Connettiti a NewsCinema!

Interviste

Joe Cornish parla del suo Attack the Block

Pubblicato

:

AttackTheBlock-director-joe-cornish-interview

Domani, 30 Maggio 2012, esce nelle sale Attack The Block, l’originale film di fantascienza diretto da Joe Cornish che racconta la bizzarra invasione aliena in un quartiere difficile di Londra. Proiettato per la prima volta in Italia nella passata edizione del Torino Film Festival, questo film ha ricevuto molti riconoscimenti e premi in tutto il mondo, da Los Angeles a Toronto, raccogliendo anche i complimenti di diversi addetti ai lavori, come per esempio J.J. Abrams. Di questo e di altri particolari del film ha parlato proprio il regista, arrivato oggi a Roma per tenere una lezione di cinema presso la NUCT di Cinecittà. L’incontro si è svolto in un’atmosfera molto familiare e Cornish è stato molto disponibile nel rispondere alle numerose domande poste da giornalisti e studenti di cinema.

Signor Cornish, lei ha vissuto la sua giovinezza in un quartiere di periferia simile a quello in cui è ambientato il suo film?

Un quartiere popolare sì, ma non di certo uno di quei block che si vedono nel film. La mia era una casa molto carina e i miei genitori brave persone. Questo genere di contrasti è una cosa molto frequente per chi vive a Londra, che è una città caratterizzata da una molteplicità di stili. Come Roma è stata bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale, per questo accanto alle tipiche case vittoriane sono stati costruiti questi edifici molto popolari.

Quali sono state le sue fonti di ispirazione primarie per Attack the Block?

Ho sempre amato certi film degli anni ’80 come E.T. L’Extraterrestre o i Gremlins, opere in cui si riuscivano a mescolare realismo e fantasia. Il punto è che certe storie erano sempre e solo ambientate in America e mi piaceva l’idea di trasportarle in Europa ed in particolare in Inghilterra. La nostra è una tradizione culturale che ha sempre dato una grande importanza al genere fantasy. Chiunque abbia vissuto in Inghilterra nei miei stessi anni non può non essere stato influenzato dalla serie di Doctor Who? Da ragazzino lo vedevo religiosamente. Dal punto di vista cinematografico però qualcosa si è inceppato, non a caso il cinema britannico è sempre stato considerato più legato al realismo sociale, tipo Ken Loach, Mike Leigh, o opere innovative come Fish Tank. Adesso, grazie al lavoro di registi come Duncan Jones, Gareth Evans, Neil Marshall, qualcosa sta cambiando e stiamo vivendo una sorta di ‘revival’. Con Attack the block sho cercato infatti di portare più azione, avventura, entusiasmo e divertimento. L’ambientazione del film è estremamente realistica, certo, ma è un punto di partenza per raccontare qualcosa di completamente diverso.

Anche gli alieni sono molto particolari ma molto realistici.

L’idea per come realizzare gli alieni mi è arrivata guardando la mia gatta. E’ tutta nera e quando ha la luce dietro sembra un pupazzo fatto di ombre. Le sono molto grato per avermi ispirato e grazie a questo suggerimento si è guadagnata molto cibo extra. :)

Cosa ne pensa di un fenomeno come Misfits? Ne è stato per caso influenzato in qualche modo?

Non ho mai visto Misfits, anche se in molti mi hanno detto che è una serie bellissima. Credo che sia impossibile per gli scrittori di oggi ignorare certe realtà urbane, e anche io ho lavorato in tal senso, cercando elementi ‘fantascientifici’ in un contesto molto crudo. Le torri che si vedono nel film mi fanno pensare a delle navicelle, così come i vestiti indossati dai ragazzi che vanno sempre in giro incappucciati rimandano all’immagine dei samurai, per non parlare del loro linguaggio che in certi momenti ricorda lo slang di Arancia Meccanica. Il cinema tende sempre a guardare all’estremo della società che diventa spesso ispirazione per gli scrittori.

Conosce il film coreano Attack Gas Station? Che ne pensa?

Sì sì, lo conosco molto bene e credo sia molto bello e ben fatto. Consiglio a chi non lo ha visto di rimediare il più presto possibile.

Ha subito pensato di dirigere il film o la scelta di firmare anche la regia è arrivata in un secondo momento?

Sì, ho sempre voluto fare e dirigere questo film. E ho trovato il mio posto nella commedia, anche perché tutti ridevano spesso di me, così ho pensato di guadagnare soldi da questo.

Ed è già al lavoro sulla sua opera seconda?

Il mio prossimo lavoro sarà sempre un fantasy, di cui però non posso parlarvi, a costo di sembrarvi noioso.

E se qualcuno volesse fare un remake di Attack the Block?

Magari! Sarebbe una cosa bellissima. Prenderei soldi senza fare assolutamente nulla, mentre altre persone scrivono e dirigono e lavorano al mio posto.

Giocando nel campo delle ipotesi, quale regista sceglierebbe per dirigere questo remake?

Sceglierei sicuramente Walter Hill, anche se capisco che per lui potrebbe essere deprimente, ma se il film c’è è proprio grazie alle sue opere. In un mondo perfetto comunque al mio remake lavorerebbero insieme Steven Spielberg, James Cameron, Joe Dante e John Carpenter. Oltre a Hill, naturalmente.

J.J. Abrams si è mostrato interessato dal suo film. Pensa in una possibile collaborazione con lui in futuro?

J.J. Abrams si è complimentato con me e ha parlato benissimo del film, ma a parte questo non c’è stato nessun incontro per future collaborazioni, ma non nego che sarebbe molto interessante.

Le piace l’idea di aver creato una sorta di factory assieme a Nick Frost e Simon Pegg?

Con Nick e Simon siamo soprattutto amici, però se cercate una definizione, allora sì, possiamo essere una factory. Non mi disturba l’idea di immaginarci a lavorare in una fabbrica dove indossiamo tutti le stesse uniformi e dei cappelli strani. Sono sicuro che produrremmo una poltiglia di film di generi diversi, tutti mescolati assieme.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

X-Men: Dark Phoenix, intervista a Michael Fassbender e Nicholas Hoult

Pubblicato

:

x men dark phoenix quando spoiler non problema v4 42931

X-Men: Dark Phoenix (puoi leggere qui la nostra recensione) l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel, arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20thCentury Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain. In occasione dell’uscita nelle sale cinematografiche italiane a partire da domani, potete scoprire di più su alcuni dei personaggi principali del film sui mutanti.

Nella prima intervista l’attore Michael Fassbender parlerà del suo ruolo nei panni di Magneto.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

La seconda intervista riguarda l’attore Nicholas Hoult nel ruolo della Bestia.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro. Ed infine la terza intervista vede come protagonista proprio Jean Grey, la Dark Phoenix, interpretata da Sophie Turner, reduce dal successo de Il Trono di Spade.

Continua a leggere

Cinema

X Men: Dark Phoenix, l’attrice Sophie Turner racconta la sua fenice oscura (video)

Pubblicato

:

X Men Dark Phoenix

Manca sempre meno all’uscita nelle sale cinematografiche del film X-Men: Dark Phoenix, l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel. Il film arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20th Century Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro.

Continua a leggere

Cinema

Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, le video interviste al regista e all’eroe Oberai

Pubblicato

:

attacco a mumbai

Il film Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio  uscito nelle sale il 30 aprile 2019, distribuito da ITALIAN INTERNATIONAL FILM – società controllata da Lucisano Media Group – e M2 Pictures il thriller drammatico Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, diretto da Anthony Maras e interpretato da Dev Patel, attore inglese già nominato ai Premi Oscar per Lion, Armie Hammer (Chiamami col tuo nome; Mine), Jason Isaacs (saga di Harry Potter) e Nazanin Boniadi (Counterpart; Homeland).

Il film ricostruisce gli attacchi terroristici che hanno scosso Mumbai nel 2008, gettando nel caos la città più popolosa dell’India. Oltre a luoghi di ritrovo e alle stazioni, i terroristi hanno colpito anche il leggendario Taj Mahal Palace Hotel, preso di mira in quanto simbolo del progresso e dell’apertura dell’India moderna. In occasione dell’uscita nei cinema italiani, sono state rilasciate due interviste esclusive al regista Anthony Maras e allo chef Hemant Oberai, l’eroe degli attacchi terroristici del 2008. Per poter ascoltare i racconti di questi due uomini strettamente legati a questa pellicola emozionante e da vedere tutta d’un fiato, cliccate play.

Leggi anche: Chi è Armie Hammer, il nuovo sex symbol di Hollywood?

La prima clip riguarda l’intervista allo chef Oberai.

La seconda clip invece è l’intervista al regista Maras:

Nel novembre del 2008 un gruppo di terroristi mette in atto una serie di devastanti attentati in tutta Mumbai. Per tre giorni gli attentatori assediano anche il Taj Mahal Palace Hotel tenendo in ostaggio oltre 500 persone tra ospiti e dipendenti. Mentre il mondo è testimone impotente dell’attacco attraverso i media, il rinomato chef dell’hotel e un umile cameriere rischiano la vita per portare in salvo gli ospiti della struttura, una giovane coppia tenta disperatamente di proteggere il proprio bambino, mentre un freddo miliardario sembra essere interessato solo a salvare se stesso.

Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio è un thriller avvincente e pieno di suspense basato su storie vere di umanità, eroismo e sopravvivenza, che porta il pubblico nel cuore degli eventi. Storie di persone comuni e di ogni estrazione sociale, che hanno trovato il coraggio di far prevalere la propria umanità sulla violenza.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Settembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Ottobre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X