Connect with us

Cinema

Venezia 75, Il Primo Uomo: Chazelle va sulla Luna con un film classico ma antiepico

Published

on

La vera storia di Neil Armstrong, primo uomo ad aver messo piede sulla Luna dopo anni di estenuante dedizione alla propria professione, sembra essere perfetta per un film di Damien Chazelle, che fin dagli inizi parla di persone in grado di mettersi alla prova per raggiungere la perfezione nel loro campo (o un sogno che sembra lontanissimo, come in La La Land). Il Primo Uomo, infatti, non fa eccezione e spoglia la missione della Nasa di qualsivoglia fascino avventuroso, ma la racconta attraverso la perseveranza degli uomini che lavorano in quella struttura e che sono disposti persino a sacrificarsi per ciò che considerano un loro dovere.

Per far ciò Chazelle adotta una narrazione che fugge da ogni clamore, ma sembra voler narrare una delle vicende più significative del ‘900 come se questa non fosse poi così diversa da altre storie riguardanti successi in campo lavorativo ottenuti dopo tanta fatica e se il lavoro di Armstrong non fosse poi davvero così unico ed eccezionale.

Il Primo Uomo: la recitazione per sottrazione di Ryan Gosling e Claire Foy 

Aderendo al tono sommesso del film, i due attori protagonisti lavorano per sottrazione, misurando ogni reazione dei propri personaggi anche davanti alle rivelazioni più incredibili. Claire Foy (è lei che si occupa di guidare il marito quando è a terra) si dimostra bravissima nel declinare in maniera sempre differente una sola emozione, che è quella di una moglie preoccupata di non vedere più tornare il proprio uomo, mentre Ryan Gosling mette al servizio della storia il suo stile minimale, che generalmente rappresenta l’esatto contrario di ciò che comunemente si chiederebbe ad un attore che deve interpretare un ruolo così esposto a drammi e tragedie.

Dove il film di Chazelle fa più fatica ad emergere è invece nell’approfondimento psicologico dei suoi personaggi, che esattamente come in La La Land sono mossi dalle emozioni più elementari, quelle più semplici e meno fraintendibili. Ma Il Primo Uomo, a differenza di quel film, che parlava di sentimenti in una maniera così naive da essere accettabile solo in un contesto cinematografico come quello del musical classico hollywoodiano, è invece un’opera che ha i propri modelli di riferimento in un cinema decisamente più moderno e che non sempre ammette la trattazione così ingenua e semplicistica degli affetti dei propri protagonisti.

Il Primo Uomo: viaggio nello spazio privo di fascino avventuroso

Il viaggio nello spazio secondo Chazelle non è quindi qualcosa di suggestivo ed affascinante, ma qualcosa che richiede un impegno costante e che ha a che fare con cose più materiali di quanto si possa credere: una matita ed un taccuino per i calcoli da dover fare in volo, la ferraglia di navicelle che sembrano sempre destinate a rompersi non importa quanto nuove e moderne esse siano. Proprio quella precarietà che Armstrong percepisce ogni giorno sulla Terra, e che ci viene proposta nel film attraverso una funerea successione di addii,  non lo abbandona neanche in volo, dove anche un colpo sferrato per schiacciare una mosca che ronza nell’abitacolo potrebbe compromettere la riuscita dell’intera operazione. 

Il Primo Uomo ha quindi tutte le caratteristiche dei precedenti film di Chazelle (la pregevole fattura, la colonna sonora sempre ispirata, il velo vintage conferito dalla grana) eppure da esso non sempre emerge la bravura di un cineasta che prima con Whiplash e poi con La La Land aveva dimostrato di essere in grado di raccogliere l’eredità di un passato cinematografico a lui caro per intraprendere un percorso che era comunque inedito e singolare. Difficile comunque rimanere impassibili davanti alle scelte stilistiche di Chazelle (che riprende le sequenze in volo come se il suo fosse un film di quelli amatoriali a bassissimo budget) ed al senso di reale angoscia e preoccupazione che invade ogni scena e che è sempre percepibile. 

Il Primo Uomo – TRAILER

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Il Giorno della Memoria: 10 film da vedere, ma non i soliti

Published

on

Oggi è il Giorno della Memoria e, per l’occasione, vogliamo consigliarvi 10 film da vedere, tralasciando i soliti titoli che vengono fuori in questo giorno. La Vita è Bella o Schlinder’s List sicuramente sono dei capolavori indiscussi, però ci sono altri film degni di nota che vale la pena recuperare.

Abbiamo selezionato film di vario genere, dalla commedia al dramma, dall’animazione al film musicale. Nel video qui sotto potete scoprire i film che abbiamo scelto che raccontano il periodo della Seconda Guerra Mondiale, dell’olocausto, degli ebrei, della shoah e di una pagina di storia terribile che è bene ricordare ogni anno.

Se vi è piaciuto il video non dimenticate di iscrivervi al nostro canale YouTube Madrog Cinema cliccando qui.

Continue Reading

Backstage e Curiosità

Uncharted: un video delle scene di stunt più spettacolari del film

Published

on

Il 17 Febbraio arriva al cinema Uncharted, il film ispirato all’omonimo videogioco diretto da Ruben Fleischer con Tom Holland. Qui sotto potete gustarvi un video speciale che porta dietro le quinte del film con intervista a Tom Holland e immagini delle scene di stunt più spettacolari realizzate durante le riprese.

Uncharted, la sinossi del film

Basato su una delle serie di videogiochi più vendute e acclamate dalla critica, Uncharted presenta al pubblico il giovane e furbo Nathan Drake (Tom Holland) nella sua prima avventura alla ricerca del tesoro con l’arguto partner Victor “Sully” Sullivan (Mark Wahlberg). In un’epica avventura piena di azione che attraversa il mondo intero, i due protagonisti partono alla pericolosa ricerca del “più grande tesoro mai trovato”, inseguendo indizi che potrebbero condurli al fratello di Nathan, scomparso da tempo.

Iscriviti al nostro canale YouTube cliccando qui: MadRog Cinema

Continue Reading

Cinema

Bob’s Burgers – Il film: Il primo trailer italiano è arrivato!

Published

on

Bob’s Burgers – Il Film, la nuova avventura d’animazione comedy per il grande schermo, basata sull’omonima sitcom animata per la TV pluripremiata agli Emmy® e agli Annie® Award, arriverà il 25 maggio nelle sale italiane.

Bob’s Burgers – Il Film è diretto da Bernard Derriman e co-diretto da Loren Bouchard. La sceneggiatura è firmata da Loren Bouchard e Nora Smith. Il film è prodotto da Loren Bouchard, Nora Smith e Janelle Momary.

Bob’s Burgers: la sinossi ufficiale

La storia ha inizio quando una conduttura dell’acqua rotta crea un’enorme voragine proprio di fronte a Bob’s Burgers, bloccando l’ingresso per un tempo indefinito e rovinando i piani dei Belcher per l’estate.

Mentre Bob e Linda faticano per tenere a galla l’attività, i ragazzi cercano di risolvere un mistero che potrebbe salvare il ristorante di famiglia. Quando i pericoli aumentano, i Belcher si aiutano a vicenda per trovare la speranza e lottano per tornare al loro posto dietro al bancone.

Iscriviti al nostro canale youtube: MadRog Cinema

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari