanciarle un cellulare sul suo viso “come un lanciatore di baseball” a maggio 2016, la Heard ha deciso di lasciarlo definitivamente e di presentare un ordine restrittivo per tutelare la sua persona. Dal divorzio avvenuto nel gennaio 2017, purtroppo l’attrice – dopo aver riferito degli abusi – non ha trovato molto sostegno da parte del pubblico.

“Ho perso una parte per un film in cui ero già stato scelto. Persone che non ho mai incontrato o parlato mi hanno minacciato di violenza. Ho ricevuto così tante minacce di morte che ho dovuto cambiare il mio numero di telefono su base quasi settimanale “, ha detto. “Le persone mi accusavano di aver abusato di Johnny. Questo semplicemente non è vero. Non ho mai attaccato Johnny se non per autodifesa. “

La Heard scrisse anche un editoriale per il Washington Post nel 2018 nel quale parlava del suo abuso, ma non menzionò mai Depp. L’attore  dal canto suo, decise di citarla comunque per diffamazione, al costo di $ 50 milioni di dollari per le affermazioni secondo le quali la sua ex-moglie insinuò che l’aggressore era proprio lui, il quale definì quelle accuse come una burla.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Ottobre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X