Connect with us

Festival

La Stanza delle Meraviglie, la favola malinconica di Todd Haynes

Published

on

Due anni dopo l’intenso Carol che ha conquistato pubblico e critica, il regista Todd Haynes entra nuovamente in punta di piedi nel cuore degli spettatori con La Stanza delle Meraviglie (Wonderstruck), una storia di formazione delicata e drammatica sotto la lente onirica e romantica del suo personale stile di racconto. Questa volta Haynes sceglie di realizzare un film per un pubblico più giovane, adattando il celebre romanzo per ragazzi di Brian Selznick, che firma anche la sceneggiatura di un’avventura ambientata in due epoche differenti.

La Stanza delle Meraviglie: trama

Negli anni ’20 una bambina di nome Rose (Millicent Simmonds) scappa a New York per inseguire una diva del cinema muto, mentre negli anni ’70 il piccolo Ben (Oakes Fegley) prova a seguire le tracce del padre che non ha mai conosciuto. Ma cosa hanno in comune questi due personaggi? Entrambi sono sordi e corrono dei pericoli girando da soli per una grande città come la Grande Mela, ma la loro voglia di cambiare vita inseguendo un sogno è più forte della paura.

Scena dal film Wonderstruck

Un viaggio emozionante tra due epoche diverse

La Stanza delle Meraviglie presenta infatti due filoni narrativi, resi omogenei e complementari da un montaggio molto attento, che rende il film lineare e coinvolgente. Quando si deve gestire una storia che si sviluppa in archi temporali differenti è facile cadere preda di una confusione creativa, con il risultato di una storia sconnessa che lo spettatore non riesce a godersi pienamente. Haynes si impegna invece a presentare la doppia avventura dei piccoli protagonisti, immergendo il tutto in una dimensione onirica, per viaggiare tra realtà e fantasia guidati da una elegante e raffinata emotività.

Julianne Moore nel film Wonderstruck

La Stanza delle Meraviglie: un mondo immerso nella musica

Dalle note del compianto David Bowie, a cui Todd Haynes ha dedicato il film Velvet Goldmine nel 1998, ai ritmi soul e dance in pieno stile anni ’70, fino alla suggestiva colonna sonora originale, la musica si conferma una protagonista fondamentale di La Stanza delle Meraviglie. Vista la carenza di dialoghi e un omaggio esplicito al cinema muto che conferma ancora oggi il suo fascino, Haynes affida alle melodie selezionate il compito di trasmettere le fragilità, le ambizioni e i sentimenti in continua evoluzione dei vari personaggi del film. Se avete visto La musica nel cuore – August Rush di Kirsten Sheridan vi sembrerà un’esperienza familiare, analizzando in questo caso anche la percezione alterata dei non udenti in un mondo affollato e saturo ormai di suoni e, soprattutto, rumori.

Si respira una passione cinefila con radici nel passato, come per Hugo Cabret di Martin Scorsese, anch’esso ispirato ad un’opera di Selznick, e la fantasia imprevedibile si scontra con un dramma realistico, per un film adatto a grandi e piccoli che ci porta per mano in un’esplorazione intima e malinconia del mondo. Todd Haynes è uno dei pochi registi contemporanei capaci di creare la ricetta giusta per scaldare il cuore e invitare la mente a riflettere su noti stati d’animo e ostacoli personali. A Cannes 70 abbiamo avuto il piacere di vivere e sentire La Stanza delle Meraviglie come un film imperfetto ed inferiore a Carol, ma indubbiamente poetico ed intimo anche grazie alla fotografia di Ed Lachman che dipinge intorno ai protagonisti una New York confortevole e magica.

 

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Festa del Cinema 2020 | I film più attesi della quindicesima edizione

Published

on

festa del cinema newscinema

Si svolgerà dal 15 al 25 ottobre 2020, presso l’Auditorium Parco della Musica, la quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, per la direzione artistica di Antonio Monda.

Festa del Cinema 2020 | I film in Selezione Ufficiale

Come ogni anno, il programma della kermesse capitolina è ricchissima e pronta a conquistare il suo pubblico. Soprattutto in un periodo di grande incertezza e di difficoltà, il festival è l’occasione per tornare a sognare e a condividere, sempre ovviamente rispettando quelle che sono le norme di sicurezza.

Leggi anche: FREAKS OUT | il teaser trailer dell’atteso film di Gabriele Mainetti

Ma andiamo a vedere quali sono alcuni dei titoli più attesi di questa Festa del Cinema numero 15…
Innanzitutto il film di apertura, Soul, il nuovo capitolo d’animazione targato Disney/Pixar, che vede tra i suoi partecipanti – in veste di doppiatori – star del calibro di Jamie Foxx, Tina Fey e Angela Bassett.

soul newscinema
Una scena di Soul

Supernova, in concorso nella Selezione Ufficiale, vanta una coppia d’eccezione sul grande schermo, composta da Colin Firth e Stanley Tucci, nei panni di Sam e Tusker, partner da un ventennio, che si trovano improvvisamente e inevitabilmente a dover fare i conti con la malattia di uno dei due.

Molto atteso è anche Stardust di Gabriel Range, incentrato sulla figura di David Bowie e in particolare su quella del suo incredibile alter-ego, Ziggy Stardust. Steve McQueen presenterà invece Small Axe, la sua particolare serie composta di tre film (in programma anche per la messa in onda su Amazon nel mese di dicembre), che hanno come punto in comune la lotta contro il razzismo e la comunità caraibica a Londra.

small axe newscinema
Una scena di Small Axe

Dall’Europa arrivano Ozon e Vinterberg

Dalla Francia arriva Francois Ozon con il suo Été 85, che racconta la storia di una sedicenne, nell’estate del 1985, e dell’incontro con colui che diventerà il suo più grande amico. Altro europeo da tenere d’occhio è Thomas Vinterberg, che torna sotto la luce dei riflettori con Another round: Mads Mikkelsen è tra i protagonisti della pellicola, nel ruolo di un insegnate demotivato e alle prese con un pericoloso esperimento.

Dal Regno Unito arriva nella Capitale Ammonite di Francis Lee, con Kate Winslet e Saoirse Ronan, due donne agli antipodi che scoprono pian piano il legame e il sentimento che le unisce, sullo sfondo di una desolata costa inglese del 1840.

ammonite newscinema
Una scena di Ammonite

Una piccola scoperta potrebbe essere l’opera prima di Franka Potente, nota come attrice di film quali Lola corre e The Bourne Identity: Home è una storia di riscatto e di impegno, dalle tematiche forti e i tanti spunti di riflessione ancorati alla società attuale. Medesimo discorso potrebbe valere per The shift di Alessandro Tanda, che usa il tema del terrorismo per porre interrogativi di estrema importanza e complessità.

Leggi anche: Kate Winslet, l’icona dell’ eleganza da Titanic a Steve Jobs

El olvido que seremos è invece il nuovo film del regista premio Oscar Fernando Trueba e narra le vicende di un uomo votato alle cause sociali e politiche, dopo un grave lutto, osservate dallo sguardo del suo unico figlio maschio.

In Selezione Ufficiale troviamo infine il documentario firmato da Werner Herzog e da Clive Oppenheimer sui meteoriti e su come essi abbiano ridefinito in qualche modo il nostro pianeta.

Le sezioni collaterali

Nella sezione Tutti ne parlano proponiamo Peninsula di Yeon Sang-ho, seguito del già apprezzatissimo Train to Busan (presentato a una precedente edizione della Festa del Cinema) e The Reason I Jump, dal best seller di Naoki Higashida.

Tra gli eventi speciali non si può non nominare Mi chiamo Francesco Totti, che senza dubbio catalizzerà l’attenzione di non pochi tifosi della Roma e appassionati di calcio in generale. E ancora Francesco, con il pontefice massimo che guida lo spettatore alla scoperta della condizione umana, Romulus, la serie firmata da Matteo Rovere, seguito de Il primo re, Fuori era primavera Viaggio nell’Italia del lockdown di Gabriele Salvatores e il film di chiusura Cosa sarà, diretto da Francesco Bruni, con Kim Rossi Stuart.

francesco totti newscinema
Francesco Totti

Ultima nota a margine per la sezione Riflessi, dove saranno presentati la nuova pellicola di Elisa Amoruso, Maledetta primavera con Micaela Ramazzotti, e Honeydew con la giovane figlia di Steven Spielberg, Sawyer.

Continue Reading

Cinema

Torino Film Festival 38 | Un’edizione ibrida per la kermesse piemontese

Published

on

torino film festival newscinema

Si è svolta presso il Museo del Cinema la conferenza stampa del 38esimo Festival di Torino, alla presenza degli organizzatori e degli addetti ai lavori, oltre che in diretta streaming con i giornalisti e gli appassionari di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche offerte dal nostro Belpaese.

Il 38esimo Torino Film Festival si svolge dal 20 al 28 novembre 2020

Dopo i dovuti ringraziamenti, il Presidente del Museo Nazionale del Cinema, Enzo Ghigo, ha sottolineato l’importanza di svolgere il Festival in questo anno così particolare. Mentre Cineambiente e il Lovers Film Festival sono stati rimandati, il TFF si svolgerà come sempre nel periodo invernale, dal 20 al 28 novembre 2020.

Leggi anche: Ritorno al Futuro, “Doc” Brown in centro a Torino per girare uno spot

Sarà una manifestazione all’insegna della novità, ma sempre nel rispetto della tradizione. Le modalità scelte per lo svolgimento si alterneranno infatti tra gli eventi in presenza e una sala virtuale di 500 posti, nata in collaborazione con MyMovies, grazie alla quale sarà possibile partecipare anche a distanza.

12 è il numero simbolo del 38esimo TFF

A dare man forte a questo progetto così prezioso e innovativo ci saranno tanti cinema, sale sparse sul territorio, anche parrocchiali. 12 i luoghi prescelti, tra la Mole Antonelliana – che resta il centro e il fulcro da cui tutto si origina, e in cui si svolgeranno le conferenze stampa – il Cinema Massimo, il Classico e l’Ambrosio. E ancora il Teatro Monterosa, l’Accademia Albertina di Belle Arti, il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano e così via.

torino film festival int newscinema
La città di Torino durante la kermesse

Torino non rinuncia al suo Torino Film Festival – dice l’assessora alla cultura Francesca Leon“La Fondazione ha riprogrammato l’evento e si presenta all’appuntamento con proiezioni diffuse in presenza e tramite i canali digitali”.

Nel 2020 si celebrano il ventesimo anniversario del Museo Nazionale del Cinema nella Mole Antonelliana e della Film Commission Torino Piemonte. Quale migliore occasione allora se non quella di dare una nuova identità anche visiva alla manifestazione in questione.

Istituito un nuovo premio: la stella della Mole

Così entra in gioco il nuovo simbolo del Torino Film Festival, nonché monumento della città (essendo posizionata in cima alla Mole), ossia la stella a 12 punte. Il premio istituito oggi e per il futuro, realizzato in collaborazione con il Politecnico di Torino e con il coinvolgimento di Competence Industry Manifacturing 4.0, sarà consegnato ai vincitori e agli ospiti internazionali, andando a definire in maniera nuova e assolutamente caratteristica la kermesse piemontese.

I materiali usati sono l’alluminio e il nylon, e avrà un’altezza tra i 12 e i 15 cm.

Leggi anche: Berlino 2020 | 10 film da non perdere al festival tedesco

Tutto rientra nei piani, almeno stando a quanto detto da Domenico De Gaetano, direttore del Museo Nazionale del Cinema, che parla della ricerca continua di nuove sinergie col territorio e sfide da affrontare”. Ovviamente fa parte del discorso anche il progetto di videomapping che ha dato vita alle facciate della cupola della Mole per alcune settimane.

Il Festival sembra aver accolto con entusiasmo e ottimismo il cambiamento, la trasformazione e le novità sul futuro, in un’ottica di soddisfare tutti i sensi.

12 film in concorso e una giuria di sole donne per l’edizione 2020

12 saranno quindi i film in concorso e 12 i cortometraggi, scelti sulla base della diversità culturale. 6 masterclass, tra cui quella con Stefania Sandrelli e Andrea Occhipinti, con Aleksandr Sokurov e i suoi allievi di Pietroburgo, con Giorgio Diritti e Paolo Pejrone.

The Truffle Hunters è uno dei primi e pochi titoli presentati, in attesa della conferenza di ottobre che spiegherà nei dettagli il Festival. L’anteprima italiana del docufilm diretto e prodotto da Michael Dweck e Gregory Kershaw, con la produzione esecutiva di Luca Guadagnino e la sua Frenesy Film Company, sarà un evento in piena regola.

the truffle hunters newscinema
Una scena di The Truffle Hunters

La giuria sarà composta di sole donne e, come sempre ma quest’anno forse anche di più, uno sguardo particolare verrà rivolto verso i giovani, linfa e sostegno di un’arte come il Cinema che oggi più che mai ha bisogno di loro, delle loro idee, dei loro sogni e delle potenzialità in divenire.

Continue Reading

Cinema

Venezia 77 | Vinicio Capossela ci parla di “The New Gospel”, di Enzo Del Re e della lotta di classe

Published

on

Capossela Venezia 77

Vinicio Capossela è non solo la voce narrante ma anche il compositore di alcune delle musiche che compongono il nuovo film di Milo Rau, Das Neue Evangelium (The New Gospel), presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nell’ambito delle Giornate degli Autori. Il regista e saggista svizzero si chiede che cosa avrebbe predicato Gesù nel XXI secolo e chi sarebbero stati i suoi discepoli? A queste domande Rau risponde mettendo in scena una “rivolta della dignità” guidata dall’attivista politico Yvan Sagnet, seguendo il modello pasoliniano de Il Vangelo Secondo Matteo.

The New Gospel | intervista a Vinicio Capossela

Capossela, che ha incontrato Milo Rau proprio a Matera nell’anno della Capitale della Cultura, la città in cui il cantautore ha ambientato il videoclip de “Il Povero Cristo” diretto da Daniele Ciprì, ha scelto la musica del cantautore pugliese Enzo Del Re come contrappunto alle immagini del film, riprendendo il riff della canzone-manifesto “Lavorare con lentezza” e la splendida “L’Organizzazione Nuova”, tratta da “Maùl”, il “white album” del cantautore molese. Nella nostra intervista Vinicio Capossela ci parla dei motivi che lo hanno indotto a scegliere la musica di Enzo Del Re per il film di Milo Rau, ma anche di lotta di classe e del Cristo di Nikos Kazantzakis.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari