Connect with us

Non categorizzato

Il Rito, la recensione

Published

on

rd-08622

Il Rito filmDopo l’ultimo “Angeli e Demoni” di Ron Howard, il regista Mikael Hafstrom riporta sul grande schermo il Vaticano con “Il Rito”, nuovo progetto cinematografico che prova a spiegare l’esorcismo, senza effetti spettacolari ma con un profondo dialogo psicologico. Il giovane Michael Kovak è cresciuto in una famiglia molto religiosa, con una mamma devota e un padre che ha dedicato tutta la sua vita alla sua attività di pompe funebri, insegnando il mestiere anche a lui, suo figlio, che un giorno avrebbe preso il suo posto.

Ma Michael non vuole percorrere quella strada e cerca di scappare dalla sua vita programmata, iniziando a studiare per diventare prete. Questa sua scelta però nasconde una sua instabilità spirituale ed emotiva, poiché il giovane dubita della sua fede e non è convinto di proseguire quel suo percorso, tanto da chiedere il ritiro al suo superiore. Quest’ultimo però non accetta subito questa decisione e lo manda a Roma per intraprendere un corso sull’esorcismo della durata di due mesi, che lo metterà a confronto con un’intensa verità, che sconvolgerà le sue certezze e le sue idee. Infatti, soprattutto affiancando Padre Lucas, leggendario sacerdote esorcista, Michael sarà testimone di eventi al limite del paranormale e scoprirà un lato della religione a lui sconosciuto a causa del suo radicato scetticismo. “Scegliere di non credere nel Diavolo non ti proteggerà da lui” è una frase emblematica che Padre Lucas, interpretato da uno strepitoso Anthony Hopkins, dice al giovane prete, destabilizzandolo e facendogli aprire piano piano gli occhi sulla verità.

Infatti Michael sembra rinnegare la presenza del Diavolo, poiché lo teme e vuole non credere in lui, anche con il susseguirsi di prove evidenti della sua esistenza. Il regista Hafstrom, che ricordiamo in particolare per “1408” e “Derailed” riesce a raccontare il tema dell’esorcismo in maniera un po’ nuova ed originale. Riesce a creare un discreto thriller soprannaturale, che non si regge su scene horror o splatter, con rotazioni di teste a 360 gradi o mutamenti corporei e facciali delle vittime, ma affronta il tema su livello più che altro intimo e psichico.

Infatti, viene passo dopo passo messa alla prova la mente del protagonista, combattuto e confuso su cosa credere, e il pubblico segue il suo percorso di conversione e di riscoperta della fede con un’analisi profonda e interiore che Michael affronta anche grazie ai personaggi che lo circondano, come Angelina, la giornalista in cerca di una storia e di un riscatto personale, e Padre Lucas, un anziano servo di Dio che traballa per le cose che ha visto nella sua vita e ha bisogno di aiuto per riscoprire anche lui la forza di Dio e rimettersi nelle Sue mani senza dubbi o ripensamenti. Anthony Hopkins regala una performance di alto spessore, provocando la pelle d’oca soprattutto nella scena della sua possessione. Le espressioni, la voce, i movimenti del corpo sono perfettamente puntuali e cariche di emozioni contrastanti, che trasmettono allo spettatore le due sensazioni fondamentali di terrore e forza d’animo. Lo sfondo di tutta la storia è una Roma ripresa in varie parti della giornata, dall’alba al tramonto, sotto il sole o con una pioggia torrenziale, con scene molto suggestive e piacevoli da vedere. Il resto del cast è convincente ma non brilla per espressività. La trama si snoda con un ritmo che a volte fa delle pause inutili e dannose, e si avverte la mancanza di quel qualcosa in più, che permetta al film di distinguersi dagli altri che hanno affrontato lo stesso tema. La pratica dell’esorcismo rimane approfondita in modo parziale e restano tanti dubbi. Il film sembra rimanere sull’uscio di un argomento invece molto ampio ed intenso, che ha bisogno di approfondimenti e di studio.

Manca un po’ di mordente, ma “Il rito” in uscita nelle sale italiane dall’11 Marzo, è un thriller curioso e da guardare, anche per fare il paragone con i successi del passato, che tengono sempre lo scettro del genere. Un piccolo consiglio è guardare il film in lingua originale, per gustarsi l’ottima recitazione di Anthony Hopkins che passa dall’italiano all’inglese con dimestichezza e un simpatico accento.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Il Giorno della Memoria: 10 film da vedere, ma non i soliti

Published

on

Oggi è il Giorno della Memoria e, per l’occasione, vogliamo consigliarvi 10 film da vedere, tralasciando i soliti titoli che vengono fuori in questo giorno. La Vita è Bella o Schlinder’s List sicuramente sono dei capolavori indiscussi, però ci sono altri film degni di nota che vale la pena recuperare.

Abbiamo selezionato film di vario genere, dalla commedia al dramma, dall’animazione al film musicale. Nel video qui sotto potete scoprire i film che abbiamo scelto che raccontano il periodo della Seconda Guerra Mondiale, dell’olocausto, degli ebrei, della shoah e di una pagina di storia terribile che è bene ricordare ogni anno.

Se vi è piaciuto il video non dimenticate di iscrivervi al nostro canale YouTube Madrog Cinema cliccando qui.

Continue Reading

Non categorizzato

Crypto Bros: storia del big fail per l’acquisto dei diritti di Dune di Jodorowski

Published

on

Sta facendo notizia il colossale fail di un gruppo di crypto bros, il quale avrebbe sborsato la bellezza di 2,66 milioni di dollari per il Dune di Jodorowski. Proprio così, ed è abbastanza inutile cercare in rete o sulle piattaforme di streaming perché la trasposizione filmica di Dune, romanzo cult di Frank Herbert non è stata realizzata dal poliedrico artista cileno. Alejandro Jodorowski fu infatti il primo regista e sceneggiatore che ebbe l’intuizione geniale di portare sul grande schermo l’opera mondo di Frank Herbert.

Nonostante la prima edizione del romanzo di fantascienza sia arrivata in Italia solo nel 1973, dopo la sua pubblicazione nel 1965 fece parlare di sé e non poco, visti i premi e il numero di seguaci che attirò dopo la sua pubblicazione. Non a caso questo romanzo ha venduto nel tempo oltre 12 milioni di copie, cifra che lo rende il libro di SCI-FI in assoluto più acquistato di sempre. È inutile dire come questo romanzo abbia ispirato opere di assoluto valore commerciale e artistica, prima tra tutte la saga di Star Wars ideata dal produttore e regista di Hollywood George Lucas. 

Tuttavia bisogna riconoscere che l’intuizione e il fiuto per l’idea di Jodorowski fu in netto anticipo rispetto ai tempi. Ci fu proprio durante la metà degli anni settanta del secolo scorso il tentativo di realizzare questa prima versione cinematografica, con il regista sudamericano che chiamò a raccolta un gruppo di professionisti di grande livello, tra cui figuravano i Pink Floyd per la colonna sonora, Orson Welles, Salvator Dalì e Mick Jagger. Nonostante l’opera non verrà poi portata a compimento, esiste un famigerato libro di Dune di Jodorowski, sulla possibile realizzazione del kolossal fantascientifico. Oggi naturalmente si torna a parlare di Dune, dato che è da poco uscita la seconda versione cinematografica realizzata dal regista canadese Denis Villeneuve, il quale pur non convincendo del tutto la critica, ha avuto dalla sua il pubblico che ne ha determinato il successo ai botteghini. Prima però c’era stato il tentativo riuscito da parte di David Lynch, il quale però non ebbe la stessa fortuna del giovane collega canadese. 

Il Dune prodotto da Le Laurentiis è infatti uno dei clamorosi flop di metà anni ottanta, compresso probabilmente da opere meno ambiziose, ma più riuscite come lo stesso Il ritorno dello Jedi, terzo capitolo di Star Wars di Lucas. Tornando però al big fail di crypto boys, l’acquisto del libro Dune di Jodorowski, per la cifra record di 2,66 milioni di dollari. Partendo dal presupposto che il volume con appunti, scene e storyboard realizzato da Alejandro Jodorowski è abbastanza introvabile, dato che ne esistono circa 10-15 copie, il valore di mercato si aggira sui 30-35 mila euro. Motivo per cui c’è stato un grande fraintendimento, visto che i promotori di Spice DAO (questo il nome dei crypto boys) lo ha pagato cento volte il suo reale valore, con la convinzione di detenere i diritti di Dune, in termini filmici. 

Dopo l’acquisto infatti Spice DAO ha pubblicato un post su Twitter dove con entusiasmo viene descritto un piano che riguarda la pubblicazione del testo, la produzione di una serie animata ispirata al libro e il sostegno a eventuali progetti collaterali. Come ben sappiamo tutto questo è stato commentato come una grande figuraccia da parte della società, visto che proprio in questo momento è facile trovare in libreria e sui portali di streaming la versione originale di Dune, realizzata da Denis Villeneuve. Non solo, da Dune sono stati tratti anche diversi giochi, uno da tavolo e molti di genere action e avventura. Il settore del gioco online in questi ultimi anni gode di un successo clamoroso, come si può vedere attraverso la realtà casino.netbet.it per il contesto del gambling online. 

Continue Reading

Non categorizzato

Linkem & GF 2021

Published

on

In occasione della nuova partnership con il Grande Fratello VIP 2021, Linkem ha lanciato un concorso a premi dal 27 settembre 2021 al 15 dicembre 2021. Si chiama “Vinci il GF VIP con Linkem” ed è aperto a clienti e non.

Per partecipare, gli utenti dovranno completare la procedura di registrazione sull’apposita landing page al seguente link, compilando i campi indicati e se saranno i fortunati vincitori dell’estrazione finale potranno vincere:

·      n. 1 TV 4k 82” UHD

·      n. 5 tablet Galaxy Tab S7+5g

·      n. 12 Box brandizzate Linkem e GF VIP contenenti: una t-shirt, una tazza e un quaderno

Altre iniziative Linkem + GF Vip 2021

Mercoledì 27 ottobre Linkem ha fatto atterrare nella casa del GF Vip un drone con un messaggio misterioso per uno dei concorrenti, senza però conoscere né il mittente né il destinatario di questo messaggio e lasciando così i concorrenti nella curiosità più totale. Abbiamo scoperto i protagonisti del misterioso messaggio solo durante la live del venerdì successivo in prime time, quando la figlioccia di Jo Squillo, Michelle Masullo, è entrata nella casa a sorpresa regalando forti emozioni al pubblico e alla cantante milanese. Guardate la clip sul sito: https://www.linkem.com/gf-vip.

In puntata abbiamo potuto assistere alle spettacolari riprese dall’alto effettuate dal drone, trasmesse sul tablet del pilota con definizione Ultra HD. Linkem è un’azienda leader nel settore della costruzione e gestione di reti wireless a banda ultra-larga da oltre dieci anni e incoraggia lo sviluppo di servizi innovativi 5G in tutto il Paese. I clienti possono contare su una rete veloce ed efficiente, sia per strumenti di lavoro sia per le varie soluzioni di intrattenimento online.

Come le reti FWA, le reti 5G sono basate su tecnologie miste fibra – radio per abilitare in modalità wireless connessioni ad altissima velocità e con bassissima latenza in grado di supportare lo sviluppo dell’Internet of Things (IoT), ovvero la connessione in rete di migliaia di oggetti intelligenti.

Linkem ha già attivato in centinaia di comuni la sua nuova e velocissima rete 5G. Con l’offerta dedicata 5G Maxi Promo 20 Anni l’utente può fruire di una connessione internet ultraveloce fino a 1 Gigabit senza linea fissa e senza limiti di traffico a soli 19,90€ al mese per i primi 6 mesi anziché 26,90€ al mese. E con l’opzione voce Parla&Naviga può usufruire di chiamate illimitate da casa verso mobili e fissi nazionali con tecnologia VoIP senza nessun costo aggiuntivo.


<img src="https://upstory.it/img/upstory_sponsored_light.png"
    width="151" height="18" style="width: 151px; height: 18px;">
Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari